Maria Ausiliatrice del monte Misma
Un deserto  sul Misma
  Da   Abramo   in   poi   quanti   profeti   si   sono   susseguiti?   Quante   rivelazioni   e   testimonianze   ci   hanno   trasmesso?   Sappiamo che   ogni   profeta   ci   ha   lasciato   una   percentuale   di   forza   e   di   grazia,   rivelandoci   la   verità   che   viene   da   Dio.   Perché   non   è entrata   nel   nostro   cuore?   Che   cosa   ci   impedisce   di   vivere   in   simbiosi   con   le   rivelazioni?   Se   ci   fosse   entrato   nel   circuito sanguigno   il   5%   delle   verità   rivelate,   avremmo   già   superato   il   100%   di   conoscenza   e   potremmo   essere   dei   grandi rivelatori   (non   dei   ripetitori)   con   la   nostra   vita.   Invece   sembra   che   non   ci   sia   rimasto   niente.   E   si   che   la   parola   di   Dio   ci   è stata   rivelata   da   tutte   le   parti   del   mondo   ed   è   giunta   a   noi   in   tanti   modi,   con   tanta   insistenza,   attraverso   i   suoi   profeti   e   i suoi   strumenti.   Addirittura   abbiamo   conosciuto   la   discesa   dal   cielo   del   figlio   di   Dio.   Non   è   colpa   dei   profeti,   ma   è   colpa nostra   che,   come   ci   dice   il   Signore,   preghiamo   con   la   bocca   ma   non   col   cuore.   Siamo   tutti   bravi   a   parole,   ma   con   le azioni,   con   i   sentimenti   e   col   cuore   è   tutta   un'altra   cosa.   Lo   dimostra   il   mondo.   La   Madonna   ci   ha   detto   che dobbiamo   convertirci,   non   ci   ha   detto   che   ci   convertirà   Lei   o   che   ci   toglierà   ciò   che   ci   impedisce   di   ricevere   la   sua grazia.   Dobbiamo   diminuire   le   nostre   resistenze   e   aumentare   la   consapevolezza.   Il   male,   che   ha   un   contatto   invisibile,   sa   che   se   riusciremo   ad   abbandonarci   totalmente   a   Dio,   potremmo   diventare   degli   strumenti   molto   importanti   perché abbiamo   il   contatto   umano .   Potremmo   ottenere   grandi   risultati   con   la   caratteristica   principale   della   serenità,   dell'amore vicendevole,   dalla   gioia   e   della   pace.   Quante   conversioni   hanno   ottenuto   i   santi   nel   cammino   della   loro   vita!   Questa opportunità   non   è   preclusa   a   noi,   potremmo   raggiungere   quei   livelli.   Se   i   profeti   che   ci   hanno   preceduto   avessero lasciato   in   noi   una   traccia,   potremmo   “spostare   le   montagne”    e   realizzare   le   cose   più   inimmaginabili.   Invece,   guardando ai   fatti   e   non   alle   parole,   anziché   essere   convertiti   siamo   ancora   qui   a   dibatterci   tra   il   se   e   il   ma,   tra   il   pro   e   il   contro, come   persone   che   alle   spalle   non   hanno   alcuna   formazione   su   ciò   che   sostiene   la   vita,   in   balia   della   più   semplice difficoltà.   È   più   importante   recitare   delle   preghiere   (cosa   che   tutti   sanno   fare)   o   andare   a   raccogliere   quello che   abbiamo   disperso   e   sprecato   nel   cammino   della   nostra   vita?    Ogni   profeta   ci   ha   dato   delle   perle   preziosissime: dove   sono?   Dove   le   abbiamo   buttate?   Perché   i   libri   profetici   che   abbiamo   letto   non   hanno   alcun   beneficio   di   noi? Dimostriamo   amore   al   Signore   e   diciamogli:   "Io   so   che   ho   molto   sprecato   quello   che   Tu   mi   hai   concesso   fino   ad   oggi; concedimi   la   grazia   di   ritrovare   quello   che   ho   disperso".    Il   linguaggio   degli   strumenti   del   Signore   non   è   facile   da   capire, può   essere   anche   criticabile,   perché   prima   di   tutto   anticipa   sempre   i   tempi.   Il   tempo   che   noi   viviamo   è   già   terminato, l'abbiamo   consumato,   non   abbiamo   la   possibilità   di   migliorarlo,   mentre   possiamo   intervenire   sul   nostro   futuro,   attraverso le   anticipazioni   del   Signore.   A   cosa   serve   chiedere   qualcosa   al   Signore   quando   poi   ci   comportiamo   come   abbiamo sempre   fatto?   Allora   siamo   arroganti,   presuntuosi,   prepotenti   e   ignoranti;   vuol   dire   che   non   serve   l’educazione   che   ci   fa Dio      attraverso   i   suoi   profeti.   E’   inutile   leggere   la   storia   dei   profeti,   che   a   tanti   è   costata   la   vita,   umiliazioni,   sofferenze, ingiustizie,   pugnalate,   quando   poi   non   ci   rimane   alcun   beneficio.   È   la   massima   ingratitudine .   Gli   strumenti   di   Dio   sono stati   sempre   dileggiati   e   derisi   da   tutti.   Perché   ci   rimane   di   più   il   desiderio   del   pettegolezzo   e   della   critica?   Perché   quando sentiamo   una   persona   che   sta   vivendo   un   momento   difficile   proviamo   dentro   di   noi   un   rasserenamento?   Non   ci   deve rattristare   questo   stato   d'animo,   che   “la   soddisfazione   di   un   disperato   è   vedere   andare   in   malora   un   altro   disperato?”    E ci   professiamo   cristiani?   Che   ipocriti!   Ammettiamo   davanti   al   crocifisso   di   non   avere   quei   sentimenti   nobili   che   il   Signore meriterebbe   e   non   sentiamoci   i   più   bravi   e   i   più   umiliati.   Noi   siamo   nella   condizione   di   avere   la   perfezione   della conoscenza;   infatti   Mosé   aveva   la   rivelazione   di   Abramo,   però   non   aveva   tutti   gli   altri   profeti   che   si   sono   succeduti,   e così   gli   altri.   Noi   invece   li   abbiamo   tutti,   abbiamo   una   composizione   perfetta   che   invece   di   aumentare   la   nostra   fede,   l’ha indebolita,   perché   i   nostri   figli   non   hanno   la   fede   dei   nostri   padri.   Facciamo   la   gara   ad   eliminare   la   fede   non   ad aumentarla.   Troverà   ancora   la   fede   Gesù   quando   verrà   di   nuovo   sulla   Terra?   A   cosa   serve   tutto   il   nostro   darci   da fare   nel   frequentare   la   chiesa?   E’   come   se   andassimo   a   scuola   senza   aumentare   la   nostra   conoscenza.   Perché   invece di   amare   gli   altri,   dubitiamo   sugli   altri?   Così   non   dimostriamo   che   le   rivelazioni   di   Dio   hanno   avuto   un'efficacia   in   noi.   Se non   conosciamo   i   nostri   limiti   non   conosceremo   neanche   i   nostri   difetti   e   non   comprenderemo   il   messaggio   totalitario   e stupendo di Maria Santissima: "Eliminate tutto ciò che mi impedisce di realizzare ciò che io intendo offrirvi”.   Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul monte Misma  
A  cosa sono serviti i profeti?
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
Monte Misma - Oasi della Pace - via Spersiglio 25 Pradalunga (Bergamo)
stampa la pagina
Un deserto   sul Misma
Maria Ausiliatrice del monte Misma
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
Da     Abramo     in     poi     quanti     profeti     si     sono susseguiti?   Quante   rivelazioni   e   testimonianze   ci hanno   trasmesso?   Sappiamo   che   ogni   profeta   ci ha   lasciato   una   percentuale   di   forza   e   di   grazia, rivelandoci   la   verità   che   viene   da   Dio.   Perché   non è     entrata     nel     nostro     cuore?     Che     cosa     ci impedisce   di   vivere   in   simbiosi   con   le   rivelazioni? Se   ci   fosse   entrato   nel   circuito   sanguigno   il   5% delle    verità    rivelate,    avremmo    già    superato    il 100%    di    conoscenza    e    potremmo    essere    dei grandi   rivelatori   (non   dei   ripetitori)   con   la   nostra vita.    Invece    sembra    che    non    ci    sia    rimasto niente.   E   si   che   la   parola   di   Dio   ci   è   stata   rivelata da   tutte   le   parti   del   mondo   ed   è   giunta   a   noi   in tanti   modi,   con   tanta   insistenza,   attraverso   i   suoi profeti   e   i   suoi   strumenti.   Addirittura   abbiamo conosciuto   la   discesa   dal   cielo   del   figlio   di   Dio. Non   è   colpa   dei   profeti,   ma   è   colpa   nostra   che, come   ci   dice   il   Signore,   preghiamo   con   la   bocca ma   non   col   cuore.   Siamo   tutti   bravi   a   parole,   ma con   le   azioni,   con   i   sentimenti   e   col   cuore   è   tutta un'altra     cosa.     Lo     dimostra     il     mondo.     La Madonna      ci      ha      detto      che      dobbiamo convertirci,   non   ci   ha   detto   che   ci   convertirà Lei    o    che    ci    toglierà    ciò    che    ci    impedisce    di ricevere    la    sua    grazia.    Dobbiamo    diminuire    le nostre        resistenze        e        aumentare        la consapevolezza.    Il    male,    che    ha    un    contatto invisibile,    sa   che   se   riusciremo   ad   abbandonarci totalmente    a    Dio,    potremmo    diventare    degli strumenti    molto    importanti    perché    abbiamo    il contatto    umano .    Potremmo    ottenere    grandi risultati    con    la    caratteristica    principale    della serenità,    dell'amore    vicendevole,    dalla    gioia    e della   pace.   Quante   conversioni   hanno   ottenuto   i santi     nel     cammino     della     loro     vita!     Questa opportunità    non    è    preclusa    a    noi,    potremmo raggiungere   quei   livelli.   Se   i   profeti   che   ci   hanno preceduto   avessero   lasciato   in   noi   una   traccia, potremmo   “spostare   le   montagne”    e   realizzare   le cose    più    inimmaginabili.    Invece,    guardando    ai fatti   e   non   alle   parole,   anziché   essere   convertiti siamo   ancora   qui   a   dibatterci   tra   il   se   e   il   ma,   tra il   pro   e   il   contro,   come   persone   che   alle   spalle non   hanno   alcuna   formazione   su   ciò   che   sostiene la   vita,   in   balia   della   più   semplice   difficoltà.   È   più importante    recitare    delle    preghiere    (cosa che   tutti   sanno   fare)   o   andare   a   raccogliere quello   che   abbiamo   disperso   e   sprecato   nel cammino   della   nostra   vita?    Ogni   profeta   ci   ha dato   delle   perle   preziosissime:   dove   sono?   Dove le   abbiamo   buttate?   Perché   i   libri   profetici   che abbiamo   letto   non   hanno   alcun   beneficio   di   noi? Dimostriamo   amore   al   Signore   e   diciamogli:   "Io so   che   ho   molto   sprecato   quello   che   Tu   mi   hai concesso    fino    ad    oggi;    concedimi    la    grazia    di ritrovare   quello   che   ho   disperso".    Il   linguaggio degli    strumenti    del    Signore    non    è    facile    da capire,    può    essere    anche    criticabile,    perché prima   di   tutto   anticipa   sempre   i   tempi.   Il   tempo che    noi    viviamo    è    già    terminato,    l'abbiamo consumato,     non     abbiamo     la     possibilità     di migliorarlo,    mentre    possiamo    intervenire    sul nostro    futuro,    attraverso    le    anticipazioni    del Signore.    A    cosa    serve    chiedere    qualcosa    al Signore     quando     poi     ci     comportiamo     come abbiamo   sempre   fatto?   Allora   siamo   arroganti, presuntuosi,   prepotenti   e   ignoranti;   vuol   dire   che non   serve   l’educazione   che   ci   fa   Dio      attraverso   i suoi    profeti.    E’    inutile    leggere    la    storia    dei profeti,   che   a   tanti   è   costata   la   vita,   umiliazioni, sofferenze,    ingiustizie,    pugnalate,    quando    poi non   ci   rimane   alcun   beneficio.   È   la   massima ingratitudine .   Gli   strumenti   di   Dio   sono   stati sempre    dileggiati    e    derisi    da    tutti.    Perché    ci rimane   di   più   il   desiderio   del   pettegolezzo   e   della critica?   Perché   quando   sentiamo   una   persona   che sta     vivendo     un     momento     difficile     proviamo dentro   di   noi   un   rasserenamento?   Non   ci   deve rattristare     questo     stato     d'animo,     che     “la soddisfazione   di   un   disperato   è   vedere   andare   in malora    un    altro    disperato?”     E    ci    professiamo cristiani?    Che    ipocriti!    Ammettiamo    davanti    al crocifisso   di   non   avere   quei   sentimenti   nobili   che il   Signore   meriterebbe   e   non   sentiamoci   i   più bravi   e   i   più   umiliati.   Noi   siamo   nella   condizione di   avere   la   perfezione   della   conoscenza;   infatti Mosé   aveva   la   rivelazione   di   Abramo,   però   non aveva   tutti   gli   altri   profeti   che   si   sono   succeduti, e    così    gli    altri.    Noi    invece    li    abbiamo    tutti, abbiamo   una   composizione   perfetta   che   invece   di aumentare   la   nostra   fede,   l’ha   indebolita,   perché i   nostri   figli   non   hanno   la   fede   dei   nostri   padri. Facciamo   la   gara   ad   eliminare   la   fede   non   ad aumentarla.   Troverà   ancora   la   fede   Gesù   quando verrà   di   nuovo   sulla   Terra?   A   cosa   serve   tutto   il nostro    darci    da    fare    nel    frequentare    la chiesa?   E’   come   se   andassimo   a   scuola   senza aumentare   la   nostra   conoscenza.   Perché   invece di   amare   gli   altri,   dubitiamo   sugli   altri?   Così   non dimostriamo   che   le   rivelazioni   di   Dio   hanno   avuto un'efficacia   in   noi.   Se   non   conosciamo   i   nostri limiti   non   conosceremo   neanche   i   nostri   difetti   e non    comprenderemo    il    messaggio    totalitario    e stupendo   di   Maria   Santissima:   "Eliminate   tutto ciò    che    mi    impedisce    di    realizzare    ciò    che    io intendo offrirvi”.

Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul

monte Misma

 
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
versione mobile