Maria Ausiliatrice del monte Misma
Un deserto  sul Misma
  Ci   siamo   resi   conto   della   gioia   che   si   può   provare   ad   essere   cristiani?   Dove   vediamo   questa   felicità?         Vediamo   di   tutto tranne   quello   che   Gesù   ci   ha   offerto.   L'amore   comprende   tutte   le   verità   del   mondo,   avrebbe   evitato   guerre,   polemiche, sofferenze,   omicidi,   scismi,   tradimenti,   dittatori.   I   mali   provengono   dal   cuore   dell'uomo   e   noi   ci   siamo   illusi   che potevamo   eliminarli   pregando.   Quante   persone   pregano   e   non   amano!   Abbiamo   in   abbondanza   il   necessario   per   vivere, eppure   non   siamo   ancora   contenti,   vogliamo   giudicare   e   criticare.   L'amore   vero   è   quello   che   fuoriesce   da   una   persona che   non   ha   neanche   il   necessario   per   vivere   e   pensa   al   proprio   fratello.   Quanto   siamo   lontani   dall'amore   vero! Confessiamo   la   mancanza   di   carità   e   di   perdono.   Non   è   vero   che   tutto   quello   che   abbiamo   nel   cuore   è   genuino,   perché non   miglioriamo   la   vita   del   nostro   collega,   del   confinante   o   del   familiare?   Se   fossimo   al   tavolo   con   Gesù   e   vedessimo   la sua   dolcezza   e   bontà,   ci   sentiremmo   i   peggiori   peccatori.   Davanti   alla   sua   perfezione,   che   è   l’amore   infinito,   senza   che proferisca   parola   vedremmo   i   nostri   difetti.   Invece   non   ci   miglioriamo   perché   pensiamo   di   essere   i   più   bravi   e   ci aspettiamo   sempre   qualcosa   dagli   altri.   L'amore   infinito   è   quella   dolcezza   che   anche   davanti   alle   persecuzioni   non   ci   fa criticare   e   giudicare,   ma   ci   rende   sereni.   Siamo   sicuri   che   facciamo   tutto   il   bene   che   il   Signore   ci   concede   di   fare?   In verità   siamo   molto   difettosi   rispetto   a   quello   che   potremmo   essere.   Chi   sarebbe   disposto   a   vivere   sotto   un   ponte   e   dare tutto   per   il   fratello   cristiano?   Non   è   il   benessere   che   ci   fa   felici,   ma   il   far   felice   un'altra   persona.    Possiamo   essere anche   nella   situazione   più   deprimente,   eppure   con   Dio   nel   cuore   siamo   felici.   Nessun   popolo   ha   sperimentato   la prosperità e il progresso che vediamo noi. Quale profitto ne abbiamo? QUANTI DISCORSI SENTIAMO SULL'AMORE? Abbiamo   saputo   conservare   la   fede   dei   nostri   padri,   che   era   già   appesantita   da   2000   anni   di   errori?   Pensiamo   di   essere migliorati?   Sembriamo   tutti   dei   "santini"   come   quelle   immaginette   smunte,   piegate,   con   le   parole   che   non   si   riescono   a leggere.   Non   ci   comprendiamo   più,   non   c'è   amore   e   perdono,   siamo   subito   sul   piede   di   guerra.   " Rimanete   fondati   e   fermi nella   fede,   non   vi   lasciate   allontanare   dalla   speranza   promessa   nel   Vangelo   che   avete   ascoltato,   il   quale   è   stato annunziato   ad   ogni   creatura   sotto   il   cielo”   (Col   1,   23).   Chi   non   si   è   lasciato   allontanare   dal   Vangelo?   Chi   di   noi   parla   con quel   timbro   di   voce   congeniale   alla   parola   di   Dio?   Cosa   si   discute   nei   consigli   pastorali?   Siamo   tutti   pronti   a   criticare   e   ci sentiamo   pudici.   Si   consumano   tante   ingiustizie   davanti   agli   occhi   di   Dio,   tra   cristiani,   fra   coloro   che   vanno   a   ricevere l'eucarestia   e   questo   ci   mette   in   una   condizione   di   pericolo.   Tutti   abbiamo   ricevuto   tradimenti,   offese,   umiliazioni,   perché riveliamo   solo   quelli?      Parliamo   solo   di   chi   ci   ha   fatto   del   male,   ma   non   di   ci   ha   reso   felici   o   ci   ha   aiutati   a   risolvere   un nostro   problema.   Dove   i   cristiani   vedono   Dio   in   questi   passaggi?   Anche   noi   direttamente   o   indirettamente   causiamo comportamenti   negativi   da   parte   degli   altri.   Dovremmo   fare   la   gara   a   elencare   le   cose   più   belle   tra   di   noi,   come   diceva San   Paolo,   non   a   chi   ha   subito   di   più.   Stiamo   vivendo   solo   i   primi   segnali   dei   tempi   preannunciati,   che   solo   il   Padre conosce.   Abbiamo   sentito   tante   rivelazioni   private   annunciare   catastrofi,   ma   è   passato   tutto   senza   che   sia   successo niente.   Non   fidiamoci   di   esse.   Ricordiamoci   che   il   Signore   verrà   in   aiuto   di   tutti,   non   sceglie   un   popolo   da   preservare dalla   distruzione   e   lascia   l'altro   al   suo   destino.   Educhiamoci   sulla   parola   di   Dio,   non   su   quello   che   si   dice.   L'amore   è   una parola   infinita   come   l'universo   creato.   Accettiamo   le   nostre   difficoltà   senza   lamentarci,   dimostrandoci   felici   nonostante   i tradimenti,   le   cattiverie   e   le   lacrime.   Se   dimentichiamo   le   sofferenze   che   ci   hanno   causato   gli   altri,   vuol   dire   che sappiamo   amare   e   perdonare.    Rimaniamo   fedeli   davanti   alle   prove   che   la   vita   ci   riserva,   saremo   meritevoli   dei   premi e   dei   doni   del   Signore.   I   carismi   veri   “costano   sangue”.   Chi   non   si   lamenta   e   minimizza,   riesce   a   fermare   la   rabbia   nel giro   di   pochi   minuti.   Invece   chi   lascia   alimentare   il   livore   dentro   di   sé,   ucciderebbe   la   persona   che   gli   ha   causato   un torto.   Quando   sentiamo   che   il   sangue   ci   sale   alla   testa   e   trova   spazio   dentro   di   noi   la   polemica   e   la   collera,   non   è gradevole   fermarla,   ma   se   ci   riusciamo,   subito   dopo   ci   dimentichiamo   dell'ingiustizia   ricevuta,   non   siamo   più   ribelli   verso quella   persona.   Non   lasciamo   che   la   rabbia   e   il   senso   di   ingiustizia   ci   pervadano,   perché   poi   aumentano   a   dismisura,   da un piccolo incendio bruciamo una montagna intera.    Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul monte Misma  
L’amore infinito
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
Monte Misma - Oasi della Pace - via Spersiglio 25 Pradalunga (Bergamo)
stampa la pagina
Un deserto   sul Misma
Maria Ausiliatrice del monte Misma
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
Ci   siamo   resi   conto   della   gioia   che   si   può   provare ad     essere     cristiani?     Dove     vediamo     questa felicità?         Vediamo   di   tutto   tranne   quello   che Gesù   ci   ha   offerto.   L'amore   comprende   tutte   le verità     del     mondo,     avrebbe     evitato     guerre, polemiche,        sofferenze,        omicidi,        scismi, tradimenti,   dittatori.   I   mali   provengono   dal   cuore dell'uomo    e    noi    ci    siamo    illusi    che    potevamo eliminarli   pregando.   Quante   persone   pregano   e non      amano!      Abbiamo      in      abbondanza      il necessario   per   vivere,   eppure   non   siamo   ancora contenti,   vogliamo   giudicare   e   criticare.   L'amore vero   è   quello   che   fuoriesce   da   una   persona   che non   ha   neanche   il   necessario   per   vivere   e   pensa al     proprio     fratello.     Quanto     siamo     lontani dall'amore    vero!    Confessiamo    la    mancanza    di carità   e   di   perdono.   Non   è   vero   che   tutto   quello che   abbiamo   nel   cuore   è   genuino,   perché   non miglioriamo    la    vita    del    nostro    collega,    del confinante   o   del   familiare?   Se   fossimo   al   tavolo con   Gesù   e   vedessimo   la   sua   dolcezza   e   bontà,   ci sentiremmo   i   peggiori   peccatori.   Davanti   alla   sua perfezione,    che    è    l’amore    infinito,    senza    che proferisca    parola    vedremmo    i    nostri    difetti. Invece   non   ci   miglioriamo   perché   pensiamo   di essere    i    più    bravi    e    ci    aspettiamo    sempre qualcosa    dagli    altri.    L'amore    infinito    è    quella dolcezza   che   anche   davanti   alle   persecuzioni   non ci   fa   criticare   e   giudicare,   ma   ci   rende   sereni. Siamo   sicuri   che   facciamo   tutto   il   bene   che   il Signore   ci   concede   di   fare?   In   verità   siamo   molto difettosi   rispetto   a   quello   che   potremmo   essere. Chi   sarebbe   disposto   a   vivere   sotto   un   ponte   e dare    tutto    per    il    fratello    cristiano?    Non    è    il benessere   che   ci   fa   felici,   ma   il   far   felice un'altra   persona.    Possiamo   essere   anche   nella situazione   più   deprimente,   eppure   con   Dio   nel cuore      siamo      felici.      Nessun      popolo      ha sperimentato    la    prosperità    e    il    progresso    che vediamo noi. Quale profitto ne abbiamo? QUANTI DISCORSI SENTIAMO SULL'AMORE? Abbiamo    saputo    conservare    la    fede    dei    nostri padri,   che   era   già   appesantita   da   2000   anni   di errori?       Pensiamo       di       essere       migliorati? Sembriamo     tutti     dei     "santini"     come     quelle immaginette   smunte,   piegate,   con   le   parole   che non   si   riescono   a   leggere.   Non   ci   comprendiamo più,   non   c'è   amore   e   perdono,   siamo   subito   sul piede   di   guerra.   " Rimanete   fondati   e   fermi   nella fede,   non   vi   lasciate   allontanare   dalla   speranza promessa    nel    Vangelo    che    avete    ascoltato,    il quale   è   stato   annunziato   ad   ogni   creatura   sotto   il cielo”     (Col     1,     23).     Chi     non     si     è     lasciato allontanare   dal   Vangelo?   Chi   di   noi   parla   con   quel timbro    di    voce    congeniale    alla    parola    di    Dio? Cosa   si   discute   nei   consigli   pastorali?   Siamo   tutti pronti    a    criticare    e    ci    sentiamo    pudici.    Si consumano   tante   ingiustizie   davanti   agli   occhi   di Dio,   tra   cristiani,   fra   coloro   che   vanno   a   ricevere l'eucarestia   e   questo   ci   mette   in   una   condizione di    pericolo.    Tutti    abbiamo    ricevuto    tradimenti, offese,   umiliazioni,   perché   riveliamo   solo   quelli?     Parliamo   solo   di   chi   ci   ha   fatto   del   male,   ma   non di   ci   ha   reso   felici   o   ci   ha   aiutati   a   risolvere   un nostro   problema.   Dove   i   cristiani   vedono   Dio   in questi     passaggi?     Anche     noi     direttamente     o indirettamente   causiamo   comportamenti   negativi da   parte   degli   altri.   Dovremmo   fare   la   gara   a elencare   le   cose   più   belle   tra   di   noi,   come   diceva San   Paolo,   non   a   chi   ha   subito   di   più.   Stiamo vivendo     solo     i     primi     segnali     dei     tempi preannunciati,     che     solo     il     Padre     conosce. Abbiamo      sentito      tante      rivelazioni      private annunciare   catastrofi,   ma   è   passato   tutto   senza che   sia   successo   niente.   Non   fidiamoci   di   esse. Ricordiamoci   che   il   Signore   verrà   in   aiuto   di   tutti, non    sceglie    un    popolo    da    preservare    dalla distruzione     e     lascia     l'altro     al     suo     destino. Educhiamoci   sulla   parola   di   Dio,   non   su   quello che   si   dice.   L'amore   è   una   parola   infinita   come l'universo   creato.   Accettiamo   le   nostre   difficoltà senza   lamentarci,   dimostrandoci   felici   nonostante i    tradimenti,    le    cattiverie    e    le    lacrime.    Se dimentichiamo   le   sofferenze   che   ci   hanno causato    gli    altri,    vuol    dire    che    sappiamo amare   e   perdonare.    Rimaniamo   fedeli   davanti alle     prove     che     la     vita     ci     riserva,     saremo meritevoli   dei   premi   e   dei   doni   del   Signore.   I carismi   veri   “costano   sangue”.   Chi   non   si   lamenta e   minimizza,   riesce   a   fermare   la   rabbia   nel   giro di   pochi   minuti.   Invece   chi   lascia   alimentare   il livore   dentro   di   sé,   ucciderebbe   la   persona   che gli   ha   causato   un   torto.   Quando   sentiamo   che   il sangue   ci   sale   alla   testa   e   trova   spazio   dentro   di noi    la    polemica    e    la    collera,    non    è    gradevole fermarla,    ma    se    ci    riusciamo,    subito    dopo    ci dimentichiamo      dell'ingiustizia      ricevuta,      non siamo    più    ribelli    verso    quella    persona.    Non lasciamo   che   la   rabbia   e   il   senso   di   ingiustizia   ci pervadano,   perché   poi   aumentano   a   dismisura, da   un   piccolo   incendio   bruciamo   una   montagna intera.   

Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul

monte Misma

 
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
versione mobile