Maria Ausiliatrice del monte Misma
Un deserto  sul Misma
  Il   grande   problema   delle   generazioni   che   ci   hanno   preceduto,   sia   nel   vecchio   che   nel   nuovo   testamento,   è   stato   quello   di non   aver   capito   i   tempi   che   vivevano,   perché   si   riferivano   sempre   a   quelli   vecchi,   agganciavano   le   leggi   e   i   decreti   alle epoche   passate.   Cerchiamo   di   non   commettere   lo   stesso   errore,   ma   di      comprendere   il   tempo   che   stiamo   vivendo.      Noi sappiamo   che   siamo   in   un   cammino   di   avvicinamento   alla   verità,   non   siamo   statici,   vediamo   nuove   scoperte,   siamo   in evoluzione.   La   Madonna   ci   sta   indicando   una   via   nuova   che   ci   deve   far   riflettere,   un   cammino   ben   preciso   condensato   di virtù   e   di   gioia;   però   dobbiamo   avere   lo   spirito   umile   dell'apprendista,   non   del   saccente   che   sa   già   tutto,   per   riuscire   a carpire   le   sue   preziose   gemme   (i   buoni   frutti   spirituali)   e   la   vita   eterna.   Immaginiamo   che   non   fosse   mai   nato   Gesù:   in che   mondo   vivremmo?   Prima   di   tutto   non   saremmo   arrivati   neanche   a   questo   tempo   perché   ogni   uomo   si   sarebbe scagliato   l’uno   contro   l'altro.   Sarebbe   terribile,   orribile,   avremmo   visto   cattiverie   e   disastri   inenarrabili,   moriremmo   di crepacuore   se   per   un   istante   vedessimo   in   che   condizione   saremmo.   Gesù   ci   ha   dato   un   dono   immenso,   ci   ha   portato l'unione,   la   pace,   il   perdono   dei   peccati   e   ha   aperto   le   porte   del   Paradiso;   ha   gestito   nel   modo   migliore   tutti   i   popoli, anche   quelli   non   cristiani,   per   dirigerli,   altrimenti   sarebbero   stati   degli   individualisti   molto   pericolosi.   Ci   ha   dato   una legge   ben   precisa   che   è   stata   disonorata,   nonostante   il   beneficio   di   questo   regalo.   Sapendo   che   Gesù   ci   ha   portato la   salvezza   non   solo   dell'eternità   ma   anche   del   momento   presente,   non   meriterebbe   da   parte   nostra   una   dimostrazione molto   più   concreta   e   tenace?   Cerchiamo   di   capire   chi   è   Gesù   e   cosa   ha   fatto   per   il   mondo.   Non   è   stato   incoronato   come   il re   dei   re,   ma   è   stato   inchiodato   alla   croce,   dando   la   vita   per   noi.   Ci   rendiamo   conto   che   ha   portato   il   benessere   fisico   e spirituale?   Non   dovremmo   più   obiettare   nulla   perché   innanzitutto   non   abbiamo   capito   quello   che   il   Signore   ci ha   portato   e   quello   che   noi   dovremmo   fare   per   Lui.    Inginocchiamoci   e   rendiamo   onore   a   Lui   e   alla   sua   Legge,   in espiazione   di   tanti   e   tanti   uomini   che   l'hanno   disonorata;   preghiamo   e   ripariamo   a   tanto   male,   a   tanta   profanazione,   a tanti   insulti   e   offese   che   il   Signore   riceve.   Se   noi   non   onoriamo   la   sua   Legge   vuol   dire   che   non   abbiamo   capito   il   suo dono,   perché   se   un   amico   ci   fa   un   regalo,   come   norma   lo   ringraziamo,   non   lo   offendiamo.   E   perché   non   facciamo   così con   Gesù?   Ci   deve   dispiacere   che   dimostriamo   con   il   nostro   comportamento   di   non   aver   capito   nulla.   Gesù   non   è   colui che   vuole   toglierci   la   libertà,   ma   colui   che   ce   l’ha   data.   Noi   invece   vogliamo   la   libertà   di   peccare,   del   godimento,   non quella   interiore.   Il   mondo   ci   sta   facendo   vivere   da   farisei   senza   che   ce   ne   rendiamo   conto,   e   più   viviamo   da   farisei   e   più il   nostro   cuore   si   indurisce,   facendoci   criticare   gli   uni   e   gli   altri,   come   se   desiderassimo   di   più   la   negatività.   Rendiamoci conto   di   aver   vissuto   buona   parte   della   nostra   vita   inutilmente,   ripetendo   errori   su   errori   pensando   di   essere nella   verità   e   che   a   sbagliare   fossero   gli   altri.   Ci   devono   dispiacere   le   divisioni,   le   profanazioni   e   gli   scismi   che   ci sono   stati.   Non   ci   sentiamo   un   po'   mortificati?   Ma   quanti   hanno   capito   questa   verità?   Solo   una   piccolissima   minoranza. Se   noi   avessimo   reso   onore   alla   legge   di   Gesù,   sarebbe   un   mondo   di   pace,   di   gioia   e   di   giustizia.   Non   ci   sarebbero   tutte queste   magagne   e   queste   negatività   nella   politica,   nel   sindacato,   nella   scuola,   in   tutti   i   luoghi   dove   c'è   una   frequenza pubblica;   e   anche   nella   Chiesa,   perché   anche   lei   stata   coinvolta.      Ma   vogliamo   che   la   Chiesa   ci   faccia   fare   bella figura   o   vogliamo   far   fare   bella   figura   alla   Chiesa   con   la   nostra   vita?    "Fai   tutto   quello   che   io   ti   chiederò",   "Non solo   servo   sarai,   ma   anche   soldato   di   Cristo   diventerai”   e      "Saprai   tutto   al   momento   giusto",   ebbe   a   dire   la   Madonna   a Roberto,    e    questo    lo    dice    anche    noi    se    decideremo    di    fare    il    cammino    da    Lei    proposto.    Però    dovremo    lottare interiormente   per   liberarci   da   tante   abitudini   sbagliate   e   non   dovremo   insuperbirci   dei   nostri   successi   perché   l'umiltà   non si   vanta.   Prima   di   tutto   non   dobbiamo   mai   proporci   noi   come   rivelatori   della   verità,   ma   dobbiamo   affidarla   a   Dio,   perché anche   gli   apostoli   sono   stati   istruiti   dallo   Spirito   Santo   e   da   Maria   Santissima,   non   da   un   sacerdote   del   Tempio   o   da   un professore.    Non    dobbiamo    avere    l'arroganza    di    imporre    il    nostro    modo    di    pensare    e    di    agire,    di    modificare    o commentare,   perché   davanti   alla   legge   di   Dio   esiste   solo   l'obbedienza.   Rispettiamo   integralmente   il   Vangelo,   perché Gesù   è   lo   stesso   ieri,   oggi   e   sempre;   non   ci   ha   detto   di   leggere   la   sua   parola   e   di   viverla   in   base   ai   tempi   che   viviamo.   Il mondo   è   sempre   quello,   il   sole,   la   luna   e   le   stelle   sono   sempre   quelle,   non   è   cambiato   niente.   L'unico   rischio   che possiamo   correre   è   quello   di   non   gestire   l'orgoglio   che   abbiamo   dentro   di   noi.   Se   riusciamo   ad   addomesticarlo,   il   gioco   è fatto.   Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul monte Misma  
Che mondo sarebbe senza Gesù?
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
Monte Misma - Oasi della Pace - via Spersiglio 25 Pradalunga (Bergamo)
stampa la pagina
Un deserto   sul Misma
Maria Ausiliatrice del monte Misma
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
Il    grande    problema    delle    generazioni    che    ci hanno   preceduto,   sia   nel   vecchio   che   nel   nuovo testamento,   è   stato   quello   di   non   aver   capito   i tempi   che   vivevano,   perché   si   riferivano   sempre a   quelli   vecchi,   agganciavano   le   leggi   e   i   decreti alle      epoche      passate.      Cerchiamo      di      non commettere       lo       stesso       errore,       ma       di         comprendere   il   tempo   che   stiamo   vivendo.      Noi sappiamo     che     siamo     in     un     cammino     di avvicinamento    alla    verità,    non    siamo    statici, vediamo   nuove   scoperte,   siamo   in   evoluzione.   La Madonna   ci   sta   indicando   una   via   nuova   che   ci deve    far    riflettere,    un    cammino    ben    preciso condensato   di   virtù   e   di   gioia;   però   dobbiamo avere   lo   spirito   umile   dell'apprendista,   non   del saccente   che   sa   già   tutto,   per   riuscire   a   carpire   le sue   preziose   gemme   (i   buoni   frutti   spirituali)   e   la vita    eterna.    Immaginiamo    che    non    fosse    mai nato   Gesù:   in   che   mondo   vivremmo?   Prima   di tutto    non    saremmo    arrivati    neanche    a    questo tempo    perché    ogni    uomo    si    sarebbe    scagliato l’uno    contro    l'altro.    Sarebbe    terribile,    orribile, avremmo   visto   cattiverie   e   disastri   inenarrabili, moriremmo    di    crepacuore    se    per    un    istante vedessimo   in   che   condizione   saremmo.   Gesù   ci ha   dato   un   dono   immenso,   ci   ha   portato   l'unione, la   pace,   il   perdono   dei   peccati   e   ha   aperto   le porte   del   Paradiso;   ha   gestito   nel   modo   migliore tutti    i    popoli,    anche    quelli    non    cristiani,    per dirigerli,      altrimenti      sarebbero      stati      degli individualisti   molto   pericolosi.   Ci   ha   dato   una legge   ben   precisa   che   è   stata   disonorata, nonostante   il   beneficio   di   questo   regalo.   Sapendo che    Gesù    ci    ha    portato    la    salvezza    non    solo dell'eternità   ma   anche   del   momento   presente, non      meriterebbe      da      parte      nostra      una dimostrazione    molto    più    concreta    e    tenace? Cerchiamo   di   capire   chi   è   Gesù   e   cosa   ha   fatto per   il   mondo.   Non   è   stato   incoronato   come   il   re dei   re,   ma   è   stato   inchiodato   alla   croce,   dando   la vita   per   noi.   Ci   rendiamo   conto   che   ha   portato   il benessere   fisico   e   spirituale?   Non   dovremmo più   obiettare   nulla   perché   innanzitutto   non abbiamo   capito   quello   che   il   Signore   ci   ha portato   e   quello   che   noi   dovremmo   fare   per Lui.    Inginocchiamoci   e   rendiamo   onore   a   Lui   e alla    sua    Legge,    in    espiazione    di    tanti    e    tanti uomini    che    l'hanno    disonorata;    preghiamo    e ripariamo   a   tanto   male,   a   tanta   profanazione,   a tanti   insulti   e   offese   che   il   Signore   riceve.   Se   noi non   onoriamo   la   sua   Legge   vuol   dire   che   non abbiamo   capito   il   suo   dono,   perché   se   un   amico ci   fa   un   regalo,   come   norma   lo   ringraziamo,   non lo   offendiamo.   E   perché   non   facciamo   così   con Gesù?   Ci   deve   dispiacere   che   dimostriamo   con   il nostro   comportamento   di   non   aver   capito   nulla. Gesù   non   è   colui   che   vuole   toglierci   la   libertà,   ma colui   che   ce   l’ha   data.   Noi   invece   vogliamo   la libertà    di    peccare,    del    godimento,    non    quella interiore.    Il    mondo    ci    sta    facendo    vivere    da farisei   senza   che   ce   ne   rendiamo   conto,   e   più viviamo    da    farisei    e    più    il    nostro    cuore    si indurisce,   facendoci   criticare   gli   uni   e   gli   altri, come    se    desiderassimo    di    più    la    negatività. Rendiamoci    conto    di    aver    vissuto    buona parte      della      nostra      vita      inutilmente, ripetendo     errori     su     errori     pensando     di essere   nella   verità   e   che   a   sbagliare   fossero gli    altri.    Ci    devono    dispiacere    le    divisioni,    le profanazioni   e   gli   scismi   che   ci   sono   stati.   Non   ci sentiamo    un    po'    mortificati?    Ma    quanti    hanno capito    questa    verità?    Solo    una    piccolissima minoranza.    Se    noi    avessimo    reso    onore    alla legge   di   Gesù,   sarebbe   un   mondo   di   pace,   di gioia   e   di   giustizia.   Non   ci   sarebbero   tutte   queste magagne   e   queste   negatività   nella   politica,   nel sindacato,   nella   scuola,   in   tutti   i   luoghi   dove   c'è una   frequenza   pubblica;   e   anche   nella   Chiesa, perché   anche   lei   stata   coinvolta.      Ma   vogliamo che   la   Chiesa   ci   faccia   fare   bella   figura   o vogliamo    far    fare    bella    figura    alla    Chiesa con   la   nostra   vita?    "Fai   tutto   quello   che   io   ti chiederò",    "Non    solo    servo    sarai,    ma    anche soldato   di   Cristo   diventerai”   e      "Saprai   tutto   al momento    giusto",    ebbe    a    dire    la    Madonna    a Roberto,     e     questo     lo     dice     anche     noi     se decideremo   di   fare   il   cammino   da   Lei   proposto. Però   dovremo   lottare   interiormente   per   liberarci da    tante    abitudini    sbagliate    e    non    dovremo insuperbirci    dei    nostri    successi    perché    l'umiltà non   si   vanta.   Prima   di   tutto   non   dobbiamo   mai proporci    noi    come    rivelatori    della    verità,    ma dobbiamo    affidarla    a    Dio,    perché    anche    gli apostoli   sono   stati   istruiti   dallo   Spirito   Santo   e   da Maria    Santissima,    non    da    un    sacerdote    del Tempio   o   da   un   professore.   Non   dobbiamo   avere l'arroganza   di   imporre   il   nostro   modo   di   pensare e   di   agire,   di   modificare   o   commentare,   perché davanti   alla   legge   di   Dio   esiste   solo   l'obbedienza. Rispettiamo    integralmente    il    Vangelo,    perché Gesù   è   lo   stesso   ieri,   oggi   e   sempre;   non   ci   ha detto   di   leggere   la   sua   parola   e   di   viverla   in   base ai   tempi   che   viviamo.   Il   mondo   è   sempre   quello, il   sole,   la   luna   e   le   stelle   sono   sempre   quelle,   non è   cambiato   niente.   L'unico   rischio   che   possiamo correre    è    quello    di    non    gestire    l'orgoglio    che abbiamo     dentro     di     noi.     Se     riusciamo     ad addomesticarlo, il gioco è fatto.

Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul

monte Misma

 
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
versione mobile