Maria Ausiliatrice del monte Misma
Un deserto  sul Misma
  C'è   differenza   tra   la   preghiera   di   umani   “materiali”    e   quella   di   umani   “spirituali” :   i   primi   si   aspettiamo   una   ricompensa, una   gratificazione   da   Dio,   un   tornaconto,   sembra   che   qualcuno   gli   debba   dire   grazie;   i   secondi   hanno   fatto   un   salto   di qualità   e   pregano   con   una   gioia   e   una   grazia   incontrollabile.   Trovarsi   in   nome   di   Dio   deve   farci   stare   bene   insieme   e   i problemi   dovrebbero   svanire   come   d'incanto.   Incontrarsi   a   pregare   non   è   un   diversivo   perché   Gesù   ha   detto   che   è presente   dove   si   radunano   due   o   più   persone   in   nome   suo.   Abbiamo   nelle   mani   un   potere   che   può   cambiare   tante   cose   e la   sorte   di   una   moltitudine   di   persone,   perché   quando   il   Signore   troverà   una   corrispondenza   autentica   in   un   piccolo gruppo,   risponderà   in   un   modo   totale   come   voleva   fare   con   Sodoma   e   Gomorra.   E   se   le   sorti   dell'Italia   fossero   in   mano nostra,   di   un   piccolo   gruppo   che   dimostra   di   corrispondere   alle   richieste   del   Signore?   Nelle   sue   parole   e   nei   suoi messaggi   la   Madonna   non   dice   mai   che   noi   dobbiamo   andare   a   “destra”    e   a   “sinistra”    a   convertire   gli   altri   o   a   fare   chissà cosa,   ma   ci   dice   di   convertirci       perché   conosce   bene   il   potenziale   meraviglioso   e   stupendo   che   abbiamo   a   disposizione. Se   ne   fossimo   a   conoscenza,   potremmo   capire   quanto   è   facile   cambiare   l'aspetto   di   ogni   cosa   e   la   realtà   del   mondo intero.   Non   c'è   persona   più   potente   di   un   cristiano,    perché   noi   siamo   gli   eredi   del   Creatore   del   mondo,   di   Colui   che ha   vinto   la   morte   e   che   ci   porta   la   verità.   Nessuno   di   noi   purtroppo   ha   capito   il   potenziale   che   ha   a   disposizione   e   quale forza   potrebbe   avere   se,   invece   di   gestirlo,   lo   affidasse   a   Dio,   alla   Madonna.   Sono   due   elementi   immensi,   illimitati,   che nulla   hanno   a   che   vedere   con   le   lamentele,   le   contestazioni   e   le   disapprovazioni   che   il   nostro   popolo   è   continuamente abituato   a   fare.   Se   sapessimo   usarli   sarebbero   demolitivi   di   tutto   il   male   del   mondo.   Perché   dobbiamo   spaventarci   o dubitare?      Il   Signore   ha   già   pensato   e   creato   ogni   cosa   perché   noi   ne   beneficiassimo,   non   perché   abbiamo   a   rifiutarle. Noi   cristiani   non   dovremmo   essere   in   competizione   con   nessuno   e   non   dovremmo   aver   paura   che   altre   religioni prendano   piede,   perché   nessuno   può   reggere   il   paragone   con   Dio   o   essere   suo   consigliere.   Purtroppo   siamo   fuori   misura: viviamo   di   egoismo,   siamo   attanagliati   dall'egocentrismo,   pensiamo   a   noi   stessi   persino   davanti   al   Signore,   perché   non prevale   la   condivisione   dei   problemi   del   mondo.   Pur   avendo   dei   lati   positivi   e   delle   situazioni   favorevoli,   preghiamo   per ottenere   ancora   di   più   e   ci   dimentichiamo   di   coloro   che   hanno   più   bisogno   di   noi.   Cosa   penserà   di   noi   il   Signore   nel vederci   così   egoisti?   Che   cosa   ci   manca   ancora?   Perché   non   ci   accontentiamo   di   quello   che   abbiamo?   Il   nostro   è egoismo,   la   natura   di   tanti   peccati.   Che   valore   hanno   le   nostre   preghiere   egoistiche,   dettate   dalla   convenienza?   Se dimostrassimo   di   dare   un'unghia,   il   Signore   ci   concederebbe   un   braccio;   invece   parliamo   sempre   delle   nostre   cose,   di una   realtà   che   non   ci   riguarda,   perché   noi   non   siamo   nella   condizione   di   morir   di   fame,   come   lo   sono   nel   mondo   un miliardo   di   persone.   Davanti   a   questo   problema,   le   nostre   richieste   che   posto   occupano?   E   se   toccasse   a   noi   morir   di fame?   Proviamo   a   pensare   sotto   che   forma   ci   vedono   dal   Cielo.   Noi   non   li   vediamo,   ma   loro   ci   vedono,   vedono   la   verità, come   noi   dovremmo   comportarci.   Siamo   disponibili   ad   aiutarci,   a   perdonarci,   a   favorire   un   buon   dialogo   con   le   persone che   ci   sono   vicine,   oppure   non   sappiamo   fare   neanche   quello,   pur   essendo   tra   i   primi   che   corrono   a   pregare?   Non   è   il corteo   che   dimostra   che   noi   desideriamo   la   pace   o   quello   che   noi   vogliamo   dimostrare,   ma   ciò   che   portiamo   nel   nostro cuore,   la   bontà   e   l’amore,   perché   il   Signore   ci   conosce   fino   in   fondo.   Togliamo   l'uomo   vecchio   che   è   in   noi   e   cerchiamo   di dimostrare   quello   che   Maria   Santissima   si   aspetta   da   noi.   Attraverso   la   nostra   preghiera   sincera   e   autentica,   potrebbe alleviare   il   problema   alle   persone   che   sono   nel   dramma   più   infinito,   in   una   condizione   di   violenza   incredibile,   di tradimenti   e   ipocrisie.   La   Madonna   vuol   farci   capire   il   potenziale   che   possiamo   usare   per   il   bene   dell'umanità   se   riuscissimo   a   non   pensare   per   noi,   ma   a   consolare   il   suo   cuore   immacolato.   Poi   se   non   è   riuscita   ad   evitare   la   croce   a suo   figlio   Gesù,   ci   fa   capire   che   l e   nostre   croci   dobbiamo   tenerle   anche   noi.   Nessuno   ci   impedisce   di   avere   il coraggio   di   dire   alla   Madonna:   "Dammi   la   forza   di   portare   quella   croce.   Io   ti   dimostro   il   coraggio   di   sopportarla   e accettarla".   Cerchiamo   di   diventare   cristiani   autentici,   consapevoli,   forti,   coraggiosi,   perché   siamo   figli   e   testimoni   di Colui   che   ha   creato   il   mondo,   Dio   onnipotente,   l'unico   vero   Dio.   È   un   privilegio   e   un   prestigio,   perché   noi   siamo   stati pensati e fatti cristiani.   Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul monte Misma  
Il potere immenso del cristiano
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
Monte Misma - Oasi della Pace - via Spersiglio 25 Pradalunga (Bergamo)
stampa la pagina
Un deserto   sul Misma
Maria Ausiliatrice del monte Misma
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
C'è     differenza     tra     la     preghiera     di     umani “materiali”    e   quella   di   umani   “spirituali” :   i   primi si   aspettiamo   una   ricompensa,   una   gratificazione da   Dio,   un   tornaconto,   sembra   che   qualcuno   gli debba   dire   grazie;   i   secondi   hanno   fatto   un   salto di   qualità   e   pregano   con   una   gioia   e   una   grazia incontrollabile.   Trovarsi   in   nome   di   Dio   deve   farci stare    bene    insieme    e    i    problemi    dovrebbero svanire    come    d'incanto.    Incontrarsi    a    pregare non   è   un   diversivo   perché   Gesù   ha   detto   che   è presente   dove   si   radunano   due   o   più   persone   in nome   suo.   Abbiamo   nelle   mani   un   potere   che può    cambiare    tante    cose    e    la    sorte    di    una moltitudine   di   persone,   perché   quando   il   Signore troverà    una    corrispondenza    autentica    in    un piccolo    gruppo,    risponderà    in    un    modo    totale come   voleva   fare   con   Sodoma   e   Gomorra.   E   se   le sorti    dell'Italia    fossero    in    mano    nostra,    di    un piccolo   gruppo   che   dimostra   di   corrispondere   alle richieste   del   Signore?   Nelle   sue   parole   e   nei   suoi messaggi    la    Madonna    non    dice    mai    che    noi dobbiamo    andare    a    “destra”     e    a    “sinistra”     a convertire   gli   altri   o   a   fare   chissà   cosa,   ma   ci   dice di   convertirci       perché   conosce   bene   il   potenziale meraviglioso     e     stupendo     che     abbiamo     a disposizione.     Se     ne     fossimo     a     conoscenza, potremmo     capire     quanto     è     facile     cambiare l'aspetto    di    ogni    cosa    e    la    realtà    del    mondo intero.   Non    c'è    persona    più    potente    di    un cristiano,      perché     noi     siamo     gli     eredi     del Creatore   del   mondo,   di   Colui   che   ha   vinto   la morte   e   che   ci   porta   la   verità.   Nessuno   di   noi purtroppo    ha    capito    il    potenziale    che    ha    a disposizione    e    quale    forza    potrebbe    avere    se, invece    di    gestirlo,    lo    affidasse    a    Dio,    alla Madonna.   Sono   due   elementi   immensi,   illimitati, che   nulla   hanno   a   che   vedere   con   le   lamentele, le   contestazioni   e   le   disapprovazioni   che   il   nostro popolo    è    continuamente    abituato    a    fare.    Se sapessimo   usarli   sarebbero   demolitivi   di   tutto   il male   del   mondo.   Perché   dobbiamo   spaventarci   o dubitare?      Il   Signore   ha   già   pensato   e   creato ogni    cosa    perché    noi    ne    beneficiassimo,    non perché    abbiamo    a    rifiutarle.    Noi    cristiani    non dovremmo   essere   in   competizione   con   nessuno   e non    dovremmo    aver    paura    che    altre    religioni prendano   piede,   perché   nessuno   può   reggere   il paragone    con    Dio    o    essere    suo    consigliere. Purtroppo     siamo     fuori     misura:     viviamo     di egoismo,    siamo    attanagliati    dall'egocentrismo, pensiamo   a   noi   stessi   persino   davanti   al   Signore, perché   non   prevale   la   condivisione   dei   problemi del   mondo.   Pur   avendo   dei   lati   positivi   e   delle situazioni    favorevoli,    preghiamo    per    ottenere ancora   di   più   e   ci   dimentichiamo   di   coloro   che hanno   più   bisogno   di   noi.   Cosa   penserà   di   noi   il Signore    nel    vederci    così    egoisti?    Che    cosa    ci manca   ancora?   Perché   non   ci   accontentiamo   di quello   che   abbiamo?   Il   nostro   è   egoismo,   la natura   di   tanti   peccati.   Che   valore   hanno   le nostre      preghiere      egoistiche,      dettate      dalla convenienza?      Se      dimostrassimo      di      dare un'unghia,   il   Signore   ci   concederebbe   un   braccio; invece   parliamo   sempre   delle   nostre   cose,   di   una realtà   che   non   ci   riguarda,   perché   noi   non   siamo nella   condizione   di   morir   di   fame,   come   lo   sono nel    mondo    un    miliardo    di    persone.    Davanti    a questo   problema,   le   nostre   richieste   che   posto occupano?   E   se   toccasse   a   noi   morir   di   fame? Proviamo   a   pensare   sotto   che   forma   ci   vedono dal   Cielo.   Noi   non   li   vediamo,   ma   loro   ci   vedono, vedono      la      verità,      come      noi      dovremmo comportarci.    Siamo    disponibili    ad    aiutarci,    a perdonarci,   a   favorire   un   buon   dialogo   con   le persone   che   ci   sono   vicine,   oppure   non   sappiamo fare   neanche   quello,   pur   essendo   tra   i   primi   che corrono   a   pregare?   Non   è   il   corteo   che   dimostra che   noi   desideriamo   la   pace   o   quello   che   noi vogliamo   dimostrare,   ma   ciò   che   portiamo   nel nostro    cuore,    la    bontà    e    l’amore,    perché    il Signore   ci   conosce   fino   in   fondo.   Togliamo   l'uomo vecchio   che   è   in   noi   e   cerchiamo   di   dimostrare quello   che   Maria   Santissima   si   aspetta   da   noi. Attraverso     la     nostra     preghiera     sincera     e autentica,    potrebbe    alleviare    il    problema    alle persone   che   sono   nel   dramma   più   infinito,   in   una condizione   di   violenza   incredibile,   di   tradimenti   e ipocrisie.    La    Madonna    vuol    farci    capire    il potenziale   che   possiamo   usare   per   il   bene dell'umanità    se   riuscissimo   a   non   pensare   per noi,   ma   a   consolare   il   suo   cuore   immacolato.   Poi se   non   è   riuscita   ad   evitare   la   croce   a   suo   figlio Gesù,     ci     fa     capire     che     l e     nostre     croci dobbiamo    tenerle    anche    noi.    Nessuno    ci impedisce    di    avere    il    coraggio    di    dire    alla Madonna:    "Dammi    la    forza    di    portare    quella croce.   Io   ti   dimostro   il   coraggio   di   sopportarla   e accettarla".     Cerchiamo     di     diventare     cristiani autentici,    consapevoli,    forti,    coraggiosi,    perché siamo   figli   e   testimoni   di   Colui   che   ha   creato   il mondo,   Dio   onnipotente,   l'unico   vero   Dio.   È   un privilegio   e   un   prestigio,   perché   noi   siamo   stati pensati e fatti cristiani.

Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul

monte Misma

 
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
versione mobile