Maria Ausiliatrice del monte Misma
Un deserto  sul Misma
  In   noi   c'è   più   desiderio   di   amare   o   di   amare   falsamente,   di   costruire   o   dividere?   Se   dentro   di   noi   c'è   più    materia    positiva,   annulla   quella   negativa,   mentre   se   prevale   quella   negativa,   annulla   quella   positiva.   Siamo   come   dei   contenitori   che racchiudono   elementi   positivi   o   negativi,   tutto   il   resto   viene   di   conseguenza.   Dimostreremo   i   frutti   della   Spirito   Santo   se prevalgono   quelli   positivi,   altrimenti   a   forza   di   esperienze   negative,   deduzioni   e   ragionamenti   negativi,   daremo   prova   di frutti   contraddittori   che   sono:   gelosia,   invidia,   cattiveria,   avarizia,   desiderio   di   realizzarsi;   tutti   sentimenti   che   annullano la   materia   positiva.   Dio   ha   creato   una   cosa   più   meravigliosa   dell'altra   e   anche   noi   ci   ha   fatti   per   corrispondere   ad   una caratteristica   ben   precisa,   tutte   le   altre   qualità   che   abbiamo   conosciuto   dopo,   sono   state   pensate   e   ideate   da   colui   che   è stato   scacciato   negli   inferi   e   che   è   riuscito   ad   inculcare   dentro   di   noi   per   vendicarsi   di   quello   che   ha   dovuto   subire. L'unica   soddisfazione   del   male   è   quella   di   imprimere   sentimenti   sbagliati,   con   tanta   astuzia,   furbizia   e   con   tanta giustificazione,   perché   noi   conteniamo   anche   dei   fatti   negativi   giustificando   che   sono   positivi.   Che   errore,   in   che   trappola siamo   caduti!   Noi   dovremmo   solamente   esprimere   quelle   qualità   che   ci   fanno   vivere   bene.   Quante   persone   dimostrano   di voler   stare   bene   insieme   e   di   quante   si   può   avere   fiducia?   Quante   persone   ci   hanno   trasmesso   un'esperienza   edificante? Ne   abbiamo   avute   di   esperienze   con   gli   altri,   ma   per   lo   più   abbiamo   capito   che   queste   esperienze   ci   hanno   portato   da avvocati,   dai   giudici   della   pace,   nei   tribunali.   Non   sappiamo   neanche   chi   siamo,   né   quanto   positivo   o   negativo   c'è   in   noi, perché   i   risultati   non   dimostrano   quello   che   pensiamo   di   essere.   Il   Signore   guarda   i   frutti   per   capire   che   pianta   è,   non sta   lì   a   discutere   con   noi.   Se   non   dimostriamo   i   frutti   della   spirito   Santo   a   cosa   serve   tutto   il   resto?   Davanti   al   Signore dovremmo   essere   sinceri   e   dire:   " Tu   meriteresti   che   noi   facessimo   tanto   di   più,   però   non   ce   la   facciamo,   non   riusciamo, non   sappiamo   cos'è   successo   dentro   di   noi,   quale   inghippo   si   è   innescato ".   Nel   nostro   cuore   dobbiamo   avere   una percentuale   in   più   che   annulla   la   parte   negativa;   poco   importa   se   riceviamo   “pugnalate”,   guardiamo   a   quello   che   ha   fatto al   Signore:   da   Lui   è   sempre   uscita   solo   la   parte   positiva   nonostante   il   male   che   ha   subito.   Non   ci   ha   eliminato   tutti,   non ha   reagito   con   rabbia,   ma   ha   chiesto   al   Padre   di   perdonarci.   Se   ci   comportiamo   nel   modo   peggiore   perché   abbiamo ricevuto   delle   ingiustizie   o   delle   offese,   non   facciamo   la   cosa   più   giusta.   Abbiamo   il   coraggio   della   coerenza   che   ha dimostrato    Gesù    o    vogliamo    restare    quel    cibo    insipido    senza    sapore    che    non    vale    niente?    Se    vogliamo    essere rappresentanti   della   parte   positiva   non   illudiamoci   di   avere   ottenuto   dei   meriti   solamente   perché   siamo   andati   a   messa, abbiamo pregato o digiunato e ci siamo comportati in modo negativo. PER OBBLIGO O PER AMORE? La   Madonna   non   vuole   che   ci   avviciniamo   a   Lei   per   imposizione,   non   ci   chiede   una   quantità   di   preghiere   da   recitare   tutti   i giorni.   Dobbiamo   andare   in   chiesa,   pregare   o   digiunare,   per   amore ,   in   base   a   un   nostro   sentire,   a   un   desiderio   di rinnovarci,   non   perché   qualcuno   ci   dice   che   dobbiamo   raggiungere   una   certa   misura,   altrimenti   lo   facciamo   per   un   certo periodo   e   poi   non   facciamo   più.   Ma   che   valore   hanno   i   nostri   sacrifici   e   le   nostre   devozioni   se   li   facciamo   come   un   obbligo e   con   tanta   fatica?   Ci   rendono   solo   più   nervosi   e   suscettibili,   mentre   il   Signore   vuole   intorno   a   noi   la   letizia   e   il   gaudio. Se   facciamo   il   digiuno   con   gioia    non   facciamo   nessuna   fatica,   anzi   abbiamo   difficoltà   a   romperlo   perché   Dio   e   la Madonna   sono   con   noi .   Se   invece   siamo   tesi   e   al   limite   della   resistenza   (guai   al   primo   che   ci   sfiora...),   abbiamo   dentro di   noi   qualcun   altro.   Ecco   perché   il   Signore   dice   di   profumarci   e   di   non   far   vedere   a   nessuno   che   stiamo   facendo   una rinuncia,      perché   in   quel   momento   vuole   farci   gustare   i   cibi   spirituali   che   ci   fanno   esplodere   di   contentezza.   Così   sono tutte   le   altre   cose   della   vita.   Cerchiamo   di   capire   qual   è   la   parte   maggiore   che   è   in   noi   e   che   non   sempre   fuoriesce,   ma solo   davanti   a   certe   situazioni,   perché   il   male   si   trasforma   in   un   falso   bene,   ci   inganna,   ci   illude   che   in   noi   c'è   il   bene   e   la verità.   Ma   la   realtà   non   è   quella   perché   in   qualsiasi   azione   della   vita   da   noi   dovrebbe   fuoriuscire   il   bene.   Abbiamo desiderio   di   abbracciare   e   di   amare   chi   ci   ha   fatto   una   ingiustizia   o   abbiamo   più   la   predisposizione   di   farci   valere   e rispettare? E’ qui si capisce da che parte stiamo…     Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul monte Misma  
Abbiamo più materia positiva o negativa?
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
Monte Misma - Oasi della Pace - via Spersiglio 25 Pradalunga (Bergamo)
stampa la pagina
Un deserto   sul Misma
Maria Ausiliatrice del monte Misma
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
In   noi   c'è   più   desiderio   di   amare   o   di   amare falsamente,   di   costruire   o   dividere?   Se   dentro   di noi    c'è    più     materia     positiva,     annulla    quella negativa,    mentre    se    prevale    quella    negativa, annulla     quella     positiva.     Siamo     come     dei contenitori   che   racchiudono   elementi   positivi   o negativi,    tutto    il    resto    viene    di    conseguenza. Dimostreremo    i    frutti    della    Spirito    Santo    se prevalgono   quelli   positivi,   altrimenti   a   forza   di esperienze    negative,    deduzioni    e    ragionamenti negativi,    daremo    prova    di    frutti    contraddittori che    sono:    gelosia,    invidia,    cattiveria,    avarizia, desiderio    di    realizzarsi;    tutti    sentimenti    che annullano   la   materia   positiva.   Dio   ha   creato   una cosa   più   meravigliosa   dell'altra   e   anche   noi   ci   ha fatti   per   corrispondere   ad   una   caratteristica   ben precisa,    tutte    le    altre    qualità    che    abbiamo conosciuto   dopo,   sono   state   pensate   e   ideate   da colui   che   è   stato   scacciato   negli   inferi   e   che   è riuscito   ad   inculcare   dentro   di   noi   per   vendicarsi di     quello     che     ha     dovuto     subire.     L'unica soddisfazione    del    male    è    quella    di    imprimere sentimenti   sbagliati,   con   tanta   astuzia,   furbizia   e con   tanta   giustificazione,   perché   noi   conteniamo anche   dei   fatti   negativi   giustificando   che   sono positivi.   Che   errore,   in   che   trappola   siamo   caduti! Noi     dovremmo     solamente     esprimere     quelle qualità   che   ci   fanno   vivere   bene.   Quante   persone dimostrano    di    voler    stare    bene    insieme    e    di quante   si   può   avere   fiducia?   Quante   persone   ci hanno    trasmesso    un'esperienza    edificante?    Ne abbiamo   avute   di   esperienze   con   gli   altri,   ma   per lo   più   abbiamo   capito   che   queste   esperienze   ci hanno   portato   da   avvocati,   dai   giudici   della   pace, nei   tribunali.   Non   sappiamo   neanche   chi   siamo, né   quanto   positivo   o   negativo   c'è   in   noi,   perché   i risultati   non   dimostrano   quello   che   pensiamo   di essere.   Il   Signore   guarda   i   frutti   per   capire   che pianta   è,   non   sta   lì   a   discutere   con   noi.   Se   non dimostriamo   i   frutti   della   spirito   Santo   a   cosa serve     tutto     il     resto?     Davanti     al     Signore dovremmo   essere   sinceri   e   dire:   " Tu   meriteresti che   noi   facessimo   tanto   di   più,   però   non   ce   la facciamo,    non    riusciamo,    non    sappiamo    cos'è successo    dentro    di    noi,    quale    inghippo    si    è innescato ".   Nel   nostro   cuore   dobbiamo   avere   una percentuale   in   più   che   annulla   la   parte   negativa; poco      importa      se      riceviamo      “pugnalate”, guardiamo   a   quello   che   ha   fatto   al   Signore:   da Lui    è    sempre    uscita    solo    la    parte    positiva nonostante    il    male    che    ha    subito.    Non    ci    ha eliminato   tutti,   non   ha   reagito   con   rabbia,   ma   ha chiesto   al   Padre   di   perdonarci.   Se   ci   comportiamo nel   modo   peggiore   perché   abbiamo   ricevuto   delle ingiustizie   o   delle   offese,   non   facciamo   la   cosa più   giusta.   Abbiamo   il   coraggio   della   coerenza che   ha   dimostrato   Gesù   o   vogliamo   restare   quel cibo   insipido   senza   sapore   che   non   vale   niente? Se    vogliamo    essere    rappresentanti    della    parte positiva    non    illudiamoci    di    avere    ottenuto    dei meriti   solamente   perché   siamo   andati   a   messa, abbiamo     pregato     o     digiunato     e     ci     siamo comportati in modo negativo. PER OBBLIGO O PER AMORE? La   Madonna   non   vuole   che   ci   avviciniamo   a   Lei per   imposizione,   non   ci   chiede   una   quantità   di preghiere    da    recitare    tutti    i    giorni.    Dobbiamo andare    in    chiesa,    pregare    o    digiunare,    per amore ,    in    base    a    un    nostro    sentire,    a    un desiderio   di   rinnovarci,   non   perché   qualcuno   ci dice     che     dobbiamo     raggiungere     una     certa misura,    altrimenti    lo    facciamo    per    un    certo periodo   e   poi   non   facciamo   più.   Ma   che   valore hanno   i   nostri   sacrifici   e   le   nostre   devozioni   se   li facciamo   come   un   obbligo   e   con   tanta   fatica?   Ci rendono   solo   più   nervosi   e   suscettibili,   mentre   il Signore   vuole   intorno   a   noi   la   letizia   e   il   gaudio. Se   facciamo   il   digiuno   con   gioia    non   facciamo nessuna     fatica,     anzi     abbiamo     difficoltà     a romperlo   perché   Dio   e   la   Madonna   sono   con noi .    Se    invece    siamo    tesi    e    al    limite    della resistenza    (guai    al    primo    che    ci    sfiora...), abbiamo   dentro   di   noi   qualcun   altro.   Ecco   perché il   Signore   dice   di   profumarci   e   di   non   far   vedere a    nessuno    che    stiamo    facendo    una    rinuncia,      perché   in   quel   momento   vuole   farci   gustare   i   cibi spirituali   che   ci   fanno   esplodere   di   contentezza. Così     sono     tutte     le     altre     cose     della     vita. Cerchiamo   di   capire   qual   è   la   parte   maggiore   che è   in   noi   e   che   non   sempre   fuoriesce,   ma   solo davanti    a    certe    situazioni,    perché    il    male    si trasforma   in   un   falso   bene,   ci   inganna,   ci   illude che   in   noi   c'è   il   bene   e   la   verità.   Ma   la   realtà   non è   quella   perché   in   qualsiasi   azione   della   vita   da noi     dovrebbe     fuoriuscire     il     bene.     Abbiamo desiderio   di   abbracciare   e   di   amare   chi   ci   ha   fatto una   ingiustizia   o   abbiamo   più   la   predisposizione di   farci   valere   e   rispettare?   E’   qui   si   capisce   da che parte stiamo…

Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul

monte Misma

Indice suggerimenti Indice suggerimenti
versione mobile