Maria Ausiliatrice del monte Misma
Un deserto  sul Misma
Il   compito   di   noi   cristiani   incomincia   a   casa   nostra,   dove   Dio   ci   ha   fatto   nascere.   Non   dobbiamo   pensare   di   raggiungere   la salvezza   frequentando   certi   posti,   né   consigliare   altri   a   farlo.   Questo   può   portare   molta   confusione   perché   non   possiamo ottenere   gratuitamente;   ognuno   ha   la   sua   sensibilità   e   la   sua   cristianità,   è   dal   frutto   che   si   conosce   l'albero.    La benedizione   del   Signore   e   la   salvezza   l'abbiamo   in   casa   nostra.   Se   tra   le   mura   domestiche   abbiamo   ottenuto   la condanna,   come   possiamo   ottenere   le   grazie   altrove?   Dov'è   la   gioia   in   casa?   Ci   siamo   abituati   a   un   certo   tenore   di   vita, fermiamoci!   La   nostra   missione   principale   non   è   propagandare   gli   incontri   e   le   conferenze.   A   cosa   serve   istruirci   sui conferenzieri,   pur   bravi   che   siano,   quando   anche   i   nostri   familiari   dicono   che   eravamo   meglio   prima?   Essi   parlano   delle cose   che   succedono   nella   nostra   epoca   e   le   collegano   alle   cose   di   Dio,   ma   il   vero   Dio   che   fine   fa?   Nella   lettera   ai Colossesi   (2,6-8)   san   Paolo   ci   avverte:   Camminate   dunque   nel   Signore   Gesù   Cristo,   come   l'avete   ricevuto,   ben   radicati   e fondati   in   lui,   saldi   nella   fede   come   vi   è   stato   insegnato,   abbondando   nell'azione   di   grazie.   Badate   che   nessuno   vi   inganni con   la   sua   filosofia   e   con   vuoti   raggiri   ispirati   alla   tradizione   umana,   secondo   gli   elementi   del   mondo   e   non   secondo Cristo.   Non   facciamo   le   conferenze   in   nome   di   Cristo,   tanto   non   servono   ad   aumentare   la   nostra   fede.   Ci   mettono davanti   una   moltitudine   di   esperienze,   perlopiù   romanzate,   ma   cosa   conosciamo   veramente   dei   santi?   La   gente   viene rapita   da   questa   enfasi   e   cerca   di   imitare   un   copione   che   non   è   loro,   a   scapito   della   parola   di   Dio.   Dove   vediamo   la   brava persona   che   rappresenta   l'umiltà   del   figlio   di   Dio?   Proviamo   a   contraddirla   e   a   non   seguire   la   sua   filosofia...   La   famiglia   è in   crisi   ma   c'è   la   possibilità   di   preservarla,   sicuramente   non   con   proposte   che   vengono   dalla   tradizione   umana.   La   parola di   Dio   è   semplice,   possono   capirla   tutti,   non   c'è   bisogno   di   un   conferenziere   o   di   una   rivelazione   privata.   Vediamo   cosa dice   per   la   famiglia   al   capitolo   tre   del   Siracide.   Parla   in   modo   imperativo:   Figli   agite   in   modo   da   essere   salvati,   non   parla in   modo   sdolcinato   come   certi   cristiani   che   dicono   di   poter   ottenere   tutto   con   la   corona   del   rosario.   Facciamo   un   esame di   coscienza   con   i   nostri   genitori   e   poi   parliamo   schiettamente   ai   figli.   Nel   momento   del   bisogno   sicuramente   ci   vuole anche   la   preghiera,   ma   saremo   esauditi   solo   se   faremo   quello   che   Dio   ha   chiesto.   E   ci   garantisce   la   salvezza   fra   le mura   domestiche.    Il   Signore   insiste   sul   padre,   ha   dato   a   lui   la   priorità   e   la   guida   della   famiglia,   oggi   invece   è   la   moglie che   prende   il   sopravvento   e   i   figli   sono   emotivamente   più   rivolti   alla   madre.   Anche   i   genitori   devono   comportarsi   bene con   i   figli   è   ovvio,   ma   la   benedizione   di   un   padre   ha   un   potere   assoluto   nella   famiglia,   è   sempre   stata   insostituibile   per andar   bene   nella   vita.   Come   può   scendere   sul   comportamento   dissoluto   dei   figli   che   non   lo   rispettano?   Non   bisogna   aver paura   di   essere   a   volte   autoritari,   altrimenti   essi   crescono   abituati   ad   ottenere   tutto   e   poi   si   lasciano   andare   alla depravazione.   Spendiamo   grosse   cifre   per   vivere   un   po'   di   più   e   invece   chi   riverisce   il   padre   vivrà   a   lungo.   I   nostri   padri erano   analfabeti   ma   ci   hanno   trasmesso   il   rispetto   per   i   genitori   e   per   i   nonni,   quest'ultima   generazione   ha   cambiato tutto,   eliminando   le   protezioni   principali   della   famiglia.   L'ateo   dice   di   non   credere   in   Dio   così   si   sente   a   posto   con   la coscienza,   ma   certi   fatti   di   cronaca   escono   da   famiglie   disastrate.   Anche   noi   che   andiamo   in   chiesa   non   abbiamo   queste massime   nella   nostra   casa.   Le   mogli   "linguacciute"   non   obbediscono   più   i   mariti,   come   sanno   creare   una   famiglia,   la sanno   anche   disfare.   E   i   mariti   non   le   amano   e   non   le   onorano   più,   appena   uno   apre   la   bocca   l'altro   dimostra   la   sua insofferenza.    Non    bisogna    mai    offendere    il    padre,    anche    se    sbaglia    è    un    nostro    disonore,    non    amareggiamolo ulteriormente.   Quante   volte   abbiamo   rattristato   i   nostri   genitori!   Se   abbiamo   questi   peccati   è   meglio   confessarsi.   Come buoni   cristiani   dobbiamo   sapere   queste   cose   e   metterle   in   pratica.   Un   figlio   nel   pieno   vigore   della   sua   vita   dovrebbe ringraziare   e   rendere   contenti   i   propri   genitori,   non   vergognarsi   di   loro.   Il   padre   giusto   è   un   beneficio   per   la   prole,   ma genitori   che   inveiscono   tra   loro   creano   traumi   ai   figli,   chi   vive   nella   famiglia   può   portarla   allo   sfacelo   o   salvaguardarla. Abbandonare   il   padre   è   la   noncuranza   del   genitore,   significa   mettere   davanti   tutti   i   nostri   progetti.   La   nostra   generazione avrà   il   peso   delle   famiglie   dei   figli   perché   non   ha   saputo   educarli.   Dove   andranno   ad   attingere?   Li   abbiamo   buttati   in mezzo   al   mondo   senza   rendercene   conto.   I   figli   che   si   faranno   maledire   dai   genitori   saranno   maledetti   dal   Signore,   a   loro non   andrà   bene   niente.   Insultare   la   madre   non   riguarda   tanto   quello   che   diciamo   con   la   bocca   ma   quello   che   abbiamo nel   cuore.   Dobbiamo   dirlo   ai   figli   quando   ci   mancano   di   rispetto,   se   non   lo   facciamo   omettiamo   il   nostro   dovere.   Tra   le mura   domestiche   potremmo   ottenere   il   condono   dei   nostri   peccati,    non   distruggiamo   un   patrimonio   immenso come   la   parola   di   Dio.   Nelle   conferenze   si   parla   del   diritto   dell'uomo,   non   di   Dio.   Quanti   cristiani   per   risolvere   i   problemi della   famiglia   consigliano   l'avvocato?   Formiamoci   sui   libri   sapienziali   perché   la   tradizione   umana   è   piena   di   raggiri confezionati   ad   arte   per   portarci   lontano   dalla   verità.   Il   Signore   l'ha   detto   a   noi   perché   siamo   la   prima   generazione   che può accedere liberamente alla Bibbia. DOVERI VERSO I GENITORI Figli, ascoltatemi, sono vostro padre; agite in modo da essere salvati. Il Signore vuole che il padre sia onorato dai figli, ha stabilito il diritto della madre sulla prole. Chi onora il padre espia i peccati; chi riverisce la madre è come chi accumula tesori. Chi onora il padre avrà gioia dai propri figli e sarà esaudito nel giorno della sua preghiera. Chi riverisce il padre vivrà a lungo; chi obbedisce al Signore dà consolazione alla madre. Chi teme il Signore rispetta il padre e serve come padroni i genitori. Onora tuo padre a fatti e a parole, perché scenda su di te la sua benedizione. La benedizione del padre consolida le case dei figli, la maledizione della madre ne scalza le fondamenta. Non vantarti del disonore di tuo padre, perché il disonore del padre non è gloria per te; la gloria di un uomo dipende dall'onore del padre, vergogna per i figli è una madre nel disonore. Figlio, soccorri tuo padre nella vecchiaia, non contristarlo durante la sua vita. Anche se perdesse il senno, compatiscilo e non disprezzarlo, mentre sei nel pieno vigore. Poiché la pietà verso il padre non sarà dimenticata, ti sarà computata a sconto dei peccati. Nel giorno della tua tribolazione Dio si ricorderà di te; come fa il calore sulla brina, si scioglieranno i tuoi peccati. Chi abbandona il padre è come un bestemmiatore, chi insulta la madre è maledetto dal Signore. Siracide 3,1-16   Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul monte Misma  
Priorità naturali per la famiglia
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
Monte Misma - Oasi della Pace - via Spersiglio 25 Pradalunga (Bergamo)
stampa la pagina
Un deserto   sul Misma
Maria Ausiliatrice del monte Misma
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
  Il    compito    di    noi    cristiani    incomincia    a    casa nostra,    dove    Dio    ci    ha    fatto    nascere.    Non dobbiamo    pensare    di    raggiungere    la    salvezza frequentando   certi   posti,   né   consigliare   altri   a farlo.    Questo    può    portare    molta    confusione perché    non    possiamo    ottenere    gratuitamente; ognuno   ha   la   sua   sensibilità   e   la   sua   cristianità,   è dal      frutto      che      si      conosce      l'albero.       La benedizione     del     Signore     e     la     salvezza l'abbiamo    in    casa    nostra.    Se    tra    le    mura domestiche   abbiamo   ottenuto   la   condanna,   come possiamo    ottenere    le    grazie    altrove?    Dov'è    la gioia   in   casa?   Ci   siamo   abituati   a   un   certo   tenore di   vita,   fermiamoci!   La   nostra   missione   principale non   è   propagandare   gli   incontri   e   le   conferenze. A   cosa   serve   istruirci   sui   conferenzieri,   pur   bravi che   siano,   quando   anche   i   nostri   familiari   dicono che   eravamo   meglio   prima?   Essi   parlano   delle cose    che    succedono    nella    nostra    epoca    e    le collegano   alle   cose   di   Dio,   ma   il   vero   Dio   che   fine fa?   Nella   lettera   ai   Colossesi   (2,6-8)   san   Paolo   ci avverte:   Camminate   dunque   nel   Signore   Gesù Cristo,    come    l'avete    ricevuto,    ben    radicati    e fondati   in   lui,   saldi   nella   fede   come   vi   è   stato insegnato,    abbondando    nell'azione    di    grazie. Badate    che    nessuno    vi    inganni    con    la    sua filosofia   e   con   vuoti   raggiri   ispirati   alla   tradizione umana,   secondo   gli   elementi   del   mondo   e   non secondo   Cristo.   Non   facciamo   le   conferenze   in nome   di   Cristo,   tanto   non   servono   ad   aumentare la     nostra     fede.     Ci     mettono     davanti     una moltitudine    di    esperienze,    perlopiù    romanzate, ma    cosa    conosciamo    veramente    dei    santi?    La gente   viene   rapita   da   questa   enfasi   e   cerca   di imitare   un   copione   che   non   è   loro,   a   scapito   della parola   di   Dio.   Dove   vediamo   la   brava   persona che     rappresenta     l'umiltà     del     figlio     di     Dio? Proviamo   a   contraddirla   e   a   non   seguire   la   sua filosofia...    La    famiglia    è    in    crisi    ma    c'è    la possibilità   di   preservarla,   sicuramente   non   con proposte   che   vengono   dalla   tradizione   umana.   La parola   di   Dio   è   semplice,   possono   capirla   tutti, non   c'è   bisogno   di   un   conferenziere   o   di   una rivelazione    privata.    Vediamo    cosa    dice    per    la famiglia    al    capitolo    tre    del    Siracide.    Parla    in modo   imperativo:   Figli   agite   in   modo   da   essere salvati,   non   parla   in   modo   sdolcinato   come   certi cristiani   che   dicono   di   poter   ottenere   tutto   con   la corona    del    rosario.    Facciamo    un    esame    di coscienza    con    i    nostri    genitori    e    poi    parliamo schiettamente   ai   figli.   Nel   momento   del   bisogno sicuramente    ci    vuole    anche    la    preghiera,    ma saremo   esauditi   solo   se   faremo   quello   che   Dio   ha chiesto.    E    ci    garantisce    la    salvezza    fra    le mura   domestiche.    Il   Signore   insiste   sul   padre, ha   dato   a   lui   la   priorità   e   la   guida   della   famiglia, oggi   invece   è   la   moglie   che   prende   il   sopravvento e   i   figli   sono   emotivamente   più   rivolti   alla   madre. Anche   i   genitori   devono   comportarsi   bene   con   i figli   è   ovvio,   ma   la   benedizione   di   un   padre   ha   un potere   assoluto   nella   famiglia,   è   sempre   stata insostituibile    per    andar    bene    nella    vita.    Come può   scendere   sul   comportamento   dissoluto   dei figli    che    non    lo    rispettano?    Non    bisogna    aver paura   di   essere   a   volte   autoritari,   altrimenti   essi crescono    abituati    ad    ottenere    tutto    e    poi    si lasciano    andare    alla    depravazione.    Spendiamo grosse   cifre   per   vivere   un   po'   di   più   e   invece   chi riverisce   il   padre   vivrà   a   lungo.   I   nostri   padri erano    analfabeti    ma    ci    hanno    trasmesso    il rispetto   per   i   genitori   e   per   i   nonni,   quest'ultima generazione    ha    cambiato    tutto,    eliminando    le protezioni   principali   della   famiglia.   L'ateo   dice   di non   credere   in   Dio   così   si   sente   a   posto   con   la coscienza,   ma   certi   fatti   di   cronaca   escono   da famiglie   disastrate.   Anche   noi   che   andiamo   in chiesa   non   abbiamo   queste   massime   nella   nostra casa.   Le   mogli   "linguacciute"   non   obbediscono più   i   mariti,   come   sanno   creare   una   famiglia,   la sanno   anche   disfare.   E   i   mariti   non   le   amano   e non   le   onorano   più,   appena   uno   apre   la   bocca l'altro   dimostra   la   sua   insofferenza.   Non   bisogna mai   offendere   il   padre,   anche   se   sbaglia   è   un nostro         disonore,         non         amareggiamolo ulteriormente.   Quante   volte   abbiamo   rattristato   i nostri    genitori!    Se    abbiamo    questi    peccati    è meglio      confessarsi.      Come      buoni      cristiani dobbiamo    sapere    queste    cose    e    metterle    in pratica.   Un   figlio   nel   pieno   vigore   della   sua   vita dovrebbe   ringraziare   e   rendere   contenti   i   propri genitori,   non   vergognarsi   di   loro.   Il   padre   giusto è    un    beneficio    per    la    prole,    ma    genitori    che inveiscono   tra   loro   creano   traumi   ai   figli,   chi   vive nella     famiglia     può     portarla     allo     sfacelo     o salvaguardarla.     Abbandonare     il     padre     è     la noncuranza     del     genitore,     significa     mettere davanti     tutti     i     nostri     progetti.     La     nostra generazione   avrà   il   peso   delle   famiglie   dei   figli perché   non   ha   saputo   educarli.   Dove   andranno ad    attingere?    Li    abbiamo    buttati    in    mezzo    al mondo    senza    rendercene    conto.    I    figli    che    si faranno   maledire   dai   genitori   saranno   maledetti dal    Signore,    a    loro    non    andrà    bene    niente. Insultare   la   madre   non   riguarda   tanto   quello   che diciamo   con   la   bocca   ma   quello   che   abbiamo   nel cuore.   Dobbiamo   dirlo   ai   figli   quando   ci   mancano di    rispetto,    se    non    lo    facciamo    omettiamo    il nostro     dovere.     Tra     le     mura     domestiche potremmo    ottenere    il    condono    dei    nostri peccati,      non     distruggiamo     un     patrimonio immenso   come   la   parola   di   Dio.   Nelle   conferenze si   parla   del   diritto   dell'uomo,   non   di   Dio.   Quanti cristiani   per   risolvere   i   problemi   della   famiglia consigliano     l'avvocato?     Formiamoci     sui     libri sapienziali   perché   la   tradizione   umana   è   piena   di raggiri   confezionati   ad   arte   per   portarci   lontano dalla   verità.   Il   Signore   l'ha   detto   a   noi   perché siamo   la   prima   generazione   che   può   accedere liberamente alla Bibbia. DOVERI VERSO I GENITORI Figli, ascoltatemi, sono vostro padre; agite in modo da essere salvati. Il Signore vuole che il padre sia onorato dai figli, ha stabilito il diritto della madre sulla prole. Chi onora il padre espia i peccati; chi riverisce la madre è come chi accumula tesori. Chi onora il padre avrà gioia dai propri figli e sarà esaudito nel giorno della sua preghiera. Chi riverisce il padre vivrà a lungo; chi obbedisce al Signore dà consolazione alla madre. Chi teme il Signore rispetta il padre e serve come padroni i genitori. Onora tuo padre a fatti e a parole, perché scenda su di te la sua benedizione. La benedizione del padre consolida le case dei figli, la maledizione della madre ne scalza le fondamenta. Non vantarti del disonore di tuo padre, perché il disonore del padre non è gloria per te; la gloria di un uomo dipende dall'onore del padre, vergogna per i figli è una madre nel disonore. Figlio, soccorri tuo padre nella vecchiaia, non contristarlo durante la sua vita. Anche se perdesse il senno, compatiscilo e non disprezzarlo, mentre sei nel pieno vigore. Poiché la pietà verso il padre non sarà dimenticata, ti sarà computata a sconto dei peccati. Nel giorno della tua tribolazione Dio si ricorderà di te; come fa il calore sulla brina, si scioglieranno i tuoi peccati. Chi abbandona il padre è come un bestemmiatore, chi insulta la madre è maledetto dal Signore. Siracide 3,1-16         Confidenze   di   Maria   santissima   a   Roberto   Longhi sul monte Misma  
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
versione mobile