Maria Ausiliatrice del monte Misma
Un deserto  sul Misma
  Quando   pensiamo   di   aver   fatto   il   nostro   dovere,   perché   facciamo   così   fatica   a   fare   qualcosa   in   più   per   i   familiari,   gli amici,   l'ambiente   di   lavoro?   Non   ci   viene   tolta   la   nostra   libertà,   dobbiamo   dimostrare   l'amore   cristiano.   Facciamo      le   cose per   obbligo   o   per   amore?   Lasciamo   divertire   gli   altri   al   posto   nostro   e   facciamo   volentieri   qualcosa   in   più   per   il   bene comune   nei   posti   dove   ci   troviamo.   In   fondo   la   libertà   che   vogliamo,   quella   che   ci   fa   pensare   alla   sufficienza,   ci   manda   in crisi,   ci   annoia,   ci   fa   fare   cose   sbagliate   come   utilizzare   il   nostro   tempo   parlando   male   degli   altri.   Anche   nelle   nostre   case ci   sono   insofferenze   e   tensioni   perché   invece   di   fare   qualcosa   in   più,   vogliamo   che   lo   facciano   altri.   È   più   importante offrire   al   Signore   una   preghiera   o   un'azione   buona?   Perderemmo   solo   pochi   minuti   di   tempo.   Se   ci   lamentiamo   vuol   dire che   non   c'è   amore.   Chi   ci   dice   che   oltre   la   sufficienza   non   è   il   nostro   dovere?   Non   saremo   mai   felici   se   non   facciamo contenti   gli   altri   e   la   nostra   coscienza   ce   lo   ricorda.   Così   contagiamo   anche   la   natura   che   diventa   “nevrotica”.   Gesù   ci   ha chiamato   amici   offrendo   se   stesso,   era   il   più   degno   di   essere   servito   ma   è   venuto   per   servire.   Se   non   ci   aiutiamo   gli   uni gli   altri   non   possiamo   chiamarci   amici,   è   un   peccato   non   fare   un   favore   a   un'altra   persona.   Conosciamo   la   giusta   misura? Dimostriamo   di   avere   più   pazienza   e   disponibilità.   Non   dobbiamo   pensare   che   uno   si   approfitti   di   noi,   perché   tutti   ci siamo   approfittati   della   bontà   di   Gesù.   Molti   cristiani   hanno   abbandonato   la   strada   vecchia   per   prendere   quella   nuova, ma   nessuno   ci   dice   se   abbiamo   fatto   bene.   Solo   quando   nel   corso   della   vita   il   nostro   risultato   finisce   nel   nulla,   significa che   abbiamo   seguito   la   nostra   fantasia.   Dio   invece   ci   dà   la   concretezza.   Smettiamola   di   pensare   che   devono   essere sempre   il   Signore   e   la   Madonna   a   venirci   incontro,   impegniamoci   noi   ad   andare   incontro   a   loro.   Perché   siamo   nel   gruppo dei   lamentosi   e   dei   polemici?   La   giustezza   del   vivere   ce   la   dà   il   Signore,   quella   di   saper   parlare   e   di   saper   tacere. Prendiamo   pastiglie   e   medicinali   per   tante   malattie   del   corpo,   ma   lingua   è   sempre   sana…   Il   diavolo   sa   che   è   il   nostro punto   debole   e   lui   ci   stimola   a   tenerla   in   allenamento   perché   " nel   molto   parlare   non   manca   la   colpa "   (Prov.   10,19). Facciamo   tacere   la   lingua   quando   abbiamo   tutte   le   ragioni   per   parlare,   come   ha   fatto   Gesù   davanti   a   Pilato.   Il   Signore   è contento   quando   sappiamo   portare   la   nostra   croce   senza   lamentarci.   Non   quando   proviamo   le   emozioni   e   le   gioie   agli incontri   di   preghiera   e   poi   dopo   ci   rattristiamo   perché   ci   hanno   provocato.   Si      può   essere   felici   anche   sotto   una   prova difficile,   quando   non   ci   facciamo   provocare   e   non   cadiamo   nelle   trappole   dell'infido   che   vuole   farci   scontrare   con   altre persone.   Sentiremo   una   vocina   che   ci   dice:   " Bravo,   hai   resistito ".   Non   critichiamo   i   nostri   fratelli   che   ci   provocano.   Molti   cristiani   sostengono   l'apostasia   e   pensano   di   essere   i   difensori   della   verità,   parlano   in   nome   di   Dio   e   non   sanno portare   la   pace   nelle   loro   famiglie!   Maria   Santissima   desidera   il   nascondimento   del   proprio   figlio,   salvaguardiamo   la nostra   anima   con   dovizia,   attenzione   e   giustezza?   Siamo   contenti   della   nostra   vita?   Se   fosse   tutto   giusto   quello   che abbiamo   fatto,   il   nostro   stato   d'animo   sarebbe   diverso.   Quando   pensiamo   di   avere   sempre   ragione,   togliamo   la protezione   contro   il   male.   La   semplicità   è   alla   nostra   portata   e   insieme   all'umiltà   possiamo   fare   grandi   cose   come   ha fatto   Maria   Santissima.   Non   si   elimina   il   peccato   criticando   il   peccato.   La   gioia   del   demonio   è   quella   di   mettere   in   luce   i difetti degli altri, un'esperienza che abbiamo provato tutti. Impariamo a non coinvolgere in negativo le altre persone. COSA REGALIAMO AL RE DEI RE ? Se   fossimo   invitati   dal   re   più   potente   della   terra,   chi   ne   beneficerebbe   di   più?   Chi   avrebbe   il   privilegio   più   grande   tra   noi e   il   re?   L'etichetta   ci   insegna   che   in   queste   occasioni   non   ci   si   presenta   a   mani   vuote,   ci   si   veste   in   modo   adeguato   e   si ringrazia   il   re   che   ha   avuto   l'umiltà   di   invitarci.   Perché   quando   andiamo   in   chiesa   dal   Re   dei   re   pensiamo   di   ottenere   delle grazie   particolari?   Lui   ci   invita,   ci   dà   la   possibilità   di   varcare   quella   soglia   e   noi   pretendiamo   un   regalo?   Cerchiamo   di capire   il   nostro   ruolo.   Dovremmo   offrire   testimonianze   d'amore   e   fioretti ,   così   si   ossequia   il   Signore   e   la   Madonna. Invece   appena   usciti   cerchiamo   l'espediente   per   criticare   e   giudicare.   A   cosa   servono   milioni   di   preghiere   recitate   da persone   ipocrite?   La   critica   non   viene   dal   cielo,   davanti   al   tabernacolo   dobbiamo   avere   il   desiderio   di   far   felice   il   nostro fratello.   Dobbiamo   rivelare   l'amore,   non   inutili   parole   polemiche.   Se   non   siamo   degni   di   entrare   in   chiesa,   proviamo qualche   volta   a   penalizzarci,   a   non   entrare,   magari   quel   gesto   ha   più   valore.   Può   essere   colpa   nostra   se   le   persone   vicino a noi non sono felici, non sentiamoci migliori solo perché abbiamo detto tre preghiere.     Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul monte Misma  
Qualcosa in più
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
Monte Misma - Oasi della Pace - via Spersiglio 25 Pradalunga (Bergamo)
stampa la pagina
Un deserto   sul Misma
Maria Ausiliatrice del monte Misma
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
Quando   pensiamo   di   aver   fatto   il   nostro   dovere, perché   facciamo   così   fatica   a   fare   qualcosa   in   più per   i   familiari,   gli   amici,   l'ambiente   di   lavoro? Non   ci   viene   tolta   la   nostra   libertà,   dobbiamo dimostrare   l'amore   cristiano.   Facciamo      le   cose per   obbligo   o   per   amore?   Lasciamo   divertire   gli altri     al     posto     nostro     e     facciamo     volentieri qualcosa   in   più   per   il   bene   comune   nei   posti   dove ci   troviamo.   In   fondo   la   libertà   che   vogliamo, quella   che   ci   fa   pensare   alla   sufficienza,   ci   manda in   crisi,   ci   annoia,   ci   fa   fare   cose   sbagliate   come utilizzare    il    nostro    tempo    parlando    male    degli altri.   Anche   nelle   nostre   case   ci   sono   insofferenze e   tensioni   perché   invece   di   fare   qualcosa   in   più, vogliamo   che   lo   facciano   altri.   È   più   importante offrire    al    Signore    una    preghiera    o    un'azione buona?   Perderemmo   solo   pochi   minuti   di   tempo. Se   ci   lamentiamo   vuol   dire   che   non   c'è   amore. Chi   ci   dice   che   oltre   la   sufficienza   non   è   il   nostro dovere?   Non   saremo   mai   felici   se   non   facciamo contenti    gli    altri    e    la    nostra    coscienza    ce    lo ricorda.    Così    contagiamo    anche    la    natura    che diventa   “nevrotica”.   Gesù   ci   ha   chiamato   amici offrendo   se   stesso,   era   il   più   degno   di   essere servito    ma    è    venuto    per    servire.    Se    non    ci aiutiamo   gli   uni   gli   altri   non   possiamo   chiamarci amici,   è   un   peccato   non   fare   un   favore   a   un'altra persona.      Conosciamo      la      giusta      misura? Dimostriamo      di      avere      più      pazienza      e disponibilità.   Non   dobbiamo   pensare   che   uno   si approfitti   di   noi,   perché   tutti   ci   siamo   approfittati della     bontà     di     Gesù.     Molti     cristiani     hanno abbandonato    la    strada    vecchia    per    prendere quella   nuova,   ma   nessuno   ci   dice   se   abbiamo fatto   bene.   Solo   quando   nel   corso   della   vita   il nostro    risultato    finisce    nel    nulla,    significa    che abbiamo   seguito   la   nostra   fantasia.   Dio   invece   ci dà   la   concretezza.   Smettiamola   di   pensare   che devono   essere   sempre   il   Signore   e   la   Madonna   a venirci    incontro,    impegniamoci    noi    ad    andare incontro    a    loro.    Perché    siamo    nel    gruppo    dei lamentosi   e   dei   polemici?   La   giustezza   del   vivere ce   la   dà   il   Signore,   quella   di   saper   parlare   e   di saper    tacere.    Prendiamo    pastiglie    e    medicinali per   tante   malattie   del   corpo,   ma   lingua   è   sempre sana…   Il   diavolo   sa   che   è   il   nostro   punto   debole   e lui   ci   stimola   a   tenerla   in   allenamento   perché " nel   molto   parlare   non   manca   la   colpa "   (Prov. 10,19).     Facciamo     tacere     la     lingua     quando abbiamo   tutte   le   ragioni   per   parlare,   come   ha fatto   Gesù   davanti   a   Pilato.   Il   Signore   è   contento quando   sappiamo   portare   la   nostra   croce   senza lamentarci.   Non   quando   proviamo   le   emozioni   e le   gioie   agli   incontri   di   preghiera   e   poi   dopo   ci rattristiamo   perché   ci   hanno   provocato.   Si      può essere    felici    anche    sotto    una    prova    difficile, quando   non   ci   facciamo   provocare   e   non   cadiamo nelle   trappole   dell'infido   che   vuole   farci   scontrare con   altre   persone.   Sentiremo   una   vocina   che   ci dice:   " Bravo,   hai   resistito ".   Non   critichiamo   i nostri   fratelli   che   ci   provocano.    Molti   cristiani sostengono    l'apostasia    e    pensano    di    essere    i difensori   della   verità,   parlano   in   nome   di   Dio   e non   sanno   portare   la   pace   nelle   loro   famiglie! Maria   Santissima   desidera   il   nascondimento   del proprio    figlio,    salvaguardiamo    la    nostra    anima con    dovizia,    attenzione    e    giustezza?    Siamo contenti   della   nostra   vita?   Se   fosse   tutto   giusto quello   che   abbiamo   fatto,   il   nostro   stato   d'animo sarebbe    diverso.    Quando    pensiamo    di    avere sempre   ragione,   togliamo   la   protezione   contro   il male.    La    semplicità    è    alla    nostra    portata    e insieme    all'umiltà    possiamo    fare    grandi    cose come   ha   fatto   Maria   Santissima.   Non   si   elimina   il peccato     criticando     il     peccato.     La     gioia     del demonio   è   quella   di   mettere   in   luce   i   difetti   degli altri,   un'esperienza   che   abbiamo   provato   tutti. Impariamo   a   non   coinvolgere   in   negativo   le   altre persone. COSA REGALIAMO AL RE DEI RE ? Se   fossimo   invitati   dal   re   più   potente   della   terra, chi    ne    beneficerebbe    di    più?    Chi    avrebbe    il privilegio   più   grande   tra   noi   e   il   re?   L'etichetta   ci insegna    che    in    queste    occasioni    non    ci    si presenta    a    mani    vuote,    ci    si    veste    in    modo adeguato   e   si   ringrazia   il   re   che   ha   avuto   l'umiltà di   invitarci.   Perché   quando   andiamo   in   chiesa   dal Re    dei    re    pensiamo    di    ottenere    delle    grazie particolari?   Lui   ci   invita,   ci   dà   la   possibilità   di varcare    quella    soglia    e    noi    pretendiamo    un regalo?    Cerchiamo    di    capire    il    nostro    ruolo. Dovremmo   offrire   testimonianze   d'amore   e fioretti ,   così   si   ossequia   il   Signore   e   la   Madonna. Invece   appena   usciti   cerchiamo   l'espediente   per criticare   e   giudicare.   A   cosa   servono   milioni   di preghiere   recitate   da   persone   ipocrite?   La   critica non    viene    dal    cielo,    davanti    al    tabernacolo dobbiamo   avere   il   desiderio   di   far   felice   il   nostro fratello.    Dobbiamo    rivelare    l'amore,    non    inutili parole   polemiche.   Se   non   siamo   degni   di   entrare in   chiesa,   proviamo   qualche   volta   a   penalizzarci, a   non   entrare,   magari   quel   gesto   ha   più   valore. Può   essere   colpa   nostra   se   le   persone   vicino   a noi   non   sono   felici,   non   sentiamoci   migliori   solo perché abbiamo detto tre preghiere.  

Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul

monte Misma

 

I suggerimenti di Maria santissima sul monte Misma

                                               Qualcosa di più
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
versione mobile