Maria Ausiliatrice del monte Misma
Un deserto  sul Misma
  Abbiamo   costretto   il   Santo   Padre,   per   amore   e   carità   verso   di   noi,   a   prendere   una   certa   posizione   riguardo    i    veggenti    e    a   indire   un   Sinodo   per   il   cambiamento   della   legge   evangelica.   È   terribile,   se   fossimo   tutti   giusti   non   ci   sarebbe   bisogno   di queste   cose.   Ma   dove   siamo   andati   a   finire?   Perché   l'autorità   della   Chiesa   deve   intervenire   in   questo   modo?   Essa   sa valutare   i   frutti   dell'albero,   non   i   numeri.   Non   prendiamo   posizione,   ma   preghiamo   per   coloro   che   ci   dicevano   di   pregare. La   Chiesa   è   la   nostra   famiglia,   non   diamo   spazio   o   eco   a   maldicenze   che   la   riguardano.   Sentiamo   dire   che   " ci   siamo convertiti "   solo   perché   andiamo   a   messa   e   ci   confessiamo,   ma   creiamo   confusione,   disunione.   Se   vogliamo   sostituire   il copione   della   vita   che   il   Signore   ha   dato   nelle   nostre   mani,   vedremo   sempre   più   desolazioni   e   disordine.   Non   ci   sono   solo i   nostri   pensieri   ma   abbiamo   anche   un   nemico   agguerritissimo,   il   demonio,   che   sa   sempre   come   farci   cadere   nelle   sue trappole.   Egli   conosce   la   parola   di   Dio   meglio   di   noi,   ci   fa   sostenere   cose   che   pensiamo   giuste,   invece   torna   tutto   a   suo vantaggio   perché   manchiamo   delle   verità   principali   della   nostra   fede.   Abbiamo   deciso   da   che   parte   stare   e   viviamo   con coerenza   la   nostra   scelta?    In   un   modo   troppo   improprio   si   è   usato   il   nome   di   Maria   Santissima,   garante   della   verità. Questo   ci   deve   dispiacere.   Anche   il   male   lo   fa,   non   si   propone   certo   a   nome   suo.   Perché   crediamo   a   tutto   ciò   che   Le viene   attribuito?   Sono   azioni   sostenibili,   ma   anche   i   farisei   pregavano,   andavano   al   tempio,   facevano   il   digiuno, pagavano   la   decima…   Oggi   non   è   cambiato   niente!   La   Madre   di   Dio   soffre   perché   siamo   malati   nell'anima,   come   può disinteressarsi   di   essa   dicendoci   di   pregare?   Se   le   nostre   preghiere   e   le   nostre   novene   non   sono   sincere,   a   cosa   servono? Tanti   cristiani   basano   la   propria   vita   sulle   rivelazioni   private,   così   hanno   spostato   l'obiettivo   dalla   parola   di   Dio.   Perché banalizziamo   lo   Spirito   Santo   dicendo   di   averlo   ricevuto   nel   sonno   dello   spirito ?      Signore   abbi   pietà   di   noi   che   non sappiamo   quello   che   diciamo!   La   vera   fede   non   ci   fa   star   bene   solo   nei   luoghi   di   pellegrinaggio,   quando   amiamo   è   il nostro   cuore   che   abbellisce   ogni   ambiente.   Chi   si   avvicina   a   Dio   si   considera   il   più   peccatore   e   indegno,   davanti   a   una critica   verso   il   fratello,   si   sente   sprofondare,   non   aggiunge   del   suo.   Perché   pensiamo   di   aver   capito   tutto   soltanto   per aver   ricevuto   delle   emozioni?   Paghiamo   la   nostra   superficialità,   pensiamo   di   andare   in   paradiso   con   l’ascensore, ma   la   strada   è   irta   e   tortuosa :   oggi   non   ci   è   evitato   quello   che   ieri   ha   fatto   versare   sangue   ai   veri   Santi   per   difendere la   parola   di   Dio.   Oppure   vogliamo   ridicolizzarli,   dicendo   che   si   poteva   vivere   senza   sacrifici?   Le   loro   preghiere   avevano valore   perché   rispettavano   i   comandamenti,   mentre   la   nostra   fede   è   senza   carità,   subito   rifiutiamo   quelli   che   non condividono   una   certa   linea.   Scopriamo   la   preghiera   più   bella   con   il   cuore   libero   da   malizia   o   maldicenza.   Come possiamo   pensare   di   convertirci   sul   nostro   divano,   con   il   tè   e   i   biscotti,   commentando   la   parola   di   Dio?   Se   abbiamo   un bel   conto   in   banca   o   un   bel   posto   di   lavoro,   sembriamo   i   più   bravi   e   i   più   mistici,   ma   ciò   non   avviene   quando   si   è   con l'acqua   alla   gola .   Ragioneremmo   ancora   allo   stesso   modo?   Ecco   perché   il   Signore   non   si   fida   delle   nostre   parole.   Come possiamo   criticare   un   uomo   di   Chiesa?   Magari   quel   difetto   pesa   più   a   lui.   Ognuno   di   noi   ha   dei   punti   deboli,   ma   questo non   ci   deve   impedire   di   desiderare   la   Verità   che   ci   ha   insegnato   il   Maestro.   Quando   un   seme   viene   seminato,   la   natura   lo fa   crescere   secondo   la   sua   specie,   ma   il   seme   della   parola   di   Dio   non   trova   terreno   fertile   in   noi   perché   vogliamo   farlo crescere   secondo   la   nostra   logica.   Tutta   la   creazione   di   Dio   si   rivitalizza,   anche   il   deserto   davanti   a   un   corso   d'acqua comincia   a   dare   vita.   Così   nell'aridità   la   parola   di   Dio   fruttifica,   ma   noi   facciamo   inaridire   tutto   ciò   che   è   fruttuoso.   È impressionante!   Quello   che   stiamo   distruggendo   va   a   nostro   danno   e   dei   nostri   figli.   Eppure   la   parola   di   Dio   è conveniente   per   noi,   ci   fa   star   bene,   anche   se   ci   prova   nel   crogiuolo   attraverso   mille   prove.   Il   Signore   è   contento   quando facciamo   felici   le   altre   persone,   quando   non   le   condanniamo.   Chi   è   sul   cammino   di   conversione   desidera   il   vero   bene   del fratello,   è   disposto   a   dare   se   stesso.   Chi   di   noi   ha   questo   sentimento?   Nel   cuore   ci   sta   la   verità,   ci   suggerisce   azioni   e sentimenti,   non   c'è   solo   amore,   si   annidano   anche   invidia,   gelosia   e   cattiveria.   I   nostri   ragionamenti   sono   di   circostanza, freddi,   distaccati,   opportunisti,   durano   poco   poi   svaniscono,   mentre   il   sentimento   nobile   del   cuore   lo   abbiamo   in continuazione   verso   il   fratello.   Dobbiamo   essere   sensibili   allo   sguardo   dei   bisognosi ,   trattiamo   tutti   con   carità   umana,   per non   offrire   a   nessuno   l'occasione   di   maledirci    (Sir.   4°   cap.).   Ricordiamoci   che   l'esortazione   al   male,   trova   il   suo   creatore pronto   a   realizzarla   quando   non   siamo   in   grazia   di   Dio.   Come   può   la   Madonna   non   metterci   in   guardia   da   queste   cose? Neanche   la   preghiera   può   evitarle,   ma   la   parola   del   Signore   ci   evita   una   moltitudine   di   sofferenze.   Perché   ci   illudiamo   di sostituirla   con   una   teoria?   Non   lasciamoci   troppo   impietosire   dai   problemi   degli   altri,   in   un'altissima   percentuale   siamo noi   la   causa   dei   nostri   guai,   quando   non   abbiamo   rispettato   i   comandamenti.   Consigliamo   piuttosto   di   fare   un   esame   di coscienza .     Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul monte Misma  
Non ci si converte sul pulmann
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
Monte Misma - Oasi della Pace - via Spersiglio 25 Pradalunga (Bergamo)
stampa la pagina
Un deserto   sul Misma
Maria Ausiliatrice del monte Misma
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
Abbiamo   costretto   il   Santo   Padre,   per   amore   e carità    verso    di    noi,    a    prendere    una    certa posizione    riguardo     i     veggenti     e     a     indire    un Sinodo      per      il      cambiamento      della      legge evangelica.   È   terribile,   se   fossimo   tutti   giusti   non ci    sarebbe    bisogno    di    queste    cose.    Ma    dove siamo    andati    a    finire?    Perché    l'autorità    della Chiesa   deve   intervenire   in   questo   modo?   Essa   sa valutare   i   frutti   dell'albero,   non   i   numeri.   Non prendiamo   posizione,   ma   preghiamo   per   coloro che   ci   dicevano   di   pregare.   La   Chiesa   è   la   nostra famiglia,   non   diamo   spazio   o   eco   a   maldicenze che   la   riguardano.   Sentiamo   dire   che   " ci   siamo convertiti "   solo   perché   andiamo   a   messa   e   ci confessiamo,   ma   creiamo   confusione,   disunione. Se   vogliamo   sostituire   il   copione   della   vita   che   il Signore    ha    dato    nelle    nostre    mani,    vedremo sempre   più   desolazioni   e   disordine.   Non   ci   sono solo    i    nostri    pensieri    ma    abbiamo    anche    un nemico    agguerritissimo,    il    demonio,    che    sa sempre   come   farci   cadere   nelle   sue   trappole.   Egli conosce    la    parola    di    Dio    meglio    di    noi,    ci    fa sostenere    cose    che    pensiamo    giuste,    invece torna   tutto   a   suo   vantaggio   perché   manchiamo delle   verità   principali   della   nostra   fede.   Abbiamo deciso   da   che   parte   stare   e   viviamo   con   coerenza la   nostra   scelta?    In   un   modo   troppo   improprio   si è    usato    il    nome    di    Maria    Santissima,    garante della   verità.   Questo   ci   deve   dispiacere.   Anche   il male   lo   fa,   non   si   propone   certo   a   nome   suo. Perché    crediamo    a    tutto    ciò    che    Le    viene attribuito?   Sono   azioni   sostenibili,   ma   anche   i farisei   pregavano,   andavano   al   tempio,   facevano il    digiuno,    pagavano    la    decima…    Oggi    non    è cambiato   niente!   La   Madre   di   Dio   soffre   perché siamo        malati        nell'anima,        come        può disinteressarsi   di   essa   dicendoci   di   pregare?   Se   le nostre   preghiere   e   le   nostre   novene   non   sono sincere,   a   cosa   servono?   Tanti   cristiani   basano   la propria   vita   sulle   rivelazioni   private,   così   hanno spostato   l'obiettivo   dalla   parola   di   Dio.   Perché banalizziamo   lo   Spirito   Santo   dicendo   di   averlo ricevuto   nel   sonno   dello   spirito ?      Signore   abbi pietà   di   noi   che   non   sappiamo   quello   che diciamo!   La   vera   fede   non   ci   fa   star   bene   solo nei   luoghi   di   pellegrinaggio,   quando   amiamo   è   il nostro   cuore   che   abbellisce   ogni   ambiente.   Chi   si avvicina   a   Dio   si   considera   il   più   peccatore   e indegno,   davanti   a   una   critica   verso   il   fratello,   si sente   sprofondare,   non   aggiunge   del   suo.   Perché pensiamo   di   aver   capito   tutto   soltanto   per   aver ricevuto    delle    emozioni?    Paghiamo    la    nostra superficialità,   pensiamo   di   andare   in   paradiso con    l’ascensore,    ma    la    strada    è    irta    e tortuosa :   oggi   non   ci   è   evitato   quello   che   ieri   ha fatto   versare   sangue   ai   veri   Santi   per   difendere la   parola   di   Dio.   Oppure   vogliamo   ridicolizzarli, dicendo   che   si   poteva   vivere   senza   sacrifici?   Le loro       preghiere       avevano       valore       perché rispettavano   i   comandamenti,   mentre   la   nostra fede   è   senza   carità,   subito   rifiutiamo   quelli   che non   condividono   una   certa   linea.   Scopriamo   la preghiera   più   bella   con   il   cuore   libero   da   malizia o     maldicenza.     Come     possiamo     pensare     di convertirci   sul   nostro   divano,   con   il   tè   e   i   biscotti, commentando   la   parola   di   Dio?   Se   abbiamo   un bel    conto    in    banca    o    un    bel    posto    di    lavoro, sembriamo   i   più   bravi   e   i   più   mistici,   ma   ciò   non avviene    quando    si    è    con    l'acqua    alla    gola . Ragioneremmo   ancora   allo   stesso   modo?   Ecco perché   il   Signore   non   si   fida   delle   nostre   parole. Come    possiamo    criticare    un    uomo    di    Chiesa? Magari   quel   difetto   pesa   più   a   lui.   Ognuno   di   noi ha    dei    punti    deboli,    ma    questo    non    ci    deve impedire    di    desiderare    la    Verità    che    ci    ha insegnato    il    Maestro.    Quando    un    seme    viene seminato,   la   natura   lo   fa   crescere   secondo   la   sua specie,   ma   il   seme   della   parola   di   Dio   non   trova terreno    fertile    in    noi    perché    vogliamo    farlo crescere    secondo    la    nostra    logica.    Tutta    la creazione   di   Dio   si   rivitalizza,   anche   il   deserto davanti   a   un   corso   d'acqua   comincia   a   dare   vita. Così   nell'aridità   la   parola   di   Dio   fruttifica,   ma   noi facciamo   inaridire   tutto   ciò   che   è   fruttuoso.   È impressionante!   Quello   che   stiamo   distruggendo va   a   nostro   danno   e   dei   nostri   figli.   Eppure   la parola   di   Dio   è   conveniente   per   noi,   ci   fa   star bene,   anche   se   ci   prova   nel   crogiuolo   attraverso mille    prove.    Il    Signore    è    contento    quando facciamo   felici   le   altre   persone,   quando   non   le condanniamo.   Chi   è   sul   cammino   di   conversione desidera   il   vero   bene   del   fratello,   è   disposto   a dare   se   stesso.   Chi   di   noi   ha   questo   sentimento? Nel   cuore   ci   sta   la   verità,   ci   suggerisce   azioni   e sentimenti,    non    c'è    solo    amore,    si    annidano anche    invidia,    gelosia    e    cattiveria.    I    nostri ragionamenti      sono      di      circostanza,      freddi, distaccati,      opportunisti,      durano      poco      poi svaniscono,    mentre    il    sentimento    nobile    del cuore    lo    abbiamo    in    continuazione    verso    il fratello.   Dobbiamo   essere   sensibili   allo   sguardo dei   bisognosi ,   trattiamo   tutti   con   carità   umana, per   non   offrire   a   nessuno   l'occasione   di   maledirci   (Sir.   4°   cap.).   Ricordiamoci   che   l'esortazione   al male,   trova   il   suo   creatore   pronto   a   realizzarla quando   non   siamo   in   grazia   di   Dio.   Come   può   la Madonna    non    metterci    in    guardia    da    queste cose?   Neanche   la   preghiera   può   evitarle,   ma   la parola   del   Signore   ci   evita   una   moltitudine   di sofferenze.   Perché   ci   illudiamo   di   sostituirla   con una   teoria?   Non   lasciamoci   troppo   impietosire   dai problemi   degli   altri,   in   un'altissima   percentuale siamo   noi   la   causa   dei   nostri   guai,   quando   non abbiamo   rispettato   i   comandamenti.   Consigliam o piuttosto di fare un esame di coscienza .    

Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul

monte Misma

 
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
versione mobile