Maria Ausiliatrice del monte Misma
Un deserto  sul Misma
Il   male   per   impedirci   di   andare   incontro   alla   gioia   ci   fa   trovare   sul   cammino   della   vita   le   persone   meno   desiderose   di incontrare   e   ci   fa   affrontare   situazioni   che   mai   avremmo   pensato   di   affrontare,   perché   sa   che   l'umano   ha   un   limite   di sopportazione.    Davanti    al    Signore    dobbiamo    avere    molta    pazienza     e    tante    cose    che    sono    impensabili improvvisamente   si   risolvono.   Le   abitudini   del   mondo   hanno   sempre   deviato   la   massa   della   popolazione   verso   la   ragione dell'uomo.   Spiritualmente   parlando   non   ci   deve   essere   né   ragione   né   torto   perché   sono   esperienze   diverse,   non   è   che uno   ha   ragione   e   l'altro   torto,   in   generale   ci   sono   abitudini   e   conoscenze   diverse,   modi   differenti   di   ragionare.   Il   Signore attraverso   lo   Spirito   Santo   che   ha   dato   a   ciascuno   di   noi,   ci   fa   capire   come   dobbiamo   comportarci   in   ogni   momento   della vita.   Non   c'è   persona   più   scaltra   di   quella   che   si   abbandona   a   Dio,   non   è   vero   che   sono   più   scaltri   i   figli   delle tenebre.   Loro   mirano   a   un   risultato   terreno,   i   figli   della   luce   invece   rincorrono   un'eredità   che   non   si   vede   e   non   si conosce,   la   gioia   eterna.   Tanti   personaggi   di   altissimo   livello   della   storia   erano   invidiosi   del   mendicante   che   diceva   la verità,   per   questo   lo   eliminavano.   Uno   che   è   disperato,   arrabbiato,   invidioso   e   geloso   non   desidera   il   bene   del   prossimo… Sono   più   scaltri   i   figli   della   luce   anche   se   subiscono   umiliazioni   e   versano   lacrime   di   delusione   e   tristezza,   perché   si guadagnano   la   ricchezza   dell'eternità.   Se   ci   credessimo   veramente   sarebbe   più   facile   per   noi   volerci   bene   e   accettare delle   rinunce   per   far   felici   gli   altri.   Invece   siamo   pronti   a   dire   che   non   tocca   a   noi   fare   qualcosa   in   più.   Quale   profitto abbiamo   dato   al   Signore   che   ci   ha   dato   tutto   gratuitamente   e   la   legge   dell'amore   da   praticare?   Durante   un   pellegrinaggio a   Fatima,   per   due   giorni   Roberto   ha   sentito   grandi   sofferenze   mai   provate   prima.   Che   cosa   è   accaduto?   Nel   piazzale   del santuario   in   mezzo   a   migliaia   di   persone,   la   Madonna   ha   fatto   vedere   a   Roberto   che   solo   una   piccolissima   percentuale traeva    profitto    dal    pellegrinaggio:    “Vedi,    tutti    quelli    che    si    muovono    e    vengono    per    onorare    i    luoghi    benedetti, raggiungono   il   loro   profitto   meno   l'artefice   di   tanta   meraviglia,   Dio”.   È   una   visione   da   brividi!   Hanno   la   loro   parte   di guadagno   quelli   che   organizzano   i   pellegrinaggi   (a   loro   non   importa   il   comportamento   dei   fedeli),   gli   albergatori,   i venditori   ai   botteghini,   i   gestori   delle   aree   di   servizio,   anche   i   vescovi   e   i   sacerdoti.   Il   profitto   del   pellegrino   a   volte   è quello   di   spendere   meno…   Quanta   dispersione   di   grazia!   Non   vogliamo   neanche   saperne   di   attingere   gratuitamente   alla nostra   salvezza   perché   siamo   pieni   di   noi   stessi   e   attaccati   alla   nostra   ragione.   Nell'epoca   in   cui   si   muovono   orde   di pellegrini   verso   tutti   i   santuari   e   salgono   in   cielo   miliardi   di   preghiere,   Roberto   ha   percepito   che    la   Madonna   e   il Signore   non   sono   contenti.   Dov'è   il   profitto?   Dov'è   l'amore   tra   di   noi?   Basterebbe   una   goccia   della   grazia   di   Dio   per fare   un   salto   di   qualità,   perché   in   quella   goccia   c'è   l'umiltà   e   la   sapienza.   Invece   è   diminuita   la   fede.   Quanta   arroganza   si vede   nei   santuari,   basta   un   niente   per   far   scontrare   i   pellegrini   sullo   stesso   pullman.   Tutti   hanno   raggiunto   il   profitto tranne   Colui   che   ha   voluto   far   nascere   una   storia   in   quel   luogo   per   dare   profitto   a   noi.   Quanta   mancanza   di   rispetto   e   di solidarietà   verso   i   santi   che   hanno   versato   sangue   per   parlarci   d’amore!   Quale   profitto   dimostriamo   di   aver   ricevuto? Dovremmo   ringraziare   il   Signore   che   per   beneficiarci   ha   richiesto   un   sacrificio   ad   altri   umani.   Nella   nostra   epoca   molto   si è   distrutto   e   chi   resiste   è   contagiato   negativamente   dagli   altri.   Verrà   il   giorno   che   saranno   distrutti   anche   i   nostri santuari   perché   non   è   salito   al   cielo   ciò   che   bisognava   dare   al   Signore   gratuitamente.   Il   profitto   che   ci   dà   Dio   è   il   nostro carburante,   non   è   quello   che   ci   fa   tornare   a   casa   come   candele   spente.   Tanti   vescovi   combattono   contro   i   mulini   a   vento, sprecano   molto   della   loro   energia   e   devono   essere   dei   fuoriclasse   della   parola   di   Dio   per   reggere   a   tante   pressioni   e   a tanta   confusione.   Come   possiamo   criticare   coloro   che   nemmeno   conosciamo?   È   questa   la   battaglia   dei   titani   perché   il male   sta   facendo   sfracelli.   Viviamo   un   momento   difficile   per   i   nostri   peccati   non   per   quelli   di   un   Papa   o   di   un   vescovo, che   magari   non   hanno   nemmeno   un   sostegno   umano.   Come   può   un   pastore   gestire   un   gregge   disorientato?   La   Chiesa   ci viene   incontro   accettando   cose   che   se   fossimo   più   coerenti   non   accetterebbe.   La   sofferenza   più   grande   della   Madonna non   è   quella   sentiamo   dai   fatti   di   cronaca,   ma   è   la   cattiveria   dell'uomo   che   non   si   vede,   che   si   ferma   per   paura   del codice   penale.   Come   può   lavorare   su   un   disastro   del   genere?   Maria   Santissima   scende   dal   cielo   per   ottenere   il   maggior profitto   spirituale   nelle   anime   dei   suoi   figli,   ma   questo   non   avviene   e   torna   a   mani   vuote.   Da   vera   Madre   chiede   al Signore   di   non   distruggerci,   come   faceva   Abramo   davanti   a   Sodoma   e   Gomorra,   ma   dove   sono   le   persone   giuste?   Con quale   stato   d'animo   si   presenta   davanti   a   Dio   vedendo   il   mondo   attuale?   Se   avesse   ricevuto   un   minimo   profitto   la popolazione   starebbe   meglio,   vivremmo   in   un   mondo   magnifico,   ma   nessuno   si   preoccupa   di   migliorarsi.   La   parola   del Signore   è   indispensabile   per   noi   in   ogni   momento   della   vita,   se   non   la   conosciamo   ci   lasciamo   andare   all'invettiva,   a   ciò che   la   mente   ci   suggerisce.   Il   mondo   può   cambiare   per   i   meriti   di   un   piccolo   resto   perché   Dio   ha   potere   su   tutto,   però   si aspetta qualcosa da noi, la nostra coerenza.   Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul monte Misma  
Il profitto
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
Monte Misma - Oasi della Pace - via Spersiglio 25 Pradalunga (Bergamo)
stampa la pagina
Un deserto   sul Misma
Maria Ausiliatrice del monte Misma
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
Il   male   per   impedirci   di   andare   incontro   alla   gioia ci   fa   trovare   sul   cammino   della   vita   le   persone meno   desiderose   di   incontrare   e   ci   fa   affrontare situazioni     che     mai     avremmo     pensato     di affrontare,   perché   sa   che   l'umano   ha   un   limite   di sopportazione.   Davanti   al   Signore   dobbiamo avere   molta   pazienza    e   tante   cose   che   sono impensabili    improvvisamente    si    risolvono.    Le abitudini    del    mondo    hanno    sempre    deviato    la massa     della     popolazione     verso     la     ragione dell'uomo.   Spiritualmente   parlando   non   ci   deve essere     né     ragione     né     torto     perché     sono esperienze   diverse,   non   è   che   uno   ha   ragione   e l'altro    torto,    in    generale    ci    sono    abitudini    e conoscenze   diverse,   modi   differenti   di   ragionare. Il   Signore   attraverso   lo   Spirito   Santo   che   ha   dato a   ciascuno   di   noi,   ci   fa   capire   come   dobbiamo comportarci   in   ogni   momento   della   vita.   Non   c'è persona     più     scaltra     di     quella     che     si abbandona    a    Dio,    non   è   vero   che   sono   più scaltri    i    figli    delle    tenebre.    Loro    mirano    a    un risultato     terreno,     i     figli     della     luce     invece rincorrono   un'eredità   che   non   si   vede   e   non   si conosce,    la    gioia    eterna.    Tanti    personaggi    di altissimo   livello   della   storia   erano   invidiosi   del mendicante   che   diceva   la   verità,   per   questo   lo eliminavano.    Uno    che    è    disperato,    arrabbiato, invidioso    e    geloso    non    desidera    il    bene    del prossimo…   Sono   più   scaltri   i   figli   della   luce   anche se    subiscono    umiliazioni    e    versano    lacrime    di delusione   e   tristezza,   perché   si   guadagnano   la ricchezza      dell'eternità.      Se      ci      credessimo veramente   sarebbe   più   facile   per   noi   volerci   bene e   accettare   delle   rinunce   per   far   felici   gli   altri. Invece   siamo   pronti   a   dire   che   non   tocca   a   noi fare   qualcosa   in   più.   Quale   profitto   abbiamo   dato al   Signore   che   ci   ha   dato   tutto   gratuitamente   e   la legge     dell'amore     da     praticare?     Durante     un pellegrinaggio   a   Fatima,   per   due   giorni   Roberto ha   sentito   grandi   sofferenze   mai   provate   prima. Che   cosa   è   accaduto?   Nel   piazzale   del   santuario in   mezzo   a   migliaia   di   persone,   la   Madonna   ha fatto   vedere   a   Roberto   che   solo   una   piccolissima percentuale    traeva    profitto    dal    pellegrinaggio: “Vedi,   tutti   quelli   che   si   muovono   e   vengono   per onorare   i   luoghi   benedetti,   raggiungono   il   loro profitto   meno   l'artefice   di   tanta   meraviglia,   Dio”. È   una   visione   da   brividi!   Hanno   la   loro   parte   di guadagno   quelli   che   organizzano   i   pellegrinaggi (a   loro   non   importa   il   comportamento   dei   fedeli), gli   albergatori,   i   venditori   ai   botteghini,   i   gestori delle    aree    di    servizio,    anche    i    vescovi    e    i sacerdoti.    Il    profitto    del    pellegrino    a    volte    è quello   di   spendere   meno…   Quanta   dispersione   di grazia!     Non     vogliamo     neanche     saperne     di attingere    gratuitamente    alla    nostra    salvezza perché   siamo   pieni   di   noi   stessi   e   attaccati   alla nostra   ragione.   Nell'epoca   in   cui   si   muovono   orde di   pellegrini   verso   tutti   i   santuari   e   salgono   in cielo   miliardi   di   preghiere,   Roberto   ha   percepito che     la    Madonna    e    il    Signore    non    sono contenti.   Dov'è   il   profitto?   Dov'è   l'amore   tra   di noi?   Basterebbe   una   goccia   della   grazia   di   Dio per    fare    un    salto    di    qualità,    perché    in    quella goccia    c'è    l'umiltà    e    la    sapienza.    Invece    è diminuita   la   fede.   Quanta   arroganza   si   vede   nei santuari,    basta    un    niente    per    far    scontrare    i pellegrini    sullo    stesso    pullman.    Tutti    hanno raggiunto   il   profitto   tranne   Colui   che   ha   voluto far   nascere   una   storia   in   quel   luogo   per   dare profitto   a   noi.   Quanta   mancanza   di   rispetto   e   di solidarietà    verso    i    santi    che    hanno    versato sangue    per    parlarci    d’amore!    Quale    profitto dimostriamo     di     aver     ricevuto?     Dovremmo ringraziare    il    Signore    che    per    beneficiarci    ha richiesto   un   sacrificio   ad   altri   umani.   Nella   nostra epoca    molto    si    è    distrutto    e    chi    resiste    è contagiato    negativamente    dagli    altri.    Verrà    il giorno    che    saranno    distrutti    anche    i    nostri santuari    perché    non    è    salito    al    cielo    ciò    che bisognava    dare    al    Signore    gratuitamente.    Il profitto   che   ci   dà   Dio   è   il   nostro   carburante,   non è   quello   che   ci   fa   tornare   a   casa   come   candele spente.   Tanti   vescovi   combattono   contro   i   mulini a    vento,    sprecano    molto    della    loro    energia    e devono   essere   dei   fuoriclasse   della   parola   di   Dio per     reggere     a     tante     pressioni     e     a     tanta confusione.   Come   possiamo   criticare   coloro   che nemmeno   conosciamo?   È   questa   la   battaglia   dei titani     perché     il     male     sta     facendo     sfracelli. Viviamo   un   momento   difficile   per   i   nostri   peccati non   per   quelli   di   un   Papa   o   di   un   vescovo,   che magari     non     hanno     nemmeno     un     sostegno umano.   Come   può   un   pastore   gestire   un   gregge disorientato?     La     Chiesa     ci     viene     incontro accettando   cose   che   se   fossimo   più   coerenti   non accetterebbe.    La    sofferenza    più    grande    della Madonna    non    è    quella    sentiamo    dai    fatti    di cronaca,   ma   è   la   cattiveria   dell'uomo   che   non   si vede,   che   si   ferma   per   paura   del   codice   penale. Come   può   lavorare   su   un   disastro   del   genere? Maria   Santissima   scende   dal   cielo   per   ottenere   il maggior   profitto   spirituale   nelle   anime   dei   suoi figli,    ma    questo    non    avviene    e    torna    a    mani vuote.   Da   vera   Madre   chiede   al   Signore   di   non distruggerci,    come    faceva    Abramo    davanti    a Sodoma   e   Gomorra,   ma   dove   sono   le   persone giuste?    Con    quale    stato    d'animo    si    presenta davanti    a    Dio    vedendo    il    mondo    attuale?    Se avesse      ricevuto      un      minimo      profitto      la popolazione    starebbe    meglio,    vivremmo    in    un mondo   magnifico,   ma   nessuno   si   preoccupa   di migliorarsi.       La       parola       del       Signore       è indispensabile    per    noi    in    ogni    momento    della vita,   se   non   la   conosciamo   ci   lasciamo   andare all'invettiva,   a   ciò   che   la   mente   ci   suggerisce.   Il mondo   può   cambiare   per   i   meriti   di   un   piccolo resto    perché    Dio    ha    potere    su    tutto,    però    si aspetta qualcosa da noi, la nostra coerenza.     Confidenze   di   Maria   santissima   a   Roberto   Longhi sul monte Misma  
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
versione mobile