Maria Ausiliatrice del monte Misma
Un deserto  sul Misma
Tutto   quello   che   abbruttisce   l'uomo   è   il   peccato.   Il   male   lo   sa   benissimo   e   per   ottenere   il   suo   scopo   non   ci   incita   a   non rispettare   la   legge   di   Dio,   ma   astutamente   ci   porta   al   peccato   illudendoci   che   stiamo   facendo   bene.   Tutti   abbiamo   lodato e   osannato   il   Signore,   ma   per   quanti   di   noi   è   veramente   nato?   Dio   è   scontato   che   è   nato   per   tutti,   anche   per   i   non credenti,   ma   se   non   rispettiamo   un   solo   comandamento,   se   giudichiamo   o   critichiamo,   è   come   se   per   noi   non   fosse   mai nato.   Il   Gesù   mai   nato ”   non   riguarda   solo   coloro   che   hanno   rifiutato   Dio,   ma   anche   noi   cristiani   quando,   con   ambiguità e   ipocrisia,   dopo   aver   cantato   "Tu   scendi   dalle   stelle",    ci   comportiamo   come   quel   popolo   di   Gerusalemme   che   prima aveva   osannato   al   Figlio   di   David   e   poi   lo   ha   crocifisso.   Cerchiamo   di   capire   dalle   nostre   opere   e   non   dalle   nostre   parole, se   Dio   è   dentro   di   noi,   se   è   nato   per   noi.   Per   assurdo   dovremmo   farci   un   esame   di   coscienza   prima   di   entrare   in   chiesa, per   capire   se   siamo   coerenti.   E      se   non   siamo   degni,   proviamo   a   non   entrarci   per   comprendere   come   si   sta   male   senza Dio.      Il   Signore   dà   la   grazia   anche   agli   indegni   perché   è   misericordioso,   ma   è   in   dubbio   il   nostro   comportamento. Amiamo   più   Dio   o   la   materia?   Non   c'è   nessun   male   a   godere   del   benessere   che   Dio   ci   ha   dato   e   che   ci   siamo guadagnati   onestamente.   Ma   se   il   Signore   ci   chiedesse   cinque   euro   per   ogni   rosario   che   recitiamo?   Quanti   di   noi saprebbero   fare   delle   rinunce   per   ottenere   la   ricchezza   eterna?   Tanti   cristiani   sparirebbero!   Eppure   potremmo   fare qualche   piccola   rinuncia   in   favore   di   chi   ne   ha   bisogno,   perché   quello   che   otteniamo   con   il   Santo   Rosario   vale   molto   più dell’oro.   Perché   rifiutiamo   le   ricchezze   del   Signore   che   ci   vengono   fornite   gratuitamente,   mentre   apprezziamo   le   cose materiali    che    ci    vengono    date    a    caro    prezzo?    Mentalmente    in    che    condizione    siamo?    Siamo    più    preoccupati    di salvaguardare   i   nostri   interessi   o   di   proteggere   l'anima?   Siamo   più   inseriti   nel   giovane   ricco   che   rispettava   tutte   le   leggi del   Signore,   ma   che   alla   domanda   di   Gesù   "Lascia   tutto   e   seguimi",   non   l'ha   fatto.   Se   fossimo   più   scaltri   e   intelligenti capiremmo   che   non   c'è   niente   di   più   facile   che   seguire   Gesù   e   sua   Madre.   Come   dimostrano   i   pastori   di   Betlemme   e   i   re Magi   (gli   unici   re   della   terra   ad   aver   risposto   alla   chiamata   di   Dio),   il   Signore   desidera   essere   adorato   da   un   popolo semplice,   che   non   controbatte,   che   non   replica,   che   non   vuol   dimostrare   di   essere   sapiente   o   intelligente,   ma   che   sa   fare il   suo   dovere   nella   famiglia,   nel   mondo   del   lavoro,   nella   società.   Se   una   persona   è   semplice   e   umile,   ha   anche   un   cuore malleabile,   gestibile,   che   non   oppone   resistenza   al   Signore,   ma   è   pronto   a   ricevere   i   suoi   suggerimenti   come   un   terreno fertile.   Per   capire   se   siamo   disponibili   al   progetto   del   Signore,   dobbiamo   chiederci   se   siamo   più   predisposti   all’obbedienza o   a   farci   obbedire.   Nel   nostro   cuore   ci   sono   troppi   sentimenti   non   rivelati,   ma   che   non   fanno   parte   del   nostro comportamento;   abbiamo   una   vita   privata   che   nessuno   conosce   e   che   ci   impedisce   di   fare   il   nostro   dovere   al   100%.   Per esempio   non   possiamo   capire   nella   giusta   misura   che   cosa   pensano   gli   altri   di   noi   e   viceversa.   Quante   ambiguità   e quante   dolorose   verità   possiamo   trovare   nel   cammino   della   nostra   vita!   Però   possiamo   conoscere   anche   la   parte   migliore dell’uomo; dipende da noi e dalla coerenza con cui viviamo la nostra scelta.   Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul monte Misma  
E se per noi Gesù non fosse mai nato?
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
Monte Misma - Oasi della Pace - via Spersiglio 25 Pradalunga (Bergamo)
stampa la pagina
Un deserto   sul Misma
Maria Ausiliatrice del monte Misma
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
Tutto   quello   che   abbruttisce   l'uomo   è   il   peccato. Il   male   lo   sa   benissimo   e   per   ottenere   il   suo scopo   non   ci   incita   a   non   rispettare   la   legge   di Dio,     ma     astutamente     ci     porta     al     peccato illudendoci     che     stiamo     facendo     bene.     Tutti abbiamo   lodato   e   osannato   il   Signore,   ma   per quanti   di   noi   è   veramente   nato?   Dio   è   scontato che   è   nato   per   tutti,   anche   per   i   non   credenti,   ma se   non   rispettiamo   un   solo   comandamento,   se giudichiamo   o   critichiamo,   è   come   se   per   noi   non fosse   mai   nato.   Il   Gesù   mai   nato ”   non   riguarda solo   coloro   che   hanno   rifiutato   Dio,   ma   anche   noi cristiani   quando,   con   ambiguità   e   ipocrisia,   dopo aver     cantato     "Tu     scendi     dalle     stelle",      ci comportiamo   come   quel   popolo   di   Gerusalemme che   prima   aveva   osannato   al   Figlio   di   David   e   poi lo   ha   crocifisso.   Cerchiamo   di   capire   dalle   nostre opere   e   non   dalle   nostre   parole,   se   Dio   è   dentro di   noi,   se   è   nato   per   noi.   Per   assurdo   dovremmo farci   un   esame   di   coscienza   prima   di   entrare   in chiesa,   per   capire   se   siamo   coerenti.   E      se   non siamo    degni,    proviamo    a    non    entrarci    per comprendere   come   si   sta   male   senza   Dio.      Il Signore   dà   la   grazia   anche   agli   indegni   perché   è misericordioso,     ma     è     in     dubbio     il     nostro comportamento.     Amiamo     più     Dio     o     la materia?    Non    c'è    nessun    male    a    godere    del benessere   che   Dio   ci   ha   dato   e   che   ci   siamo guadagnati    onestamente.    Ma    se    il    Signore    ci chiedesse    cinque    euro    per    ogni    rosario    che recitiamo?   Quanti   di   noi   saprebbero   fare   delle rinunce   per   ottenere   la   ricchezza   eterna?   Tanti cristiani    sparirebbero!    Eppure    potremmo    fare qualche   piccola   rinuncia   in   favore   di   chi   ne   ha bisogno,    perché    quello    che    otteniamo    con    il Santo    Rosario    vale    molto    più    dell’oro.    Perché rifiutiamo   le   ricchezze   del   Signore   che   ci   vengono fornite    gratuitamente,    mentre    apprezziamo    le cose    materiali    che    ci    vengono    date    a    caro prezzo?   Mentalmente   in   che   condizione   siamo? Siamo   più   preoccupati   di   salvaguardare   i   nostri interessi    o    di    proteggere    l'anima?    Siamo    più inseriti   nel   giovane   ricco   che   rispettava   tutte   le leggi   del   Signore,   ma   che   alla   domanda   di   Gesù "Lascia    tutto    e    seguimi",    non    l'ha    fatto.    Se fossimo   più   scaltri   e   intelligenti   capiremmo   che non   c'è   niente   di   più   facile   che   seguire   Gesù   e sua     Madre.     Come     dimostrano     i     pastori     di Betlemme   e   i   re   Magi   (gli   unici   re   della   terra   ad aver   risposto   alla   chiamata   di   Dio),   il   Signore desidera   essere   adorato   da   un   popolo   semplice, che   non   controbatte,   che   non   replica,   che   non vuol   dimostrare   di   essere   sapiente   o   intelligente, ma   che   sa   fare   il   suo   dovere   nella   famiglia,   nel mondo   del   lavoro,   nella   società.   Se   una   persona è     semplice     e     umile,     ha     anche     un     cuore malleabile,   gestibile,   che   non   oppone   resistenza al    Signore,    ma    è    pronto    a    ricevere    i    suoi suggerimenti   come   un   terreno   fertile.   Per   capire se    siamo    disponibili    al    progetto    del    Signore, dobbiamo    chiederci    se    siamo    più    predisposti all’obbedienza    o    a    farci    obbedire.    Nel    nostro cuore   ci   sono   troppi   sentimenti   non   rivelati,   ma che   non   fanno   parte   del   nostro   comportamento; abbiamo   una   vita   privata   che   nessuno   conosce   e che   ci   impedisce   di   fare   il   nostro   dovere   al   100%. Per   esempio   non   possiamo   capire   nella   giusta misura    che    cosa    pensano    gli    altri    di    noi    e viceversa.   Quante   ambiguità   e   quante   dolorose verità   possiamo   trovare   nel   cammino   della   nostra vita!    Però    possiamo    conoscere    anche    la    parte migliore    dell’uomo;    dipende    da    noi    e    dalla coerenza con cui viviamo la nostra scelta.

Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul

monte Misma

 
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
versione mobile