Maria Ausiliatrice del monte Misma
Un deserto  sul Misma
  Già   di   per   sé   ogni   nascita   è   un   fatto   straordinario,   perché   dall'atto   di   amore   di   un   uomo   e   una   donna,   da   un   seme,   nasce una   creatura!   Pensiamo   a   quanto   è   straordinaria   la   nascita   di   Gesù   nel   seno   della   vergine   Maria   per   opera   dello      Spirito Santo.   Se   avessimo   la   consapevolezza   del   significato   della   nascita   del   figlio   di   Dio,   perderemmo   addirittura   il   senno   della ragione,   tanto   è   grande   questo   avvenimento...   questo   dono   che   il   Padre   ha   voluto   farci;   e   invece   ,   perdiamo   la   testa davanti   a   un   professionista   che   canta   o   a   un   professionista   del   “pallone”...   Ma   il   Signore   che   ci   ama   così   tanto,   vuole   che manteniamo   la   nostra   razionalità,   la   nostra   ragione   e   i   nostri   interessi   della   vita,   pur   riconoscendo   quello   che   il   Padre   sta facendo   per   noi.   Se   il   Natale   fosse   percepito   come   un   fatto   straordinario,   eccezionale,      sarebbe   facile   vivere   come   il Signore   ci   chiede,   con   sentimenti   di   amore,   di   concordia,   di   letizia   e   di   gaudio.   Purtroppo   nel   nostro   cuore   non   viviamo questa   gioia,   perché   non   riusciamo   a   trasmetterla;   semmai   trasmettiamo   la   gioia   mentale,   che   è   ben   altra   cosa.   Siamo obiettivi:   il   Natale   non   ci   coinvolge   più!   Non   cambiamo   perché   per   noi   è   insignificante   questa   nascita,   ci   interessa   solo   a parole   e   non   nei   fatti:   diciamo   di   amare   e   adorare   Dio   e   poi   non   amiamo   il   prossimo.   E’   meglio   invece   dimostrare   al Signore    il    contrario.    Ma    che    cosa    ci    impedisce    di    emozionarci    e    di    riconoscere    queste    verità,    che    sono immense?Riconosciamo   che   abbiamo   tutto   il   necessario   per   cambiare   vita,   secondo   certe   linee   che   il   Signore   ha   già preparato   per   noi   e   che   troviamo   nel   Vangelo,   per   non   essere   come   quegli   ascoltatori   smemorati   che   leggono   e   poi   si dimenticano quello che hanno letto, poiché " molti sono i chiamati e pochi gli eletti".   CHI È PER NOI IL FIGLIO DI DIO? Non   riusciamo   neanche   a   immaginarlo   talmente   è   grande,   eppure   quante   volte   noi,   che   non   siamo   nessuno,   abbiamo   il coraggio   di   criticare   le   scelte   del   Signore.   Siamo   talmente   ingrati   che   ci   siamo   dimenticati   che   anche   le   scoperte   che   ha fatto   l'uomo   (come   la   corrente   elettrica),   sono   merito   e   dono   di   Dio   che   lo   ha   permesso,   non   sono   un   fatto   dovuto   e scontato.   Dobbiamo   amare   tutto   ciò   che   il   Signore   ha   creato   .   Non   diamo   per   scontato   che   siamo   salvati   solo   in   virtù   di quello   che   Gesù   ha   fatto   per   noi:   meritiamoci    la   salvezza   che   il   Signore   ci   ha   donato   con   la   sua   vita,   eliminando   le   cose vane   che   in   realtà   ci   portiamo   dentro   e   che   danno   un   risultato   solo   al   nostro   orgoglio,   al   nostro   carattere   e   al   traguardo che   vogliamo   raggiungere.   Non   facciamoci   prendere   dalla   contestazione,   che   non   va   bene   con   il   cammino   di   preghiera, per   nessun   motivo.   Perché   il   Signore   ci   ha   dato   delle   linee   che   non   dobbiamo   cambiare:   non   giudicare,   non   criticare.   Perché   criticando   una   persona   qualsiasi,   insegniamo   agli   altri   a   criticare   tutto,   e   si   finisce   per   criticare   la   Chiesa   e   le scelte del Signore, per arrivare al gravissimo errore di criticare Dio.  NON SIAMO UNA BANDA DI DISPERATI ! CHI L’HA DETTO CHE PROVEREMO GIOIA SOLO NELL'ALTRA DIMENSIONE? Che   cosa   piace   al   Signore?   Che   noi   innanzitutto   riconosciamo   che   Gesù   è   venuto   al   mondo   per   farci   vivere   bene,   per farci   pregustare   la   gioia   del   paradiso   già   su   questa   terra.   Però   dobbiamo   cambiare   modo   di   vivere   e   di   pensare: dobbiamo   lasciare   entrare   nella   mente   e   nel   cuore   ciò   che   il   Signore,   con   tanto   amore   e   senza   obbligo,   ci   consiglia    di fare   entrare!   Il   Signore   non   c'ha   creato   solo   per   darci   un'infinità   di   problemi,   per   metterci   nella   condizione   di   vivere   in   un modo   confuso   e   sofferente,   allo   sbando   e   senza   sostegno.   Altrimenti      a   che   cosa   serve   la   nascita   del   nostro   Signore Gesù?   Dobbiamo   sradicare   ciò   che   per   anni   è   entrato   nella   nostra   mente,   quell'abitudine   di   contestare,   di   approvare,   di giudicare,   come   se   dipendesse   tutto   da   noi:   se   per   la   parte   umana,   materiale   va   bene,   per   la   parte   spirituale   non   va bene,   anzi   è   molto   dannosa   all'abbandono   in   Dio   e   alla   crescita   spirituale   di   ciascuno   di   noi.   Non   pensiamo   solo   ad accumulare   preghiere   e   S.Messe,   ma   dimostriamo   di   aver   capito   che   il   Signore   è   venuto   su   questa   terra   per   farci   gustare da   subito   la   gioia   del   paradiso,   non   per   farci   sembrare   dei   poveri   disperati,   solamente   perché   abbiamo   sentito   che   noi   in questa   vita   dobbiamo   solo   soffrire!    Ma   chi   l'ha   detto?   Può   diventare   anche   un   fattore   psicologico   che   la   società   ed   i Mass   media   ci   hanno   inculcato!   Può   essere   anche   dovuto   a   scelte   sbagliate   che   abbiamo   fatto.   Perché   nella   gioia possiamo   offrire   rinunce   e   digiuni.   Dobbiamo   resistere   a   tutti   gli   attacchi   che   ci   vengono   rivolti   per   non   farci   conoscere queste   verità,   che   il   Signore   ha   voluto   rivelarci   con   la   sua   nascita,   perché   solo   in   Italia   è   stato   calcolato   che   ci   sono   più di   30.000   sette   sataniche,   composte   da   cristiani,   non   da   atei   o   da   miscredenti.   È   sufficiente   aderire   col   pensiero   a   un comandamento   diverso   da   quelli   che   sono   i   comandamenti   di   Dio   (criticando   e   giudicando),   per   fare   quello   che   l'altro vuole   che   noi   facciamo,   per   disgregare   e   dividere,   per   dimostrare      al   Padre   la   nostra   ingratitudine   per   i   doni      straordinari che   ci   ha   concesso.   Il   male   agisce   così.   Rendiamoci   conto   della   nascita   del   nostro   Signore   Gesù,   per   abbattere   tutti   i muri   di   separazione   che   ci   sono   fra   noi   e   il   Signore,   per   amarlo,   ringraziarlo   e   onorarlo   per      quello   che   c'ha   fatto,   e iniziare da subito un cammino nuovo, consapevoli di avere come guida e protezione Maria Santissima.   Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul monte Misma  
Pregustare la gioia del paradiso sulla terra
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
Monte Misma - Oasi della Pace - via Spersiglio 25 Pradalunga (Bergamo)
stampa la pagina
Un deserto   sul Misma
Maria Ausiliatrice del monte Misma
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
Già     di     per     sé     ogni     nascita     è     un     fatto straordinario,    perché    dall'atto    di    amore    di    un uomo    e    una    donna,    da    un    seme,    nasce    una creatura!   Pensiamo   a   quanto   è   straordinaria   la nascita   di   Gesù   nel   seno   della   vergine   Maria   per opera    dello        Spirito    Santo.    Se    avessimo    la consapevolezza   del   significato   della   nascita   del figlio    di    Dio,    perderemmo    addirittura    il    senno della      ragione,      tanto      è      grande      questo avvenimento...    questo    dono    che    il    Padre    ha voluto   farci;   e   invece   ,   perdiamo   la   testa   davanti a     un     professionista     che     canta     o     a     un professionista   del   “pallone”...   Ma   il   Signore   che   ci ama   così   tanto,   vuole   che   manteniamo   la   nostra razionalità,   la   nostra   ragione   e   i   nostri   interessi della   vita,   pur   riconoscendo   quello   che   il   Padre sta   facendo   per   noi.   Se   il   Natale   fosse   percepito come      un      fatto      straordinario,      eccezionale,        sarebbe   facile   vivere   come   il   Signore   ci   chiede, con   sentimenti   di   amore,   di   concordia,   di   letizia   e di    gaudio.    Purtroppo    nel    nostro    cuore    non viviamo    questa    gioia,    perché    non    riusciamo    a trasmetterla;     semmai     trasmettiamo     la     gioia mentale,   che   è   ben   altra   cosa.   Siamo   obiettivi:   il Natale    non    ci    coinvolge    più!    Non    cambiamo perché   per   noi   è   insignificante   questa   nascita,   ci interessa   solo   a   parole   e   non   nei   fatti:   diciamo   di amare    e    adorare    Dio    e    poi    non    amiamo    il prossimo.   E’   meglio   invece   dimostrare   al   Signore il     contrario.     Ma     che     cosa     ci     impedisce     di emozionarci   e   di   riconoscere   queste   verità,   che sono   immense?Riconosciamo   che   abbiamo   tutto il   necessario   per   cambiare   vita,   secondo   certe linee   che   il   Signore   ha   già   preparato   per   noi   e che   troviamo   nel   Vangelo,   per   non   essere   come quegli   ascoltatori   smemorati   che   leggono   e   poi   si dimenticano    quello    che    hanno    letto,    poiché    " molti sono i chiamati e pochi gli eletti".   CHI È PER NOI IL FIGLIO DI DIO? Non   riusciamo   neanche   a   immaginarlo   talmente è    grande,    eppure    quante    volte    noi,    che    non siamo   nessuno,   abbiamo   il   coraggio   di   criticare   le scelte   del   Signore.   Siamo   talmente   ingrati   che   ci siamo   dimenticati   che   anche   le   scoperte   che   ha fatto   l'uomo   (come   la   corrente   elettrica),   sono merito   e   dono   di   Dio   che   lo   ha   permesso,   non sono    un    fatto    dovuto    e    scontato.    Dobbiamo amare   tutto   ciò   che   il   Signore   ha   creato   .   Non diamo    per    scontato    che    siamo    salvati    solo    in virtù    di    quello    che    Gesù    ha    fatto    per    noi: meritiamoci     la    salvezza    che    il    Signore    ci    ha donato   con   la   sua   vita,   eliminando   le   cose   vane che   in   realtà   ci   portiamo   dentro   e   che   danno   un risultato     solo     al     nostro     orgoglio,     al     nostro carattere      e      al      traguardo      che      vogliamo raggiungere.     Non     facciamoci     prendere     dalla contestazione,   che   non   va   bene   con   il   cammino di    preghiera,    per    nessun    motivo.    Perché    il Signore   ci   ha   dato   delle   linee   che   non   dobbiamo cambiare:   non   giudicare,   non   criticare.    Perché criticando   una   persona   qualsiasi,   insegniamo   agli altri   a   criticare   tutto,   e   si   finisce   per   criticare   la Chiesa   e   le   scelte   del   Signore,   per   arrivare   al gravissimo errore di criticare Dio.  NON SIAMO UNA BANDA DI DISPERATI ! CHI L’HA DETTO CHE PROVEREMO GIOIA SOLO NELL'ALTRA DIMENSIONE? Che   cosa   piace   al   Signore?   Che   noi   innanzitutto riconosciamo   che   Gesù   è   venuto   al   mondo   per farci   vivere   bene,   per   farci   pregustare   la   gioia   del paradiso    già    su    questa    terra.    Però    dobbiamo cambiare   modo   di   vivere   e   di   pensare:   dobbiamo lasciare   entrare   nella   mente   e   nel   cuore   ciò   che   il Signore,   con   tanto   amore   e   senza   obbligo,   ci consiglia    di   fare   entrare!   Il   Signore   non   c'ha creato   solo   per   darci   un'infinità   di   problemi,   per metterci   nella   condizione   di   vivere   in   un   modo confuso    e    sofferente,    allo    sbando    e    senza sostegno.   Altrimenti      a   che   cosa   serve   la   nascita del   nostro   Signore   Gesù?   Dobbiamo   sradicare   ciò che    per    anni    è    entrato    nella    nostra    mente, quell'abitudine    di    contestare,    di    approvare,    di giudicare,   come   se   dipendesse   tutto   da   noi:   se per   la   parte   umana,   materiale   va   bene,   per   la parte    spirituale    non    va    bene,    anzi    è    molto dannosa    all'abbandono    in    Dio    e    alla    crescita spirituale   di   ciascuno   di   noi.   Non   pensiamo   solo ad     accumulare     preghiere     e     S.Messe,     ma dimostriamo    di    aver    capito    che    il    Signore    è venuto    su    questa    terra    per    farci    gustare    da subito    la    gioia    del    paradiso,    non    per    farci sembrare   dei   poveri   disperati,   solamente   perché abbiamo   sentito   che   noi   in   questa   vita   dobbiamo solo   soffrire!    Ma   chi   l'ha   detto?   Può   diventare anche   un   fattore   psicologico   che   la   società   ed   i Mass    media    ci    hanno    inculcato!    Può    essere anche     dovuto     a     scelte     sbagliate     che abbiamo    fatto.    Perché    nella    gioia    possiamo offrire   rinunce   e   digiuni.   Dobbiamo   resistere   a tutti   gli   attacchi   che   ci   vengono   rivolti   per   non farci   conoscere   queste   verità,   che   il   Signore   ha voluto   rivelarci   con   la   sua   nascita,   perché   solo   in Italia   è   stato   calcolato   che   ci   sono   più   di   30.000 sette   sataniche,   composte   da   cristiani,   non   da atei   o   da   miscredenti.   È   sufficiente   aderire   col pensiero   a   un   comandamento   diverso   da   quelli che   sono   i   comandamenti   di   Dio   (criticando   e giudicando),   per   fare   quello   che   l'altro   vuole   che noi    facciamo,    per    disgregare    e    dividere,    per dimostrare      al   Padre   la   nostra   ingratitudine   per   i doni      straordinari   che   ci   ha   concesso.   Il   male agisce   così.   Rendiamoci   conto   della   nascita   del nostro   Signore   Gesù,   per   abbattere   tutti   i   muri   di separazione   che   ci   sono   fra   noi   e   il   Signore,   per amarlo,   ringraziarlo   e   onorarlo   per      quello   che c'ha    fatto,    e    iniziare    da    subito    un    cammino nuovo,    consapevoli    di    avere    come    guida    e protezione Maria Santissima.

Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul

monte Misma

 
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
versione mobile