Maria Ausiliatrice del monte Misma
Un deserto  sul Misma
  Quando   capiremo   cosa   vuol   dire   veramente   la   pace   dell'anima,   non   avremo   più   nessun   prurito   di   voler   sapere   e   scoprire sempre   qualcosa   di   nuovo.   Capiremo   che   essere   in   ogni   parte   del   mondo   o   semplicemente   dove   il   Signore   ci   ha   posto, non   cambia   niente.   Certo   è   gradevole   anche   conoscere   e   vedere,   ma   non   deve   essere   questo   un   prurito   continuo   di innovazione,   perché   ci   fa   perdere   il   senso   della   misura.   Dio   ha   già   preordinato   tutto   per   noi   in   un   modo   impeccabile   e meraviglioso,   ma   noi   vogliamo   ostinatamente   percorrere   una   strada   che   non   è   nostra   e   così   non   troviamo   la   pace.   Il Signore   non   si   sottometterà   mai   a   noi,      sarebbe   la   nostra   rovina.   Se   fossimo   consapevoli   di   questo,   innanzitutto,   ci dedicheremmo   totalmente   e   scrupolosamente   alle   rivelazioni   e   alla   legge   di   Dio.   Invece,   quando   abbiamo   soddisfatto   un prurito,   se   ne   innesca   subito   un   altro   più   esigente.   Questi   desideri   provengono   dal   male    e   sono   la   causa   di   tanti errori.   Piuttosto   che   ringraziare   il   Signore   per   quello   che   abbiamo,   vogliamo   avere   l’esperienza   di   chi   ha   una   cosa   più eclatante   della   nostra.   Non   sarebbe   bello   se   ci   acquietassimo   nell'animo?   Per   illuderci   di   stare   meglio,   facciamo   di   tutto per   cambiare   quello   che   ci   sta   davanti,   così   offendiamo   l'orizzonte   che   Dio   ha   preparato   per   noi.   Anche   se   fuori   casa nostra   ci   sono   sterpi   e   rovi,   possiamo   ugualmente   dire:   "Come   sei   meraviglioso   Signore!"   e   non   sentire   l'esigenza   di andare   a   destra   e   a   sinistra.   Non   è   l'ambiente   che   ci   deve   cambiare,   ma   è   il   nostro   cuore   che   deve   cambiare l'ambiente;    infatti   quando   siamo   sereni   nell'animo,   tutto   quello   che   vediamo   è   ancora   più   bello   e   meraviglioso.   Poi, come   nostra   brutta   abitudine,   non   ci   facciamo   più   caso.   In   generale   i   potenti   della   terra,   coloro   che   possono   avere   le cose   più   prelibate   e   vivere   nei   posti   più   incantevoli,   sono   le   persone   più   infelici,   mentre   quelli   che   invece   vivono   del necessario,   gustano   un   semplice   cibo   come   il   più   succulento.   Che   diversità   che   dà   il   cuore!   Salvo   qualche   eccezione,   le persone   nevrotiche   e   disadattate   sono   quelle   che   hanno   a   disposizione   tutto   dalla   vita.   Perché   pretendiamo   che   Dio   si sottometta   all’uomo?   Sembra   una   eresia,   ma   in   realtà   è   così:   l'uomo   subdolamente   e   inconsciamente,   fa   finta   di   aver capito,   ma   continua   ad   approfondire   il   dito   nella   piaga   per   far   trionfare   ciò   che   ritiene   giusto.   Ma   cosa   vuole   ottenere? Dio   ci   aveva   creati   perfetti   e   noi   abbiamo   reso   imperfetto   il   nostro   cuore,   il   centro   dei   nostri   sentimenti,   il   muscolo   che domina   il   mondo   dal   quale   dovrebbe   uscire   soltanto   l'amore.   Sarebbe   un   mondo   meraviglioso   fidarci   gli   uni   degli   altri, senza   malvagità,   invidie,   gelosie,   permalosità,   malafede,   malizia.   Invece   commettiamo   il   grave   errore   di   voler   gestire   il mondo,   togliendo   a   Dio   la   sua   giusta   dimensione.   È   inutile   che   ci   lamentiamo   quando   il   vaso   di   creta   è   andato   in frantumi,   i   cocci   non   li   ritroviamo   più,   solo   Dio   ha   il   potere   di   farlo,   come   in   un   replay.   Ma   noi,   dopo   averlo   deriso   e schernito,   non   lo   vogliamo   neanche   come   Colui   che   può   ricomporre   tutto   il   disastro   che   abbiamo   causato.   Davanti   a   questa   verità   non   possiamo   pensare   di   essere   graditi   al   Signore.   Se   abbiamo   il   meccanismo   dell'umiltà miglioreremo   la   nostra   vuota   condotta,   perché   non   criticheremo   mai   nessuno   e   daremo   sempre   una   giustificazione positiva.   Però   dobbiamo   imparare   veramente   a   non   lasciarci   prendere   più   dall'esteriorità,   dalla   regola   sociale,   come   se fossimo   inferiori   all'ambiente   in   cui   viviamo.   Perché   ci   formalizziamo   su   un   etichetta   o   un   comportamento   ed   abbiamo eliminato il Libro della sapienza e dell'amore? E’ meglio essere disastrati nell'abito o nel cuore?  IL PRURITO AL MONTE MISMA Al   male   dà   un   tremendo   fastidio   che   la   parola   di   Dio   si   espanda   come   il   Signore   ce   la   dona.    Anche   al   monte Misma,   luogo   scelto   da   Dio   con   manifestazioni   grandiose   (la   colomba   bianca,   il   santuario   illuminato,   Maria   Santissima), l'uomo   non   vuole   cambiare   le   proprie   abitudini,   porta   avanti   ciò   che   ha   nella   mente.   Non   dobbiamo   parlare   a   ruota   libera di   ciò   che   riteniamo   più   importante,   perché   potrebbe   essere   la   forza   del   nemico   che   usa   noi   per   cambiare   la   verità,   il linguaggi   del   silenzio,   dell’amore   e   della   preghiera   che   la   Madonna   ha   voluto   portare   su   questo   monte   per   farne   una scuola.   E   se   ci   fosse   sfuggito   qualcosa   di   indispensabile   per   il   nostro   cambiamento   personale,   solamente   per   aver   posto l'attenzione   in   altri   ragionamenti?   In   un   luogo   dove   ci   sono   tutti   carismi   necessari   per   portare   avanti   un   grande   progetto, parliamo   di   tutto   tranne   che   del   Misma,   mentre   a   casa   dove   potremmo   parlare   quanto   vogliamo,   siamo   senza   dialogo con i nostri cari, non abbiamo confidenza e complicità nella vita di coppia, sembriamo estranei. Ecco l'inghippo del male.   Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul monte Misma  
Il prurito della novità
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
Monte Misma - Oasi della Pace - via Spersiglio 25 Pradalunga (Bergamo)
stampa la pagina
Un deserto   sul Misma
Maria Ausiliatrice del monte Misma
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
Quando   capiremo   cosa   vuol   dire   veramente   la pace   dell'anima,   non   avremo   più   nessun   prurito di   voler   sapere   e   scoprire   sempre   qualcosa   di nuovo.   Capiremo   che   essere   in   ogni   parte   del mondo   o   semplicemente   dove   il   Signore   ci   ha posto,    non    cambia    niente.    Certo    è    gradevole anche   conoscere   e   vedere,   ma   non   deve   essere questo     un     prurito     continuo     di     innovazione, perché   ci   fa   perdere   il   senso   della   misura.   Dio   ha già    preordinato    tutto    per    noi    in    un    modo impeccabile    e    meraviglioso,    ma    noi    vogliamo ostinatamente   percorrere   una   strada   che   non   è nostra   e   così   non   troviamo   la   pace.   Il   Signore non   si   sottometterà   mai   a   noi,      sarebbe   la   nostra rovina.     Se     fossimo     consapevoli     di     questo, innanzitutto,     ci     dedicheremmo     totalmente     e scrupolosamente   alle   rivelazioni   e   alla   legge   di Dio.    Invece,    quando    abbiamo    soddisfatto    un prurito,    se    ne    innesca    subito    un    altro    più esigente.    Questi    desideri    provengono    dal male    e   sono   la   causa   di   tanti   errori.   Piuttosto che     ringraziare     il     Signore     per     quello     che abbiamo,   vogliamo   avere   l’esperienza   di   chi   ha una   cosa   più   eclatante   della   nostra.   Non   sarebbe bello   se   ci   acquietassimo   nell'animo?   Per   illuderci di   stare   meglio,   facciamo   di   tutto   per   cambiare quello    che    ci    sta    davanti,    così    offendiamo l'orizzonte   che   Dio   ha   preparato   per   noi.   Anche se    fuori    casa    nostra    ci    sono    sterpi    e    rovi, possiamo       ugualmente       dire:       "Come       sei meraviglioso   Signore!"   e   non   sentire   l'esigenza   di andare   a   destra   e   a   sinistra.   Non   è   l'ambiente che   ci   deve   cambiare,   ma   è   il   nostro   cuore che   deve   cambiare   l'ambiente;    infatti   quando siamo     sereni     nell'animo,     tutto     quello     che vediamo   è   ancora   più   bello   e   meraviglioso.   Poi, come   nostra   brutta   abitudine,   non   ci   facciamo più   caso.   In   generale   i   potenti   della   terra,   coloro che   possono   avere   le   cose   più   prelibate   e   vivere nei    posti    più    incantevoli,    sono    le    persone    più infelici,    mentre    quelli    che    invece    vivono    del necessario,   gustano   un   semplice   cibo   come   il   più succulento.   Che   diversità   che   dà   il   cuore!   Salvo qualche    eccezione,    le    persone    nevrotiche    e disadattate   sono   quelle   che   hanno   a   disposizione tutto   dalla   vita.   Perché   pretendiamo   che   Dio   si sottometta   all’uomo?   Sembra   una   eresia,   ma   in realtà      è      così:      l'uomo      subdolamente      e inconsciamente,    fa    finta    di    aver    capito,    ma continua   ad   approfondire   il   dito   nella   piaga   per far   trionfare   ciò   che   ritiene   giusto.   Ma   cosa   vuole ottenere?    Dio    ci    aveva    creati    perfetti    e    noi abbiamo   reso   imperfetto   il   nostro   cuore,   il   centro dei   nostri   sentimenti,   il   muscolo   che   domina   il mondo     dal     quale     dovrebbe     uscire     soltanto l'amore.   Sarebbe   un   mondo   meraviglioso   fidarci gli    uni    degli    altri,    senza    malvagità,    invidie, gelosie,   permalosità,   malafede,   malizia.   Invece commettiamo   il   grave   errore   di   voler   gestire   il mondo,   togliendo   a   Dio   la   sua   giusta   dimensione. È   inutile   che   ci   lamentiamo   quando   il   vaso   di creta    è    andato    in    frantumi,    i    cocci    non    li ritroviamo    più,    solo    Dio    ha    il    potere    di    farlo, come   in   un   replay.   Ma   noi,   dopo   averlo   deriso e   schernito,   non   lo   vogliamo   neanche   come Colui   che   può   ricomporre   tutto   il   disastro che   abbiamo   causato.    Davanti   a   questa   verità non    possiamo    pensare    di    essere    graditi    al Signore.   Se   abbiamo   il   meccanismo   dell'umiltà miglioreremo   la   nostra   vuota   condotta,   perché non   criticheremo   mai   nessuno   e   daremo   sempre una     giustificazione     positiva.     Però     dobbiamo imparare   veramente   a   non   lasciarci   prendere   più dall'esteriorità,    dalla    regola    sociale,    come    se fossimo    inferiori    all'ambiente    in    cui    viviamo. Perché    ci    formalizziamo    su    un    etichetta    o    un comportamento    ed    abbiamo    eliminato    il    Libro della    sapienza    e    dell'amore?    E’    meglio    essere disastrati nell'abito o nel cuore?  IL PRURITO AL MONTE MISMA Al    male    dà    un    tremendo    fastidio    che    la parola   di   Dio   si   espanda   come   il   Signore   ce la   dona.    Anche   al   monte   Misma,   luogo   scelto   da Dio    con    manifestazioni    grandiose    (la    colomba bianca,   il   santuario   illuminato,   Maria   Santissima), l'uomo   non   vuole   cambiare   le   proprie   abitudini, porta    avanti    ciò    che    ha    nella    mente.    Non dobbiamo    parlare    a    ruota    libera    di    ciò    che riteniamo     più     importante,     perché     potrebbe essere    la    forza    del    nemico    che    usa    noi    per cambiare    la    verità,    il    linguaggi    del    silenzio, dell’amore   e   della   preghiera   che   la   Madonna   ha voluto   portare   su   questo   monte   per   farne   una scuola.    E    se    ci    fosse    sfuggito    qualcosa    di indispensabile      per      il      nostro      cambiamento personale,   solamente   per   aver   posto   l'attenzione in   altri   ragionamenti?   In   un   luogo   dove   ci   sono tutti    carismi    necessari    per    portare    avanti    un grande   progetto,   parliamo   di   tutto   tranne   che   del Misma,   mentre   a   casa   dove   potremmo   parlare quanto    vogliamo,    siamo    senza    dialogo    con    i nostri   cari,   non   abbiamo   confidenza   e   complicità nella   vita   di   coppia,   sembriamo   estranei.   Ecco l'inghippo del male.  

Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul

monte Misma

 

I suggerimenti di Maria santissima sul monte Misma

                                               Il prurito della novità
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
versione mobile