Maria Ausiliatrice del monte Misma
Un deserto  sul Misma
  Noi   siamo   testimoni   di   quel   Dio   che   ha   potere   su   tutto   l'universo   creato   e   che   può   compiere   prodigi   sensazionali.    Quale   profeta   ha   dimostrato   poteri   così   immensi   come   ha   dimostrato   il   nostro   Dio,   di   fare   sgorgare   l'acqua   dal   deserto,   di aprire   il   mare,   di   far   scendere   la   manna,   di   compiere   guarigioni   straordinarie?   Nessuno   di   questi   prodigi   è   attribuibile   ad altri   profeti,   se   non   al   nostro   Dio,   il   creatore,   colui   che   ha   dato   prova   di   avere   dei   poteri   a   noi   sconosciuti,   che   non riusciamo   neanche   a   immaginare   talmente   sono   grandi.      Perché   nella   nostra   epoca   noi   non   vediamo   più   compiersi   quei prodigi   che   il   Signore   ha   compiuto   in   epoche   passate?   Dobbiamo   essere   consapevoli   che   il   Signore   ha   ancora   quel potere   e   può   ancora   compiere   quei   prodigi ,   ma   non   può   manifestarli   a   causa      della   nostra   confusione   e   della nostra   arroganza :   addirittura   ci   siamo   fatti   superare   da   tutte   le   altre   dottrine   e   religioni   come   convinzione,   rispetto   e applicazione   delle   loro   leggi,   giuste   o   sbagliate   che   siano.   E   sì   che   il   Signore   ci   aveva   avvisato   di   non   commettere   questo errore,   attraverso   il   suo   santo   Vangelo.   Come   popolo   dobbiamo   dimostrare   di   non   farci   superare   e   di   non   essere   fragili   e confusi,   come   canne   sbattute   dal   vento,   che   non   aderiamo   al   primo   che   incontriamo   nel   cammino   della   nostra   vita..... Passando   punto   per   punto   il   Vangelo   dimostriamo   solamente   di   non   rispettarne   alcuno:   quando   il   Signore   ci   dice   di   non criticare   e   di   non   giudicare,   l'unica   cosa   che   sappiamo   fare   è   giudicare   e   criticare;   quando   il   Signore   ci   dice   di   amare, l'unica   cosa   che   sappiamo   fare   è   quella   di   desiderare   di   farci   amare.   Sembra   un   gioco   di   parole,   ma   è   tutto   il   contrario   di quello   che   noi   dobbiamo   dimostrare   nel   cammino   della   nostra   vita.   Il   Signore   merita   una   lode   e   un   ringraziamento superiore   a   quello   che   noi   come   cristiani   gli   vogliamo   dimostrare,   perché   ha   fatto   ben   altri   segni   di   quelli   che   la   nostra fantasia   vorrebbe   attribuirgli!   Pensiamo   al   pianeta   Terra,   ai   monti,   alle   colline,   al   mare:   che   peso   mostruoso   hanno, eppure   sono   sospesi   nell'universo,   come   una   piuma,   dalla   potenza   di   Dio   e   non   per   la   forza   di   gravità….   Pensiamo   a quanto   è   grande   il   Signore,   che   tutto   ha   creato   a   misura   d'uomo:   il   sole   che   ci   scalda   alla   giusta   temperatura,      la   luna, l'acqua,   l'aria,   l'ossigeno,   gli   animali,   noi:   un   miracolo   vivente   che   pensa,   ragiona   e   ha   delle   emozioni   (che   provengono non   dalla   carne,   ma   dallo   spirito   di   Dio)...   Abbiamo   mai   pensato   di   ringraziare   Dio   per   essere   partecipi   di   un miracolo   così   grande?   Noi   umani   potremmo   ottenere   di   più    di   quello   che   stiamo   ottenendo,   e   stiamo   sprecando   e disperdendo   una   grazia   così   immensa   come   quella   che   la   Madonna   vuole   portare   a   noi,   educandoci   alla   preghiera,   per testimoniarlo   agli   altri ,   per      diventare   autentici   cristiani,   in   modo   da   dimostrare   tutta   la   potenza   del   Signore attraverso la nostra vita.   - E NOI COSA VOGLIAMO DAL SIGNORE? – Non   chiediamo   al   Signore   che   cosa   vuole   dalla   nostra   vita:   è   un   atto   di   arroganza!   Il   Signore   vuole   solo   da   noi   che rispettiamo   la   sua   legge,   non   che   dimostriamo   di   essere   miracolosi   o   miracolati.   E   noi   che   cosa   vogliamo      dal   Signore, che   ci   conceda   quale   grazia,   quale   facoltà,   quale   potere?   Che   ci   risolva      quale   problema,   se   in   realtà,   in   primis,   non rispettiamo   la   sua   legge,   i   suoi   comandamenti?   Noi   ce   la   mettiamo   tutta,   abbiamo   dei   buoni   intenti,   ma   in   realtà   non riusciamo realmente a dimostrare ciò che è giusto dimostrare. Il   Signore   ha   fatto   talmente   tante   cose   per   noi   che   non   ce   ne   rendiamo   conto.   Tutto   quello   che   abbiamo   a   nostra disposizione   non   dobbiamo   pensare   che   sia   un   fatto   dovuto   o   una   nostra   conquista,      ma   è   un   gesto   d'amore   di   Dio   che   ci ha   dato   tutto   il   necessario   per   la   nostra   vita,   persino   la   moglie,   il   marito,   i   figli.      Chi   è   il   Signore   per   noi?   Pensiamo   che   il Signore   ci   conceda   solo   quello   che   gli   chiediamo   noi,   e   tutto   il   resto   non   si   opera   sua?   Se   il   Signore   ci   concedesse   tutto quello   che   gli   chiediamo,   noi,   in   generale,   finiremo   per   aumentare   il   nostro   orgoglio,   la   nostra   superbia,   il   nostro   io, quello    che    ha    preso    il    posto    del    vero    Dio.    Che    delusione    per    il    Signore    dire:    "    tu   mi   riconosci   solo   se   io   ti   concedo   quello che   mi   chiedi,   e   non   riconosci   che   quello   che   tu   hai   già   è   opera   mia? ".       Questo    può    essere    un    grosso    peccato    di    superbia   e   di   ipocrisia,   quelle   qualità   che   il   Signore   veramente   non   riesce   ad   accettare   (vedasi   Gesù   che   scaccia   i   mercanti   dal Tempio…).   Quanti   errori   che   commettiamo!   Il   Signore   non   agisce   solamente   nella   misura   in   cui   noi   ci   affidiamo lui ,   magari   per   i   nostri   vantaggi   e   non   per   essere   giusti…   Cosa   vogliamo   noi   del   Signore,   se   realtà   ci   ha   già   dato   tutto a   disposizione   di   quello   che   abbiamo   bisogno   e   ce   lo   ha   dato   in   abbondanza.   È   giusto   da   parte   nostra   riconoscerlo, lodarlo   e   ringraziarlo,   solo   nel   momento   in   cui   ci   concede   quello   che   gli   chiediamo?   E’   giusto   chiedere   nel   bisogno,   ma   è anche   giusto   ringraziare   per   tutto   quello   che   abbiamo   già   avuto   nel   cammino   della   nostra   vita.   La   Madonna   non   si   è   mai lamentata   dell'ingiustizia   e   della   sofferenza,   anche   quando   il   suo   cuore   è   stato   trafitto   "da   sette   spade",   i   sette   vizi capitali:   l’ha   sempre   accettata   per   amor   nostro,   non   si   è   mai   concessa   di   chiedere   al   Signore   di   toglierle   quel   dolore. Dobbiamo   essere   più   coraggiosi   ed   accettare   le   situazioni   della   nostra   vita,   senza   perderci   in   angosce   e   sofferenze,   che comunque non risolvono il nostro problema, ma lo peggiorano.  LA VERA UMILTA’ DESIDERA IL BENE DEL NOSTRO FRATELLO Se   fossimo   consapevoli   di   essere   testimoni   della   verità   di   un   Dio   così   potente,   non   ci   sentiremmo   neanche   degni   di   tale grazie   e   ci   sentiremmo   così   in   difetto   verso   la   verità   infallibile,   da   impegnarci   a   testimoniare   la   vera   verità,   con   la   vera umiltà,   non   l'umiltà   mascherata,   recitata   o   teatralizzata.   La   vera   umiltà   è   quella   che   ci   fa      annullare   a   beneficio   del nostro   fratello,   che   ci   fa   desiderare   il   suo   bene:      non   è   importante   ciò   che   noi   otteniamo   a   nostro   vantaggio,   ma   è importante   aiutare   a   realizzare   i   progetti   delle   persone   che   conosciamo.   In   questo   modo   possiamo   realizzare   il   motivo principale   della   nostra   esistenza   terrena   che   è   la   salvezza   dell'anima.   L a   Madonna   appare    ed   è   apparsa   in   tutte   le epoche,   perché   sa   con   precisione   la   differenza   che   c'è   tra   l'inferno   e   il   paradiso!    Noi   no,   non   abbiamo   neanche l'intelligenza   di   soffermarci   su   questo   fatto,   perché   siamo   troppo   impediti   dall'essere   veramente   " persone   che   sanno amare ";   siamo   tristi   perché   critichiamo   e   giudichiamo,   mentre   potremmo   provare   grande   gioia   nell’amare   il   prossimo. Specialmente   nella   quotidianità   della   nostra   vita,   innanzitutto   amandoci   vicendevolmente   nella   famiglia,   evitando   di diventare   degli   individualisti,   dove      ognuno   si   sopporta   a   vicenda   in   virtù   del   fatto   che   è   cristiano.   Noi   crediamo   che debbano   essere   convertiti   solo   gli   altri   e   così   impediamo   allo   spirito   Santo   di   convertirci.   Se   fossimo   convertiti,   come   lo erano   i   12   apostoli,   dovremmo   sconvolgere   e   cambiare   il   mondo,   come   hanno   fatto   loro;   ma   se   questo   non   avviene, significa   che   abbiamo   ancora   un   margine   di   conversione.   Non   mettiamoci   in   un   luogo   di   sicurezza,   convinti   di   aver raggiunto   la   perfezione:   questo   è   un   peccato   di   superbia,    perché   se   non   lo   dimostriamo   con   i   comandamenti   e   la legge   del   Signore,   potremmo   commettere   quell'azione   di   ipocrisia   che   tanto   è   sgradita   agli   occhi   del   Signore . Maria   SS.   non   desidera   che   noi   ci   emozioniamo   e   che   diventiamo   dei   teatranti,   per   dimostrare   cose   superiori   alle   nostre facoltà.   Cerchiamo   di   essere   dei   rappresentanti   e   degli   strumenti   giusti,   che   sappiano   valorizzare   e   realizzare   tutto   quello che la Madonna intende offrirci: il vero cammino del cristiano autentico.     Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul monte Misma  
Perchè il Signore non compie più prodigi in mezzo a noi?
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
Monte Misma - Oasi della Pace - via Spersiglio 25 Pradalunga (Bergamo)
stampa la pagina
Un deserto   sul Misma
Maria Ausiliatrice del monte Misma
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
Noi   siamo   testimoni   di   quel   Dio   che   ha   potere   su tutto    l'universo    creato    e    che    può    compiere prodigi   sensazionali.    Quale    profeta   ha   dimostrato poteri   così   immensi   come   ha   dimostrato   il   nostro Dio,    di    fare    sgorgare    l'acqua    dal    deserto,    di aprire    il    mare,    di    far    scendere    la    manna,    di compiere    guarigioni    straordinarie?    Nessuno    di questi   prodigi   è   attribuibile   ad   altri   profeti,   se non   al   nostro   Dio,   il   creatore,   colui   che   ha   dato prova   di   avere   dei   poteri   a   noi   sconosciuti,   che non   riusciamo   neanche   a   immaginare   talmente sono   grandi.      Perché   nella   nostra   epoca   noi   non vediamo   più   compiersi   quei   prodigi   che   il   Signore ha    compiuto    in    epoche    passate?    Dobbiamo essere   consapevoli   che   il   Signore   ha   ancora quel    potere    e    può    ancora    compiere    quei prodigi ,   ma   non   può   manifestarli   a   causa     della     nostra     confusione     e     della     nostra arroganza :   addirittura   ci   siamo   fatti   superare   da tutte     le     altre     dottrine     e     religioni     come convinzione,    rispetto    e    applicazione    delle    loro leggi,   giuste   o   sbagliate   che   siano.   E   sì   che   il Signore    ci    aveva    avvisato    di    non    commettere questo   errore,   attraverso   il   suo   santo   Vangelo. Come   popolo   dobbiamo   dimostrare   di   non   farci superare   e   di   non   essere   fragili   e   confusi,   come canne   sbattute   dal   vento,   che   non   aderiamo   al primo   che   incontriamo   nel   cammino   della   nostra vita.....    Passando    punto    per    punto    il    Vangelo dimostriamo     solamente     di     non     rispettarne alcuno:   quando   il   Signore   ci   dice   di   non   criticare e   di   non   giudicare,   l'unica   cosa   che   sappiamo fare   è   giudicare   e   criticare;   quando   il   Signore   ci dice   di   amare,   l'unica   cosa   che   sappiamo   fare   è quella   di   desiderare   di   farci   amare.   Sembra   un gioco   di   parole,   ma   è   tutto   il   contrario   di   quello che   noi   dobbiamo   dimostrare   nel   cammino   della nostra    vita.    Il    Signore    merita    una    lode    e    un ringraziamento   superiore   a   quello   che   noi   come cristiani   gli   vogliamo   dimostrare,   perché   ha   fatto ben   altri   segni   di   quelli   che   la   nostra   fantasia vorrebbe   attribuirgli!   Pensiamo   al   pianeta   Terra, ai     monti,     alle     colline,     al     mare:     che     peso mostruoso      hanno,      eppure      sono      sospesi nell'universo,   come   una   piuma,   dalla   potenza   di Dio   e   non   per   la   forza   di   gravità….   Pensiamo   a quanto   è   grande   il   Signore,   che   tutto   ha   creato   a misura   d'uomo:   il   sole   che   ci   scalda   alla   giusta temperatura,      la   luna,   l'acqua,   l'aria,   l'ossigeno, gli   animali,   noi:   un   miracolo   vivente   che   pensa, ragiona   e   ha   delle   emozioni   (che   provengono   non dalla   carne,   ma   dallo   spirito   di   Dio)...   Abbiamo mai   pensato   di   ringraziare   Dio   per   essere partecipi    di    un    miracolo    così    grande?    Noi umani   potremmo   ottenere   di   più    di   quello   che stiamo     ottenendo,     e     stiamo     sprecando     e disperdendo    una    grazia    così    immensa    come quella    che    la    Madonna    vuole    portare    a    noi, educandoci   alla   preghiera,   per   testimoniarlo   agli altri ,    per        diventare    autentici    cristiani,    in modo    da    dimostrare    tutta    la    potenza    del Signore attraverso la nostra vita.   - E NOI COSA VOGLIAMO DAL SIGNORE? – Non   chiediamo   al   Signore   che   cosa   vuole   dalla nostra   vita:   è   un   atto   di   arroganza!   Il   Signore vuole   solo   da   noi   che   rispettiamo   la   sua   legge, non    che    dimostriamo    di    essere    miracolosi    o miracolati.   E   noi   che   cosa   vogliamo      dal   Signore, che   ci   conceda   quale   grazia,   quale   facoltà,   quale potere?   Che   ci   risolva      quale   problema,   se   in realtà,   in   primis,   non   rispettiamo   la   sua   legge,   i suoi   comandamenti?   Noi   ce   la   mettiamo   tutta, abbiamo    dei    buoni    intenti,    ma    in    realtà    non riusciamo    realmente    a    dimostrare    ciò    che    è giusto dimostrare. Il   Signore   ha   fatto   talmente   tante   cose   per   noi che   non   ce   ne   rendiamo   conto.   Tutto   quello   che abbiamo    a    nostra    disposizione    non    dobbiamo pensare   che   sia   un   fatto   dovuto   o   una   nostra conquista,      ma   è   un   gesto   d'amore   di   Dio   che   ci ha   dato   tutto   il   necessario   per   la   nostra   vita, persino    la    moglie,    il    marito,    i    figli.        Chi    è    il Signore    per    noi?    Pensiamo    che    il    Signore    ci conceda   solo   quello   che   gli   chiediamo   noi,   e   tutto il    resto    non    si    opera    sua?    Se    il    Signore    ci concedesse   tutto   quello   che   gli   chiediamo,   noi,   in generale,     finiremo     per     aumentare     il     nostro orgoglio,   la   nostra   superbia,   il   nostro   io,   quello   che    ha    preso    il    posto    del    vero    Dio.    Che    delusione   per    il    Signore    dire:    "    tu   mi   riconosci   solo   se   io   ti concedo   quello   che   mi   chiedi,   e   non   riconosci   che quello   che   tu   hai   già   è   opera   mia? ".       Questo    può   essere     un     grosso     peccato     di     superbia     e    di ipocrisia,   quelle   qualità   che   il   Signore   veramente non   riesce   ad   accettare   (vedasi   Gesù   che   scaccia i    mercanti    dal    Tempio…).    Quanti    errori    che commettiamo!      Il      Signore      non      agisce solamente     nella     misura     in     cui     noi     ci affidiamo   lui ,   magari   per   i   nostri   vantaggi   e   non per     essere     giusti…     Cosa     vogliamo     noi     del Signore,    se    realtà    ci    ha    già    dato    tutto    a disposizione   di   quello   che   abbiamo   bisogno e   ce   lo   ha   dato   in   abbondanza.   È   giusto   da   parte nostra   riconoscerlo,   lodarlo   e   ringraziarlo,   solo nel   momento   in   cui   ci   concede   quello   che   gli chiediamo?   E’   giusto   chiedere   nel   bisogno,   ma   è anche    giusto    ringraziare    per    tutto    quello    che abbiamo   già   avuto   nel   cammino   della   nostra   vita. La      Madonna      non      si      è      mai      lamentata dell'ingiustizia   e   della   sofferenza,   anche   quando   il suo    cuore    è    stato    trafitto    "da    sette    spade",    i sette    vizi    capitali:    l’ha    sempre    accettata    per amor   nostro,   non   si   è   mai   concessa   di   chiedere   al Signore   di   toglierle   quel   dolore.   Dobbiamo   essere più    coraggiosi    ed    accettare    le    situazioni    della nostra     vita,     senza     perderci     in     angosce     e sofferenze,   che   comunque   non   risolvono   il   nostro problema, ma lo peggiorano.  LA VERA UMILTA’ DESIDERA IL BENE DEL NOSTRO FRATELLO Se   fossimo   consapevoli   di   essere   testimoni   della verità   di   un   Dio   così   potente,   non   ci   sentiremmo neanche   degni   di   tale   grazie   e   ci   sentiremmo   così in   difetto   verso   la   verità   infallibile,   da   impegnarci a   testimoniare   la   vera   verità,   con   la   vera   umiltà, non   l'umiltà   mascherata,   recitata   o   teatralizzata. La   vera   umiltà   è   quella   che   ci   fa      annullare   a beneficio   del   nostro   fratello,   che   ci   fa   desiderare il    suo    bene:        non    è    importante    ciò    che    noi otteniamo   a   nostro   vantaggio,   ma   è   importante aiutare   a   realizzare   i   progetti   delle   persone   che conosciamo.   In   questo   modo   possiamo   realizzare il   motivo   principale   della   nostra   esistenza   terrena che    è    la    salvezza    dell'anima.    L a    Madonna appare    ed   è   apparsa   in   tutte   le   epoche,   perché sa   con   precisione   la   differenza   che   c'è   tra l'inferno   e   il   paradiso!    Noi   no,   non   abbiamo neanche   l'intelligenza   di   soffermarci   su   questo fatto,   perché   siamo   troppo   impediti   dall'essere veramente   " persone   che   sanno   amare ";   siamo tristi   perché   critichiamo   e   giudichiamo,   mentre potremmo    provare    grande    gioia    nell’amare    il prossimo.   Specialmente   nella   quotidianità   della nostra          vita,          innanzitutto          amandoci vicendevolmente     nella     famiglia,     evitando     di diventare    degli    individualisti,    dove        ognuno    si sopporta    a    vicenda    in    virtù    del    fatto    che    è cristiano.    Noi    crediamo    che    debbano    essere convertiti    solo    gli    altri    e    così    impediamo    allo spirito   Santo   di   convertirci.   Se   fossimo   convertiti, come     lo     erano     i     12     apostoli,     dovremmo sconvolgere   e   cambiare   il   mondo,   come   hanno fatto   loro;   ma   se   questo   non   avviene,   significa che   abbiamo   ancora   un   margine   di   conversione. Non   mettiamoci   in   un   luogo   di   sicurezza,   convinti di   aver   raggiunto   la   perfezione:   questo   è   un peccato     di     superbia,      perché     se     non     lo dimostriamo   con   i   comandamenti   e   la   legge   del Signore,   potremmo   commettere   quell'azione di   ipocrisia   che   tanto   è   sgradita   agli   occhi del   Signore .   Maria   SS.   non   desidera   che   noi   ci emozioniamo   e   che   diventiamo   dei   teatranti,   per dimostrare    cose    superiori    alle    nostre    facoltà. Cerchiamo   di   essere   dei   rappresentanti   e   degli strumenti    giusti,    che    sappiano    valorizzare    e realizzare   tutto   quello   che   la   Madonna   intende offrirci: il vero cammino del cristiano autentico.

Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul

monte Misma

 
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
versione mobile