Maria Ausiliatrice del monte Misma
Un deserto  sul Misma
  Noi   siamo   abituati   a   spulciare   i   pidocchi   del   nostro   fratello,   perché   quando   si   vogliono   esaminare   i   difetti   degli   altri,   è come   spulciare   pidocchi.   È   questa   la   nostra   fede?   Ma   che   se   ne   fa   il   Signore   di   pidocchiosi?   Per   il   suo   progetto   vuole cristiani   autentici,   gente   brava   ad   obbedire,   che   non   obietta.   Magari   ci   dice   una   cosa   che   va   contro   la   ragione   per provare   il   nostro   grado   di   umiltà   e   di   obbedienza.   Tutte   le   profezie   che   il   Signore   ha dato   sono   “costate   sangue”   ai   suoi   profeti   perché   erano   obiettivamente   discutibili; prendiamo   ad   esempio   Geremia,   Elia   o   Mosé   quando   il   popolo   lo   criticava   e   diceva che   stava   meglio   quando   ridotto   in   schiavitù.   Oppure,   per   venire   ai   tempi   nostri, prendiamo   Benedetto   XXVI:   chi   sa   come   batte   d'amore   e   lacrima   il   suo   cuore? Quando   si   è   rappresentanti   di   una   verità   così   profonda   è   giusto   dare   gesti   d'amore, ma   anche   "la   botta"   se   necessario.   Ricordiamoci   della   sua   profezia   sul   futuro   della Chiesa   che   ha   fatto   nel   1969:   parlava   di   preti   ridotti   a   fare   l'assistente   sociale,   di una   chiesa   ridimensionata,   che   perderà   gran   parte   dei   suoi   edifici   costruiti   nei   secoli e   costretta   a   ripartire   dalle   origini.   Se   entriamo   in   un   contesto   dove   viene   deviata   la verità,   se   ne   prospetta   una   artificiale   ed   è   logico   che   non   abbiamo   più   risposte. Dobbiamo   essere   liberi   di   decidere   e   non   condizionati   dai   consiglieri   che   troviamo strada   facendo,   perché   il   nostro   consigliere   deve   essere   uno   su   mille.   Il   Signore   ci   ha fatti   principalmente   per   la   salvezza   non   per   la   condanna;   ci   immaginiamo   Gesù   che, come   dicono   certe   profezie   e   rivelazioni   private,   parla   in   un   modo   dispregiativo   dei suoi   figli?   Lui   sa   che   se   anche   quel   figlio   fosse   invaso   da   uno   spirito   cattivo,   una volta   liberato,   può   diventare   migliore   di   noi;   sa   che   non   è   colpa   sua,   che   può   aver avuto   dei   contatti   e   delle   esperienze   che   purtroppo   l'hanno   portato   ad   avere   certi   contagi.   E   quando   si   è   nelle “sgrinfie”dell'infido,   ci   mette   agli   occhi   dei   nostri   fratelli   nel   peggior   modo   possibile.   Ci   immaginiamo   Maria   Santissima che   dà   certi   epiteti   diffamatori   e   condanna   i   suoi   figli   che   ama   infinitamente?   Solamente   guardando   a   una   sua   statua   si capisce   che   non   fa   parte   del   suo   modo   di   essere;   lei      ci   invita   solo   ad   amare.   Non   perché   un   figlio   è   caduto   nella trappola   lo   si   deve   definire   nel   modo   più   infame.   Nemmeno   una   mamma   o   papà   terreno   condanneranno   mai   un figlio   drogato   o   assassino;   saranno   dispiaciuti,   ma   è   sempre   loro   figlio.   Dobbiamo   deciderci   per   il   Signore   con   una caratteristica   sola,   quella   dell’amore.   Nella   sua   vita   pubblica   Gesù   ha   insegnato   uno   stile   comportamentale,   non   ha   detto che   dobbiamo   pregare   e   poi   comportarci   come   vogliamo.   La   preghiera   è   una   dimostrazione   spontanea   che   viene   dal cuore,   non   un   rituale   che   chiude   i   cuori   e   autorizza   a   giudicare   nostro   fratello.   Semmai   giudicare   e   criticare   fa   perdere   di valore alla preghiera.     Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul monte Misma  
Il pidocchioso
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
Monte Misma - Oasi della Pace - via Spersiglio 25 Pradalunga (Bergamo)
stampa la pagina
Un deserto   sul Misma
Maria Ausiliatrice del monte Misma
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
Noi    siamo    abituati    a    spulciare    i    pidocchi    del nostro     fratello,     perché     quando     si     vogliono esaminare   i   difetti   degli   altri,   è   come   spulciare pidocchi.   È   questa   la   nostra   fede?   Ma   che   se   ne fa il Signore di pidocchiosi? Per   il   suo   progetto   vuole   cristiani   autentici,   gente brava   ad   obbedire,   che   non   obietta.   Magari   ci dice    una    cosa    che    va    contro    la    ragione    per provare   il   nostro   grado   di   umiltà   e   di   obbedienza. Tutte   le   profezie   che   il   Signore   ha   dato   sono “costate    sangue”    ai    suoi    profeti    perché    erano obiettivamente   discutibili;   prendiamo   ad   esempio Geremia,    Elia    o    Mosé    quando    il    popolo    lo criticava    e    diceva    che    stava    meglio    quando ridotto   in   schiavitù.   Oppure,   per   venire   ai   tempi nostri,   prendiamo   Benedetto   XXVI:   chi   sa   come batte   d'amore   e   lacrima   il   suo   cuore?   Quando   si è   rappresentanti   di   una   verità   così   profonda   è giusto   dare   gesti   d'amore,   ma   anche   "la   botta" se   necessario.   Ricordiamoci   della   sua   profezia   sul futuro    della    Chiesa    che    ha    fatto    nel    1969: parlava   di   preti   ridotti   a   fare   l'assistente   sociale, di   una   chiesa   ridimensionata,   che   perderà   gran parte    dei    suoi    edifici    costruiti    nei    secoli    e costretta   a   ripartire   dalle   origini.   Se   entriamo   in un   contesto   dove   viene   deviata   la   verità,   se   ne prospetta    una    artificiale    ed    è    logico    che    non abbiamo   più   risposte.   Dobbiamo   essere   liberi   di decidere   e   non   condizionati   dai   consiglieri   che troviamo     strada     facendo,     perché     il     nostro consigliere   deve   essere   uno   su   mille.   Il   Signore   ci ha   fatti   principalmente   per   la   salvezza   non   per   la condanna;    ci    immaginiamo    Gesù    che,    come dicono   certe   profezie   e   rivelazioni   private,   parla in   un   modo   dispregiativo   dei   suoi   figli?   Lui   sa   che se   anche   quel   figlio   fosse   invaso   da   uno   spirito cattivo,   una   volta   liberato,   può   diventare   migliore di   noi;   sa   che   non   è   colpa   sua,   che   può   aver avuto     dei     contatti     e     delle     esperienze     che purtroppo   l'hanno   portato   ad   avere   certi   contagi. E   quando   si   è   nelle   “sgrinfie”dell'infido,   ci   mette agli    occhi    dei    nostri    fratelli    nel    peggior    modo possibile.   Ci   immaginiamo   Maria   Santissima   che dà   certi   epiteti   diffamatori   e   condanna   i   suoi   figli che   ama   infinitamente?   Solamente   guardando   a una   sua   statua   si   capisce   che   non   fa   parte   del suo   modo   di   essere;   lei      ci   invita   solo   ad   amare. Non   perché   un   figlio   è   caduto   nella   trappola lo    si    deve    definire    nel    modo    più    infame. Nemmeno      una      mamma      o      papà      terreno condanneranno      mai      un      figlio      drogato      o assassino;   saranno   dispiaciuti,   ma   è   sempre   loro figlio.   Dobbiamo   deciderci   per   il   Signore   con   una caratteristica   sola,   quella   dell’amore.   Nella   sua vita     pubblica     Gesù     ha     insegnato     uno     stile comportamentale,   non   ha   detto   che   dobbiamo pregare    e    poi    comportarci    come    vogliamo.    La preghiera    è    una    dimostrazione    spontanea    che viene   dal   cuore,   non   un   rituale   che   chiude   i   cuori e   autorizza   a   giudicare   nostro   fratello.   Semmai giudicare    e    criticare    fa    perdere    di    valore    alla preghiera.    

Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul

monte Misma

 
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
versione mobile