Maria Ausiliatrice del monte Misma
Un deserto  sul Misma
  Perché   vogliamo   ostinatamente   fare   di   testa   nostra   e   non   sperimentare   quello   che   Dio   ha   pensato   e   ideato   per   noi? Quando   il   Signore   disse   che   una   donna   avrebbe   schiacciato   il   capo   del   serpente,   annunciò   che   si   sarebbe   servito   di   una realtà   umana   per   determinare   il   trionfo   del   bene   sul   male.   Per   rispettare   ciò   che   ha   promesso   ai   nostri   padri,   Dio   si   è fatto   umiliare   e   insultare   per   millenni   dal   male,      mentre   noi   non   abbiamo   capito   la   nostra   responsabilità,   che   pur   essendo più   deboli,      abbiamo   ricevuto   la   forza   più   grande   per   essere   decisivi   nella   lotta   tra   il   bene   e   il   male.   Perché   vogliamo   dare priorità   al   fatto   secondario   e   non   a   quello   primario?   Facciamo   un   esempio.   A   destra   c'è   una   macchina   scassata,   che   solo a   guardarla   ci   giriamo   dall'altra   parte   perché   non   è   appetibile   e   a   sinistra   invece   c'è   un   bolide   seducente   e   ammaliante, con   tutti   gli   accessori   di   prima   qualità.   Incredibilmente   se   entriamo   con   amore   nella   macchina   che   tutti   rifiutano,   in   un modo   magico   si   accendono   tutti   gli   accessori   e   ci   fa   capire   che   abbiamo   gli   elementi   per   vincere   tutte   le   battaglie   del mondo.   E’   sgangherata   perché   da   millenni   l'hanno   lasciata   arrugginire   e   quasi   nessuno   l'ha   usata,   ma   è   la   proposta   di Dio,   la   qualità   di   vita   che   noi   non   vogliamo   accogliere.   Invece,   appena   saliti   nella   macchina   più   attraente,   dove   tutti fanno   la   fila   per   entrare,   ci   rendiamo   conto   che   ci   porta   su   sentieri   irti   e   tortuosi,   facendoci   perdere   tutte   le   battaglie della   vita.   E’   il   male   che   ci   seduce   con   delle   promesse   di      successo,   di   denaro   e   di   piacere   che   poi   paghiamo   a   caro prezzo.   Pensiamo   di   sostenere   ciò   che   sta   a   cuore   a   Maria   Santissima   e   invece   sosteniamo   ciò   che   la   fa   soffrire.   Perché   ci fa   così   paura   sperimentare   l'esperienza   dell'amore,   rinunciare,   offrirsi   per   la   gioia   del   fratello,   accettare   le   ingiustizie,   le umiliazioni   e   le   persecuzioni?   Quell'utilitaria   scassata   il   Signore   improvvisamente   la   trasforma   nella   macchina   più   bella del   mondo.   Davanti   a   queste   due   opzioni,   quale   scegliamo?   La   cosa   peggiore   è   capire   troppo   tardi   che   siamo   caduti   nella trappola   infernale,    dove   quei   momenti   di   successo   e   di   piacere,   li   paghiamo   in   una   misura   impressionante.   E’   l’errore commesso   dai   grandi   nomi   della   storia,   che   poi   sono   spariti   nel   nulla   insieme   ai   loro   eredi.   Perché   continuiamo   a sragionare?   L'orgoglio   ci   farà   vedere   sempre   che   dobbiamo   scegliere   la   parte   che   più   attraente,   quella   che   ci   fa guadagnare.   Chi   di   noi   vedendo   una   villa   maestosa,   sceglie   di   andare   in   un   locale   trascurato?   Non   erano   forse   in paradiso   Rut   e   Noemi   nella   loro   piccola   casa?   Il   trionfo   del   bene   ha   il   suo   peso,   il   suo   costo,   il   suo   sacrificio,   mentre   il trionfo del male ci illude di avere tutto, ma poi ci toglie tutto perché ci  tradisce nel modo più clamoroso.  LA PROVOCAZIONE DELL’INGIUSTIZIA La   Madonna   non   si   esprime   con   un   fiume   di   parole,   ma   con   l'intensità   dello   sguardo,   del   pensiero,   della   dolcezza   o dell’apprensione.   Sappiamo   non   farci   provocare   dal   male   come   ha   fatto   Maria   Santissima?   Se   vogliamo   difendere   ogni ingiustizia   in   un   modo   umano,   allora   inconsapevolmente   sosteniamo   colui   che   vuole   vendicarsi   di   Dio   attraverso   di   noi.   Il mondo   peggiorerà   sempre   più   se   rimarremo   sulle   nostre   posizioni   in   attesa   che   il   Signore   intervenga,   perché   lui   si aspetta   che   siamo   noi   a   fermare   il   male.   Non   è   meglio   dire   una   preghiera   in   meno   ed   avere   una   consapevolezza in   più?      Tutte   le   parole   che   il   Signore   ci   ha   dato   per   mezzo   dei   profeti,   dall'Antico   al   Nuovo   Testamento,   trovano   trionfo   o sconfitta   attraverso   di   noi.   Se   vogliamo   stare   dalla   sua   parte   ci   metterà   alla   prova   come   ha   fatto   con   Giobbe,   che   è   stato insultato   anche   dai   suoi   amici.   Quante   volte   avremo   messo   in   croce   un   amico   che   stava   già   vivendo   prove   dure   e attacchi   disumani?   Se   abbiamo   l'amore   nel   cuore   ci   viene   di   alleviare   le   sofferenze   di   chi   soffre,   non   di   andare a   trovare   l'elemento   che   possa   aver   causato   la   sua   sofferenza.   Il   male   trova   spazio   dentro   di   noi   nelle   cose   che riteniamo   più   giuste   e   che   vogliamo   difendere,   ma   se   non   abbiamo   l'amore   e   la   pace   fra   di   noi,   prenderemo   spunto   da tutte   le   cose   per   far   posto   al   pettegolezzo,   al   giudizio.   Chi   critica   la   propria   famiglia   la   vuole   distruggere,   perché   ha qualcosa   di   più   gradevole   fuori   casa,   mentre   chi   pensa   di   avere   nella   propria   casa   la   parte   migliore   non   gli   trova   difetti   e guai   a   chi   gliela   tocca.   Il   male   ci   illude   che   abbiamo   il   potere   di   giudicare   ciò   che   è   giusto   e   ciò   che   è   ingiusto,   il   bene invece   ci   dice   di   non   giudicare   e   non   criticare,   che   non   è   affar   nostro.   Tutto   ciò   che   non   è   giusto   rimane   sulla   terra,   ma   in cielo si portano solamente le buone azioni, i sacrifici, le umiliazioni, le ingiustizie, l’amore verso il nemico.    Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul monte Misma  
Le due proposte
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
Monte Misma - Oasi della Pace - via Spersiglio 25 Pradalunga (Bergamo)
stampa la pagina
Un deserto   sul Misma
Maria Ausiliatrice del monte Misma
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
Perché    vogliamo    ostinatamente    fare    di    testa nostra    e    non    sperimentare    quello    che    Dio    ha pensato    e    ideato    per    noi?    Quando    il    Signore disse   che   una   donna   avrebbe   schiacciato   il   capo del   serpente,   annunciò   che   si   sarebbe   servito   di una   realtà   umana   per   determinare   il   trionfo   del bene     sul     male.     Per     rispettare     ciò     che     ha promesso   ai   nostri   padri,   Dio   si   è   fatto   umiliare   e insultare   per   millenni   dal   male,      mentre   noi   non abbiamo   capito   la   nostra   responsabilità,   che   pur essendo   più   deboli,      abbiamo   ricevuto   la   forza più   grande   per   essere   decisivi   nella   lotta   tra   il bene   e   il   male.   Perché   vogliamo   dare   priorità   al fatto     secondario     e     non     a     quello     primario? Facciamo   un   esempio.   A   destra   c'è   una   macchina scassata,     che     solo     a     guardarla     ci     giriamo dall'altra    parte    perché    non    è    appetibile    e    a sinistra     invece     c'è     un     bolide     seducente     e ammaliante,    con    tutti    gli    accessori    di    prima qualità.   Incredibilmente   se   entriamo   con   amore nella   macchina   che   tutti   rifiutano,   in   un   modo magico   si   accendono   tutti   gli   accessori   e   ci   fa capire   che   abbiamo   gli   elementi   per   vincere   tutte le   battaglie   del   mondo.   E’   sgangherata   perché   da millenni    l'hanno    lasciata    arrugginire    e    quasi nessuno   l'ha   usata,   ma   è   la   proposta   di   Dio,   la qualità   di   vita   che   noi   non   vogliamo   accogliere. Invece,     appena     saliti     nella     macchina     più attraente,   dove   tutti   fanno   la   fila   per   entrare,   ci rendiamo   conto   che   ci   porta   su   sentieri   irti   e tortuosi,   facendoci   perdere   tutte   le   battaglie   della vita.   E’   il   male   che   ci   seduce   con   delle   promesse di        successo,    di    denaro    e    di    piacere    che    poi paghiamo   a   caro   prezzo.   Pensiamo   di   sostenere ciò   che   sta   a   cuore   a   Maria   Santissima   e   invece sosteniamo   ciò   che   la   fa   soffrire.   Perché   ci   fa   così paura     sperimentare     l'esperienza     dell'amore, rinunciare,    offrirsi    per    la    gioia    del    fratello, accettare     le     ingiustizie,     le     umiliazioni     e     le persecuzioni?   Quell'utilitaria   scassata   il   Signore improvvisamente   la   trasforma   nella   macchina   più bella   del   mondo.   Davanti   a   queste   due   opzioni, quale    scegliamo?    La    cosa    peggiore    è    capire troppo    tardi    che    siamo    caduti    nella    trappola infernale,    dove   quei   momenti   di   successo   e   di piacere,       li       paghiamo       in       una       misura impressionante.   E’   l’errore   commesso   dai   grandi nomi   della   storia,   che   poi   sono   spariti   nel   nulla insieme    ai    loro    eredi.    Perché    continuiamo    a sragionare?   L'orgoglio   ci   farà   vedere   sempre   che dobbiamo   scegliere   la   parte   che   più   attraente, quella   che   ci   fa   guadagnare.   Chi   di   noi   vedendo una   villa   maestosa,   sceglie   di   andare   in   un   locale trascurato?   Non   erano   forse   in   paradiso   Rut   e Noemi   nella   loro   piccola   casa?   Il   trionfo   del   bene ha    il    suo    peso,    il    suo    costo,    il    suo    sacrificio, mentre   il   trionfo   del   male   ci   illude   di   avere   tutto, ma   poi   ci   toglie   tutto   perché   ci      tradisce   nel modo più clamoroso.  LA PROVOCAZIONE DELL’INGIUSTIZIA La    Madonna    non    si    esprime    con    un    fiume    di parole,    ma    con    l'intensità    dello    sguardo,    del pensiero,     della     dolcezza     o     dell’apprensione. Sappiamo   non   farci   provocare   dal   male   come   ha fatto   Maria   Santissima?   Se   vogliamo   difendere ogni    ingiustizia    in    un    modo    umano,    allora inconsapevolmente    sosteniamo    colui    che    vuole vendicarsi    di    Dio    attraverso    di    noi.    Il    mondo peggiorerà   sempre   più   se   rimarremo   sulle   nostre posizioni    in    attesa    che    il    Signore    intervenga, perché   lui   si   aspetta   che   siamo   noi   a   fermare   il male.   Non   è   meglio   dire   una   preghiera   in meno   ed   avere   una   consapevolezza   in   più?     Tutte    le    parole    che    il    Signore    ci    ha    dato    per mezzo      dei      profeti,      dall'Antico      al      Nuovo Testamento,      trovano      trionfo      o      sconfitta attraverso   di   noi.   Se   vogliamo   stare   dalla   sua parte   ci   metterà   alla   prova   come   ha   fatto   con Giobbe,    che    è    stato    insultato    anche    dai    suoi amici.   Quante   volte   avremo   messo   in   croce   un amico    che    stava    già    vivendo    prove    dure    e attacchi    disumani?    Se    abbiamo    l'amore    nel cuore   ci   viene   di   alleviare   le   sofferenze   di chi     soffre,     non     di     andare     a     trovare l'elemento   che   possa   aver   causato   la   sua sofferenza.   Il   male   trova   spazio   dentro   di   noi nelle    cose    che    riteniamo    più    giuste    e    che vogliamo   difendere,   ma   se   non   abbiamo   l'amore e   la   pace   fra   di   noi,   prenderemo   spunto   da   tutte le   cose   per   far   posto   al   pettegolezzo,   al   giudizio. Chi     critica     la     propria     famiglia     la     vuole distruggere,   perché   ha   qualcosa   di   più   gradevole fuori    casa,    mentre    chi    pensa    di    avere    nella propria   casa   la   parte   migliore   non   gli   trova   difetti e   guai   a   chi   gliela   tocca.   Il   male   ci   illude   che abbiamo   il   potere   di   giudicare   ciò   che   è   giusto   e ciò   che   è   ingiusto,   il   bene   invece   ci   dice   di   non giudicare   e   non   criticare,   che   non   è   affar   nostro. Tutto   ciò   che   non   è   giusto   rimane   sulla   terra,   ma in   cielo   si   portano   solamente   le   buone   azioni,   i sacrifici,    le    umiliazioni,    le    ingiustizie,    l’amore verso il nemico. 

Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul

monte Misma

 

I suggerimenti di Maria santissima sul monte Misma

                                            Le due proposte!
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
versione mobile