Maria Ausiliatrice del monte Misma
Un deserto  sul Misma
Dove   si   può   dire   che   la   Chiesa   ha   sbagliato?   Ha   sbagliato   di   più   la   Chiesa   o   i   popoli   che   hanno   commentato   e   creato nuove   scissioni   e   teorie?   Le   dottrine   dei   protestanti   e   degli   ortodossi   sono   partite   da   persone   che   si   opponevano   alla Chiesa   ed   esponevano   una   realtà   che   appariva   migliore.   Dove   va   l'uomo   porta   solamente   confusione   e   divisione, sembriamo   tutti   portatori   di   proclami   che   non   stanno   né   in   cielo   né   in   terra.   C'è   da   vergognarsi...   Quello   che   ci   è   stato rivelato   è   sufficiente   per   metterlo   in   pratica,   non   aspettiamoci   altro   per   decidere   da   che   parte   stare.   Un   quadro   d'autore dal   valore   inestimabile   può   essere   riprodotto,   solo   un   intenditore   può   capire   dai   minimi   particolari   il   vero   e   il   falso.   Come possiamo   pensare   che   la   nostra   fede   aumenti   con   il   numero   di   preghiere   se   non   conosciamo   “il   quadro   d'autore”,   cioè   le caratteristiche   dell'autenticità?   Tanti   carismatici   o   veggenti   non   sanno   l'abc   della   nostra   fede,   ma   pronunciano   fatti soprannaturali   creando   danni   inimmaginabili.   Coloro   che   portano   una   carica   di   responsabilità   nella   Chiesa   cristiana hanno   una   capacità   di   valutazione   che   pochi   di   noi   hanno,   perché   sono   stati   scelti   dallo   Spirito   Santo.   Non   sono   persone false   o   dei   “diavoli”   messi   li   per   distruggere   o   impedire   lo   sviluppo   di   un'idea.   Non   commentiamo   l'errore   di   criticare   il vescovo   di   Mostar   perché   ci   va   di   mezzo   l'immagine   del   Signore   o   della   Madonna.   Egli   può   avere   subito   tante   ingiustizie, conosciamo   forse   quello   che   è   accaduto?   E   se   fossimo   al   suo   posto?   Ciò   che   è   verità   di   Dio   ha   sempre   trionfato,   mentre le   altre   situazioni   sono   svanite   nel   nulla.   Piuttosto   facciamo   delle   rinunce   o   dei   fioretti   per   far   trionfare   la   verità,   affinché l'uomo   abbia   più   rispetto   per   la   parola   di   Dio.   Io   tutti   quelli   che   amo   li   rimprovero   e   li   castigo "   (Ap.   3,19),   queste   parole non   sono   un   controsenso,   il   Signore   è   sempre   stato   esigente   con   i   suoi   strumenti:   castigo    significa    rendere   puro,    non   è una      punizione,   ma   una   prova   da   superare   per   diventare   ancora   più   bravi.   Perché   ci   ravvediamo   solo   sotto   la   prova? Dovremmo   comportarci   con   il   pensiero   sempre   rivolto   al   giorno   del   giudizio.   Chi   rispetta   la   legge   di   Dio   automaticamente rispetta   anche   quella   dell'uomo,   ma   non   avviene   il   contrario.   Bisogna   avere   il   senso   della   coerenza   e   dell'obbedienza,   la Chiesa   ha   sbagliato   poco   nelle   sue   valutazioni,   cerchiamo   di   capire.   Siamo   abituati   a   usare   le   parole   e   poco   il   cuore,   ecco il   modo   migliore   di   pregare   è   di   non   pregare   con   la   bocca   ma   di   amare .   Nel   nostro   cuore   dovremmo   mettere   le cose   più   belle,   invece   le   mettiamo   nella   nostra   mente,   nella   regione.   Da   lì   escono   le   intenzioni   a   noi   favorevoli,   il   cuore invece   è   sincero,   se   noi   amiamo   è   uno   scrigno   dorato   da   cui   escono   tesori.   Solo   con   l'amore   possiamo   avvicinarci   a   Dio, se   desideriamo   il   bene   dell'altro   e   abbiamo   fatto   felice   qualcuno   annullando   noi   stessi.   Dobbiamo   provare   quasi   un   senso di   vergogna   nel   dire   qualcosa   in   nostro   favore.   Non   dobbiamo   sentirci   stupidi   quando,   penalizzandoci,   avvantaggiamo   il nostro   prossimo   per   renderlo   felice,   il   Signore   sa   che   abbiamo   offerto   la   nostra   umiliazione   e   lui   ci   ricompenserà   cento volte   tanto.   Ci   sentiremo   privilegiati   nell'aver   superato   il   nostro   orgoglio,   non   saremmo   permalosi   ma   dispiaciuti   per   chi ci   ha   offeso.   Con   un   dolce   sorriso   possiamo   farlo   sentire   inadeguato:   pensiamo   a   quello   che   diciamo,   non   diciamo quello   che   pensiamo .   I   comandamenti   rivolti   totalmente   a   Dio   in   realtà   sono   due   perché   chi   santifica   le   feste   riceve   un beneficio,   non   è   che   fa   star   bene   il   Signore.   Difendiamo   la   Chiesa,   il   nostro   rifugio   e   la   nostra   forza.   Come   il   demonio   ha tentato   Gesù,   così   può   tentare   anche   noi,   siamo   protetti   solo   se   abbiamo   fede   non   perché   portiamo   la   medaglia benedetta.   Il   padrone   non   dà   il   salario   prima   di   aver   lavorato,   così   prima   di   chiedere   una   grazia   dobbiamo   meritarla.   O pensiamo   di   ottenere   solo   perché   il   Signore   è   buono   e   misericordioso   e   ascolta   le   nostre   preghiere?   La   nostra   fede   è   una cosa   misteriosa,   invisibile,   se   non   superiamo   le   prove   che   si   presentano,   significa   che   era   mentale,   psicologica.   Dov'è   la conferma   che   ci   alimentiamo   del   Vangelo?   Dove   portiamo   allegrezza,   gentilezza,   armonia,   amore,   amicizia?   Amarci   come fratelli   significa   non   rinfacciarci   gli   errori.   Dobbiamo   guardare   in   faccia   al   nostro   difetto   principale   altrimenti   esso   diventa il   nostro   padrone,   non   rinneghiamolo.   Il   nostro   difetto   è   una   cosa   piacevole,   lo   desideriamo,   però   dobbiamo   affrontarlo se   no   diventa   invincibile,   infatti   dopo   un   momento   di   pentimento   si   ripresenta.   Le   nostre   dipendenze   ci   fanno   vivere   da arrabbiati,   creano   problemi   nelle   nostre   famiglie,   fanno   emergere   che   c'è   qualcosa   che   non   va   in   noi.   Non   essere   a   posto con   i   comandamenti   ci   fa   vivere   in   modo   distaccato,   freddo,   nell'indifferenza.   Il   sesso   ha   distrutto   tanti   uomini,   stiamo attenti   ad   affezionarci   troppo   a   certe   persone,   perché   poi   la   cosa   si   trascina   e   non   abbiamo   la   forza   di   resistere   alle seduzioni   del   mondo.   Il   male   è   più   forte   di   noi,   sa   dove   siamo   più   fragili,   conosce   persino   la   persona   che   può   influire   di più   su   di   noi   a   livello   fisico   e   ce   la   mette   davanti   nel   momento   meno   propizio,   quando   siamo   in   crisi.   Poi   avvengono   le tragedie che,  per la cattiveria umana, scandalizzano anche i giudici.   Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul monte Misma  
Il quadro d’autore
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
Monte Misma - Oasi della Pace - via Spersiglio 25 Pradalunga (Bergamo)
stampa la pagina
Un deserto   sul Misma
Maria Ausiliatrice del monte Misma
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
Dove   si   può   dire   che   la   Chiesa   ha   sbagliato?   Ha sbagliato   di   più   la   Chiesa   o   i   popoli   che   hanno commentato   e   creato   nuove   scissioni   e   teorie?   Le dottrine   dei   protestanti   e   degli   ortodossi   sono partite   da   persone   che   si   opponevano   alla   Chiesa ed   esponevano   una   realtà   che   appariva   migliore. Dove   va   l'uomo   porta   solamente   confusione   e divisione,   sembriamo   tutti   portatori   di   proclami che   non   stanno   né   in   cielo   né   in   terra.   C'è   da vergognarsi...   Quello   che   ci   è   stato   rivelato   è sufficiente      per      metterlo      in      pratica,      non aspettiamoci    altro    per    decidere    da    che    parte stare.   Un   quadro   d'autore   dal   valore   inestimabile può   essere   riprodotto,   solo   un   intenditore   può capire   dai   minimi   particolari   il   vero   e   il   falso. Come    possiamo    pensare    che    la    nostra    fede aumenti    con    il    numero    di    preghiere    se    non conosciamo     “il     quadro     d'autore”,     cioè     le caratteristiche   dell'autenticità?   Tanti   carismatici   o veggenti   non   sanno   l'abc   della   nostra   fede,   ma pronunciano   fatti   soprannaturali   creando   danni inimmaginabili.   Coloro   che   portano   una   carica   di responsabilità   nella   Chiesa   cristiana   hanno   una capacità   di   valutazione   che   pochi   di   noi   hanno, perché   sono   stati   scelti   dallo   Spirito   Santo.   Non sono   persone   false   o   dei   “diavoli”   messi   li   per distruggere    o    impedire    lo    sviluppo    di    un'idea. Non   commentiamo   l'errore   di   criticare   il   vescovo di   Mostar   perché   ci   va   di   mezzo   l'immagine   del Signore   o   della   Madonna.   Egli   può   avere   subito tante   ingiustizie,   conosciamo   forse   quello   che   è accaduto?   E   se   fossimo   al   suo   posto?   Ciò   che   è verità   di   Dio   ha   sempre   trionfato,   mentre   le   altre situazioni     sono     svanite     nel     nulla.     Piuttosto facciamo    delle    rinunce    o    dei    fioretti    per    far trionfare    la    verità,    affinché    l'uomo    abbia    più rispetto   per   la   parola   di   Dio.   Io   tutti   quelli   che amo   li   rimprovero   e   li   castigo "   (Ap.   3,19),   queste parole    non    sono    un    controsenso,    il    Signore    è sempre    stato    esigente    con    i    suoi    strumenti: castigo      significa      rendere     puro,      non     è     una       punizione,    ma    una    prova    da    superare    per diventare   ancora   più   bravi.   Perché   ci   ravvediamo solo   sotto   la   prova?   Dovremmo   comportarci   con il   pensiero   sempre   rivolto   al   giorno   del   giudizio. Chi    rispetta    la    legge    di    Dio    automaticamente rispetta   anche   quella   dell'uomo,   ma   non   avviene il   contrario.   Bisogna   avere   il   senso   della   coerenza e   dell'obbedienza,   la   Chiesa   ha   sbagliato   poco nelle   sue   valutazioni,   cerchiamo   di   capire.   Siamo abituati   a   usare   le   parole   e   poco   il   cuore,   ecco   il modo   migliore   di   pregare   è   di   non   pregare con   la   bocca   ma   di   amare .   Nel   nostro   cuore dovremmo   mettere   le   cose   più   belle,   invece   le mettiamo   nella   nostra   mente,   nella   regione.   Da   escono    le    intenzioni    a    noi    favorevoli,    il    cuore invece   è   sincero,   se   noi   amiamo   è   uno   scrigno dorato   da   cui   escono   tesori.   Solo   con   l'amore possiamo    avvicinarci    a    Dio,    se    desideriamo    il bene   dell'altro   e   abbiamo   fatto   felice   qualcuno annullando   noi   stessi.   Dobbiamo   provare   quasi un   senso   di   vergogna   nel   dire   qualcosa   in   nostro favore.   Non   dobbiamo   sentirci   stupidi   quando, penalizzandoci,       avvantaggiamo       il       nostro prossimo   per   renderlo   felice,   il   Signore   sa   che abbiamo    offerto    la    nostra    umiliazione    e    lui    ci ricompenserà    cento    volte    tanto.    Ci    sentiremo privilegiati   nell'aver   superato   il   nostro   orgoglio, non   saremmo   permalosi   ma   dispiaciuti   per   chi   ci ha   offeso.   Con   un   dolce   sorriso   possiamo   farlo sentire    inadeguato:    pensiamo    a    quello    che diciamo,   non   diciamo   quello   che   pensiamo .   I comandamenti   rivolti   totalmente   a   Dio   in   realtà sono   due   perché   chi   santifica   le   feste   riceve   un beneficio,    non    è    che    fa    star    bene    il    Signore. Difendiamo   la   Chiesa,   il   nostro   rifugio   e   la   nostra forza.   Come   il   demonio   ha   tentato   Gesù,   così   può tentare     anche     noi,     siamo     protetti     solo     se abbiamo   fede   non   perché   portiamo   la   medaglia benedetta.   Il   padrone   non   dà   il   salario   prima   di aver   lavorato,   così   prima   di   chiedere   una   grazia dobbiamo   meritarla.   O   pensiamo   di   ottenere   solo perché    il    Signore    è    buono    e    misericordioso    e ascolta   le   nostre   preghiere?   La   nostra   fede   è   una cosa   misteriosa,   invisibile,   se   non   superiamo   le prove    che    si    presentano,    significa    che    era mentale,   psicologica.   Dov'è   la   conferma   che   ci alimentiamo      del      Vangelo?      Dove      portiamo allegrezza,   gentilezza,   armonia,   amore,   amicizia? Amarci   come   fratelli   significa   non   rinfacciarci   gli errori.    Dobbiamo    guardare    in    faccia    al    nostro difetto   principale   altrimenti   esso   diventa   il   nostro padrone,   non   rinneghiamolo.   Il   nostro   difetto   è una     cosa     piacevole,     lo     desideriamo,     però dobbiamo   affrontarlo   se   no   diventa   invincibile, infatti    dopo    un    momento    di    pentimento    si ripresenta.   Le   nostre   dipendenze   ci   fanno   vivere da    arrabbiati,    creano    problemi    nelle    nostre famiglie,   fanno   emergere   che   c'è   qualcosa   che non    va    in    noi.    Non    essere    a    posto    con    i comandamenti   ci   fa   vivere   in   modo   distaccato, freddo,    nell'indifferenza.    Il    sesso    ha    distrutto tanti     uomini,     stiamo     attenti     ad     affezionarci troppo   a   certe   persone,   perché   poi   la   cosa   si trascina   e   non   abbiamo   la   forza   di   resistere   alle seduzioni   del   mondo.   Il   male   è   più   forte   di   noi, sa    dove    siamo    più    fragili,    conosce    persino    la persona   che   può   influire   di   più   su   di   noi   a   livello fisico   e   ce   la   mette   davanti   nel   momento   meno propizio,   quando   siamo   in   crisi.   Poi   avvengono   le tragedie     che,          per     la     cattiveria     umana, scandalizzano anche i giudici. Confidenze   di   Maria   santissima   a   Roberto   Longhi   sul monte Misma  
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
versione mobile