Maria Ausiliatrice del monte Misma
Un deserto  sul Misma
  E’venuto   il   tempo   di   decidere   da   che   parte   vogliamo   stare   e   di   promettere   al   Signore   di   essere   obbedienti   alla   sua   legge, di   sostenerla   e   di   confidare   solamente   in   lui.   Anche   se   ci   sembra   una   cosa   semplice   e   scontata,      potrebbero   averla   fatta troppo   in   pochi   in   passato,   forse   nemmeno   gli   israeliti   che   uscivano   dal   deserto   dopo   aver   visto   segni   e   prodigi!   Se veramente   i   popoli   in   ogni   epoca,   dal   vecchio   al   nuovo   testamento,   avessero   offerto   l'obbedienza   ai   comandamenti   e   alla legge   del   Signore   non   ci   sarebbero   ebrei,   ortodossi,   musulmani,   mormoni,   evangelisti,   ecc.,   perché   tutte   queste   realtà hanno   basato   la   loro   partenza   sulla   Bibbia.   È   mai   possibile   che   dallo   stesso   libro   nascano   tante   leggi,   dottrine   e   teorie? Dobbiamo   smetterla   di   commentare,   di   ragionare   e   di   dividerci   perché   mai   nessuno   ha   dimostrato   di   essere   obbediente alla   legge   di   Dio.   Questo   non   vuol   dire   che   dobbiamo   andare   a   contrastare   con   gli   altri:   che   ognuno   faccia   il   suo,   ma nessuno   impedisce   a   noi   di   vedere   la   verità.   E’   importante   prometterci   fedeli   alla   parola   e   ai   comandamenti   del   Signore; potremmo   far   nascere   una   nuova   era,   perché   le   cose   di   Dio   nascono   all'insaputa   di   tutti,   quando   nessuno   se   le   aspetta. Ci   dovrebbe   dispiacere   vedere   una   confusione   e   una   disarmonia   davanti   all'unico   Dio   che   ha   dato   un'unica   legge.   È   una cosa   obbrobriosa,   togliere   o   aggiungere   pagine   alla   Bibbia.   Ad   esempio   nel   libro   della   Genesi,   che   tante   dottrine   usano come   base,   è   scritto   che   la   donna   (riferendosi   alla   Madonna)   schiaccerà   il   capo   al   serpente:   ma   perché   non   viene considerata   questa   parte   della   Bibbia?   Perché   viene   rifiutato   e   non   viene   detto   che   i   profeti   dell'antico   testamento   hanno annunciato   la   venuta   di   Dio?   Non   è   per   criticare   altri,   ma   è   ora   di   finirla   di   confondere   le   acque   a   svantaggio   dei   nostri figli   e   dei   nostri   nipoti,   coloro   che   senza   colpa   ne   pagheranno   le   conseguenze.   Non   abbiamo   alcun   diritto   di   svuotare   e modificare   il   contenuto   della   Bibbia,   dobbiamo   prendere   tutto   dalla   A   alla   Z   con   una   fedeltà   totale,   per   essere   veramente fedeli   alla   parola   del   Signore.   Geremia   ha   detto   (cap.7):   “Dice   il   Signore   degli   eserciti,   Dio   di   Israele:   Aggiungete   pure   i vostri   olocausti   ai   vostri   sacrifici   e   mangiatene   la   carne!   In   verità   io   non   parlai   né   diedi   comandi   sull'olocausto   e   sul sacrificio   ai   vostri   padri,   quando   li   feci   uscire   dal   paese   d'Egitto.   Ma   questo   comandai   loro:   Ascoltate   la   mia   voce!   Allora io   sarò   il   vostro   Dio   e   voi   sarete   il   mio   popolo;   e   camminate   sempre   sulla   strada   che   vi   prescriverò,   perché   siate   felici”. Mai   il   Signore   ha   dato   certe   leggi   che   varie   dottrine   applicano;   mai   ha   detto   di   offrire   sacrifici   o   olocausti   quando non   rispettiamo   la   sua   legge!   Non   sa   che   farsene.   Ce   lo   ha   detto   lui   ai   tempi   del   profeta   Geremia   perché   sapeva   già come   andavamo   a   finire.   I   nostri   piccoli   sacrifici   in   tempo   di   Quaresima,   tipo   le   rinunce   di   caffè,   sigarette,   caramelle, ecc.,   sono   una   bazzecola   davanti   a   Dio,   perché   se   fossimo   sostenuti   dalla   fede   sarebbero   una   gioia   per   noi.   Altro   che pensare   di   avere   dei   meriti...   Non   è   che   i   nostri   digiuni   non   siano   graditi   al   Signore,   ma   si   aspetta   qualcosa   in   più,   che confermiamo   quello   che   è   scritto   sul   libro   della   verità,   che   ci   amiamo   gli   uni   gli   altri.   Non   formalizziamoci   su   cose   che   il Signore   apprezza,   ma   su   quelle   che   apprezza   molto   di   più   e   che   noi   non   riusciamo   a   dare:   i l   rispetto   della   sua   legge   e dei   suoi   decreti.    Poi   facciamo   anche   quelle   rinunce   che   ci   propone   la   santa   Chiesa.   Spogliamoci   dell'abito   vecchio   e rivestiamoci   di   quello   nuovo   attraverso   la   nostra   disponibilità   al   Signore.   Così   avranno      valore   anche   i   nostri   impegni   e   i nostri sacrifici!   COSA HA FATTO IL SIGNORE DI MALE? Gesù   ha   detto   che   al   suo   ritorno   troverà   un   piccolo   resto,   perché   troppi   si   lasceranno   prendere   anche   da   falsi   stili comportamentali.   Prendiamo   la   prima   lettera   di   San   Paolo   a   Timoteo:   ”Lo   Spirito   dichiara   apertamente   che   negli   ultimi tempi   alcuni   si   allontaneranno   dalla   fede,   dando   retta   a   spiriti   menzogneri   e   a   dottrine   diaboliche,   sedotti   dall'ipocrisia   di impostori,   già   bollati   a   fuoco   nella   loro   coscienza.   Costoro   vieteranno   il   matrimonio,   imporranno   di   astenersi   da   alcuni cibi   che   Dio   ha   creato   per   essere   mangiati   ..“.    O   siamo   dei   lettori   smemorati   o   ci   sfuggono   clamorosamente   le   verità rivelate   dalla   Bibbia.   Abbiamo   soltanto   ricordato   quelle   che   servivano   per   difendere   i   nostri   interessi.   Osserviamo piuttosto   la   legge   di   Dio,   per   evitare   di   maledirci   con   il   nostro   comportamento   (Geremia   c.17)   e   fare   la   fine   di   certi   popoli che   non   hanno   obbedito   ai   comandamenti   del   Signore.   In   fondo   la   Madonna   ci   ricorda   solo   quello   che   ci   siamo dimenticati:   non   aggiunge   nè   toglie   nulla   di   ciò   che   è   scritto   sulla   Bibbia.   Se   rifiutiamo   la   verità   che   ascoltiamo   dal   monte Misma   per   bocca   del   profeta   Roberto,   significa   che   abbiamo   una   malvagità   interiore   che   ci   porta   ad   avere   scontri   e divisioni   con   tutti   quelli   che   incontriamo,   specialmente   con   i   nostri   familiari.   Significa   che   in   noi   non   c'è   più   bontà d'animo,   ma   asprezza   d'animo,   orgoglio,   cattiveria,   invidia,   arroganza,   presunzione   e   desiderio   di   far   trionfare   solamente le   nostre   idee,   tutte   cose   che   ci   impediscono   di   migliorare   i   nostri   errori   e   di   sostenere   veramente   la   legge   di   Dio.   Ah, quanto   si   aspetta   Maria   Santissima   che   noi   promettiamo   al   Signore   fedeltà   alla   sua   legge!   Ma   il   Signore   potrebbe   anche chiederci:   " Ditemi,   cosa   ho   fatto   di   male   perché   il   mio   popolo   abbia   a   comportarsi   con   una   disobbedienza   tale?".   E sappiamo che il Signore non ha fatto qualcosa di male, ma è solo colpa nostra...    Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul monte Misma  
Promettiamo fedeltà alle leggi di Dio
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
Monte Misma - Oasi della Pace - via Spersiglio 25 Pradalunga (Bergamo)
stampa la pagina
Un deserto   sul Misma
Maria Ausiliatrice del monte Misma
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
  E’venuto    il    tempo    di    decidere    da    che    parte vogliamo    stare    e    di    promettere    al    Signore    di essere   obbedienti   alla   sua   legge,   di   sostenerla   e di   confidare   solamente   in   lui.   Anche   se   ci   sembra una   cosa   semplice   e   scontata,      potrebbero   averla fatta   troppo   in   pochi   in   passato,   forse   nemmeno gli   israeliti   che   uscivano   dal   deserto   dopo   aver visto   segni   e   prodigi!   Se   veramente   i   popoli   in ogni    epoca,    dal    vecchio    al    nuovo    testamento, avessero   offerto   l'obbedienza   ai   comandamenti   e alla   legge   del   Signore   non   ci   sarebbero   ebrei, ortodossi,     musulmani,     mormoni,     evangelisti, ecc.,   perché   tutte   queste   realtà   hanno   basato   la loro   partenza   sulla   Bibbia.   È   mai   possibile   che dallo   stesso   libro   nascano   tante   leggi,   dottrine   e teorie?   Dobbiamo   smetterla   di   commentare,   di ragionare   e   di   dividerci   perché   mai   nessuno   ha dimostrato   di   essere   obbediente   alla   legge   di   Dio. Questo   non   vuol   dire   che   dobbiamo   andare   a contrastare   con   gli   altri:   che   ognuno   faccia   il   suo, ma   nessuno   impedisce   a   noi   di   vedere   la   verità. E’   importante   prometterci   fedeli   alla   parola   e   ai comandamenti     del     Signore;     potremmo     far nascere   una   nuova   era,   perché   le   cose   di   Dio nascono   all'insaputa   di   tutti,   quando   nessuno   se le   aspetta.   Ci   dovrebbe   dispiacere   vedere   una confusione   e   una   disarmonia   davanti   all'unico   Dio che     ha     dato     un'unica     legge.     È     una     cosa obbrobriosa,    togliere    o    aggiungere    pagine    alla Bibbia.   Ad   esempio   nel   libro   della   Genesi,   che tante   dottrine   usano   come   base,   è   scritto   che   la donna    (riferendosi    alla    Madonna)    schiaccerà    il capo     al     serpente:     ma     perché     non     viene considerata    questa    parte    della    Bibbia?    Perché viene   rifiutato   e   non   viene   detto   che   i   profeti dell'antico     testamento     hanno     annunciato     la venuta   di   Dio?   Non   è   per   criticare   altri,   ma   è   ora di   finirla   di   confondere   le   acque   a   svantaggio   dei nostri   figli   e   dei   nostri   nipoti,   coloro   che   senza colpa     ne     pagheranno     le     conseguenze.     Non abbiamo   alcun   diritto   di   svuotare   e   modificare   il contenuto   della   Bibbia,   dobbiamo   prendere   tutto dalla   A   alla   Z   con   una   fedeltà   totale,   per   essere veramente     fedeli     alla     parola     del     Signore. Geremia   ha   detto   (cap.7):   “Dice   il   Signore   degli eserciti,   Dio   di   Israele:   Aggiungete   pure   i   vostri olocausti   ai   vostri   sacrifici   e   mangiatene   la   carne! In     verità     io     non     parlai     né     diedi     comandi sull'olocausto    e    sul    sacrificio    ai    vostri    padri, quando    li    feci    uscire    dal    paese    d'Egitto.    Ma questo    comandai    loro:    Ascoltate    la    mia    voce! Allora   io   sarò   il   vostro   Dio   e   voi   sarete   il   mio popolo;   e   camminate   sempre   sulla   strada   che   vi prescriverò,   perché   siate   felici”.   Mai   il   Signore   ha dato    certe    leggi    che    varie    dottrine    applicano; mai   ha   detto   di   offrire   sacrifici   o   olocausti quando   non   rispettiamo   la   sua   legge!   Non sa   che   farsene.   Ce   lo   ha   detto   lui   ai   tempi   del profeta     Geremia     perché     sapeva     già     come andavamo    a    finire.    I    nostri    piccoli    sacrifici    in tempo    di    Quaresima,    tipo    le    rinunce    di    caffè, sigarette,    caramelle,    ecc.,    sono    una    bazzecola davanti   a   Dio,   perché   se   fossimo   sostenuti   dalla fede    sarebbero    una    gioia    per    noi.    Altro    che pensare   di   avere   dei   meriti...   Non   è   che   i   nostri digiuni    non    siano    graditi    al    Signore,    ma    si aspetta   qualcosa   in   più,   che   confermiamo   quello che   è   scritto   sul   libro   della   verità,   che   ci   amiamo gli   uni   gli   altri.   Non   formalizziamoci   su   cose   che   il Signore    apprezza,    ma    su    quelle    che    apprezza molto   di   più   e   che   noi   non   riusciamo   a   dare:   i l rispetto   della   sua   legge   e   dei   suoi   decreti.   Poi   facciamo   anche   quelle   rinunce   che   ci   propone la   santa   Chiesa.   Spogliamoci   dell'abito   vecchio   e rivestiamoci   di   quello   nuovo   attraverso   la   nostra disponibilità    al    Signore.    Così    avranno        valore anche i nostri impegni e i nostri sacrifici!   COSA HA FATTO IL SIGNORE DI MALE? Gesù    ha    detto    che    al    suo    ritorno    troverà    un piccolo     resto,     perché     troppi     si     lasceranno prendere    anche    da    falsi    stili    comportamentali. Prendiamo    la    prima    lettera    di    San    Paolo    a Timoteo:   ”Lo   Spirito   dichiara   apertamente   che negli   ultimi   tempi   alcuni   si   allontaneranno   dalla fede,    dando    retta    a    spiriti    menzogneri    e    a dottrine     diaboliche,     sedotti     dall'ipocrisia     di impostori,   già   bollati   a   fuoco   nella   loro   coscienza. Costoro   vieteranno   il   matrimonio,   imporranno   di astenersi   da   alcuni   cibi   che   Dio   ha   creato   per essere     mangiati     ..“.      O     siamo     dei     lettori smemorati    o    ci    sfuggono    clamorosamente    le verità    rivelate    dalla    Bibbia.    Abbiamo    soltanto ricordato    quelle    che    servivano    per    difendere    i nostri   interessi.   Osserviamo   piuttosto   la   legge   di Dio,    per    evitare    di    maledirci    con    il    nostro comportamento   (Geremia   c.17)   e   fare   la   fine   di certi     popoli     che     non     hanno     obbedito     ai comandamenti   del   Signore.   In   fondo   la   Madonna ci   ricorda   solo   quello   che   ci   siamo   dimenticati: non   aggiunge   nè   toglie   nulla   di   ciò   che   è   scritto sulla     Bibbia.     Se     rifiutiamo     la     verità     che ascoltiamo    dal    monte    Misma    per    bocca    del profeta    Roberto,    significa    che    abbiamo    una malvagità   interiore   che   ci   porta   ad   avere   scontri e    divisioni    con    tutti    quelli    che    incontriamo, specialmente   con   i   nostri   familiari.   Significa   che in   noi   non   c'è   più   bontà   d'animo,   ma   asprezza d'animo,   orgoglio,   cattiveria,   invidia,   arroganza, presunzione      e      desiderio      di      far      trionfare solamente    le    nostre    idee,    tutte    cose    che    ci impediscono    di    migliorare    i    nostri    errori    e    di sostenere   veramente   la   legge   di   Dio.   Ah,   quanto si   aspetta   Maria   Santissima   che   noi   promettiamo al   Signore   fedeltà   alla   sua   legge!   Ma   il   Signore potrebbe   anche   chiederci:   " Ditemi,   cosa   ho   fatto di   male   perché   il   mio   popolo   abbia   a   comportarsi con   una   disobbedienza   tale?".   E   sappiamo   che   il Signore   non   ha   fatto   qualcosa   di   male,   ma   è   solo colpa nostra... 

Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul

monte Misma

 
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
versione mobile