Maria Ausiliatrice del monte Misma
Un deserto  sul Misma
  Noi   non   potremmo   resistere   alle   atrocità   che   vede   Maria   Santissima,   eppure   nel   nostro   cuore   c'è   solo   il   desiderio   di   stare bene,   non   di   far   stare   bene   gli   altri.   Quante   persone   vanno   ai   pellegrinaggi   pensando   unicamente   alle   proprie   necessità, a   criticarsi   e   detestarsi,   più   che   a   fare   un   fioretto   in   virtù   di   tanto   male   che   c'è   nel   mondo?   Chi   si   immolerebbe   a   portare una   croce,   un   peso,   un'ingiustizia,   a   beneficio   di   un'altra   persona?   A   parole   siamo   tutti   disposti   a   farlo   ma   non   nei   fatti, perché   non   c'è   sincerità   nei   nostri   cuori.   Non   c'è   solo   la   libertà   di   imporsi,   c'è   anche   la   libertà   di   tacere,   di   accettare, di   espiare   la   colpa   del   fratello.   Verremmo   ripagati   più   di   quello   che   pensiamo.   La   persona   umile   non   è   egocentrica, non   vuole   imporsi   per   avere   la   sua   parte   di   gloria,   sa   valutare   e   cogliere   l'attimo   fuggente,   sa   com'è   giusto   comportarsi in   certe   situazioni   per   essere   l'antidoto   di   tanti   mali.   Sa   accettare   le   ingiustizie.   Noi   siamo   dei   privilegiati   in   questo mondo,   ma   ci   comportiamo   come   fossimo   penalizzati   o   condannati,   per   un   piccolo   problema   che   può   essere   anche accettabile.   Questo   è   egoismo,   non   amore   e   umiltà.   Erano   più   fieri   i   primi   cristiani   delle   fiere   che   li   sbranavano.   La   nostra fede   è   precaria   e   traballa   in   cose   molto   lontane   da   queste,   la   indeboliamo   con   la   nostra   arroganza      e   ostinazione.   Non dobbiamo   lottare   per   la   sopravvivenza,   eppure   manchiamo   di   fede   appena   uno   ci   dice   una   parola   storta.   Il   bene   viene coperto   dal   male   (dalla   zizzania)   quando   noi   ci   lamentiamo,   ci   critichiamo,   ci   lasciamo   prendere   dalla   paura   e   dalle ingiustizie.   E'   questa   la   fede?   Quante   persone   pensano   di   essere   buone   e   a   un   certo   livello   di   fede,   ma   non   sono   serene? La   vera   fede   viene   in   aiuto   nei   momenti   difficili,   ci   fa   mantenere   l'equilibrio   e   la   dignità.   Chi   si   lascia   prendere   dallo scoramento   non   ha   la   fede.   Se   l'ingiustizia   umana   viene   sostenuta   dalla   giustizia   dell'uomo,   come   pensiamo   di togliere   la   zizzania   senza   togliere   la   spiga   buona?   È   mai   possibile   che   a   Betlemme   non   si   è   aperta   una   porta   per   ospitare Maria?   È   quello   che   succede   oggi   quando   il   nostro   cuore   è   chiuso   al   fabbisogno   e   alla   comprensione   degli   altri.   Nelle esigenze   mondiali   per   essere   aiutati   da   Maria   Santissima   siamo   al   primo   posto?   Se   potessimo   vedere   la   classifica   in   un display   vedremmo   che   la   Madonna   ha   davanti   a   sé   una   miriade   di   persone   che   hanno   una   necessità   infinitamente superiore   alla   nostra.   Ma   noi   non   ce   ne   facciamo   carico   e   nemmeno   ci   stanno   a   cuore   queste   situazioni,   pensiamo solamente   a   noi   stessi.   Affinché   trionfi   il   cuore   immacolato   di   Maria   dobbiamo   offrire   le   nostre   sofferenze.   Riusciamo   a dimenticarci   delle   nostre   "quisquilie"?      Diciamole   di   non   guardare   alle   nostre   necessità,   ma   a   quelle   dei   più   disastrati, alle   persone   che   sono   sotto   il   dominio   dei   prepotenti,   che   fanno   fatica   a   sopravvivere   e   non   hanno   un   posto   per   ripararsi dal   freddo   o   dal   caldo,   che   mancano   di   medicine   per   alleviare   il   dolore   fisico.   La   nostra   croce   è   una   crocetta, offriamola   per   far   diventare   meno   grandi   quelle   dei   nostri   fratelli.   Quante   lacrime   si   versano   in   silenzio!   Ogni   minuto muoiono   persone   per   mancanza   di   sostentamento,   bambini   e   anziani,   come   possiamo   essere   indifferenti?   Il   Signore tiene   conto   di   chi   offre   le   proprie   sofferenze   e   si   dispiace   per   gli   altri.   Dobbiamo   sentire   l'esigenza   spirituale   di soccorrere   le   persone   che   non   conosciamo,   che   Maria   Santissima   ci   trasmette   nel   nostro   cuore.   Siamo   dei privilegiati,    impariamo    a    non    scontrarci    inutilmente,    a    portare    la    gioia    dove    c'è    tristezza,    la    speranza    dove    c'è disperazione,   non   la   lamentela.   Pensiamo   anche   al   cuore   di   Maria   Santissima,   siamo   solidali   con   lei   e   consoliamola   come possiamo, proveremo gioia pure nella tristezza.  Anche i figli possono consolare la Madre, chi ci impedisce di farlo? CHE CRISTIANI SIAMO? La   parola   di   Dio   non   viene   rivelata   nella   giusta   misura   umana   perché   non   siamo   degni   di   rappresentarla,   non   ci   rendiamo conto   dei   nostri   errori   e   delle   abitudini   che   abbiamo   ereditato.   I   giovani   di   oggi   sono   inseriti   in   un   contesto   di   leggi   atee, non   si   possono   incolpare   se   non   sono   all'altezza   come   cristiani.   Mattone   su   mattone   questo   marasma   l'abbiamo   creato noi.   Come   può   il   cuore   di   nostra   Madre   essere   soddisfatto   da   due   preghiere,   quando   vede   davanti   a   sé   milioni   e   milioni   di cuori   fallaci?   A   cosa   serve   aver   letto   migliaia   di   messaggi?   Siamo   disponibili   a   pregare,   ma   non   a   fare   un   esame   di coscienza   per   capire   che   potremmo   fare   molto   meglio.   Maria   Santissima   vuole   la   nostra   felicità,   si   fa   umiliare   da   noi   in continuazione   con   il   nostro   comportamento   dissoluto   e   con   i   nostri   discorsi,   ma   non   ce   ne   rendiamo   conto.   Non   c'è   più fede.   Se   era   solamente   per   il   fatto   esteriore   della   preghiera   Gesù   non   sarebbe   salito   in   croce,   né   i   santi   avrebbero superato   e   accettato   parecchie   tribolazioni.   Prima   di   essere   invitati   a   nozze   ci   si   lava   altrimenti   ci   si   sente   a   disagio, prima   di   pregare   abbiamo   pulito   l'anima   o   siamo   lì   con   il   cuore   pieno   di   falsità?    Quante   volte   abbiamo disgustato il Signore? L'anima si pulisce penalizzando il corpo e la lingua, è quello il sapone migliore.   Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul monte Misma  
I privilegiati
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
Monte Misma - Oasi della Pace - via Spersiglio 25 Pradalunga (Bergamo)
stampa la pagina
Un deserto   sul Misma
Maria Ausiliatrice del monte Misma
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
Noi    non    potremmo    resistere    alle    atrocità    che vede   Maria   Santissima,   eppure   nel   nostro   cuore c'è   solo   il   desiderio   di   stare   bene,   non   di   far   stare bene     gli     altri.     Quante     persone     vanno     ai pellegrinaggi   pensando   unicamente   alle   proprie necessità,   a   criticarsi   e   detestarsi,   più   che   a   fare un   fioretto   in   virtù   di   tanto   male   che   c'è   nel mondo?   Chi   si   immolerebbe   a   portare   una   croce, un    peso,    un'ingiustizia,    a    beneficio    di    un'altra persona?   A   parole   siamo   tutti   disposti   a   farlo   ma non   nei   fatti,   perché   non   c'è   sincerità   nei   nostri cuori.    Non    c'è    solo    la    libertà    di    imporsi,    c'è anche   la   libertà   di   tacere,   di   accettare,   di espiare     la     colpa     del     fratello.     Verremmo ripagati   più   di   quello   che   pensiamo.   La   persona umile   non   è   egocentrica,   non   vuole   imporsi   per avere    la    sua    parte    di    gloria,    sa    valutare    e cogliere     l'attimo     fuggente,     sa     com'è     giusto comportarsi     in     certe     situazioni     per     essere l'antidoto     di     tanti     mali.     Sa     accettare     le ingiustizie.   Noi   siamo   dei   privilegiati   in   questo mondo,     ma     ci     comportiamo     come     fossimo penalizzati   o   condannati,   per   un   piccolo   problema che    può    essere    anche    accettabile.    Questo    è egoismo,   non   amore   e   umiltà.   Erano   più   fieri   i primi   cristiani   delle   fiere   che   li   sbranavano.   La nostra   fede   è   precaria   e   traballa   in   cose   molto lontane   da   queste,   la   indeboliamo   con   la   nostra arroganza      e   ostinazione.   Non   dobbiamo   lottare per   la   sopravvivenza,   eppure   manchiamo   di   fede appena   uno   ci   dice   una   parola   storta.   Il   bene viene   coperto   dal   male   (dalla   zizzania)   quando noi    ci    lamentiamo,    ci    critichiamo,    ci    lasciamo prendere   dalla   paura   e   dalle   ingiustizie.   E'   questa la    fede?    Quante    persone    pensano    di    essere buone   e   a   un   certo   livello   di   fede,   ma   non   sono serene?   La   vera   fede   viene   in   aiuto   nei   momenti difficili,   ci   fa   mantenere   l'equilibrio   e   la   dignità. Chi   si   lascia   prendere   dallo   scoramento   non ha     la     fede.     Se     l'ingiustizia     umana     viene sostenuta      dalla      giustizia      dell'uomo,      come pensiamo   di   togliere   la   zizzania   senza   togliere   la spiga   buona?   È   mai   possibile   che   a   Betlemme non   si   è   aperta   una   porta   per   ospitare   Maria?   È quello   che   succede   oggi   quando   il   nostro   cuore   è chiuso   al   fabbisogno   e   alla   comprensione   degli altri.   Nelle   esigenze   mondiali   per   essere   aiutati da   Maria   Santissima   siamo   al   primo   posto?   Se potessimo    vedere    la    classifica    in    un    display vedremmo   che   la   Madonna   ha   davanti   a   sé   una miriade    di    persone    che    hanno    una    necessità infinitamente   superiore   alla   nostra.   Ma   noi   non ce   ne   facciamo   carico   e   nemmeno   ci   stanno   a cuore   queste   situazioni,   pensiamo   solamente   a noi   stessi.   Affinché   trionfi   il   cuore   immacolato   di Maria    dobbiamo    offrire    le    nostre    sofferenze. Riusciamo       a       dimenticarci       delle       nostre "quisquilie"?        Diciamole    di    non    guardare    alle nostre   necessità,   ma   a   quelle   dei   più   disastrati, alle    persone    che    sono    sotto    il    dominio    dei prepotenti,   che   fanno   fatica   a   sopravvivere   e   non hanno   un   posto   per   ripararsi   dal   freddo   o   dal caldo,   che   mancano   di   medicine   per   alleviare   il dolore   fisico.   La   nostra   croce   è   una   crocetta, offriamola   per   far   diventare   meno   grandi   quelle dei   nostri   fratelli.   Quante   lacrime   si   versano   in silenzio!    Ogni    minuto    muoiono    persone    per mancanza   di   sostentamento,   bambini   e   anziani, come    possiamo    essere    indifferenti?    Il    Signore tiene   conto   di   chi   offre   le   proprie   sofferenze   e   si dispiace     per     gli     altri.     Dobbiamo     sentire l'esigenza      spirituale      di      soccorrere      le persone    che    non    conosciamo,    che    Maria Santissima    ci    trasmette    nel    nostro    cuore. Siamo     dei     privilegiati,     impariamo     a     non scontrarci   inutilmente,   a   portare   la   gioia   dove   c'è tristezza,   la   speranza   dove   c'è   disperazione,   non la   lamentela.   Pensiamo   anche   al   cuore   di   Maria Santissima,   siamo   solidali   con   lei   e   consoliamola come    possiamo,    proveremo    gioia    pure    nella tristezza.        Anche    i    figli    possono    consolare    la Madre, chi ci impedisce di farlo? CHE CRISTIANI SIAMO? La   parola   di   Dio   non   viene   rivelata   nella   giusta misura    umana    perché    non    siamo    degni    di rappresentarla,   non   ci   rendiamo   conto   dei   nostri errori   e   delle   abitudini   che   abbiamo   ereditato.   I giovani   di   oggi   sono   inseriti   in   un   contesto   di leggi   atee,   non   si   possono   incolpare   se   non   sono all'altezza    come    cristiani.    Mattone    su    mattone questo   marasma   l'abbiamo   creato   noi.   Come   può il   cuore   di   nostra   Madre   essere   soddisfatto   da due   preghiere,   quando   vede   davanti   a   sé   milioni e   milioni   di   cuori   fallaci?   A   cosa   serve   aver   letto migliaia     di     messaggi?     Siamo     disponibili     a pregare,   ma   non   a   fare   un   esame   di   coscienza per    capire    che    potremmo    fare    molto    meglio. Maria   Santissima   vuole   la   nostra   felicità,   si   fa umiliare   da   noi   in   continuazione   con   il   nostro comportamento   dissoluto   e   con   i   nostri   discorsi, ma   non   ce   ne   rendiamo   conto.   Non   c'è   più   fede. Se    era    solamente    per    il    fatto    esteriore    della preghiera   Gesù   non   sarebbe   salito   in   croce,   né   i santi   avrebbero   superato   e   accettato   parecchie tribolazioni.   Prima   di   essere   invitati   a   nozze   ci   si lava   altrimenti   ci   si   sente   a   disagio,   prima   di pregare   abbiamo   pulito   l'anima   o   siamo   con    il    cuore    pieno    di    falsità?    Quante   volte abbiamo   disgustato   il   Signore?   L'anima   si   pulisce penalizzando    il    corpo    e    la    lingua,    è    quello    il sapone migliore.       Confidenze   di   Maria   santissima   a   Roberto   Longhi   sul monte Misma  
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
versione mobile