Maria Ausiliatrice del monte Misma
Un deserto  sul Misma
  Siamo   sicuri   che   due   conviventi   siano   sgraditi   al   Signore?   Non   diamo   classifiche   o   sentenze   che   poi   lasciano   il   tempo   che trovano,   Dio   è   amore.   Siamo   più   bravi   a   mettere   in   pratica   la   legge   del   Signore   o   a   trasgredirla?   Chi   è   regolarmente sposato   commette   altre   infrazioni,   quindi   non   è   a   posto   con   Dio.      Perché   devono   essere   escluse   due   persone   che   vivono insieme   da   parecchio   tempo   e   si   vogliono   bene?   Non   dobbiamo   scandalizzarci   di   chi   si   accosta   ai   sacramenti,   quando   si inizia   un   cammino   la   conversione   vien   da   sé.   Gli   scribi   e   i   farisei   erano   tutti   “regolari”,   ma   il   Signore   non   era   contento   di loro   perché   guardava   all'aspetto   interiore.   Il   problema   principale   per   noi   non   sarà   la   mancanza   di   preghiere,   ma   la mancanza   di   fede,   l'apostasia.   Perché   pregando   pensiamo   di   meritare   un   premio   o   di   vedere   realizzata   una   nostra intenzione?   Chiediamo   la   grazia   come   se   tutto   ci   fosse   dovuto,   eppure   siamo   il   miracolo   vivente   più   bello   e   non   ce   ne rendiamo    conto.    Potremmo    essere    migliori    se    ci    amassimo    veramente.    Perché    non    presentiamo    al    Signore un'azione   in   cambio   della   possibilità   di   pregare?    Non   farà   dispiacere   se   offriamo   per   amor   suo   un   fioretto,   una difficoltà,   un'ingiustizia.   Ci   concederà   più   di   quello   che   abbiamo   sempre   chiesto.   Quando   santifichiamo   le   feste   con   la rabbia   nel   cuore   contro   il   fratello,   non   siamo   migliori   di   chi   non   va   in   chiesa.   Onoriamo   i   genitori   nel   momento   del bisogno   o   ci   pesa   e   lo   facciamo   solo   perché   siamo   cristiani?   Magari   questo   comandamento   lo   rispetta   di   più   chi   non   vive in    modo    "regolare".    Quante    volte    abbiamo    ucciso    con    la    lingua?    Non    esiste    solamente    il    sesto    comandamento. Impegniamoci   di   più,   andiamo   contro   la   nostra   ragione   e   avviciniamoci   a   quella   di   Dio.   Da   cosa   deriva   la   nostra scontentezza?   Accettiamoci   come   siamo,   con   le   nostre   abitudini,   anche   il   difetto   dell'altro   possiamo   vederlo   come   un pregio   perché   siamo   diversi.   Una   persona   che   sbaglia   e   fa   fatica   ad   essere   “regolare”,   può   essere   meglio   rispetto   a   chi non   è   criticabile.   Non   atteggiamoci   a   persone   perfette.   Con   il   Signore   possiamo   allenarci   a   diminuire   i   nostri   difetti   e   col tempo   eliminarli,   compresa   una   delle   peggiori   dipendenze,   quella   di   giudicare   e      criticare.   Ringraziamo   Dio   e   la   Madonna che ci concedono di pregare e invochiamoli affinché aumenti in noi il desiderio di peccare meno. CATENE E PAGANESIMO Gesù   ha   lavato   i   piedi   nell'ultima   cena,   noi   invece   ci   facciamo   le   scarpe .   Siamo   rivelatori   dell'ipocrisia,   non   della   parola   di Dio   che   conosciamo   solo   in   modo   frammentario.   I   conflitti   mondiali   vengono   causati   perché   siamo   un   popolo   dal   cuore fallace   che   non   rivela   l'amore.   Diventare   amici   di   Gesù   significa   rivelare   totalmente   e   fermamente   il   Vangelo.    Il Signore   ha   provato   duramente   tutti   i   suoi   servi,   solo   chi   ha   accettato   parecchie   tribolazioni   ha   superato   la   prova.   Noi   che non   ne   abbiamo   avute   e   ci   lamentiamo   di   ogni   piccola   offesa,   andiamo   a   parlare   di   Dio?   Chi   si   scontra   con   la   mentalità del   mondo   ha   tutto   da   perdere.   Ricordiamoci   che   i   figli   della   luce   sono   più   scaltri   dei   figli   delle   tenebre   perché   hanno   lo Spirito   Santo.   È   la   verità   che   ci   farà   liberi,   ma   ci   siamo   complicati   la   vita   con   l'orgoglio   e   l'invidia,   così   avremo   solamente desolazione   e   sofferenza.   Se   la   malizia   non   è   in   noi,   ci   sarà   incredulità   sul   comportamento   degli   altri,   non   il pensar   male.   Incredulità   e   malizia   sono   due   cose   diverse,   chi   è   onesto   e   sincero   non   dubita   di   nessuno.   Maria Santissima   non   ha   offeso   i   persecutori   di   Gesù,   ha   pregato   per   loro.   Noi   ci   sopportiamo   in   nome   di   Dio,   non   ci   amiamo, perché   il   sangue   ci   ribolle   dentro.   Come   riveliamo   il   Vangelo?   Improvvisamente   è   esplosa   la   mania   delle   catene.   Sono formule   che   sanno   molto   di   magia.   Dove   c'è   un   riferimento   sul   Vangelo   o   sui   libri   sapienziali   di   questa   abitudine?   Dove sono   finite   tutte   quelle   presunte   apparizioni   che   si   sono   manifestate   negli   ultimi   tempi?   Non   possiamo   pensare   che   siano credibili   tutti   quelli   che   parlano   in   nome   di   Dio.   Abbiamo   sempre   bisogno   di   novità   perché   non   conosciamo   quello   che dobbiamo   rivelare,   ma   questa   non   è   fede.   Il   Vangelo   fa   più   testo   di   qualsiasi   rivelazione   privata.   La   salvezza   non   arriva dalle   catene,   viene   forse   discriminato   chi   non   ha   il   telefonino?   In   questo   modo   si   nomina   Dio   invano.   Chi   ha   Dio   nel cuore   lo   passa   a   tutte   le   persone   che   incontra,   non   a   dieci   scelte   nella   catena   dove   vengono   esclusi   i   nemici   (così   si pecca   due   volte).   Il   culto   che   manipola   Dio   è   condannato,   ce   lo   ricorda   il   profeta   Isaia   (cap.65).   Addirittura   alcuni affermano   che   la   Madonna   è   contenta   delle   nostre   preghiere   oppure   fanno   delle   scorte   per   quando   verranno   i   tempi   duri. Smettiamola   di   mettere   in   bocca   alla   Madre   di   Gesù   parole   che   non   ha   mai   detto.   Queste   cose   mettono   in   ombra   i   veri strumenti   del   Signore   e   rendono   il   loro   cammino   più   difficile.   Però   fanno   molto   presa   sul   popolino   che   le   conosce   a memoria.   Non   scostiamoci   dal   Vangelo   e   dai   comandamenti,   guai   a   coloro   che   aggiungeranno   o   toglieranno   una   sola virgola.       Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul monte Misma  
Dove siamo regolari?
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
Monte Misma - Oasi della Pace - via Spersiglio 25 Pradalunga (Bergamo)
stampa la pagina
Un deserto   sul Misma
Maria Ausiliatrice del monte Misma
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
Siamo   sicuri   che   due   conviventi   siano   sgraditi   al Signore?   Non   diamo   classifiche   o   sentenze   che poi   lasciano   il   tempo   che   trovano,   Dio   è   amore. Siamo   più   bravi   a   mettere   in   pratica   la   legge   del Signore    o    a    trasgredirla?    Chi    è    regolarmente sposato   commette   altre   infrazioni,   quindi   non   è   a posto   con   Dio.      Perché   devono   essere   escluse due   persone   che   vivono   insieme   da   parecchio tempo    e    si    vogliono    bene?    Non    dobbiamo scandalizzarci    di    chi    si    accosta    ai    sacramenti, quando   si   inizia   un   cammino   la   conversione   vien da   sé.   Gli   scribi   e   i   farisei   erano   tutti   “regolari”, ma   il   Signore   non   era   contento   di   loro   perché guardava     all'aspetto     interiore.     Il     problema principale    per    noi    non    sarà    la    mancanza    di preghiere,   ma   la   mancanza   di   fede,   l'apostasia. Perché   pregando   pensiamo   di   meritare   un   premio o    di    vedere    realizzata    una    nostra    intenzione? Chiediamo    la    grazia    come    se    tutto    ci    fosse dovuto,    eppure    siamo    il    miracolo    vivente    più bello   e   non   ce   ne   rendiamo   conto.   Potremmo essere     migliori     se     ci     amassimo     veramente. Perché      non      presentiamo      al      Signore un'azione    in    cambio    della    possibilità    di pregare?    Non   farà   dispiacere   se   offriamo   per amor       suo       un       fioretto,       una       difficoltà, un'ingiustizia.    Ci    concederà    più    di    quello    che abbiamo   sempre   chiesto.   Quando   santifichiamo le   feste   con   la   rabbia   nel   cuore   contro   il   fratello, non    siamo    migliori    di    chi    non    va    in    chiesa. Onoriamo   i   genitori   nel   momento   del   bisogno   o   ci pesa   e   lo   facciamo   solo   perché   siamo   cristiani? Magari   questo   comandamento   lo   rispetta   di   più chi   non   vive   in   modo   "regolare".   Quante   volte abbiamo     ucciso     con     la     lingua?     Non     esiste solamente          il          sesto          comandamento. Impegniamoci   di   più,   andiamo   contro   la   nostra ragione   e   avviciniamoci   a   quella   di   Dio.   Da   cosa deriva     la     nostra     scontentezza?     Accettiamoci come    siamo,    con    le    nostre    abitudini,    anche    il difetto    dell'altro    possiamo    vederlo    come    un pregio   perché   siamo   diversi.   Una   persona   che sbaglia    e    fa    fatica    ad    essere    “regolare”,    può essere   meglio   rispetto   a   chi   non   è   criticabile.   Non atteggiamoci   a   persone   perfette.   Con   il   Signore possiamo   allenarci   a   diminuire   i   nostri   difetti   e col   tempo   eliminarli,   compresa   una   delle   peggiori dipendenze,    quella    di    giudicare    e        criticare. Ringraziamo   Dio   e   la   Madonna   che   ci   concedono di   pregare   e   invochiamoli   affinché   aumenti   in   noi il desiderio di peccare meno. CATENE E PAGANESIMO Gesù   ha   lavato   i   piedi   nell'ultima   cena,   noi   invece ci      facciamo      le      scarpe .      Siamo      rivelatori dell'ipocrisia,     non     della     parola     di     Dio     che conosciamo     solo     in     modo     frammentario.     I conflitti   mondiali   vengono   causati   perché   siamo un    popolo    dal    cuore    fallace    che    non    rivela l'amore.    Diventare    amici    di    Gesù    significa rivelare      totalmente      e      fermamente      il Vangelo.    Il   Signore   ha   provato   duramente   tutti   i suoi    servi,    solo    chi    ha    accettato    parecchie tribolazioni   ha   superato   la   prova.   Noi   che   non   ne abbiamo   avute   e   ci   lamentiamo   di   ogni   piccola offesa,   andiamo   a   parlare   di   Dio?   Chi   si   scontra con   la   mentalità   del   mondo   ha   tutto   da   perdere. Ricordiamoci   che   i   figli   della   luce   sono   più   scaltri dei   figli   delle   tenebre   perché   hanno   lo   Spirito Santo.   È   la   verità   che   ci   farà   liberi,   ma   ci   siamo complicati   la   vita   con   l'orgoglio   e   l'invidia,   così avremo   solamente   desolazione   e   sofferenza.   Se la   malizia   non   è   in   noi,   ci   sarà   incredulità sul   comportamento   degli   altri,   non   il   pensar male.    Incredulità    e    malizia    sono    due    cose diverse,   chi   è   onesto   e   sincero   non   dubita   di nessuno.    Maria    Santissima    non    ha    offeso    i persecutori   di   Gesù,   ha   pregato   per   loro.   Noi   ci sopportiamo    in    nome    di    Dio,    non    ci    amiamo, perché     il     sangue     ci     ribolle     dentro.     Come riveliamo   il   Vangelo?   Improvvisamente   è   esplosa la   mania   delle   catene.   Sono   formule   che   sanno molto    di    magia.    Dove    c'è    un    riferimento    sul Vangelo     o     sui     libri     sapienziali     di     questa abitudine?   Dove   sono   finite   tutte   quelle   presunte apparizioni   che   si   sono   manifestate   negli   ultimi tempi?   Non   possiamo   pensare   che   siano   credibili tutti   quelli   che   parlano   in   nome   di   Dio.   Abbiamo sempre   bisogno   di   novità   perché   non   conosciamo quello   che   dobbiamo   rivelare,   ma   questa   non   è fede.     Il     Vangelo     fa     più     testo     di     qualsiasi rivelazione   privata.   La   salvezza   non   arriva   dalle catene,   viene   forse   discriminato   chi   non   ha   il telefonino?    In    questo    modo    si    nomina    Dio invano.   Chi   ha   Dio   nel   cuore   lo   passa   a   tutte   le persone   che   incontra,   non   a   dieci   scelte   nella catena   dove   vengono   esclusi   i   nemici   (così   si pecca   due   volte).   Il   culto   che   manipola   Dio   è condannato,     ce     lo     ricorda     il     profeta     Isaia (cap.65).    Addirittura    alcuni    affermano    che    la Madonna    è    contenta    delle    nostre    preghiere oppure   fanno   delle   scorte   per   quando   verranno   i tempi   duri.   Smettiamola   di   mettere   in   bocca   alla Madre    di    Gesù    parole    che    non    ha    mai    detto. Queste   cose   mettono   in   ombra   i   veri   strumenti del    Signore    e    rendono    il    loro    cammino    più difficile.   Però   fanno   molto   presa   sul   popolino   che le    conosce    a    memoria.    Non    scostiamoci    dal Vangelo   e   dai   comandamenti,   guai   a   coloro   che aggiungeranno o toglieranno una sola virgola.  

Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul

monte Misma

 

I suggerimenti di Maria santissima sul monte Misma

                                           Dove siamo regolari?
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
versione mobile