Maria Ausiliatrice del monte Misma
Un deserto  sul Misma
  Troppe   malignità   fuoriescono   dalla   bocca   dell'uomo,   magari   verso   chi   sta   passando   un   momento   poco   gradevole   della sua   vita   dovuto   a   insidie   che   il   male   gli   ha   procurato   attraverso   azioni   inaspettate   e   incredibili.   Intanto   non   conosciamo fino   in   fondo   la   verità   di   nostro   fratello,   non   dovremmo   mai   prendere   posizione   per   sentito   dire   o   per   un   pettegolezzo. Dove   comunemente   si   tende   ad   elencare   i   difetti   e   gli   inghippi   che   ci   sono   (anche   in   un   consiglio   parrocchiale   o   sociale), perché   non   cominciamo   a   dire   i   nostri?   Quando   sentiamo   critiche   che   riguardano   qualsiasi   persona,   anche   quella   che obiettivamente   la   meriterebbe,   noi   dovremmo   dire:   " invece   di   dirmi   le   falsità   di   tuo   fratello,   dimmi   le   tue   malignità,   i   tuoi difetti,   i   tuoi   errori,   quello   che   hai   fatto   al   buio,   le   tue   tendenze   viziose.   Dimmi   le   tue   vigliaccherie ".   Allora   potremmo avere   un   riscontro   diverso   e   istantaneamente   quella   persona   farebbe   un   passo   indietro   perché   forse   le   sue   debolezze sono   più   marcate.   In   questo   senso   possiamo   comprendere   l'esortazione   di   san   Giacomo   (5,16)   Confessate   i   vostri peccati   gli   uni   gli   altri   e   pregate   gli   uni   gli   altri   per   essere   guariti” .   I   veri   operatori   di   pace   non   puntualizzano   i comportamenti   degli   altri,      non   difendono   il   bene   criticando   il   male   altrimenti   giudicano   il   fratello.   Condannare   non   è amore   ma   gelosia   e   invidia.   Dobbiamo   essere   in   quei   filtri   che   impediscono   al   male   di   dilatarsi,   disintegrando   le   critiche   e i   giudizi   quando   vengono   in   nostro   contatto.   Rivelare   le   ingiustizie   è   una   cosa   che   il   Signore   rifiuta,   tutte   le   volte   che   lo facciamo   siamo   in   peccato.   Eppure   sembra   che   non   abbiamo   mai   fatto   niente   di   male,   sembriamo   tutti   dei   candidati   al premio   Nobel   per   la   pace.   Se   vedessimo   la   nostra   condizione   davanti   agli   occhi   di   Dio   non   ci   riconosceremmo.   Che   cosa abbiamo   saputo   estrapolare   dalla   venuta   del   Signore   su   questa   terra?   Cosa   abbiamo   materializzato   nella   nostra   vita   dal Natale?   Quello   che   sta   accadendo   nel   mondo   non   è   una   novità,   era   stato   predetto   che   la   generazione   che   si   sarebbe allontanata   da   Dio   avrebbe   visto   cose   terribili.   È   triste   constatare   che   un'alta   percentuale   riguarda   persone   che frequentano   la   chiesa,   "il   rituale",   perché   non   conoscono   la   parola   di   Dio.   Per   quale   motivo   il   Signore   ci   chiede   se   troverà ancora   la   fede   nella   sua   seconda   venuta?   Eppure   il   mondo   non   è   mai   andato   così   male   come   in   questi   tempi   dove   si registra   il   boom   delle   preghiere   e   dei   pellegrinaggi.   Cristiani   vuol   dire   permettere   a   Dio   di   dimorare   nel   nostro   cuore: siamo   pronti   ad   accettare   qualsiasi   tipo   di   calunnia   e   di   ingiustizia   in   un   modo   mite   e   umile   come   ha   fatto   Gesù?   Il Signore   non   ha   detto   soltanto   di    essere   presente    dove   si   uniscono   a   pregare   due   o   più   persone ,   ma   di   lasciar   tutto   e seguirlo .   Non   vuol   dire   abbandonare   i   propri   beni,   ma   l'orgoglio,   la   gelosia   e      l'invidia.   Andiamo   a   rivelare   ciò   che   c'è nella   Bibbia?   Come   pensiamo   di   sostituire   la   parola   di   Dio   con   delle   preghiere   devozionali   o   dei   digiuni?   La   cosa   che   ci dà   più   gioia   è   quella   che   umanamente   ci   rattrista   di   più:   le   ingiustizie.    Chi   le   accetta   per   amore   di   Dio   si   sente vincente,   vorrebbe   rifare   la   stessa   esperienza   (con   le   debite   distanze...).   Questo   non   vuol   dire   essere   deboli   o   fragili, perché   poi   quando   le   acque   si   sono   calmate,   possiamo   riprendere   il   fratello   che   si   è   comportato   male.   Chi   vuole   imporre la   propria   linea   in   famiglia   o   con   la   persona   della   porta   accanto   è   un   terrorista.   Dobbiamo   disapprovare   con   dolcezza, affrontare   un   problema   evitando   lo   scontro   diretto,   perché   Dio   non   vuole   essere   rivelato   con   violenza.   È   il   male   che   ha paura   del   bene   o   è   il   bene   che   ha   paura   del   male?       L'artefice   del   bene   non   teme   nulla,   risana   ogni   posto   e   ogni luogo   perché   dalla   sua   bocca   esce   un   alito   d'amore.   Tra   il   bene   e   male   non   c'è   un   abisso   perché   quest'ultimo   si   presenta come   un   finito   bene.   Quando   ci   ritroviamo   in   nome   di   Dio   e   sentiamo   parlar   male,   noi   dissentiamo   educatamente   e   con dolcezza.   Non   dobbiamo   far   finta   di   niente   per   non   perdere   l'amicizia   o   per   rispetto   umano,   altrimenti   commettiamo   un peccato di omissione e un giorno ne dovremo rendere conto. Riveliamo la lieta novella, non sosteniamo mai la parola che non   edifica,   la   polemica,   gli   intrighi.   Lasciamo   perdere   tanti   discorsi   inutili,   è   meglio   combattere   una   battaglia   che   è   già stata   vinta   per   noi,   piuttosto   che   essere   in   subbuglio   tutta   una   vita   solamente   per   un   fatto   di   orgoglio.   Se   facessimo felice   il   nostro   nemico   dichiarato   noi   proveremmo   l'esperienza   meravigliosa   di   camminare   sulle   acque” ,   pieni   di   tanta grazia   del   Signore.   La   Madonna   desidera   le   cose   migliori   per   noi,   perché   non   desideriamo   le   cose   migliori   per   i   nostri fratelli?   Non   rattristiamoci   perché   poi   trasmettiamo   sempre   pessimismo,   rassegnazione.   Dobbiamo   essere   sereni,   anche nell'ambiente   di   lavoro,   superando   ogni   pettegolezzo,   così   esorcizziamo   il   male:   è   il   nostro   spirito   che   rivela   la   verità   non le   nostre   conoscenze.   Se   non   facciamo   la   differenza   con   chi   non   riceve   l'eucarestia   siamo   maggiormente   in   difetto, perché il Signore non gradisce i tiepidi.       Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul monte Misma  
Un’azione provocatoria
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
Monte Misma - Oasi della Pace - via Spersiglio 25 Pradalunga (Bergamo)
stampa la pagina
Un deserto   sul Misma
Maria Ausiliatrice del monte Misma
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
Troppe      malignità      fuoriescono      dalla      bocca dell'uomo,    magari    verso    chi    sta    passando    un momento   poco   gradevole   della   sua   vita   dovuto   a insidie   che   il   male   gli   ha   procurato   attraverso azioni    inaspettate    e    incredibili.    Intanto    non conosciamo    fino    in    fondo    la    verità    di    nostro fratello,   non   dovremmo   mai   prendere   posizione per    sentito    dire    o    per    un    pettegolezzo.    Dove comunemente   si   tende   ad   elencare   i   difetti   e   gli inghippi    che    ci    sono    (anche    in    un    consiglio parrocchiale   o   sociale),   perché   non   cominciamo   a dire    i    nostri?    Quando    sentiamo    critiche    che riguardano   qualsiasi   persona,   anche   quella   che obiettivamente    la    meriterebbe,    noi    dovremmo dire:   " invece   di   dirmi   le   falsità   di   tuo   fratello, dimmi   le   tue   malignità,   i   tuoi   difetti,   i   tuoi   errori, quello    che    hai    fatto    al    buio,    le    tue    tendenze viziose.     Dimmi     le     tue     vigliaccherie ".     Allora potremmo      avere      un      riscontro      diverso      e istantaneamente     quella     persona     farebbe     un passo    indietro    perché    forse    le    sue    debolezze sono    più    marcate.    In    questo    senso    possiamo comprendere   l'esortazione   di   san   Giacomo   (5,16) Confessate    i    vostri    peccati    gli    uni    gli    altri    e pregate   gli   uni   gli   altri   per   essere   guariti” .   I   veri operatori      di      pace      non      puntualizzano      i comportamenti   degli   altri,      non   difendono   il   bene criticando   il   male   altrimenti   giudicano   il   fratello. Condannare   non   è   amore   ma   gelosia   e   invidia. Dobbiamo   essere   in   quei   filtri   che   impediscono   al male    di    dilatarsi,    disintegrando    le    critiche    e    i giudizi    quando    vengono    in    nostro    contatto. Rivelare   le   ingiustizie   è   una   cosa   che   il   Signore rifiuta,   tutte   le   volte   che   lo   facciamo   siamo   in peccato.   Eppure   sembra   che   non   abbiamo   mai fatto     niente     di     male,     sembriamo     tutti     dei candidati    al    premio    Nobel    per    la    pace.    Se vedessimo   la   nostra   condizione   davanti   agli   occhi di   Dio   non   ci   riconosceremmo.   Che   cosa   abbiamo saputo   estrapolare   dalla   venuta   del   Signore   su questa   terra?   Cosa   abbiamo   materializzato   nella nostra   vita   dal   Natale?   Quello   che   sta   accadendo nel   mondo   non   è   una   novità,   era   stato   predetto che   la   generazione   che   si   sarebbe   allontanata   da Dio     avrebbe     visto     cose     terribili.     È     triste constatare     che     un'alta     percentuale     riguarda persone   che   frequentano   la   chiesa,   "il   rituale", perché   non   conoscono   la   parola   di   Dio.   Per   quale motivo   il   Signore   ci   chiede   se   troverà   ancora   la fede   nella   sua   seconda   venuta?   Eppure   il   mondo non   è   mai   andato   così   male   come   in   questi   tempi dove   si   registra   il   boom   delle   preghiere   e   dei pellegrinaggi.   Cristiani   vuol   dire   permettere   a   Dio di   dimorare   nel   nostro   cuore:   siamo   pronti   ad accettare   qualsiasi   tipo   di   calunnia   e   di   ingiustizia in   un   modo   mite   e   umile   come   ha   fatto   Gesù?   Il Signore   non   ha   detto   soltanto   di    essere   presente   dove   si   uniscono   a   pregare   due   o   più   persone , ma    di    lasciar    tutto    e    seguirlo .    Non    vuol    dire abbandonare    i    propri    beni,    ma    l'orgoglio,    la gelosia   e      l'invidia.   Andiamo   a   rivelare   ciò   che   c'è nella    Bibbia?    Come    pensiamo    di    sostituire    la parola   di   Dio   con   delle   preghiere   devozionali   o dei    digiuni?    La    cosa    che    ci    dà    più    gioia    è quella   che   umanamente   ci   rattrista   di   più:   le ingiustizie.    Chi   le   accetta   per   amore   di   Dio   si sente     vincente,     vorrebbe     rifare     la     stessa esperienza    (con    le    debite    distanze...).    Questo non   vuol   dire   essere   deboli   o   fragili,   perché   poi quando    le    acque    si    sono    calmate,    possiamo riprendere   il   fratello   che   si   è   comportato   male. Chi   vuole   imporre   la   propria   linea   in   famiglia   o con     la     persona     della     porta     accanto     è     un terrorista.   Dobbiamo   disapprovare   con   dolcezza, affrontare    un    problema    evitando    lo    scontro diretto,   perché   Dio   non   vuole   essere   rivelato   con violenza.   È   il   male   che   ha   paura   del   bene   o   è il   bene   che   ha   paura   del   male?       L'artefice   del bene   non   teme   nulla,   risana   ogni   posto   e   ogni luogo    perché    dalla    sua    bocca    esce    un    alito d'amore.   Tra   il   bene   e   male   non   c'è   un   abisso perché   quest'ultimo   si   presenta   come   un   finito bene.   Quando   ci   ritroviamo   in   nome   di   Dio   e sentiamo       parlar       male,       noi       dissentiamo educatamente   e   con   dolcezza.   Non   dobbiamo   far finta   di   niente   per   non   perdere   l'amicizia   o   per rispetto     umano,     altrimenti     commettiamo     un peccato   di   omissione   e   un   giorno   ne   dovremo rendere    conto.    Riveliamo    la    lieta    novella,    non sosteniamo    mai    la    parola    che    non    edifica,    la polemica,    gli    intrighi.    Lasciamo    perdere    tanti discorsi   inutili,   è   meglio   combattere   una   battaglia che   è   già   stata   vinta   per   noi,   piuttosto   che   essere in    subbuglio    tutta    una    vita    solamente    per    un fatto   di   orgoglio.   Se   facessimo   felice   il   nostro nemico   dichiarato   noi   proveremmo   l'esperienza meravigliosa   di   camminare   sulle   acque” ,   pieni   di tanta   grazia   del   Signore.   La   Madonna   desidera   le cose   migliori   per   noi,   perché   non   desideriamo   le cose      migliori      per      i      nostri      fratelli?      Non rattristiamoci    perché    poi    trasmettiamo    sempre pessimismo,    rassegnazione.    Dobbiamo    essere sereni,   anche   nell'ambiente   di   lavoro,   superando ogni   pettegolezzo,   così   esorcizziamo   il   male:   è   il nostro   spirito   che   rivela   la   verità   non   le   nostre conoscenze.   Se   non   facciamo   la   differenza   con chi   non   riceve   l'eucarestia   siamo   maggiormente in difetto, perché il Signore non gradisce i tiepidi.  

Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul

monte Misma

 

I suggerimenti di Maria santissima sul monte Misma

                                          Un’azione provocatoria
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
versione mobile