Maria Ausiliatrice del monte Misma
Un deserto  sul Misma
  C'è   modo   e   modo   di   pregare.   Se   fosse   la   preghiera   la   garanzia   della   nostra   conversione,   i   risultati   dovrebbero   essere diversi.   Perché   tante   persone   pregano,   fanno   pellegrinaggi,   frequentano   le   istituzioni   cristiane,   fanno   gruppi   di   preghiera, ma   non   dimostrano   quei   risultati   che   dovrebbero   vedersi   chiedendo   tanta   grazia   al   Signore?   Se   noi   pregassimo   solo come   pregava   Maria   Santissima   nella   sua   esperienza   terrena,   in   modo   autentico   e   con   la   giusta   devozione   verso   il Signore,   proveremmo   una   gioia   così   grande   che   trasformerebbe   subito   il   nostro   viso!   Diventerebbe   radioso,   luminoso   e pieno   di   grazia   come   quello   della   Madonna;   irradierebbe   gioia,   serenità   e   pace.   Se   ciò   fosse   stato   fatto   da   tanto   tempo, avremmo   davanti   un   mondo   meraviglioso.   Invece   non   si   vede   questa   differenza   tra   una   persona   che   prega   e   una   che non   prega;   si   vede   lo   stesso   viso   truce   che   trasmette   problemi,   preoccupazioni,   rabbia,   gelosia,   invidia,   cattiveria…. Cerchiamo   di   pregare   per   motivi   di   gioia,   di   lode   e   di   letizia,   e   non   per   motivi   che   ci   fanno   soffrire,   che   derivano dall'amarezza   che   abbiamo   nell'animo,   perché   il   Signore   conosce   tutto   ciò   di   cui   noi   abbiamo   bisogno.   Tanti   dimostrano che   se   non   avessero   problemi   non   si   avvicinerebbero   al   Signore,   e   così   si   dimenticano   che   il   vero   motivo   della   preghiera è   la   meraviglia   del   creato   che   Dio   ha   messo   davanti   ai   nostri   occhi:   la   luna,   il   sole,   la   terra   (sospesi   miracolosamente nell’universo),   i   fiori,   la   vegetazione,   gli   animali,   e   l'uomo   a   cui   Dio   ha   messo   tutto   a   sua   disposizione.   Se   noi   preghiamo soltanto   visualizzando   il   nostro   problema,   ci   si   offusca   tutto   quello   che   abbiamo   davanti   e   il   Signore   potrebbe   dirci: "Figlio   caro   non   hai   più   nessun   motivo   perché   tu   possa   pregare   guardando   quello   che   c’è   davanti   a   te?   Allora   tu   non credi   che   io   ho   creato   tutto   questo..."   .   Dovremmo   dimostrare   di   essere   contenti   per   quello   che   Dio   ci   ha   donato, inginocchiarci,   e   dire:   "Sei   grande   e   meraviglioso,   ti   ringrazio   perché   è   sbalorditivo   quello   che   hai   fatto   per   me..”.   Invece esultiamo   solo   se   riceviamo   un'eredità...Di   generazione   in   generazione   tanti   popoli   hanno   dimostrato   la   loro   devozione verso   il   Signore   con   le   preghiere,   ma   se   fossero   state   veramente   autentiche,   il   risultato   non   dovrebbe   essere   quello   che vediamo   oggi.   Ecco   perché   non   ci   conviene   seguire   le   linee   del   mondo   e   i   suggerimenti   che   ci   vengono   dati   a   destra   e   a sinistra,   perché   sono   devianti   e   portano   confusione.   La   parola   di   Dio   proviene   dalla   sorgente   limpidissima   della   verità, non    pone    nessuna    confusione    e    nessun    problema;    non    dovremmo    avere    mai    nessun    motivo    per    commentare    o giudicare,   ma   fare   tutto   "senza   critiche   e   senza   mormorazioni",   come   diceva   San   Paolo.Abbandoniamoci   al   Signore   per capire   come   dobbiamo   pregare,   non   quanto   bisogna   pregare!   Perché   "il   quanto"   è   facile   da   parte   di   tutti   (recitare   un rosario...),   ma   non   è   garanzia   di   veridicità,   mentre   "il   come"   si.   Il   quanto   è   "   matematico",   il   cammino   spirituale   della conversione no, non è logico, è un mistero…  STIAMO VIVENDO LA LEGGE DEL SIGNORE O LA NOSTRA REGOLA IN NOME DI DIO? Per   dare   efficacia   alle   nostre   preghiere,   meditiamo   sulla   confidenza   che   Maria   Santissima   ha   fatto   a   Roberto   Longhi: "Non   commettere   anche   tu   errori   che   tanti   altri   miei   figli   hanno   commesso...",   altrimenti,   senza   che   ce   ne   rendiamo conto,   ci   allontaniamo   dalla   verità   pur   non   avendo   nella   nostra   mente   questa   intenzione.   A   che   serve   prostrarsi   davanti al   Signore   se   invece   di   trasmettere   quello   che   Lui   ci   trasmette,   noi   trasmettiamo   l'esatto   contrario.....   Non   è   un'offesa questa,   davanti   al   Signore?   Sentiamoci   servi   e   strumenti   analfabeti,   perché   non   siamo   nessuno   di   fronte   alla   verità   della parola   di   Dio,   e   come   tali   non   siamo   in   grado   di   rivelare   niente,   se   non   i   nostri   sentimenti   umani,   le   nostre   emozioni,   i nostri   istinti,   o   i   suggerimenti   che   ci   arrivano   da   chissà   dove.   Noi   non   abbiamo   la   facoltà   di   cambiare   niente   e   non possiamo   promettere   nulla   agli   altri,   perché   le   cose   non   dipendono   da   noi.   Possiamo   solo   essere   coerenti   e   compiere quello   che   Gesù   ci   ha   insegnato   che   è   possibile   realizzare.   Diventiamo   prudenti,   scaltri,   intelligenti   per   non   cadere   nelle trappole   "matematiche"   del   male   che   hanno   ostacolato   tante   conversioni,   perché   il   male   vuole   che   noi   continuiamo   a ragionare   con   la   nostra   mente,   ad   impostare   la   nostra   legge   secondo   la   nostra   misura,   mentre   il   Signore   ci   ha   insegnato a   ragionare   con   il   cuore.   Sono   due   cose   diverse:   la   nostra   mente   è   più   gradevole   a   noi,   perché   ci   pone   davanti   delle conclusioni   e   dei   risultati   più   logici,   più   accettabili,   più   alla   nostra   portata,   mentre   il   nostro   cuore   ci   deve   portare   ad accettare   anche   delle   ingiustizie,   ad   amare   chi   ci   fa   il   male,   chi   ci   offende.   Non   saranno   pertanto   i   nostri   ragionamenti scientifici   o   le   nostre   capacità   intellettive   a   coinvolgere   le   persone,   ma   la   serenità   e   la   radiosità   del   viso,   come   quello   di Maria   Santissima,   che   scaturisce   da   un   cuore   che   magnifica   il   Signore,   che   ci   farà   diventare   veramente   belli.   Liberiamo   il nostro   cuore   all'amore,   abbandonandoci   totalmente   a   Dio,   scopriamo   qual   è   il   giusto   comportamento   ed   abituiamoci   ad amare.   Cerchiamo   di   capire   se   nelle   nostre   famiglie   stiamo   vivendo   secondo   la   legge   del   Signore,   perché   se   non   usciamo formati   dalle   nostre   famiglie,   dove   passiamo   la   maggior   parte   del   nostro   tempo,   non   possiamo   prendercela   con   nessuno, né con la Chiesa, né con i sacerdoti.   Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul monte Misma  
Preghiera quantità o qualità?
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
Monte Misma - Oasi della Pace - via Spersiglio 25 Pradalunga (Bergamo)
stampa la pagina
Un deserto   sul Misma
Maria Ausiliatrice del monte Misma
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
C'è    modo    e    modo    di    pregare.    Se    fosse    la preghiera   la   garanzia   della   nostra   conversione,   i risultati   dovrebbero   essere   diversi.   Perché   tante persone        pregano,        fanno        pellegrinaggi, frequentano   le   istituzioni   cristiane,   fanno   gruppi di   preghiera,   ma   non   dimostrano   quei   risultati che   dovrebbero   vedersi   chiedendo   tanta   grazia   al Signore?   Se   noi   pregassimo   solo   come   pregava Maria   Santissima   nella   sua   esperienza   terrena,   in modo   autentico   e   con   la   giusta   devozione   verso   il Signore,   proveremmo   una   gioia   così   grande   che trasformerebbe       subito       il       nostro       viso! Diventerebbe   radioso,   luminoso   e   pieno   di   grazia come   quello   della   Madonna;   irradierebbe   gioia, serenità   e   pace.   Se   ciò   fosse   stato   fatto   da   tanto tempo,       avremmo       davanti       un       mondo meraviglioso.     Invece     non     si     vede     questa differenza   tra   una   persona   che   prega   e   una   che non    prega;    si    vede    lo    stesso    viso    truce    che trasmette     problemi,     preoccupazioni,     rabbia, gelosia,     invidia,     cattiveria….     Cerchiamo     di pregare   per   motivi   di   gioia,   di   lode   e   di   letizia,   e non   per   motivi   che   ci   fanno   soffrire,   che   derivano dall'amarezza   che   abbiamo   nell'animo,   perché   il Signore    conosce    tutto    ciò    di    cui    noi    abbiamo bisogno.   Tanti   dimostrano   che   se   non   avessero problemi    non    si    avvicinerebbero    al    Signore,    e così    si    dimenticano    che    il    vero    motivo    della preghiera   è   la   meraviglia   del   creato   che   Dio   ha messo   davanti   ai   nostri   occhi:   la   luna,   il   sole,   la terra   (sospesi   miracolosamente   nell’universo),   i fiori,   la   vegetazione,   gli   animali,   e   l'uomo   a   cui Dio   ha   messo   tutto   a   sua   disposizione.   Se   noi preghiamo     soltanto     visualizzando     il     nostro problema,   ci   si   offusca   tutto   quello   che   abbiamo davanti   e   il   Signore   potrebbe   dirci:   "Figlio   caro non    hai    più    nessun    motivo    perché    tu    possa pregare   guardando   quello   che   c’è   davanti   a   te? Allora    tu    non    credi    che    io    ho    creato    tutto questo..."    .    Dovremmo    dimostrare    di    essere contenti    per    quello    che    Dio    ci    ha    donato, inginocchiarci,      e      dire:      "Sei      grande      e meraviglioso,   ti   ringrazio   perché   è   sbalorditivo quello   che   hai   fatto   per   me..”.   Invece   esultiamo solo   se   riceviamo   un'eredità...Di   generazione   in generazione   tanti   popoli   hanno   dimostrato   la   loro devozione   verso   il   Signore   con   le   preghiere,   ma se     fossero     state     veramente     autentiche,     il risultato     non     dovrebbe     essere     quello     che vediamo    oggi.    Ecco    perché    non    ci    conviene seguire   le   linee   del   mondo   e   i   suggerimenti   che ci   vengono   dati   a   destra   e   a   sinistra,   perché   sono devianti   e   portano   confusione.   La   parola   di   Dio proviene   dalla   sorgente   limpidissima   della   verità, non     pone     nessuna     confusione     e     nessun problema;    non    dovremmo    avere    mai    nessun motivo    per    commentare    o    giudicare,    ma    fare tutto    "senza    critiche    e    senza    mormorazioni", come     diceva     San     Paolo.Abbandoniamoci     al Signore   per   capire   come   dobbiamo   pregare,   non quanto    bisogna    pregare!    Perché    "il    quanto"    è facile   da   parte   di   tutti   (recitare   un   rosario...),   ma non   è   garanzia   di   veridicità,   mentre   "il   come"   si. Il   quanto   è   "   matematico",   il   cammino   spirituale della conversione no, non è logico, è un mistero…  STIAMO VIVENDO LA LEGGE DEL SIGNORE O LA NOSTRA REGOLA IN NOME DI DIO? Per     dare     efficacia     alle     nostre     preghiere, meditiamo   sulla   confidenza   che   Maria   Santissima ha    fatto    a    Roberto    Longhi:    "Non    commettere anche   tu   errori   che   tanti   altri   miei   figli   hanno commesso...",     altrimenti,     senza     che     ce     ne rendiamo   conto,   ci   allontaniamo   dalla   verità   pur non      avendo      nella      nostra      mente      questa intenzione.    A    che    serve    prostrarsi    davanti    al Signore   se   invece   di   trasmettere   quello   che   Lui   ci trasmette,   noi   trasmettiamo   l'esatto   contrario..... Non    è    un'offesa    questa,    davanti    al    Signore? Sentiamoci   servi   e   strumenti   analfabeti,   perché non    siamo    nessuno    di    fronte    alla    verità    della parola   di   Dio,   e   come   tali   non   siamo   in   grado   di rivelare   niente,   se   non   i   nostri   sentimenti   umani, le     nostre     emozioni,     i     nostri     istinti,     o     i suggerimenti   che   ci   arrivano   da   chissà   dove.   Noi non   abbiamo   la   facoltà   di   cambiare   niente   e   non possiamo   promettere   nulla   agli   altri,   perché   le cose   non   dipendono   da   noi.   Possiamo   solo   essere coerenti    e    compiere    quello    che    Gesù    ci    ha insegnato   che   è   possibile   realizzare.   Diventiamo prudenti,   scaltri,   intelligenti   per   non   cadere   nelle trappole    "matematiche"    del    male    che    hanno ostacolato   tante   conversioni,   perché   il   male   vuole che   noi   continuiamo   a   ragionare   con   la   nostra mente,   ad   impostare   la   nostra   legge   secondo   la nostra   misura,   mentre   il   Signore   ci   ha   insegnato a   ragionare   con   il   cuore.   Sono   due   cose   diverse: la   nostra   mente   è   più   gradevole   a   noi,   perché   ci pone   davanti   delle   conclusioni   e   dei   risultati   più logici,    più    accettabili,    più    alla    nostra    portata, mentre    il    nostro    cuore    ci    deve    portare    ad accettare   anche   delle   ingiustizie,   ad   amare   chi   ci fa   il   male,   chi   ci   offende.   Non   saranno   pertanto   i nostri     ragionamenti     scientifici     o     le     nostre capacità   intellettive   a   coinvolgere   le   persone,   ma la   serenità   e   la   radiosità   del   viso,   come   quello   di Maria   Santissima,   che   scaturisce   da   un   cuore   che magnifica    il    Signore,    che    ci    farà    diventare veramente     belli.     Liberiamo     il     nostro     cuore all'amore,    abbandonandoci    totalmente    a    Dio, scopriamo    qual    è    il    giusto    comportamento    ed abituiamoci   ad   amare.   Cerchiamo   di   capire   se nelle   nostre   famiglie   stiamo   vivendo   secondo   la legge    del    Signore,    perché    se    non    usciamo formati   dalle   nostre   famiglie,   dove   passiamo   la maggior   parte   del   nostro   tempo,   non   possiamo prendercela   con   nessuno,   né   con   la   Chiesa,   con i sacerdoti.  

Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul

monte Misma

 

I suggerimenti di Maria santissima sul monte Misma

                                         Preghiera quantità o qualità?
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
versione mobile