Maria Ausiliatrice del monte Misma
Un deserto  sul Misma
  Non   siamo   noi   gli   artefici   della   vita,   ma   siamo   apparsi   all'improvviso   nell'universo   creato   con   tutte   le   facoltà   per   capire   il progetto   di   cui   facciamo   parte.   Nulla   viene   da   noi   e   nulla   dipende   da   noi.   Perché   siamo   così   confusi   e   disuniti?   Se all'improvviso   dei   nemici   ci   sparassero   colpi   di   mitra,   il   nostro   terrore   e   la   nostra   paura   arriverebbero   a   dei   limiti   mai raggiunti   prima.   Allora   saremmo   tutti   concordi,   vorremmo   proteggerci   e   abbracciare   la   persona   che   ci   sta   accanto,   che   è meno   nemica   del   nemico.   Per   dimostrare   l'amore   dobbiamo   provare   questi   estremi?   Eppure   davanti   al   pericolo   siamo   più coinvolti,   perché   siamo   egoisti.   Il   profeta   Isaia   ci   invita   a   non   parlare   dei   fatti   di   sangue   (33,15),   ma   noi   lo   facciamo   e pensiamo   di   essere   nel   giusto.   È   un   grave   inganno.   Dopo   secoli   e   millenni   abbiamo   scompaginato   la   nostra   vita:   tutto quello   che   andiamo   a   chiedere   a   Dio,   Lui   lo   chiede   a   noi.      Non   ci   fa   specie   pregare   per   la   pace   come   se   dipendesse   dal Signore?   E   la   pace   col   nostro   vicino,   con   un   familiare,   un   parente?   Non   esistono   solo   gli   interessi   e   la   ragione.   Gesù   ha comandato   a   noi   di   amarci,   quale   pace   vogliamo?   Quella   del   Ruanda,   della   Jugoslavia,   dell'Iraq…,   ma   non   quella   del nostro   cuore.   Parliamo   di   pace   e   nemmeno   sappiamo   perché   sono   in   guerra.   Non   fidiamoci   di   quello   che   ci   fanno   vedere, perché   dietro   le   quinte   c'è   un   mondo   più   grande   di   quello   dei   teatrini.   La   pace   dipende   da   noi,   se   siamo   umili   possiamo portarla   dove   viviamo.   Però   bisogna   desiderarla.   Non   pensiamo   di   aver   sempre   ragione   e   che   gli   altri   ci   devono   chiedere scusa,   se   ci   poniamo   in   contraddizione   davanti   a   colui   che   ci   attacca   non   fuoriesce   la   pace.    Quando   uno   si lamenta   del   proprio   collega,   reagisce   alle   provocazioni   e   fa   lo   stesso   errore   dell'altro.   Chi   sbaglia   di   più?   Chi   ignora   il meraviglioso   progetto   di   cui   fa   parte,   mettendoci   alla   prova,   o   noi   che   condanniamo?   Il   Signore   conosce   già   queste   cose, continuando   negli   stessi   errori   di   chi   ci   ha   preceduto,   il   nostro   stato   d'animo   non   sprigiona   gioia,   non   gongola.   Perché vogliamo    dimostrare    delusione    e    sofferenza    nel    comportamento    degli    altri?    Dove    risulta    dal    Vangelo    questo atteggiamento?   E’   ora   che   iniziamo   ad   accettare   un'altra   possibilità   di   vivere,   perché   Dio   ha   in   mano   tutte   le   realtà, anche   quella   di   liberare   chi   ha   delle   negatività.   L'umiltà   è   quando   non   vogliamo   farci   giustizia   sugli   altri   per   non   creare sofferenza,   come   ha   insegnato   Gesù   davanti   a   Pilato.   Dalla   nostra   bocca   non   devono   uscire   parole   di   dissenso   anche   se abbiamo   mille   ragioni.   Per   non   peggiorare   la   situazione   portiamo   a   casa   anche   quello   che   non   ci   compete?   Trionfa   la verità,   l'amore   e   la   giustizia   che   ci   chiede   Dio   o   quella   del   tribunale   dell'uomo?   Sembrano   gemelle,   ma   hanno   una distanza   abissale.    Solo   la   prima   non   favorisce   il   fuoco   di   disapprovazione,   di   contestazione   e   di   odio   tra   fratelli.   Quando qualcuno   si   comporta   in   un   modo   diverso   dalle   nostre   aspettative   non   siamo   contenti,   preferiamo   che   si   adegui   alla nostra   logica.   Anche   agli   altri   costa   sottomettersi   e   hanno   delle   aspettative.   Perché   dobbiamo   soffermarci   polemicamente su   dei   fatti   estemporanei?   Quando   vogliamo   colpire   drammatizziamo   il   loro   punto   di   vista,   ci   mettiamo   del   nostro   per dimostrare   il   torto   ricevuto.   Siamo   noi   i   migliori?   Nelle   case   patriarcali   le   spose   venivano   sottomesse   alle   donne   più anziane,   subivano   in   continuazione   ma   non   si   ribellavano.   Che   persone   meravigliose!   Eppure   sembrano   insignificanti soltanto   perché   sapevano   amare.   Amiamo   il   Signore   nostro   Dio   con   tutto   il   cuore   e   con   tutta   l'anima   o   vogliamo   essere amati   da   Dio   come   dei   privilegiati?   Siamo   disponibili   a   subire   ogni   sorta   di   prova   e   a   non   criticare   mai   il   fratello   che   ci umilia?   Anche   lui   è   figlio   di   Dio.   Perché   vogliamo   sfogarci   e   farci   compatire,   magari   da   persone   che   fanno   il   nostro cammino   di   preghiera?   Il   cuore   ha   bisogno   solo   di   amare,   chi   si   sfoga   è   perché   l'orgoglio   in   quel   momento   gli fa   ribollire   il   sangue.   E’   possibile   realizzare   la   parola   del   Signore,   non   è   vero   che   è   troppo   dura.   Con   uno   stato   d'animo triste   e   angosciato   non   c'è   spazio   per   l'amore,   chi   ha   la   verità   nel   cuore   non   teme   ingiustizie   e   non   ha   cambiamenti   di umore.   Non   dobbiamo   lamentarci   del   malessere   sotto   tutti   i   profili,   altrimenti   finiamo   per   arrabbiarci   e   fare   il   gioco   di   chi trama   queste   insidie.   Invece   quando   siamo   felici,   siamo   meno   polemici   davanti   alle   prepotenze.   Questo   non   vuol   dire essere   insignificanti   o   fatalisti,   ma   c'è   modo   e   modo   di   gestire   interessi   materiali,   perché   poi   si   finisce   nella   calunnia. Dimostriamo   che   nonostante   tutto   siamo   innamorati   del   mondo,   della   vita   e   dell'amore   che   fuoriesce   da   noi   amando   gli altri.   Che   bello   dare   il   sorriso   a   una   persona   triste,   non   è   paragonabile   a   tutto   il   tesoro   del   mondo.   Il   Signore   ci   vuole scaltri   e   svegli,   è   il   male   che   agisce   nella   provocazione   e   noi   ci   cadiamo   dentro   per   orgoglio.   Quante   volte   abbiamo portato   con   coraggio   e   dignità   la   pugnalata   più   tremenda?   Quando   non   ci   siamo   lamentati?   È   così   che   si   piace   al   Signore. Piangiamo   pure,   ma   per   conto   nostro.   La   vendetta   più   terribile   è   il   perdono,   così   l’altro   si   annichilisce,   si   disarma,   si sente    vigliacco.    La    reazione    davanti    alla    prova    è    naturale,    non    si    può    bleffare,    ci    fa    capire    a    quale    categoria apparteniamo. Dimostriamoci solidali con i santi nel non sostenere per nessun motivo provocazioni e maldicenze.   Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul monte Misma  
Quale pace
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
Monte Misma - Oasi della Pace - via Spersiglio 25 Pradalunga (Bergamo)
stampa la pagina
Un deserto   sul Misma
Maria Ausiliatrice del monte Misma
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
Non   siamo   noi   gli   artefici   della   vita,   ma   siamo apparsi    all'improvviso    nell'universo    creato    con tutte    le    facoltà    per    capire    il    progetto    di    cui facciamo    parte.    Nulla    viene    da    noi    e    nulla dipende    da    noi.    Perché    siamo    così    confusi    e disuniti?      Se      all'improvviso      dei      nemici      ci sparassero   colpi   di   mitra,   il   nostro   terrore   e   la nostra    paura    arriverebbero    a    dei    limiti    mai raggiunti   prima.   Allora   saremmo   tutti   concordi, vorremmo   proteggerci   e   abbracciare   la   persona che    ci    sta    accanto,    che    è    meno    nemica    del nemico.     Per     dimostrare     l'amore     dobbiamo provare     questi     estremi?     Eppure     davanti     al pericolo     siamo     più     coinvolti,     perché     siamo egoisti.   Il   profeta   Isaia   ci   invita   a   non   parlare   dei fatti   di   sangue   (33,15),   ma   noi   lo   facciamo   e pensiamo    di    essere    nel    giusto.    È    un    grave inganno.     Dopo     secoli     e     millenni     abbiamo scompaginato    la    nostra    vita:    tutto    quello    che andiamo   a   chiedere   a   Dio,   Lui   lo   chiede   a   noi.     Non   ci   fa   specie   pregare   per   la   pace   come   se dipendesse    dal    Signore?    E    la    pace    col    nostro vicino,    con    un    familiare,    un    parente?    Non esistono   solo   gli   interessi   e   la   ragione.   Gesù   ha comandato   a   noi   di   amarci,   quale   pace   vogliamo? Quella   del   Ruanda,   della   Jugoslavia,   dell'Iraq…, ma   non   quella   del   nostro   cuore.   Parliamo   di   pace e    nemmeno    sappiamo    perché    sono    in    guerra. Non    fidiamoci    di    quello    che    ci    fanno    vedere, perché   dietro   le   quinte   c'è   un   mondo   più   grande di   quello   dei   teatrini.   La   pace   dipende   da   noi,   se siamo    umili    possiamo    portarla    dove    viviamo. Però   bisogna   desiderarla.   Non   pensiamo   di   aver sempre   ragione   e   che   gli   altri   ci   devono   chiedere scusa,     se     ci     poniamo     in     contraddizione davanti   a   colui   che   ci   attacca   non   fuoriesce la    pace.     Quando    uno    si    lamenta    del    proprio collega,   reagisce   alle   provocazioni   e   fa   lo   stesso errore   dell'altro.   Chi   sbaglia   di   più?   Chi   ignora   il meraviglioso   progetto   di   cui   fa   parte,   mettendoci alla   prova,   o   noi   che   condanniamo?   Il   Signore conosce   già   queste   cose,   continuando   negli   stessi errori    di    chi    ci    ha    preceduto,    il    nostro    stato d'animo   non   sprigiona   gioia,   non   gongola.   Perché vogliamo   dimostrare   delusione   e   sofferenza   nel comportamento    degli    altri?    Dove    risulta    dal Vangelo     questo     atteggiamento?     E’     ora     che iniziamo    ad    accettare    un'altra    possibilità    di vivere,   perché   Dio   ha   in   mano   tutte   le   realtà, anche   quella   di   liberare   chi   ha   delle   negatività. L'umiltà   è   quando   non   vogliamo   farci   giustizia sugli   altri   per   non   creare   sofferenza,   come   ha insegnato    Gesù    davanti    a    Pilato.    Dalla    nostra bocca    non    devono    uscire    parole    di    dissenso anche     se     abbiamo     mille     ragioni.     Per     non peggiorare   la   situazione   portiamo   a   casa   anche quello    che    non    ci    compete?    Trionfa    la    verità, l'amore   e   la   giustizia   che   ci   chiede   Dio   o   quella del    tribunale    dell'uomo?    Sembrano    gemelle, ma    hanno    una    distanza    abissale.     Solo    la prima   non   favorisce   il   fuoco   di   disapprovazione, di   contestazione   e   di   odio   tra   fratelli.   Quando qualcuno   si   comporta   in   un   modo   diverso   dalle nostre      aspettative      non      siamo      contenti, preferiamo    che    si    adegui    alla    nostra    logica. Anche   agli   altri   costa   sottomettersi   e   hanno   delle aspettative.      Perché      dobbiamo      soffermarci polemicamente     su     dei     fatti     estemporanei? Quando   vogliamo   colpire   drammatizziamo   il   loro punto    di    vista,    ci    mettiamo    del    nostro    per dimostrare   il   torto   ricevuto.   Siamo   noi   i   migliori? Nelle     case     patriarcali     le     spose     venivano sottomesse   alle   donne   più   anziane,   subivano   in continuazione     ma     non     si     ribellavano.     Che persone       meravigliose!       Eppure       sembrano insignificanti    soltanto    perché    sapevano    amare. Amiamo   il   Signore   nostro   Dio   con   tutto   il   cuore   e con   tutta   l'anima   o   vogliamo   essere   amati   da   Dio come   dei   privilegiati?   Siamo   disponibili   a   subire ogni   sorta   di   prova   e   a   non   criticare   mai   il   fratello che   ci   umilia?   Anche   lui   è   figlio   di   Dio.   Perché vogliamo   sfogarci   e   farci   compatire,   magari   da persone     che     fanno     il     nostro     cammino     di preghiera?   Il   cuore   ha   bisogno   solo   di   amare, chi    si    sfoga    è    perché    l'orgoglio    in    quel momento   gli   fa   ribollire   il   sangue.   E’   possibile realizzare   la   parola   del   Signore,   non   è   vero   che   è troppo    dura.    Con    uno    stato    d'animo    triste    e angosciato   non   c'è   spazio   per   l'amore,   chi   ha   la verità   nel   cuore   non   teme   ingiustizie   e   non   ha cambiamenti   di   umore.   Non   dobbiamo   lamentarci del    malessere    sotto    tutti    i    profili,    altrimenti finiamo   per   arrabbiarci   e   fare   il   gioco   di   chi   trama queste   insidie.   Invece   quando   siamo   felici,   siamo meno   polemici   davanti   alle   prepotenze.   Questo non   vuol   dire   essere   insignificanti   o   fatalisti,   ma c'è   modo   e   modo   di   gestire   interessi   materiali, perché   poi   si   finisce   nella   calunnia.   Dimostriamo che     nonostante     tutto     siamo     innamorati     del mondo,   della   vita   e   dell'amore   che   fuoriesce   da noi   amando   gli   altri.   Che   bello   dare   il   sorriso   a una   persona   triste,   non   è   paragonabile   a   tutto   il tesoro   del   mondo.   Il   Signore   ci   vuole   scaltri   e svegli,   è   il   male   che   agisce   nella   provocazione   e noi   ci   cadiamo   dentro   per   orgoglio.   Quante   volte abbiamo    portato    con    coraggio    e    dignità    la pugnalata   più   tremenda?   Quando   non   ci   siamo lamentati?    È    così    che    si    piace    al    Signore. Piangiamo     pure,     ma     per     conto     nostro.     La vendetta   più   terribile   è   il   perdono,   così   l’altro   si annichilisce,    si    disarma,    si    sente    vigliacco.    La reazione   davanti   alla   prova   è   naturale,   non   si   può bleffare,     ci     fa     capire     a     quale     categoria apparteniamo.   Dimostriamoci   solidali   con   i   santi nel      non      sostenere      per      nessun      motivo provocazioni e maldicenze. 

Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul

monte Misma

 

I suggerimenti di Maria santissima sul monte Misma

                                                                       Quale pace
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
versione mobile