Maria Ausiliatrice del monte Misma
Un deserto  sul Misma
  Noi   cristiani   dovremmo   provare   una   gioia   che   altri   popoli   non   hanno,   invece   viviamo   in   conflitto   e   senza   armonia. Facciamo   un   esame   di   coscienza,   i   problemi   che   ci   ritroviamo   sono   esenti   dalle   nostre   colpe   nostre?   Siamo   in   un   era   di cambiamenti   epocali   e   non   ce   ne   rendiamo   conto;   la   situazione   attuale   è   frutto   dei   nostri   errori   non   del   potere   di   Satana, è    l'uomo    che    sostiene    il    male    portando    a    compimento    certe    azioni    terribili.    Cosa    facciamo    per    difenderci dall' indebolimento   della   fede?    È   questo   il   pericolo   più   grande   che   riguarda   l'umanità,   sarà   la   devastazione   di tutto.   Dio   è   la   pianta   che   dà   frutti   per   ogni   necessità   dell'uomo,   ma   noi   siamo   così   avidi   di   sentimenti   che   vogliamo trattenere   i   nostri   prodotti,   siamo   “calcolatori”,   persone   che   non   sanno   amare.   Abbondiamo   di   propositi,   ma   non   di   fatti concreti.   Quanto   pensiamo   alle   cose   materiali   e   quanto   a   quelle   spirituali?   Quante   cose   abbiamo   accettato   a   vantaggio dell'eternità?   Ciò   che   darà   più   valore   alla   nostra   vita   terrena,   non   sarà   quello   che   ci   siamo   trattenuti   per   noi, ma   quello   che   avremo   dato   gli   altri.   Eppure   preghiamo   per   stare   bene   qui,   sacrifichiamo   anche   la   fede   per raggiungere   un   certo   risultato   terreno.   Quante   volte   è   stato   oggetto   di   contesa,   di   odio   e   di   omicidi,   quello   che   i   genitori hanno   lasciato   con   tanto   amore   ai   figli?   Quante   eredità   sono   svanite   nel   nulla?   Sono   più   caritatevoli   i   poveri   dei   ricchi. Un   domani   il   Signore   potrebbe   dirci   che   se   avessimo   vissuto   con   più   amore   verso   gli   altri,   la   sua   divina   provvidenza   ci avrebbe   dato   il   doppio   di   quello   che   abbiamo   accumulato.   La   devastazione   terribile   sarà   quella   dell'uomo   senza   fede   che compirà   fatti   mai   sentiti   prima   e   coinvolgerà   i   suoi   figli.   Perché   ci   comportiamo   da   dissoluti?   Come   possiamo   rivelare   le opere   del   Signore   se   abbiamo   passato   la   nostra   vita   fra   litigi   e   alterchi?   In   un'apparizione   la   Madonna   ebbe   a   dire   a Roberto:   " L'uomo   si   preoccupa   di   ciò   che   sente   e   vede,   io   mi   preoccupo   invece   di   quello   che   l'uomo   arriverà   a   fare,   che ha   già   nel   cuore,   che   è   ancora   peggiore   di   quello   che   voi   state   conoscendo".    E’   atroce   quello   che   abbiamo   in   animo   di fare   perché,   purtroppo,   si   è   annidato   di   tutto   dentro   di   noi   tranne   ciò   che   è   in   difesa   della   parola   di   Dio.   Per   non inasprirci   cerchiamo   fin   da   subito   di   seguire   l’esortazione   di   Isaia   (33,15)   di   “non   udire   fatti   di   sangue   e   chiudere   gli occhi   per   non   vedere   il   male” .   Perché   l'uomo   non   dà   il   bene   che   potrebbe   dare   ed   è   più   predisposto   per   la   parte peggiore?   Rileva   i   difetti   degli   altri   ma   non   quello   che   di   buono   fanno.   Ci   complimentiamo   a   vicenda?   Il   Signore   non   ci   ha dato   di   più   l'energia   nella   parte   che   divide.   La   gioia   che   Dio   vuole   darci   è   la   dose   giusta   per   la   nostra   adrenalina,   un rivitalizzante   che   ci   fa   sentire   invincibili,   una   cellula   celeste   che   non   ci   lascia   soli   in   mezzo   ai   problemi,   anche   quando abbiamo   consumato   tutte   le   nostre   energie   davanti   al   nemico   più   cattivo.   La   gioia   nel   cuore   dà   l’energia   per   vincere   la battaglia   e   non   ha   le   controindicazioni   delle   sostanze   dopanti.   Perché   pensiamo   di   fare   sempre   di   testa   nostra?   Chi   di   noi ha   la   gioia   di   vivere?   L'intensità   dello   sguardo   del   giusto   è   micidiale   davanti   all’empio,   nessuno   reggeva   lo   sguardo   di Gesù.   Noi   siamo   i   vincenti   per   scelta   di   Dio,   siamo   la   sua   continuazione   su   questa   terra,   come   possiamo   vincere   il   male se   siamo   tristi   e   drammatizziamo   tutto?   Chiudiamo   l'eco   alla   parte   che   dovremmo   eliminare   e   diamo   risalto   alla   parte vincente.   Noi   siamo   forti   quando   ci   sentiamo   deboli,    incapaci,   indegni,   quando   non   mettiamo   "l’io"   davanti   ai   nostri discorsi.   Il   male   non   può   torcerci   neanche   un   capello   se   abbiamo   Dio   nel   cuore   e   lo   conosciamo.   Nel   Vecchio   Testamento hanno   fatto   di   tutto   per   impedire   che   la   stirpe   di   Davide   proseguisse   fino   a   Gesù,   ma   non   ce   l'hanno   fatta.   Facciamo parte   della   generazione   più   fortunata,   nessun'altra   aveva   la   nostra   conoscenza,   però   stiamo   distruggendo   tutto.   Se dimostreremo   di   essere   giusti   davanti   al   nostro   Creatore,   saremo   la   liberazione   e   la   salvezza   della   nostra   stirpe   in   una misura   impressionante:   quel   poco   di   rinuncia   che   implica   tutto   questo   è   sovrabbondantemente   ripagato.   Chi   di   noi pensa   che   accettando   le   peggiori   azioni   umane   avrà   un   beneficio   per   l'eternità?   Cosa   facciamo   per   meritarci   un dono   così   grande?   Nel   giudizio   finale   non   solo   renderemo   conto   del   male   fatto,   ma   anche   del   bene   che   non   abbiamo saputo   fare   e   che   avremmo   potuto   fare.   Dimostriamo   anche   alla   nostra   parentela   che   c'è   un   modo   di   vivere   che   dà   più risultato,   smettiamola   di   portare   avanti   sempre   discorsi   che   distruggono,   che   rattristano   e   ci   fanno   aprire   la   porta   al male.   Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul monte Misma  
Il pericolo più grande
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
Monte Misma - Oasi della Pace - via Spersiglio 25 Pradalunga (Bergamo)
stampa la pagina
Un deserto   sul Misma
Maria Ausiliatrice del monte Misma
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
Noi   cristiani   dovremmo   provare   una   gioia   che altri   popoli   non   hanno,   invece   viviamo   in   conflitto e     senza     armonia.     Facciamo     un     esame     di coscienza,    i    problemi    che    ci    ritroviamo    sono esenti   dalle   nostre   colpe   nostre?   Siamo   in   un   era di   cambiamenti   epocali   e   non   ce   ne   rendiamo conto;   la   situazione   attuale   è   frutto   dei   nostri errori   non   del   potere   di   Satana,   è   l'uomo   che sostiene   il   male   portando   a   compimento   certe azioni    terribili.    Cosa    facciamo    per    difenderci dall' indebolimento    della    fede?     È    questo    il pericolo   più   grande   che   riguarda   l'umanità, sarà   la   devastazione   di   tutto.   Dio   è   la   pianta che   dà   frutti   per   ogni   necessità   dell'uomo,   ma noi   siamo   così   avidi   di   sentimenti   che   vogliamo trattenere   i   nostri   prodotti,   siamo   “calcolatori”, persone   che   non   sanno   amare.   Abbondiamo   di propositi,    ma    non    di    fatti    concreti.    Quanto pensiamo   alle   cose   materiali   e   quanto   a   quelle spirituali?    Quante    cose    abbiamo    accettato    a vantaggio     dell'eternità?     Ciò     che     darà     più valore    alla    nostra    vita    terrena,    non    sarà quello   che   ci   siamo   trattenuti   per   noi,   ma quello    che    avremo    dato    gli    altri.    Eppure preghiamo    per    stare    bene    qui,    sacrifichiamo anche   la   fede   per   raggiungere   un   certo   risultato terreno.   Quante   volte   è   stato   oggetto   di   contesa, di   odio   e   di   omicidi,   quello   che   i   genitori   hanno lasciato   con   tanto   amore   ai   figli?   Quante   eredità sono   svanite   nel   nulla?   Sono   più   caritatevoli   i poveri   dei   ricchi.   Un   domani   il   Signore   potrebbe dirci    che    se    avessimo    vissuto    con    più    amore verso    gli    altri,    la    sua    divina    provvidenza    ci avrebbe   dato   il   doppio   di   quello   che   abbiamo accumulato.   La   devastazione   terribile   sarà   quella dell'uomo    senza    fede    che    compirà    fatti    mai sentiti   prima   e   coinvolgerà   i   suoi   figli.   Perché   ci comportiamo     da     dissoluti?     Come     possiamo rivelare   le   opere   del   Signore   se   abbiamo   passato la     nostra     vita     fra     litigi     e     alterchi?     In un'apparizione     la     Madonna     ebbe     a     dire     a Roberto:   " L'uomo   si   preoccupa   di   ciò   che   sente   e vede,    io    mi    preoccupo    invece    di    quello    che l'uomo   arriverà   a   fare,   che   ha   già   nel   cuore,   che è    ancora    peggiore    di    quello    che    voi    state conoscendo".     E’    atroce    quello    che    abbiamo    in animo   di   fare   perché,   purtroppo,   si   è   annidato   di tutto   dentro   di   noi   tranne   ciò   che   è   in   difesa   della parola   di   Dio.   Per   non   inasprirci   cerchiamo   fin   da subito   di   seguire   l’esortazione   di   Isaia   (33,15)   di “non   udire   fatti   di   sangue   e   chiudere   gli   occhi   per non   vedere   il   male” .   Perché   l'uomo   non   dà   il bene   che   potrebbe   dare   ed   è   più   predisposto   per la   parte   peggiore?   Rileva   i   difetti   degli   altri   ma non      quello      che      di      buono      fanno.      Ci complimentiamo   a   vicenda?   Il   Signore   non   ci   ha dato   di   più   l'energia   nella   parte   che   divide.   La gioia   che   Dio   vuole   darci   è   la   dose   giusta   per   la nostra    adrenalina,    un    rivitalizzante    che    ci    fa sentire   invincibili,   una   cellula   celeste   che   non   ci lascia   soli   in   mezzo   ai   problemi,   anche   quando abbiamo    consumato    tutte    le    nostre    energie davanti   al   nemico   più   cattivo.   La   gioia   nel   cuore dà   l’energia   per   vincere   la   battaglia   e   non   ha   le controindicazioni   delle   sostanze   dopanti.   Perché pensiamo   di   fare   sempre   di   testa   nostra?   Chi   di noi   ha   la   gioia   di   vivere?   L'intensità   dello   sguardo del   giusto   è   micidiale   davanti   all’empio,   nessuno reggeva   lo   sguardo   di   Gesù.   Noi   siamo   i   vincenti per   scelta   di   Dio,   siamo   la   sua   continuazione   su questa   terra,   come   possiamo   vincere   il   male   se siamo   tristi   e   drammatizziamo   tutto?   Chiudiamo l'eco   alla   parte   che   dovremmo   eliminare   e   diamo risalto   alla   parte   vincente.   Noi   siamo   forti   quando ci   sentiamo   deboli,    incapaci,   indegni,   quando   non mettiamo   "l’io"   davanti   ai   nostri   discorsi.   Il   male non   può   torcerci   neanche   un   capello   se   abbiamo Dio    nel    cuore    e    lo    conosciamo.    Nel    Vecchio Testamento   hanno   fatto   di   tutto   per   impedire   che la   stirpe   di   Davide   proseguisse   fino   a   Gesù,   ma non    ce    l'hanno    fatta.    Facciamo    parte    della generazione   più   fortunata,   nessun'altra   aveva   la nostra    conoscenza,    però    stiamo    distruggendo tutto.   Se   dimostreremo   di   essere   giusti   davanti   al nostro    Creatore,    saremo    la    liberazione    e    la salvezza    della    nostra    stirpe    in    una    misura impressionante:   quel   poco   di   rinuncia   che   implica tutto    questo    è    sovrabbondantemente    ripagato. Chi   di   noi   pensa   che   accettando   le   peggiori azioni      umane      avrà      un      beneficio      per l'eternità?   Cosa   facciamo   per   meritarci   un   dono così     grande?     Nel     giudizio     finale     non     solo renderemo   conto   del   male   fatto,   ma   anche   del bene    che    non    abbiamo    saputo    fare    e    che avremmo   potuto   fare.   Dimostriamo   anche   alla nostra   parentela   che   c'è   un   modo   di   vivere   che dà   più   risultato,   smettiamola   di   portare   avanti sempre   discorsi   che   distruggono,   che   rattristano e ci fanno aprire la porta al male.  

Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul

monte Misma

 
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
versione mobile