Maria Ausiliatrice del monte Misma
Un deserto  sul Misma
  Abbiamo   una   mamma   che   tutto   può   per   noi,   e   come   ogni   mamma,   è   felice   di   fare   tutto   quello   che   può   per   i   propri   figli, perché   vuole   che   abbiano   le   cose   migliori   della   vita,   non   le   peggiori.   La   Madonna   fa   di   tutto   per   farci   stare   bene,   fino   al punto   di   apparire   in   un   mondo   così   confuso   e   ribelle,   per   lasciarci   in   anticipo   i   suoi   messaggi.   E   noi,   in   generale, facciamo   tutto   per   stare   male   e   complicarci   la   vita   con   le   nostre   scelte   e   le   nostre   prese   di   posizione.   Non   accogliamo   i suoi   messaggi   benefici   e   continuiamo   il   nostro   modo   di   vivere…,   salvo   poi   rivolgerci   a   Lei,   per   chiederle   aiuto,   quando abbiamo   una   certa   problematica   che   non   riusciamo   più   a   sopportare.   La   Madonna   ci   avvisa   prima,   perché   è   meglio prevenire   che   curare;   e   Lei,   talmente   ci   ama,   che   fa   tutte   due   le   cose:   previene,    se   noi   stiamo   attenti   ed   accogliamo   le sue   premonizioni,   e   cura,   quando   ormai   vede   che   non   l'abbiamo   ascoltata.   Non   ci   abbandona   al   nostro   destino,   come faremmo   noi   quando   uno   non   ci   ascolta,   perchè   ha   un   cuore   meraviglioso   di   mamma!   Maria   Santissima   desidera   che noi   abbiamo   a   capire   che   abbiamo   quello   che   il   Signore   ci   ha   dato.   Dobbiamo   dimostrare   di   apprezzare   tutto quello   che   abbiamo,   non   di   desiderare   quello   che   hanno   gli   altri,   altrimenti   andiamo   in   confusione   e   non   ci   rendiamo conto   di   quello   che   dobbiamo   fare.   Dimostriamo   la   nostra   gratitudine   al   Signore   apprezzando   quello   che abbiamo:   un   lavoro,   il   paese   in   cui   viviamo,   la   nostra   parentela,   i   nostri   confinanti,   la   moglie,   i   figli,   tutto. Non   pensiamo   che   queste   cose   ce   le   siamo   conquistate   noi,   perché   " non   cade   foglia   che   Dio   non   voglia" …   Non escludiamo   che   le   cose   che   abbiamo   siano   un   desiderio   e   una   decisione   del   Padre,   che   vuol   metterci   alla   prova   per vedere   se   noi   apprezziamo   quello   che   Lui   ci   ha   dato….   È   inutile   andare   a   fare   il   bene   a   10.000   km   di   distanza,   se   non   ci amiamo   con   quello   della   porta   accanto.   Che   ipocrisia,   che   falsità!   Vogliamo   dimostrare   al   Signore   che   aderiamo   a   un'idea nobile?   Ma   a   chi   non   dispiace   un   bambino   che   muore   di   fame....   Così   non   dimostriamo   niente!   Dimostriamo   di   essere giusti   se   in   primis   apprezziamo   tutto   quello   che   abbiamo   a   nostra   disposizione,      che   il   Signore   ci   ha   dato,   e   poi   possiamo sostenere   anche   idee   nobili   e   apprezzabili,   contro   le   atrocità   e   le   ingiustizie   nel   mondo.   Ricomponiamoci,   riacquistiamo   il senso   della   misura,   della   sobrietà   e   dell'umanità,   perché   il   mondo   è   "una   lamentela   continua" .   Sembra   che   vogliamo dimostrare   che   la   Madonna   ci   dà   tutto   per   farci   stare   male.....,         invece   dimostriamo   di   non   apprezzare   niente   dal Signore.   Non   apprezziamo   che   fino   a   sessant'anni   siamo   stati   in   salute,   che   fino   a   50   abbiamo   avuto   una   famiglia perfetta.   Poi   quando   i   nostri   cari   prendono   delle   vie   diverse   da   quelle   che   pensiamo   noi,   allora   in   quel   momento   ci impuntiamo   e   ci   ribelliamo,   perché   non   vogliamo   che   facciano   quelle   scelte!   Magari   quei   comportamenti   sono   degli errori,   ma   se   il   Signore   li   lascia   fare,   significa   che   se   anche   "ci   picchiano   il   naso",   possono   poi   imparare   a   vivere   nel modo   giusto.   Anche   noi   non   abbiamo   accettato   tutti   i   consigli   dei   nostri   padri,   che   ne   sapevano   più   di   noi;   abbiamo voluto   fare   le   nostre   esperienze   di   vita,   giuste   o   sbagliate   ce   ne   siamo   accorti   dopo.   Cerchiamo   di   accettare   di   più   le ingiustizie,    come    ha    suggerito    Maria    Santissima    a    Roberto    Longhi,    quando    voleva    offrirle    il    mondo    intero    come gratitudine   per   l'esperienza   soprannaturale   che   stava   vivendo:   "    Non   voglio   questo.   Se   tu   vuoi   dimostrarmi   che   mi   ami, accetta   di   più   le   ingiustizie   che   imporre   la   tua   giustizia   e   la   tua   verità".      Davanti   a   tanto   amore,   a   tanto   cuore   e   a tanta   dolcezza   di   Maria   Santissima,   perché   è   tanto   difficile   amarsi   gli   uni   gli   altri,   stare   bene   insieme, desiderare   il   bene   dell'altro?   Accettiamo   anche   “quei   difetti”   (che   magari   per   gli   altri   non   lo   sono)   con   semplicità   e normalità,   senza   star   male   e   dover   andare   dal   dottore   perché   la   situazione   è   diventata   insopportabile….,   non   diventando nevrotici   o   lasciandoci   prendere   dall'ansia.   E’   ciò   il   Signore   di   più   si   aspetta   da   noi.   Invece   che   andare   alla   rottura, torniamo   alle   origini,   insegniamo   come   si   può   vivere   e   cosa   si   può   raggiungere   ubbidendo   e   consolando   la   Madonna. Chissà quale grazia ci concederà il Signore.   Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul monte Misma  
Amiamo quello che il Signore ci ha dato
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
Monte Misma - Oasi della Pace - via Spersiglio 25 Pradalunga (Bergamo)
stampa la pagina
Un deserto   sul Misma
Maria Ausiliatrice del monte Misma
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
Abbiamo   una   mamma   che   tutto   può   per   noi,   e come   ogni   mamma,   è   felice   di   fare   tutto   quello che    può    per    i    propri    figli,    perché    vuole    che abbiano    le    cose    migliori    della    vita,    non    le peggiori.   La   Madonna   fa   di   tutto   per   farci   stare bene,   fino   al   punto   di   apparire   in   un   mondo   così confuso   e   ribelle,   per   lasciarci   in   anticipo   i   suoi messaggi.   E   noi,   in   generale,   facciamo   tutto   per stare   male   e   complicarci   la   vita   con   le   nostre scelte    e    le    nostre    prese    di    posizione.    Non accogliamo      i      suoi      messaggi      benefici      e continuiamo   il   nostro   modo   di   vivere…,   salvo   poi rivolgerci    a    Lei,    per    chiederle    aiuto,    quando abbiamo     una     certa     problematica     che     non riusciamo    più    a    sopportare.    La    Madonna    ci avvisa    prima,    perché    è    meglio    prevenire    che curare;   e   Lei,   talmente   ci   ama,   che   fa   tutte   due le    cose:    previene,     se    noi    stiamo    attenti    ed accogliamo   le   sue   premonizioni,   e   cura,   quando ormai   vede   che   non   l'abbiamo   ascoltata.   Non   ci abbandona   al   nostro   destino,   come   faremmo   noi quando   uno   non   ci   ascolta,   perchè   ha   un   cuore meraviglioso    di    mamma!    Maria    Santissima desidera    che    noi    abbiamo    a    capire    che abbiamo   quello   che   il   Signore   ci   ha   dato. Dobbiamo   dimostrare   di   apprezzare   tutto   quello che   abbiamo,   non   di   desiderare   quello   che   hanno gli   altri,   altrimenti   andiamo   in   confusione   e   non ci   rendiamo   conto   di   quello   che   dobbiamo   fare. Dimostriamo      la      nostra      gratitudine      al Signore    apprezzando    quello    che    abbiamo: un   lavoro,   il   paese   in   cui   viviamo,   la   nostra parentela,    i    nostri    confinanti,    la    moglie,    i figli,   tutto.   Non   pensiamo   che   queste   cose   ce   le siamo   conquistate   noi,   perché   " non   cade   foglia che   Dio   non   voglia" …   Non   escludiamo   che   le   cose che   abbiamo   siano   un   desiderio   e   una   decisione del    Padre,    che    vuol    metterci    alla    prova    per vedere   se   noi   apprezziamo   quello   che   Lui   ci   ha dato….   È   inutile   andare   a   fare   il   bene   a   10.000 km   di   distanza,   se   non   ci   amiamo   con   quello della   porta   accanto.   Che   ipocrisia,   che   falsità! Vogliamo   dimostrare   al   Signore   che   aderiamo   a un'idea   nobile?   Ma   a   chi   non   dispiace   un   bambino che    muore    di    fame....    Così    non    dimostriamo niente!   Dimostriamo   di   essere   giusti   se   in   primis apprezziamo   tutto   quello   che   abbiamo   a   nostra disposizione,      che   il   Signore   ci   ha   dato,   e   poi possiamo     sostenere     anche     idee     nobili     e apprezzabili,   contro   le   atrocità   e   le   ingiustizie   nel mondo.   Ricomponiamoci,   riacquistiamo   il   senso della     misura,     della     sobrietà     e     dell'umanità, perché    il    mondo    è    "una    lamentela    continua" . Sembra   che   vogliamo   dimostrare   che   la   Madonna ci    dà    tutto    per    farci    stare    male.....,            invece dimostriamo     di     non     apprezzare     niente     dal Signore.      Non      apprezziamo      che      fino      a sessant'anni   siamo   stati   in   salute,   che   fino   a   50 abbiamo   avuto   una   famiglia   perfetta.   Poi   quando i   nostri   cari   prendono   delle   vie   diverse   da   quelle che    pensiamo    noi,    allora    in    quel    momento    ci impuntiamo   e   ci   ribelliamo,   perché   non   vogliamo che      facciano      quelle      scelte!      Magari      quei comportamenti    sono    degli    errori,    ma    se    il Signore   li   lascia   fare,   significa   che   se   anche   "ci picchiano   il   naso",   possono   poi   imparare   a   vivere nel     modo     giusto.     Anche     noi     non     abbiamo accettato   tutti   i   consigli   dei   nostri   padri,   che   ne sapevano    più    di    noi;    abbiamo    voluto    fare    le nostre   esperienze   di   vita,   giuste   o   sbagliate   ce ne   siamo   accorti   dopo.   Cerchiamo   di   accettare   di più    le    ingiustizie,    come    ha    suggerito    Maria Santissima    a    Roberto    Longhi,    quando    voleva offrirle    il    mondo    intero    come    gratitudine    per l'esperienza   soprannaturale   che   stava   vivendo:   "   Non   voglio   questo.   Se   tu   vuoi   dimostrarmi   che mi   ami,   accetta   di   più   le   ingiustizie   che   imporre la   tua   giustizia   e   la   tua   verità".      Davanti   a   tanto amore,   a   tanto   cuore   e   a   tanta   dolcezza   di Maria    Santissima,    perché    è    tanto    difficile amarsi   gli   uni   gli   altri,   stare   bene   insieme, desiderare     il     bene     dell'altro?     Accettiamo anche   “quei   difetti”   (che   magari   per   gli   altri   non lo   sono)   con   semplicità   e   normalità,   senza   star male    e    dover    andare    dal    dottore    perché    la situazione    è    diventata    insopportabile….,    non diventando     nevrotici     o     lasciandoci     prendere dall'ansia.   E’   ciò   il   Signore   di   più   si   aspetta   da noi.   Invece   che   andare   alla   rottura,   torniamo   alle origini,   insegniamo   come   si   può   vivere   e   cosa   si può    raggiungere    ubbidendo    e    consolando    la Madonna.    Chissà    quale    grazia    ci    concederà    il Signore.

Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul

monte Misma

 
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
versione mobile