Maria Ausiliatrice del monte Misma
Un deserto  sul Misma
  Abbiamo   mai   pensato   a   quale   potenza   poteva   disporre   il   Signore   su   tutto   il   mondo?   Dalla   divinità   che   si   portava   dal   cielo poteva   fare   e   cambiare   qualsiasi   cosa,   poteva   annullare,   creare   o   imporre   la   propria   verità....   Ma   Gesù   non   l'ha   fatto;   ha accettato   umiliazioni   e   sofferenze   inimmaginabili,   quando   poteva   fermarle   con   un   semplice   gesto.   Ha   fatto   prevalere   il sentimento   dell'amore.   Quel   potere   che   il   Signore   poteva   disporre   non   l'ha   usato   per   i   potenti   del   tempo,   per   meritarsi onori   e   riconoscenze.   Il   Signore   la   sua   potenza   l'ha   usata   con   tanto   amore   per   guarire   i   diseredati,   gli   emarginati,   l’ha offerta   agli   umili,   ai   piccoli,   ai   disperati,   ai   ciechi,   agli   storpi.   Gesù   non   si   è   comportato   come   un   "protagonista"    ,   non voleva   nemmeno   che   gli   apostoli   avendo   visto   la   sua   potenza,   lo   raccontassero   in   giro   "    non   dite   agli   altri   quello   che avete   veduto.."   .   La   stessa   cosa   raccomandava   anche   a   coloro   che   guariva.   Invece   noi,   che   siamo   un   pulviscolo   rispetto alla   sua   potenza,   vorremmo   amplificare   subito   quello   che   facciamo...   siamo   l'opposto!   Desidereremmo   parlare   davanti   al Papa,   finire   sui   titoloni   dei   giornali,   essere   innalzati   nella   considerazione   e   negli   onori,   essere   gratificati…Non   desideriamo annullarci   per   il   fratello   come   ha   fatto   Gesù.   Non   sappiamo   fare   altrettanto.   Chi   di   noi   avendo   un   potere   acquisito,   una capacità,   non   la   usa   prima   di   tutto   per   se   stesso,   per   i   propri   cari,   per   migliorarsi   nelle   onorificenze,   per   i   propri vantaggi?   Chi   di   noi   se   avesse   a   disposizione   una   milionesima   parte   di   del   potere   che   aveva   a   disposizione   Gesù,   non   lo userebbe   da   vero   giustiziere   e   nel   modo   più   crudele?   L'uomo   oggi   si   sarebbe   già   autodistrutto.   Se   poi   facciamo   qualcosa per   il   Signore   o   per   gli   altri,   ci   sentiamo   di   avere   un   diritto,   si   concediamo   un'autorità...   serviamo   noi   stessi!   Vogliamo riconoscenze   e   appagamenti   egoistici!   Ma   che   cristiani   siamo?   Torniamo   alle   origini:   Gesù   ci   ha   fatto   capire   che dobbiamo   comportarci   con   gli   altri   come   lui   si   è   comportato   con   noi.   Ecco   perché   sentiamo   che   non   stiamo   camminando sulla   retta   via,   nonostante   non   ammazziamo,   non   rubiamo   e   non   facciamo   del   male   agli   altri   (secondo   noi).   Perché quello   che   ci   ha   trasmesso   Gesù   non   è   uguale   a   quello   che   viviamo   e   recepiamo   noi.   Noi   siamo   lontani   anni   luce   dalla sua   dimostrazione,   perché   portiamo   disarmonia   e   confusione   con   la   nostra   arroganza   e   con   la   nostra   prepotenza, pensando   di   sapere   tutto   quando   in   realtà   non   sappiamo   nulla!   Stiamo   sprecando   la   grazia   più   grande   che   è   quella   di vivere in senso paradisiaco su questa terra. Ma chi l'ha detto che devono trionfare solamente la falsità e il male! LA PECORELLA SMARRITA IN REALTÀ È UN CAPRONE RIBELLE! Per   fare   un   cammino   spirituale   gradito   a   Maria   Santissima,   ci   vuole   una   caratteristica   ben   precisa:   l'annullamento   di   stessi,   a   vantaggio   degli   altri,   delle   pecorelle   smarrite.Noi   pensiamo   che   le   pecorelle   smarrite   siano   persone   miti,   docili, ammansite,   disponibili   a   riconoscere   i   propri   errori.   Invece   sono   persone   ostinate,   ribelli,   quelle   che   più   ci   mettono   nella condizione   di   soffrire   in   una   misura   impressionante.   Sono   quei   caproni   "   che   infieriscono   di   quelle   randellate..   ".   Le pecorelle    smarrite    sono    persone    piene    di    errori    e    difetti,    che    quando    le    vediamo    le    emarginiamo    subito,    le demonizziamo.   Poi   magari   commettiamo   l’imprudenza   di   fidarci   subito   dei   "mistici”,    di   quelli   pieni   di   fanatismo   spirituale (che   è   molto   pericoloso).   Non   dobbiamo   avere   paura   di   recuperare   la   pecorella   smarrita   se   con   noi   c'è   la   grazia   del Signore,   perché   quella   stessa   grazia   ha   ammansito   il   lupo   davanti   a   San   Francesco.   Ma   se   portiamo   con   noi   la   nostra ragione   e   il   nostro   l'orgoglio,   come   pensiamo   portare   anche   grazia   del   Signore?   Cerchiamo   di   non   ragionare   più,   perché più   ragioniamo   e   più   ci   allontaniamo   dal   Signore.   La   ragione   umana   è   il   principale   impedimento   alla   grazia   del   Signore, non   può   comprendere   un   mistero   così   grande.   Che   bello   se   rispondessimo   veramente   alle   attese   che   ha   il   Signore   su   di noi,   il   quale   non   c'ha   detto   di   andare   a   parlare   in   nome   suo   in   mezzo   al   popolo   o   di   diventare   giustizieri   senza   nessuna autorità   e   potere,   ma   di   andare   a   recuperare   con   amore   le   pecorelle   smarrite.   Non   con   il   rispetto   umano,   ma   con quell'amore   che   fuoriesce   dal   cuore   in   un   modo   esplosivo,   che   fa   desiderare   solamente   il   bene   degli   altri,   che   ci   fa annullare   a   vantaggio   degli   altri,   senza   che   nemmeno   se   ne   accorgono.   Quell'amore   che   non   è   frenato   dall'orgoglio,   che non   si   basa   sulle   parole,   ma   sul   cuore.   Parliamo   bene   anche   di   chi   non   merita,   della   pecorella   smarrita,   del   caprone   della situazione,   del   ribelle.....Cerchiamo   di   capire,   non   dobbiamo   sentirci   a   posto   solo   perché   abbiamo   detto   qualche   parola   di consolazione   a   qualcuno   o   perché   abbiamo   fatto   qualche   buona   azione:   ma   quante   volte   abbiamo   fatto   il   contrario   senza rendercene conto? IL SIGNORE E LA MADONNA SI ASPETTANO DA NOI PRIMA DI TUTTO CHE CI VOGLIAMO BENE Questo    mondo,    questa    generazione    ha    perso    l'autenticità,    la    caratteristica    primaria    che    noi    cristiani    dobbiamo trasmettere,   perché   si   comporta   in   un   modo   diverso   da   quella   verità   che   Gesù   ci   ha   trasmesso.   Il   Signore   e   la   Madonna fanno   dei   discorsi   su   di   noi,   traggono   le   loro   conclusioni   sul   nostro   comportamento,   non   dicono   che   va   tutto   bene   quel che   facciamo,   altrimenti   dovrebbero   cambiare,   avrebbero   sbagliato   loro.Purtroppo   molte   persone   pensano   che   pregare significa   diventare   veraci,   giusti,   autentici;   le   stesse   persone   però   con   la   preghiera   nascondono   le   loro   difficoltà,   i   loro grandi   difetti.   Il   Signore   non   ci   dice   di   pregare   e   poi   di   fare   tutto   quello   che   vogliamo,   ma   ci   parla   “dei   sepolcri imbiancati”,   “della   pagliuzza   e   della      trave”,   delle   beatitudini,   di   coloro   che   non   entreranno   nel   regno   dei   cieli   dicendo "Signore   Signore”…   Gesù   ci   ha   insegnato      innanzitutto   uno   stile   di   vita   basato   sull’amore   tra   di   noi,   mentre   la   preghiera, che   è   buona   cosa,   è   l'ultimo   traguardo   da      raggiungere.   Se   ci   volessimo   veramente   bene,   vivremmo   tutti   nella   gioia, sparirebbero   tanti   problemi,   tante   falsità   del      mondo;   addirittura   scomparirebbero   tante   malattie,   perché   la   gioia   le annullerebbe.   Quello   di   amarci   è   il   desiderio   più      grande   del   Signore   e   della   Madonna.   E   se   lo   desiderano   significa   che   è umanamente   possibile   realizzarlo.   Significa   che   è      possibile   imitare   Gesù   con   la   nostra   vita,   come   hanno   dimostrato   i Santi,   che   possiamo   migliorare   i   nostri   difetti.      Riscopriamolo!   Ma   di   questo   noi   non   ce   ne   rendiamo   conto   perché   la nostra   ostinazione,   il   nostro   orgoglio   e   il   nostro      carattere,   superano   tutte   le   parole   del   Signore.   Al   primo   problema siamo   subito   in   crisi,   ci   fidiamo   del   primo   che      incontriamo,   e   non   del   Signore   che   invece   ci   invita   ad   abbandonarci   e   a non   temere....   A   cosa   servono   tutte   le   nostre      preghiere,   se   dimostriamo   che   il   Vangelo   non   cambia   la   nostra   vita!   Se avessimo   la   fede   ad   un   livello   giusto,   sarebbero   gli      altri   a   cambiare   al   nostro   contatto,   invece   siamo   noi   che   cambiamo al   contatto   col   mondo.   Siamo   deboli   dove   vogliamo,      perché   quando   abbiamo   un   interesse   economico   da   difendere, tiriamo   fuori   una   grinta.....che   da   analfabeti   diventiamo      subito   intelligenti!   Queste   capacità   non   le   facciamo   uscire   per difendere   la   nostra   fede,   perché   non   la   percepiamo   come   la      più   grande   ricchezza   da   possedere:   diventiamo   subito blandi, abulici, in balia di tutti. Questa è la nostra verità.   CHI PIÙ DICE MENO DICE...  Diventiamo   testimoni   autentici   anche   nel   nostro   lavoro   e   nel   nostro   ambiente,   a   contatto   con   chi   non   crede   più   nel Signore.      Siamo   sobri   e   non   fanatici,   perché   la   persona   saggia   ha   bisogno   di   poche   parole,   mentre   chi   ha   bisogno   di tante   parole      deve   convincere   innanzitutto   se   stesso.   Chiediamo   perdono   al   Signore   per   non   averlo   capito.   Non   poniamo limiti   allo   Spirito      Santo   che   vuol   fare   di   noi   delle   meraviglie,   che   conosce   non   solo   ciò   di   cui   abbiamo   bisogno   oggi,   ma anche   ciò   di   cui      avremo   bisogno   domani.   Lo   Spirito   Santo   è   forte   quando   uno   non   sa   di   averlo,   quando   siamo   deboli, quando sono gli altri a  rendersene conto, perché non può essere gestito.   Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul monte Misma  
Gesù non ha usato il suo potere su di sè
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
Monte Misma - Oasi della Pace - via Spersiglio 25 Pradalunga (Bergamo)
stampa la pagina
Un deserto   sul Misma
Maria Ausiliatrice del monte Misma
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
  Abbiamo   mai   pensato   a   quale   potenza   poteva disporre    il    Signore    su    tutto    il    mondo?    Dalla divinità   che   si   portava   dal   cielo   poteva   fare   e cambiare   qualsiasi   cosa,   poteva   annullare,   creare o   imporre   la   propria   verità....   Ma   Gesù   non   l'ha fatto;    ha    accettato    umiliazioni    e    sofferenze inimmaginabili,   quando   poteva   fermarle   con   un semplice   gesto.   Ha   fatto   prevalere   il   sentimento dell'amore.    Quel    potere    che    il    Signore    poteva disporre   non   l'ha   usato   per   i   potenti   del   tempo, per   meritarsi   onori   e   riconoscenze.   Il   Signore   la sua    potenza    l'ha    usata    con    tanto    amore    per guarire   i   diseredati,   gli   emarginati,   l’ha   offerta agli   umili,   ai   piccoli,   ai   disperati,   ai   ciechi,   agli storpi.    Gesù    non    si    è    comportato    come    un "protagonista"     ,    non    voleva    nemmeno    che    gli apostoli     avendo     visto     la     sua     potenza,     lo raccontassero   in   giro   "    non   dite   agli   altri   quello che      avete      veduto.."      .      La      stessa      cosa raccomandava    anche    a    coloro    che    guariva. Invece   noi,   che   siamo   un   pulviscolo   rispetto   alla sua   potenza,   vorremmo   amplificare   subito   quello che   facciamo...   siamo   l'opposto!   Desidereremmo parlare    davanti    al    Papa,    finire    sui    titoloni    dei giornali,   essere   innalzati   nella   considerazione   e negli   onori,   essere   gratificati…Non   desideriamo annullarci   per   il   fratello   come   ha   fatto   Gesù.   Non sappiamo   fare   altrettanto.   Chi   di   noi   avendo   un potere   acquisito,   una   capacità,   non   la   usa   prima di    tutto    per    se    stesso,    per    i    propri    cari,    per migliorarsi     nelle     onorificenze,     per     i     propri vantaggi?   Chi   di   noi   se   avesse   a   disposizione   una milionesima    parte    di    del    potere    che    aveva    a disposizione    Gesù,    non    lo    userebbe    da    vero giustiziere   e   nel   modo   più   crudele?   L'uomo   oggi si    sarebbe    già    autodistrutto.    Se    poi    facciamo qualcosa   per   il   Signore   o   per   gli   altri,   ci   sentiamo di   avere   un   diritto,   si   concediamo   un'autorità... serviamo    noi    stessi!    Vogliamo    riconoscenze    e appagamenti   egoistici!   Ma   che   cristiani   siamo? Torniamo   alle   origini:   Gesù   ci   ha   fatto   capire   che dobbiamo   comportarci   con   gli   altri   come   lui   si   è comportato   con   noi.   Ecco   perché   sentiamo   che non     stiamo     camminando     sulla     retta     via, nonostante    non    ammazziamo,    non    rubiamo    e non   facciamo   del   male   agli   altri   (secondo   noi). Perché   quello   che   ci   ha   trasmesso   Gesù   non   è uguale   a   quello   che   viviamo   e   recepiamo   noi.   Noi siamo   lontani   anni   luce   dalla   sua   dimostrazione, perché   portiamo   disarmonia   e   confusione   con   la nostra    arroganza    e    con    la    nostra    prepotenza, pensando   di   sapere   tutto   quando   in   realtà   non sappiamo   nulla!   Stiamo   sprecando   la   grazia   più grande     che     è     quella     di     vivere     in     senso paradisiaco   su   questa   terra.   Ma   chi   l'ha   detto   che devono trionfare solamente la falsità e il male! LA PECORELLA SMARRITA IN REALTÀ È UN CAPRONE RIBELLE! Per   fare   un   cammino   spirituale   gradito   a   Maria Santissima,     ci     vuole     una     caratteristica     ben precisa:   l'annullamento   di   sé   stessi,   a   vantaggio degli   altri,   delle   pecorelle   smarrite.Noi   pensiamo che    le    pecorelle    smarrite    siano    persone    miti, docili,    ammansite,    disponibili    a    riconoscere    i propri    errori.    Invece    sono    persone    ostinate, ribelli,   quelle   che   più   ci   mettono   nella   condizione di   soffrire   in   una   misura   impressionante.   Sono quei     caproni     "     che     infieriscono     di     quelle randellate..   ".   Le   pecorelle   smarrite   sono   persone piene   di   errori   e   difetti,   che   quando   le   vediamo   le emarginiamo     subito,     le     demonizziamo.     Poi magari    commettiamo    l’imprudenza    di    fidarci subito   dei   "mistici”,    di   quelli   pieni   di   fanatismo spirituale     (che     è     molto     pericoloso).     Non dobbiamo   avere   paura   di   recuperare   la   pecorella smarrita   se   con   noi   c'è   la   grazia   del   Signore, perché   quella   stessa   grazia   ha   ammansito   il   lupo davanti   a   San   Francesco.   Ma   se   portiamo   con   noi la    nostra    ragione    e    il    nostro    l'orgoglio,    come pensiamo    portare    anche    grazia    del    Signore? Cerchiamo    di    non    ragionare    più,    perché    più ragioniamo   e   più   ci   allontaniamo   dal   Signore.   La ragione   umana   è   il   principale   impedimento   alla grazia    del    Signore,    non    può    comprendere    un mistero   così   grande.   Che   bello   se   rispondessimo veramente   alle   attese   che   ha   il   Signore   su   di   noi, il   quale   non   c'ha   detto   di   andare   a   parlare   in nome    suo    in    mezzo    al    popolo    o    di    diventare giustizieri   senza   nessuna   autorità   e   potere,   ma   di andare    a    recuperare    con    amore    le    pecorelle smarrite.    Non    con    il    rispetto    umano,    ma    con quell'amore   che   fuoriesce   dal   cuore   in   un   modo esplosivo,   che   fa   desiderare   solamente   il   bene degli   altri,   che   ci   fa   annullare   a   vantaggio   degli altri,    senza    che    nemmeno    se    ne    accorgono. Quell'amore   che   non   è   frenato   dall'orgoglio,   che non   si   basa   sulle   parole,   ma   sul   cuore.   Parliamo bene   anche   di   chi   non   merita,   della   pecorella smarrita,     del     caprone     della     situazione,     del ribelle.....Cerchiamo    di    capire,    non    dobbiamo sentirci    a    posto    solo    perché    abbiamo    detto qualche    parola    di    consolazione    a    qualcuno    o perché   abbiamo   fatto   qualche   buona   azione:   ma quante    volte    abbiamo    fatto    il    contrario    senza rendercene conto? IL SIGNORE E LA MADONNA SI ASPETTANO DA NOI PRIMA DI TUTTO CHE CI VOGLIAMO BENE Questo    mondo,    questa    generazione    ha    perso l'autenticità,    la    caratteristica    primaria    che    noi cristiani      dobbiamo      trasmettere,      perché      si comporta   in   un   modo   diverso   da   quella   verità che    Gesù    ci    ha    trasmesso.    Il    Signore    e    la Madonna   fanno   dei   discorsi   su   di   noi,   traggono   le loro   conclusioni   sul   nostro   comportamento,   non dicono    che    va    tutto    bene    quel    che    facciamo, altrimenti      dovrebbero      cambiare,      avrebbero sbagliato   loro.Purtroppo   molte   persone   pensano che    pregare    significa    diventare    veraci,    giusti, autentici;   le   stesse   persone   però   con   la   preghiera nascondono   le   loro   difficoltà,   i   loro   grandi   difetti. Il   Signore   non   ci   dice   di   pregare   e   poi   di   fare tutto    quello    che    vogliamo,    ma    ci    parla    “dei sepolcri    imbiancati”,    “della    pagliuzza    e    della      trave”,    delle    beatitudini,    di    coloro    che    non entreranno   nel   regno   dei   cieli   dicendo   "Signore Signore”…   Gesù   ci   ha   insegnato      innanzitutto   uno stile   di   vita   basato   sull’amore   tra   di   noi,   mentre la    preghiera,    che    è    buona    cosa,    è    l'ultimo traguardo    da        raggiungere.    Se    ci    volessimo veramente    bene,    vivremmo    tutti    nella    gioia, sparirebbero    tanti    problemi,    tante    falsità    del      mondo;      addirittura      scomparirebbero      tante malattie,   perché   la   gioia   le   annullerebbe.   Quello di   amarci   è   il   desiderio   più      grande   del   Signore   e della   Madonna.   E   se   lo   desiderano   significa   che   è umanamente   possibile   realizzarlo.   Significa   che   è     possibile   imitare   Gesù   con   la   nostra   vita,   come hanno     dimostrato     i     Santi,     che     possiamo migliorare   i   nostri   difetti.      Riscopriamolo!   Ma   di questo   noi   non   ce   ne   rendiamo   conto   perché   la nostra   ostinazione,   il   nostro   orgoglio   e   il   nostro     carattere,   superano   tutte   le   parole   del   Signore. Al    primo    problema    siamo    subito    in    crisi,    ci fidiamo   del   primo   che      incontriamo,   e   non   del Signore   che   invece   ci   invita   ad   abbandonarci   e   a non   temere....   A   cosa   servono   tutte   le   nostre     preghiere,    se    dimostriamo    che    il    Vangelo    non cambia   la   nostra   vita!   Se   avessimo   la   fede   ad   un livello   giusto,   sarebbero   gli      altri   a   cambiare   al nostro   contatto,   invece   siamo   noi   che   cambiamo al    contatto    col    mondo.    Siamo    deboli    dove vogliamo,      perché   quando   abbiamo   un   interesse economico     da     difendere,     tiriamo     fuori     una grinta.....che    da    analfabeti    diventiamo        subito intelligenti!    Queste    capacità    non    le    facciamo uscire   per   difendere   la   nostra   fede,   perché   non   la percepiamo   come   la      più   grande   ricchezza   da possedere:   diventiamo   subito   blandi,   abulici,   in balia di tutti. Questa è la nostra verità.   CHI PIÙ DICE MENO DICE...  Diventiamo   testimoni   autentici   anche   nel   nostro lavoro   e   nel   nostro   ambiente,   a   contatto   con   chi non   crede   più   nel   Signore.      Siamo   sobri   e   non fanatici,   perché   la   persona   saggia   ha   bisogno   di poche   parole,   mentre   chi   ha   bisogno   di   tante parole      deve   convincere   innanzitutto   se   stesso. Chiediamo    perdono    al    Signore    per    non    averlo capito.   Non   poniamo   limiti   allo   Spirito      Santo   che vuol   fare   di   noi   delle   meraviglie,   che   conosce   non solo   ciò   di   cui   abbiamo   bisogno   oggi,   ma   anche ciò   di   cui      avremo   bisogno   domani.   Lo   Spirito Santo    è    forte    quando    uno    non    sa    di    averlo, quando    siamo    deboli,    quando    sono    gli    altri    a      rendersene     conto,     perché     non     può     essere gestito.

Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul

monte Misma

 
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
versione mobile