Maria Ausiliatrice del monte Misma
Un deserto  sul Misma
Abbiamo   messo   troppo   in   alto   il   diritto   dell'uomo   e   troppo   in   basso   il   rispetto   verso   Dio.   Questo   disastro   l'abbiamo   creato noi   facendo   l'esatto   contrario   di   quello   che   il   Signore   ha   detto,   perché   vogliamo   che   intervenga?   Non   dobbiamo   pensare solo   a   iniziative   materiali   ma   a   salvare   anche   l'anima.   Chi   ha   il   rancore   e   l'ira   al   momento   opportuno   li   tira   fuori,   la vendetta   non   è   mandare   alla   ghigliottina   gli   altri,   sono   le   ripicche   trasversali.   Prima   si   ama   e   si   perdona,   poi   si prega .   Sant'Agostino   non   ha   detto   “pregate   e   fate   quello   che   volete”,    ma   amatevi   e   fate   quello   che   volete” .   Solo   allora la   nostra   preghiera   verrà   esaudita.   Non   tiriamo   in   ballo   la   Madonna   in   cose   che   contrastano   con   la   parola   di   Dio,   è profanazione   e   sacrilegio.   Come   si   fa   a   dire   che   viene   a   dirci   di   recitare   il   rosario   se   abbiamo   il   rancore   e   l'ira?   Lei pregava   sull'Antico   Testamento,   ce   la   vediamo   oggi   che   dice   il   contrario?   C'è   forse   scritto   che   dobbiamo   recitare   tre rosari   o   andare   a   messa   tutti   i   giorni?   È   buona   cosa,   ma   non   pensiamo   di   aver   risolto   tutto   altrimenti   diventa   fanatismo. Lasciamo   stare   il   nome   della   Santissima   Vergine,   non   rischiamo   perché   la   pagheremo   cara.   Siamo   sicuri   di   avere perdonato   le   offese?   Chiediamo   le   cose   migliori   al   Signore   e   abbiamo   i   sentimenti   peggiori,   confidiamo   nella   misericordia di   Dio   e   non   abbiamo   misericordia   fra   di   noi.   Dovremmo   sentirci   indegni   anche   solo   di   perdonare   perché   così   non pensiamo   di   aver   ragione.   Dove   c'è   armonia   in   famiglia   quando   basta   un   piccolo   errore   di   un   nostro   familiare   per fargliela   pagare   cara?   Questo   è   rancore.   Non   ci   vengono   rimessi   i   peccati   a   prescindere,   solo   se   perdoniamo   l'offesa   e non   siamo   più   in   collera   con   il   prossimo.   Come   pensiamo   di   ottenere   le   indulgenze   senza   questi   passaggi?   Dimostriamo   il nostro   impegno,    essere   corretti   non   vuol   dire   essere   perfetti,   il   Signore   desidera   che   siamo   giusti   pur   con   i   nostri difetti.   Con   i   sentimenti   migliori   vivremmo   meglio   anche   questa   epoca,   ma   quale   sentimento   abbiamo   dentro   di   noi? Sicuramente   non   quello   che   andiamo   a   dire   in   pubblico.   Diffidiamo   di   chi   con   dovizia   di   particolari   elenca   le   proprie qualità,   il   vero   strumento   del   Signore   non   si   rende   conto   di   esserlo,   si   sente   indegno.   Troppi   carismatici   recitano   un copione   negativo,   ricordiamoci   che   avremo   l'indulgenza   plenaria   quando   avremo   favorito   la   salvezza   di   un'anima,   non perché   siamo   andati   in   chiesa   tutte   le   mattine   o   abbiamo   detto   quintali   di   preghiere.   Si   fanno   incontri   sulla   parola   di   Dio e   si   parla   di   esperienze   di   altri,   così   si   mette   il   Signore   al   secondo   posto.   Le   esperienze   vengono   poi   romanzate   per colpire   l'attenzione   della   gente,   ma   la   maggior   parte   è   letteratura   spazzatura.   La   casa   si   costruisce   dalle   fondamenta   e   la base   del   cristiano   è   la   legge   di   Dio,   non   la   rivelazione   privata   o   quello   che   dice   il   carismatico.   Chi   non   ama   non   può   dire di   essere   umile   e   caritatevole,   chi   mette   davanti   il   proprio   io   è   superbo   e   se   parla   a   vanvera   del   Signore   infrange   il secondo   comandamento.   Troppi   cristiani   pensano   di   non   aver   peccato,   ma   ciò   che   ci   condanna   può   essere   quello che   non   abbiamo   mai   pensato   di   commettere.    Molti   verranno   tratti   in   inganno   da   falsi   profeti   (carismatici)   che parlano   in   nome   di   Gesù   (Mt   24),   dicendoci   di   fare   questo   o   quello   o   di   andare   in   un   luogo   dove   si   ottiene   di   più. Diffidiamo   di   chi   parla   di   demoni,   di   disastri,   di   negatività   e   difetti   di   altre   persone.   Non   facciamo   terrorismo   spirituale continuando   a   vivere   in   agitazione,   la   nostra   unica   salvezza   è   la   parola   di   Dio   che   dobbiamo   conoscere   fino   in   fondo.   È giusto   usare   i   sacramentali,   ma   per   benedire   veramente   la   nostra   casa   dobbiamo   dire   bene   degli   altri,   non   dire   male   cioè maledire.   Stiamo   attenti,   chi   ha   Dio   nel   cuore   affronta   le   prove   della   vita   consapevole   di   avere   al   proprio   fianco   il Signore, mentre chi ha la disperazione nel cuore non riesce ad amare, esiste solo quella. Siracide 27,30 - 28,1-7 Il rancore e l'ira sono un abominio, il peccatore li possiede. Chi si vendica avrà la vendetta dal Signore ed egli terrà sempre presenti i suoi peccati. Perdona l'offesa al tuo prossimo e allora per la tua preghiera ti saranno rimessi i peccati. Se qualcuno conserva la collera verso un altro uomo, come oserà chiedere la guarigione al Signore? Egli non ha misericordia per l'uomo suo simile, e osa pregare per i suoi peccati? Egli, che è soltanto carne, conserva rancore; chi perdonerà i suoi peccati? Ricordati della tua fine e smetti di odiare, ricordati della corruzione e della morte e resta fedele ai comandamenti. Ricordati dei comandamenti e non aver rancore verso il prossimo, dell'alleanza con l'Altissimo e non far conto dell'offesa subìta. Perdona l’offesa al tuo prossimo e per la tua preghiera ti saranno rimessi i peccati.     Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul monte Misma  
Perdona l’offesa poi prega
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
Monte Misma - Oasi della Pace - via Spersiglio 25 Pradalunga (Bergamo)
stampa la pagina
Un deserto   sul Misma
Maria Ausiliatrice del monte Misma
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
  Abbiamo   messo   troppo   in   alto   il   diritto   dell'uomo e   troppo   in   basso   il   rispetto   verso   Dio.   Questo disastro    l'abbiamo    creato    noi    facendo    l'esatto contrario   di   quello   che   il   Signore   ha   detto,   perché vogliamo   che   intervenga?   Non   dobbiamo   pensare solo   a   iniziative   materiali   ma   a   salvare   anche l'anima.    Chi    ha    il    rancore    e    l'ira    al    momento opportuno    li    tira    fuori,    la    vendetta    non    è mandare   alla   ghigliottina   gli   altri,   sono   le   ripicche trasversali.   Prima   si   ama   e   si   perdona,   poi   si prega .   Sant'Agostino   non   ha   detto   “pregate   e fate    quello    che    volete”,     ma    amatevi    e    fate quello   che   volete” .   Solo   allora   la   nostra   preghiera verrà   esaudita.   Non   tiriamo   in   ballo   la   Madonna in   cose   che   contrastano   con   la   parola   di   Dio,   è profanazione   e   sacrilegio.   Come   si   fa   a   dire   che viene   a   dirci   di   recitare   il   rosario   se   abbiamo   il rancore      e      l'ira?      Lei      pregava      sull'Antico Testamento,    ce    la    vediamo    oggi    che    dice    il contrario?   C'è   forse   scritto   che   dobbiamo   recitare tre    rosari    o    andare    a    messa    tutti    i    giorni?    È buona   cosa,   ma   non   pensiamo   di   aver   risolto tutto    altrimenti    diventa    fanatismo.    Lasciamo stare    il    nome    della    Santissima    Vergine,    non rischiamo    perché    la    pagheremo    cara.    Siamo sicuri   di   avere   perdonato   le   offese?   Chiediamo   le cose   migliori   al   Signore   e   abbiamo   i   sentimenti peggiori,   confidiamo   nella   misericordia   di   Dio   e non   abbiamo   misericordia   fra   di   noi.   Dovremmo sentirci   indegni   anche   solo   di   perdonare   perché così    non    pensiamo    di    aver    ragione.    Dove    c'è armonia    in    famiglia    quando    basta    un    piccolo errore   di   un   nostro   familiare   per   fargliela   pagare cara?   Questo   è   rancore.   Non   ci   vengono   rimessi   i peccati     a     prescindere,     solo     se     perdoniamo l'offesa    e    non    siamo    più    in    collera    con    il prossimo.     Come     pensiamo     di     ottenere     le indulgenze   senza   questi   passaggi?   Dimostriamo   il nostro   impegno,    essere   corretti   non   vuol   dire essere   perfetti,   il   Signore   desidera   che   siamo giusti   pur   con   i   nostri   difetti.   Con   i   sentimenti migliori   vivremmo   meglio   anche   questa   epoca, ma    quale    sentimento    abbiamo    dentro    di    noi? Sicuramente   non   quello   che   andiamo   a   dire   in pubblico.     Diffidiamo     di     chi     con     dovizia     di particolari    elenca    le    proprie    qualità,    il    vero strumento    del    Signore    non    si    rende    conto    di esserlo,    si    sente    indegno.    Troppi    carismatici recitano   un   copione   negativo,   ricordiamoci   che avremo    l'indulgenza    plenaria    quando    avremo favorito    la    salvezza    di    un'anima,    non    perché siamo    andati    in    chiesa    tutte    le    mattine    o abbiamo    detto    quintali    di    preghiere.    Si    fanno incontri    sulla    parola    di    Dio    e    si    parla    di esperienze   di   altri,   così   si   mette   il   Signore   al secondo     posto.     Le     esperienze     vengono     poi romanzate   per   colpire   l'attenzione   della   gente, ma   la   maggior   parte   è   letteratura   spazzatura.   La casa   si   costruisce   dalle   fondamenta   e   la   base   del cristiano   è   la   legge   di   Dio,   non   la   rivelazione privata   o   quello   che   dice   il   carismatico.   Chi   non ama   non   può   dire   di   essere   umile   e   caritatevole, chi   mette   davanti   il   proprio   io   è   superbo   e   se parla   a   vanvera   del   Signore   infrange   il   secondo comandamento.   Troppi   cristiani   pensano   di   non aver    peccato,    ma    ciò    che    ci    condanna    può essere   quello   che   non   abbiamo   mai   pensato di   commettere.    Molti   verranno   tratti   in   inganno da   falsi   profeti   (carismatici)   che   parlano   in   nome di   Gesù   (Mt   24),   dicendoci   di   fare   questo   o   quello o   di   andare   in   un   luogo   dove   si   ottiene   di   più. Diffidiamo   di   chi   parla   di   demoni,   di   disastri,   di negatività   e   difetti   di   altre   persone.   Non   facciamo terrorismo    spirituale    continuando    a    vivere    in agitazione,   la   nostra   unica   salvezza   è   la   parola   di Dio    che    dobbiamo    conoscere    fino    in    fondo.    È giusto    usare    i    sacramentali,    ma    per    benedire veramente   la   nostra   casa   dobbiamo   dire   bene degli   altri,   non   dire   male   cioè   maledire.   Stiamo attenti,   chi   ha   Dio   nel   cuore   affronta   le   prove della   vita   consapevole   di   avere   al   proprio   fianco   il Signore,   mentre   chi   ha   la   disperazione   nel   cuore non riesce ad amare, esiste solo quella. Siracide 27,30 - 28,1-7 Il rancore e l'ira sono un abominio, il peccatore li possiede. Chi si vendica avrà la vendetta dal Signore ed egli terrà sempre presenti i suoi peccati. Perdona l'offesa al tuo prossimo e allora per la tua preghiera ti saranno rimessi i peccati. Se qualcuno conserva la collera verso un altro uomo, come oserà chiedere la guarigione al Signore? Egli non ha misericordia per l'uomo suo simile, e osa pregare per i suoi peccati? Egli, che è soltanto carne, conserva rancore; chi perdonerà i suoi peccati? Ricordati della tua fine e smetti di odiare, ricordati della corruzione e della morte e resta fedele ai comandamenti. Ricordati dei comandamenti e non aver rancore verso il prossimo, dell'alleanza con l'Altissimo e non far conto dell'offesa subìta. Perdona l’offesa al tuo prossimo e per la tua preghiera ti saranno rimessi i peccati.        Confidenze   di   Maria   santissima   a   Roberto   Longhi sul monte Misma  
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
versione mobile