Maria Ausiliatrice del monte Misma
Un deserto  sul Misma
  Sospesi   nel   vuoto   in   mezzo   a   miliardi   di   corpi   celesti   di   un   universo   infinito,    non   siamo   in   grado   di   fermare   nemmeno   la crescita   di   un   filo   d'erba.   La   nostra   reale   natura   è   quella   di   un   microbo   rispetto   alla   grandezza   di   Dio,   di   fragili   peccatori che   fanno   parte   di   una   cultura   umana.   Che   arroganza   pensare   di   andare   a   dire   al   Signore   quello   che   non   conosciamo.   È un'ignoranza   terrena.   Perché   vogliamo   dargli   dei   consigli,   soprattutto   quando   preghiamo?   Conosce   bene   le   nostre situazioni   e   i   conflitti   nel   mondo,   ma   dov’è   la   nostra   fede?   Preghiamo   solo   per   ringraziarlo.   La   parola   di   Dio   tarda   a entrare   nella   nostra   vita,   perché   noi   pensiamo   di   saperne   più   di   lui.   Il   miglior   modo   per   inserirci   in   questo meraviglioso   mistero   è   quello   di   metterci   all'ascolto,   non   di   parlare   come   ci   hanno   insegnato   i   sindacalisti,   gli   enti   di assistenza   e   coloro   che   promuovono   l'educazione   di   ogni   tipo.   Tutte   queste   organizzazioni   hanno   una   ragione   di   interesse personale   e   ci   usano   per   i   loro   vantaggi,    nessuno   ha   totalmente   a   cuore   la   nostra   esistenza   come   ce   l’ha   Dio.   Eppure   ci   affidiamo   ad   esse.   Dio   invece   ci   dà   tutto   gratis,   persino   le   miniere   aurifere.   E   anche   quello   che   attribuiamo   alla fortuna…   Quando   scopriamo   qualcosa   su   Internet,   ci   esaltiamo   come   se   avessimo   scoperto   l'America.   E’   tutto   tempo perso.   Smettiamo   di   essere   ridicoli,   abbandoniamoci   totalmente   a   Dio   e   seguiamo   la   sua   linea.   Non   nascondiamo   le nostre   magagne   andando   a   evidenziare   quelle   degli   altri.   Perché   non   ci   meravigliamo   davanti   ai   fiori,   all'ossigeno   che   ci danno   le   piante,   ma   siamo   più   attratti   dal   denaro?   Spendiamo   qualcosa   in   più   se   ce   lo   possiamo   permettere,   ma compriamo   le   cose   più   genuine      che   il   Signore   ha   creato,   altrimenti   siamo   scadenti   e   mediocri   anche   noi.   Il   fiore   più   bello delle   Alpi   è   la   stella   alpina,   ma   bisogna   andare   a   2000   mt.   per   prenderla.   Anche   la   conquista   più   preziosa   della   vita   ci costa   sacrificio.   Perché   deludiamo   colui   che   ci   fa   scoprire   una   meraviglia   dietro   l'altra?   E’   lui   che   ci   ha   scelto   come   figli   e desidera   soltanto   il   nostro   bene.   I   sindacalisti   e   i   comunisti   ci   hanno   fatto   vedere   i      datori   di   lavoro   come   dei   tiranni,   ma abbiamo   mai   conosciuto   i   loro   problemi,   le   loro   difficoltà?   Per   quale   coraggio   sono   arrivati   lì?   E’   logico   che   fanno   i   loro interessi,   noi   cosa   faremmo   al   loro   posto?   Dio   è   il   nostro   padrone   e   vuole   anche   lui   il   suo   dovuto;   perciò   merita   una risposta da parte nostra.   Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul monte Misma  
Pensiamo di saperne di più
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
Monte Misma - Oasi della Pace - via Spersiglio 25 Pradalunga (Bergamo)
stampa la pagina
Un deserto   sul Misma
Maria Ausiliatrice del monte Misma
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
Sospesi   nel   vuoto   in   mezzo   a   miliardi   di   corpi celesti    di    un    universo    infinito,     non    siamo    in grado   di   fermare   nemmeno   la   crescita   di   un   filo d'erba.    La    nostra    reale    natura    è    quella    di    un microbo   rispetto   alla   grandezza   di   Dio,   di   fragili peccatori   che   fanno   parte   di   una   cultura   umana. Che    arroganza    pensare    di    andare    a    dire    al Signore      quello      che      non      conosciamo.      È un'ignoranza   terrena.   Perché   vogliamo   dargli   dei consigli,   soprattutto   quando   preghiamo?   Conosce bene   le   nostre   situazioni   e   i   conflitti   nel   mondo, ma    dov’è    la    nostra    fede?    Preghiamo    solo    per ringraziarlo.   La   parola   di   Dio   tarda   a   entrare nella    nostra    vita,    perché    noi    pensiamo    di saperne   più   di   lui.   Il   miglior   modo   per   inserirci in    questo    meraviglioso    mistero    è    quello    di metterci   all'ascolto,   non   di   parlare   come   ci   hanno insegnato   i   sindacalisti,   gli   enti   di   assistenza   e coloro   che   promuovono   l'educazione   di   ogni   tipo. Tutte   queste   organizzazioni   hanno   una   ragione   di interesse    personale    e    ci    usano    per    i    loro vantaggi,    nessuno   ha   totalmente   a   cuore   la nostra   esistenza   come   ce   l’ha   Dio.    Eppure   ci affidiamo   ad   esse.   Dio   invece   ci   dà   tutto   gratis, persino   le   miniere   aurifere.   E   anche   quello   che attribuiamo    alla    fortuna…    Quando    scopriamo qualcosa    su    Internet,    ci    esaltiamo    come    se avessimo    scoperto    l'America.    E’    tutto    tempo perso.        Smettiamo        di        essere        ridicoli, abbandoniamoci   totalmente   a   Dio   e   seguiamo   la sua   linea.   Non   nascondiamo   le   nostre   magagne andando   a   evidenziare   quelle   degli   altri.   Perché non   ci   meravigliamo   davanti   ai   fiori,   all'ossigeno che   ci   danno   le   piante,   ma   siamo   più   attratti   dal denaro?    Spendiamo    qualcosa    in    più    se    ce    lo possiamo   permettere,   ma   compriamo   le   cose   più genuine        che    il    Signore    ha    creato,    altrimenti siamo   scadenti   e   mediocri   anche   noi.   Il   fiore   più bello   delle   Alpi   è   la   stella   alpina,   ma   bisogna andare    a    2000    mt.    per    prenderla.    Anche    la conquista     più     preziosa     della     vita     ci     costa sacrificio.    Perché    deludiamo    colui    che    ci    fa scoprire   una   meraviglia   dietro   l'altra?   E’   lui   che   ci ha   scelto   come   figli   e   desidera   soltanto   il   nostro bene.   I   sindacalisti   e   i   comunisti   ci   hanno   fatto vedere   i      datori   di   lavoro   come   dei   tiranni,   ma abbiamo   mai   conosciuto   i   loro   problemi,   le   loro difficoltà?   Per   quale   coraggio   sono   arrivati   lì?   E’ logico    che    fanno    i    loro    interessi,    noi    cosa faremmo   al   loro   posto?   Dio   è   il   nostro   padrone   e vuole   anche   lui   il   suo   dovuto;   perciò   merita   una risposta da parte nostra.

Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul

monte Misma

 
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
versione mobile