Maria Ausiliatrice del monte Misma
Un deserto  sul Misma
  E   di   colpo   potremmo   sentirci   appesantiti.   Un   giorno   renderemo   conto   non   solo   di   tutte   le   parole   infondate,   ma   anche   di tutto   quello   che   avremmo   potuto   dire   e   non   abbiamo   detto.   Le   cose   maldicenti   e   maliziose   sono   ormai   per   noi   una costante,   troviamo   sempre   punti   negativi   nelle   persone.   Però,   senza   rendercene   conto,   blocchiamo   la   parte   migliore, quella   della   verità,   della   gioia,   dell'incitamento   a   comportarsi   sempre   meglio.   Quanti   di   noi   non   hanno   detto   cose   che avrebbero   potuto   dire   in   nome   di   Dio,   dell'amore,   del   perdono?   Siamo   pronti   a   condannare   e   accusare,   ma   non   siamo altrettanto   pronti   a   dire   cose   che   assolvono,   che   giustificano,   che   amano.   Siamo   sicuri   che   la   parte   più   pesante   sia   quella infondata   e   maliziosa?   Fa   più   parte   della   nostra   vita   la   maldicenza   o   la   benevolenza?   Potrebbero   pesare   di   più   le   parole belle   e   meravigliose   che   avremmo   dovuto   dire.   Sono   i   peccati   di   omissione.   Li   abbiamo   mai   confessati?   La   Chiesa   non   è un   collegio   sindacale   ma   dimora   di   Dio   con   noi.   Perché   tante   polemiche   invece   di   lodare   e   ringraziare   il   Signore?   La   parte migliore   per   noi   è   la   parte   peggiore   per   gli   altri   e   la   parte   peggiore   per   noi   è   la   parte   migliore   per   gli   altri.   Bisogna pensare   a   quello   che   si   dice,   ma   anche   a   quello   che   conosciamo   e   non   abbiamo   detto.   Se   diciamo   le   cose   migliori   ne beneficiano   quelli   che   ci   stanno   accanto,   se   invece   siamo   opportunisti   e   diciamo   solo   le   cose   che   hanno   un   riscontro   per noi,   che   amore   è?   La   Madonna   sotto   la   croce   non   ha   detto   parole   negative,   ha   somatizzato   quel   dolore   e   ha   parlato solamente   d'amore,   di   bene,   di   cose   che   fanno   gioire.   Chi   di   noi   vive   lo   stile   di   Gesù   nelle   famiglie   e   parla   d'amore,   di dolcezza,   di   mitezza,   di   perdono,   di   comprensione?   È   una   baggianata   pensare   che   Maria   Santissima   ci   dica   di   pregare   e di   fare   novene   per   salvare   il   mondo.   Meriterebbe   più   comprensione   e   solidarietà   da   parte   nostra.   Cosa   vogliamo   che   ci dica?   È      rassegnata   perché   possiamo   fare   molto   di   più   e   non   lo   facciamo.   Quante   volte   l'Angelo   Custode   che   ci accompagna   fa   finta   di   non   vedere   e   di   non   sentire...   Minimizza   anche   davanti   a   Dio!   Come   possiamo   avere   dei   meriti quando   il   Signore   ci   ha   dato   il   potenziale   di   una   Ferrari   e   ci   facciamo   superare   da   una   500?   Oggi   nelle   famiglie   si   profana anche   l'atto   sessuale,   non   lo   si   vive   più   con   rispetto,   dignità   e   purezza.   Dove   vediamo   l'amore   che   Gesù   ha   seminato dalla   croce?   Vediamo   opportunismo,   avidità,   interesse.   Desideriamo   di   più   perdere   quello   che   abbiamo   per   far   felice   una persona   o   difendere   tutto   quello   che   riteniamo   sia   giusto   per   noi?   Il   lavoro   e   il   sacrificio   dei   nostri   padri   è   diventato motivo   di   odio   per   i   figli   che   rimangono.   Sarebbe   stato   meglio   se   avessero   usato   quei   beni   per   loro.   Chi   è   più   avido? Quello   che   pretende   o   quello   che   non   concede?   Con   quale   spirito   andiamo   ai   pellegrinaggi   quando   per   “un   misero   euro” svanisce   tutto?   Al   ritorno   da   essi   non   ci   sono   testimonianze   cristiane,   c'è   tanta   ambiguità   e   ipocrisia.   Il   Signore   nel giorno   del   giudizio   non   guarderà   al   numero   dei   nostri   viaggi   nei   luoghi   benedetti,   ma   se   avremo   confermato   nelle   nostre case la sua parola.  AMIAMO DI PIÙ IL PECCATO O IL PECCATORE? Se   odiamo   di   più   il   peccatore,   amiamo   di   più   il   peccato,   se   odiamo   di   più   il   peccato,   amiamo   di   più   il   peccatore.   La pecorella   smarrita   nella   parabola   di   Gesù   è   il   peccatore;   Lui   l'amava   infinitamente   al   punto   di   abbandonare   le   altre   99 per   andare   a   recuperarla.   Guardiamoci   allo   specchio   e   chiediamoci:   odiamo   di   più   il   peccato   o   il   peccatore?   A   cosa   serve scandalizzarci   dei   peccati   degli   altri?   Se   fossero   sotto   attacco   di   una   moltitudine   di   demoni   e   avessero   bisogno   di   un difensore,   chi   li   difende?   Trovano   solo   accusatori.   Facendo   così   però   amiamo   il   peccato,   perché   Gesù   ci   ha   detto   di   non criticare   e   non   giudicare.   Non   prendiamo   posizione   sulle   parole   degli   altri,   fidiamoci   solo   di   noi   stessi,   di   quello   che conosciamo   personalmente,   altrimenti   renderemo   conto   anche   del   peccato   degli   altri.   Un   cristiano   autentico   anche davanti   alla   morte   non   pregherà   mai   per   essere   salvato   o   guarito,   pregherà   sempre   per   essere   perdonato.   Saremmo   pronti   ad   offrirci   per   salvare   un   altro?   Se   fossimo   veri   cristiani   questo   sarebbe   un   fatto   naturale,   non   un   atto eroico.   Essere   cristiani   vuol   dire   dare   con   gioia   noi   stessi   per   far   felice   un   altro.   I   primi   cristiani   quando   venivano martirizzati   nelle   arene,   varcavano   con   fierezza   quella   porta,   anche   se   potevano   avere   un   po'   di   paura.   In   situazioni migliori   non   riusciamo   neanche   ad   essere   comprensivi   gli   uni   con   gli   altri.   Chi   di   noi   riesce   a   sacrificarsi   per   far   felice   chi ci   vive   accanto?   Tante   persone   non   si   sopportano,   sono   costrette   a   vivere   nella   stessa   casa   e   non   si   amano.   Vogliamo   far valere   la   legge   di   Dio   o   la   nostra?   Ci   ricordiamo   le   offese   ricevute   10   o   20   anni   fa   e   dimentichiamo   la   parola   di   Dio   che ascoltiamo   ogni   domenica.   Siamo   i   veri   miscredenti,   sono   più   coerenti   coloro   che   dicono   di   non   credere.   Questo momento   difficile   che   stiamo   vivendo   è   la   colpa   dei   peccati   che   imperversano   in   ogni   angolo   della   terra   e   in   ogni famiglia.   Se   vedessimo   confrontata   la   nostra   fede   con   la   vera   fede,   salvo   poche   eccezioni,   resteremmo   inorriditi   nel vedere quanto siamo lontani da essa.   Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul monte Misma  
I peccati si possono raddoppiare
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
Monte Misma - Oasi della Pace - via Spersiglio 25 Pradalunga (Bergamo)
stampa la pagina
Un deserto   sul Misma
Maria Ausiliatrice del monte Misma
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
E    di    colpo    potremmo    sentirci    appesantiti.    Un giorno    renderemo    conto    non    solo    di    tutte    le parole   infondate,   ma   anche   di   tutto   quello   che avremmo   potuto   dire   e   non   abbiamo   detto.   Le cose   maldicenti   e   maliziose   sono   ormai   per   noi una    costante,    troviamo    sempre    punti    negativi nelle    persone.    Però,    senza    rendercene    conto, blocchiamo   la   parte   migliore,   quella   della   verità, della     gioia,     dell'incitamento     a     comportarsi sempre   meglio.   Quanti   di   noi   non   hanno   detto cose   che   avrebbero   potuto   dire   in   nome   di   Dio, dell'amore,     del     perdono?     Siamo     pronti     a condannare      e      accusare,      ma      non      siamo altrettanto   pronti   a   dire   cose   che   assolvono,   che giustificano,    che    amano.    Siamo    sicuri    che    la parte     più     pesante     sia     quella     infondata     e maliziosa?    Fa    più    parte    della    nostra    vita    la maldicenza   o   la   benevolenza?   Potrebbero   pesare di     più     le     parole     belle     e     meravigliose     che avremmo     dovuto     dire.     Sono     i     peccati     di omissione.   Li   abbiamo   mai   confessati?   La   Chiesa non   è   un   collegio   sindacale   ma   dimora   di   Dio   con noi.   Perché   tante   polemiche   invece   di   lodare   e ringraziare   il   Signore?   La   parte   migliore   per   noi   è la   parte   peggiore   per   gli   altri   e   la   parte   peggiore per   noi   è   la   parte   migliore   per   gli   altri.   Bisogna pensare   a   quello   che   si   dice,   ma   anche   a   quello che   conosciamo   e   non   abbiamo   detto.   Se   diciamo le    cose    migliori    ne    beneficiano    quelli    che    ci stanno   accanto,   se   invece   siamo   opportunisti   e diciamo   solo   le   cose   che   hanno   un   riscontro   per noi,   che   amore   è?   La   Madonna   sotto   la   croce   non ha   detto   parole   negative,   ha   somatizzato   quel dolore   e   ha   parlato   solamente   d'amore,   di   bene, di   cose   che   fanno   gioire.   Chi   di   noi   vive   lo   stile   di Gesù   nelle   famiglie   e   parla   d'amore,   di   dolcezza, di   mitezza,   di   perdono,   di   comprensione?   È   una baggianata   pensare   che   Maria   Santissima   ci   dica di   pregare   e   di   fare   novene   per   salvare   il   mondo. Meriterebbe   più   comprensione   e   solidarietà   da parte    nostra.    Cosa    vogliamo    che    ci    dica?    È      rassegnata   perché   possiamo   fare   molto   di   più   e non   lo   facciamo.   Quante   volte   l'Angelo   Custode che   ci   accompagna   fa   finta   di   non   vedere   e   di non    sentire...    Minimizza    anche    davanti    a    Dio! Come    possiamo    avere    dei    meriti    quando    il Signore   ci   ha   dato   il   potenziale   di   una   Ferrari   e   ci facciamo    superare    da    una    500?    Oggi    nelle famiglie   si   profana   anche   l'atto   sessuale,   non   lo si   vive   più   con   rispetto,   dignità   e   purezza.   Dove vediamo    l'amore    che    Gesù    ha    seminato    dalla croce?   Vediamo   opportunismo,   avidità,   interesse. Desideriamo   di   più   perdere   quello   che   abbiamo per    far    felice    una    persona    o    difendere    tutto quello   che   riteniamo   sia   giusto   per   noi?   Il   lavoro e   il   sacrificio   dei   nostri   padri   è   diventato   motivo di   odio   per   i   figli   che   rimangono.   Sarebbe   stato meglio   se   avessero   usato   quei   beni   per   loro.   Chi è   più   avido?   Quello   che   pretende   o   quello   che non    concede?    Con    quale    spirito    andiamo    ai pellegrinaggi     quando     per     “un     misero     euro” svanisce   tutto?   Al   ritorno   da   essi   non   ci   sono testimonianze    cristiane,    c'è    tanta    ambiguità    e ipocrisia.   Il   Signore   nel   giorno   del   giudizio   non guarderà   al   numero   dei   nostri   viaggi   nei   luoghi benedetti,   ma   se   avremo   confermato   nelle   nostre case la sua parola.  AMIAMO DI PIÙ IL PECCATO O IL PECCATORE? Se   odiamo   di   più   il   peccatore,   amiamo   di   più   il peccato,   se   odiamo   di   più   il   peccato,   amiamo   di più    il    peccatore.    La    pecorella    smarrita    nella parabola    di    Gesù    è    il    peccatore;    Lui    l'amava infinitamente   al   punto   di   abbandonare   le   altre   99 per    andare    a    recuperarla.    Guardiamoci    allo specchio   e   chiediamoci:   odiamo   di   più   il   peccato o   il   peccatore?   A   cosa   serve   scandalizzarci   dei peccati   degli   altri?   Se   fossero   sotto   attacco   di una   moltitudine   di   demoni   e   avessero   bisogno   di un     difensore,     chi     li     difende?     Trovano     solo accusatori.   Facendo   così   però   amiamo   il   peccato, perché   Gesù   ci   ha   detto   di   non   criticare   e   non giudicare.   Non   prendiamo   posizione   sulle   parole degli   altri,   fidiamoci   solo   di   noi   stessi,   di   quello che      conosciamo      personalmente,      altrimenti renderemo   conto   anche   del   peccato   degli   altri. Un    cristiano    autentico    anche    davanti    alla morte   non   pregherà   mai   per   essere   salvato o    guarito,    pregherà    sempre    per    essere perdonato.     Saremmo    pronti    ad    offrirci    per salvare   un   altro?   Se   fossimo   veri   cristiani   questo sarebbe   un   fatto   naturale,   non   un   atto   eroico. Essere   cristiani   vuol   dire   dare   con   gioia   noi   stessi per   far   felice   un   altro.   I   primi   cristiani   quando venivano   martirizzati   nelle   arene,   varcavano   con fierezza   quella   porta,   anche   se   potevano   avere un    po'    di    paura.    In    situazioni    migliori    non riusciamo   neanche   ad   essere   comprensivi   gli   uni con   gli   altri.   Chi   di   noi   riesce   a   sacrificarsi   per   far felice   chi   ci   vive   accanto?   Tante   persone   non   si sopportano,   sono   costrette   a   vivere   nella   stessa casa    e    non    si    amano.    Vogliamo    far    valere    la legge   di   Dio   o   la   nostra?   Ci   ricordiamo   le   offese ricevute    10    o    20    anni    fa    e    dimentichiamo    la parola    di    Dio    che    ascoltiamo    ogni    domenica. Siamo   i   veri   miscredenti,   sono   più   coerenti   coloro che    dicono    di    non    credere.    Questo    momento difficile   che   stiamo   vivendo   è   la   colpa   dei   peccati che   imperversano   in   ogni   angolo   della   terra   e   in ogni   famiglia.   Se   vedessimo   confrontata   la   nostra fede    con    la    vera    fede,    salvo    poche    eccezioni, resteremmo   inorriditi   nel   vedere   quanto   siamo lontani da essa.

Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul

monte Misma

 
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
versione mobile