Maria Ausiliatrice del monte Misma
Un deserto  sul Misma
  Chi   conosce   lo   stato   d'animo   di   Mosé   quando   ha   sentito   la   voce   di   Dio   sul   monte   Sinai?   Nel   Credo    diciamo    che    il    Figlio    è   stato   generato   ma   non   creato   dalla   stessa   sostanza   del   Padre:    qui   già   ci   perdiamo,   non   capiamo   più   nulla.   Cosa sappiamo   della   natura   divina?   Se   potessimo   vedere   o   sentire   il   potere   di   Dio,   molta   della   nostra   arroganza   non esisterebbe   più.   Solamente   perché   non   riusciamo   a   metabolizzare   questa   meraviglia,   ne   parliamo   come   se   fosse   un addobbo   da   offrire   al   primo   che   incontriamo.   Dio   non   si   mercanteggia,   è   esigente,   non   ci   concede   replica:   è   un sacrilegio   mostrarlo   agli   altri   come   un   fatto   di   cultura .   Se   fossimo   scaltri   nel   cammino   spirituale   capiremmo   che quello   che   pensiamo   sia   giusto   per   noi,   magari   non   lo   è   davanti   agli   occhi   del   Signore.   Perché   riveliamo   subito   ciò   che   ci passa   per   la   mente?   Conosciamo   forse   come   è   stata   creata   la   terra?   Se   vediamo   qualcosa   su   Internet,   teniamocelo   per noi,   non   abbiamo   fretta   di   diffonderlo.   Cosa   crediamo   di   avere   scoperto?   Nelle   cose   di   Dio,   invece   di   dire   quello   che pensiamo,   pensiamo   a   quello   che   diciamo.   Il   concetto   è   molto   diverso.   Pensare   a   quello   che   si   dice   può   cambiare l'assetto   della   nostra   vita   e   di   quelli   che   ci   vivono   a   fianco.   Solo   perché   abbiamo   un'infarinatura   su   certi   argomenti   e andiamo   in   chiesa,   ci   permettiamo   di   aprire   bocca?   Così   più   parleremo   e   più   confonderemo.   Siamo   dissoluti,   abbiamo   un cuore   fallace   che   non   guarisce   mai:    le   nostre   parole   inutili   a   livello   spirituale   sono   autentiche   profanazioni, violano   il   secondo   comandamento   e   ci   svuotano   della   fede.    Maria   Santissima   ci   ha   lasciato   in   eredità   il   silenzio, l'obbedienza   e   l'abbandono,   perché   non   ci   mettiamo   all'ascolto   della   parola   di   Dio,   invece   di   modificarne   la   sostanza?   Chi di   noi   la   conosce?   È   solamente   " pregate,   pregate,   pregate" ?   L'uomo   saggio   che   piace   molto   a   Dio,   pensa   a   quello   che dice, mentre uno che parla a ruota libera finisce nel dimenticatoio. LA CRISI DEL CORPO È ABBONDANZA PER L'ANIMA Per   la   nostra   santificazione   il   Signore   non   si   è   dimenticato   niente,   ci   ha   dato   tutto   in   abbondanza   per   essere   suoi testimoni.   Siamo   all'altezza   di   questa   responsabilità?   Chi   non   ha   le   carte   per   vincere,   bleffa,   ma   il   Signore   ad   ogni cristiano   ha   dato   un   poker   d'assi   per   vincere   la   battaglia   della   vita.   In   realtà   ci   comportiamo   come   bambini,   sappiamo solo   recitare   le   preghiere.   È   tutta   lì   la   nostra   vita   cristiana?   Ci   mettiamo   il   grembiulino   dell'asilo,   però   siamo   adulti maliziosi   e   superbi.   Cosa   dirà   il   Signore   di   noi?   Quando   giudichiamo   e   critichiamo   cambiamo   l'asso   che   abbiamo,   con   un due   di   spade.   Come   pensiamo   di   vincere   senza   mettere   l’amore   al   di   sopra   di   tutto?   Dobbiamo   bleffare   per   scendere   a compromessi   con   la   natura   umana.   Quando   si   vogliono   cambiare   le   regole   del   gioco   poi   si   vedono   le   conseguenze.   In giro   c'è   una   grande   disperazione   e   un   grande   malessere,   ma   se   fossimo   scaltri   capiremmo   che   questo   è   un   tempo   di grazia.   Tutto   quello   che   adesso   bisogna   sopportare   non   è   una   condanna   di   Dio,   sono   errori   ancora   nostri   che   il   Signore usa   per   espiare   i   peccati   del   mondo.   Non   pensiamo   solo   a   piangere,   guardiamo   l'altra   faccia   della   medaglia:   è   tempo   di crisi   o   di   meraviglia?   Davanti   alle   prove   della   vita   ci   lamentiamo   perché   abbiamo   la   mente   piccola   e   la   lingua   lunga.   Con il   cuore   duro   e   fallace,   possiamo   dire   tutte   le   novene   di   questo   mondo   che   il   Signore   non   si   impietosisce.   Dobbiamo essere   contenti   quando   uno   ci   perseguita,   perché   va   tutto   a   nostro   vantaggio   e   ci   fortifica   nella   fede.   Tutte   quelle   cose che    sono    motivo    di    disgregazione    sono    “quisquiglie”.     Invece    con    il    nostro    orgoglio    alteriamo    l'armonia dell’ambiente   in   cui   viviamo,   alimentiamo   scontri   e   muri   di   separazione.   Se   Dio   è   con   noi   non   dobbiamo   temere   niente, se   invece   ci   sono   dei   crolli   e   delle   sofferenze,   Dio   non   è   con   noi.   Il   Signore   mantiene   le   sue   promesse,   risolverà   i   nostri problemi se saremo giusti. IL SENSO DELLA MISURA Di   solito   dopo   la   confessione   il   prete   per   penitenza   ci   fa   dire   un   Padre   Nostro.   Ma   questo   è   un   regalo,   un   ringraziamento. Perché   mercanteggiamo   il   Signore   in   un   modo   così   superficiale?   Facciamo   il   contrario:   come   penitenza   potremmo   non pregare    per    un    giorno    intero,    così    capiremmo    l'importanza    della    preghiera,    oppure    non    ricevere    per    una    volta l'Eucarestia,   come   se   prendessimo   una   giornata   di   squalifica.   E   in   base   alla   gravità   del   peccato,   potremmo   aumentare   i giorni   senza   preghiera   o   senza   Eucarestia.   Facciamo   pure   quello   che   dice   il   prete,   ma   quando   non   siamo   degni, proviamo   a   sentire   la   mancanza   del   nutrimento   di   Dio.   Questa   è   penitenza.   Magari   ha   più   valore   di   quando recitiamo   il   Rosario.   S entiamoci   come    quell’invitato   a   nozze   che   non   aveva   l'abito   giusto,   perché   abbiamo   cambiato l'asse   con   un   due.   Il   premio   promesso   è   così   grande   e   meraviglioso   che   dobbiamo   convincerci   di   fare   anche   la   nostra parte su questa terra.     Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul monte Misma  
Pensa prima di parlare
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
Monte Misma - Oasi della Pace - via Spersiglio 25 Pradalunga (Bergamo)
stampa la pagina
Un deserto   sul Misma
Maria Ausiliatrice del monte Misma
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
Chi   conosce   lo   stato   d'animo   di   Mosé   quando   ha sentito   la   voce   di   Dio   sul   monte   Sinai?   Nel   Credo   diciamo    che    il    Figlio    è    stato   generato   ma   non creato   dalla   stessa   sostanza   del   Padre:    qui   già   ci perdiamo,   non   capiamo   più   nulla.   Cosa   sappiamo della    natura    divina?    Se    potessimo    vedere    o sentire    il    potere    di    Dio,    molta    della    nostra arroganza     non     esisterebbe     più.     Solamente perché    non    riusciamo    a    metabolizzare    questa meraviglia,    ne    parliamo    come    se    fosse    un addobbo   da   offrire   al   primo   che   incontriamo.   Dio non   si   mercanteggia,   è   esigente,   non   ci   concede replica:   è   un   sacrilegio   mostrarlo   agli   altri come   un   fatto   di   cultura .   Se   fossimo   scaltri   nel cammino    spirituale    capiremmo    che    quello    che pensiamo   sia   giusto   per   noi,   magari   non   lo   è davanti   agli   occhi   del   Signore.   Perché   riveliamo subito   ciò   che   ci   passa   per   la   mente?   Conosciamo forse   come   è   stata   creata   la   terra?   Se   vediamo qualcosa   su   Internet,   teniamocelo   per   noi,   non abbiamo   fretta   di   diffonderlo.   Cosa   crediamo   di avere   scoperto?   Nelle   cose   di   Dio,   invece   di   dire quello    che    pensiamo,    pensiamo    a    quello    che diciamo.   Il   concetto   è   molto   diverso.   Pensare   a quello   che   si   dice   può   cambiare   l'assetto   della nostra   vita   e   di   quelli   che   ci   vivono   a   fianco.   Solo perché      abbiamo      un'infarinatura      su      certi argomenti   e   andiamo   in   chiesa,   ci   permettiamo di    aprire    bocca?    Così    più    parleremo    e    più confonderemo.     Siamo     dissoluti,     abbiamo     un cuore   fallace   che   non   guarisce   mai:    le   nostre parole     inutili     a     livello     spirituale     sono autentiche   profanazioni,   violano   il   secondo comandamento    e    ci    svuotano    della    fede.   Maria    Santissima    ci    ha    lasciato    in    eredità    il silenzio,   l'obbedienza   e   l'abbandono,   perché   non ci   mettiamo   all'ascolto   della   parola   di   Dio,   invece di   modificarne   la   sostanza?   Chi   di   noi   la   conosce? È   solamente   " pregate,   pregate,   pregate" ?   L'uomo saggio   che   piace   molto   a   Dio,   pensa   a   quello   che dice,   mentre   uno   che   parla   a   ruota   libera   finisce nel dimenticatoio. LA CRISI DEL CORPO È ABBONDANZA PER L'ANIMA Per   la   nostra   santificazione   il   Signore   non   si   è dimenticato     niente,     ci     ha     dato     tutto     in abbondanza    per    essere    suoi    testimoni.    Siamo all'altezza   di   questa   responsabilità?   Chi   non   ha   le carte   per   vincere,   bleffa,   ma   il   Signore   ad   ogni cristiano   ha   dato   un   poker   d'assi   per   vincere   la battaglia    della    vita.    In    realtà    ci    comportiamo come     bambini,     sappiamo     solo     recitare     le preghiere.   È   tutta   lì   la   nostra   vita   cristiana?   Ci mettiamo    il    grembiulino    dell'asilo,    però    siamo adulti   maliziosi   e   superbi.   Cosa   dirà   il   Signore   di noi?      Quando      giudichiamo      e      critichiamo cambiamo   l'asso   che   abbiamo,   con   un   due   di spade.   Come   pensiamo   di   vincere   senza   mettere l’amore   al   di   sopra   di   tutto?   Dobbiamo   bleffare per    scendere    a    compromessi    con    la    natura umana.   Quando   si   vogliono   cambiare   le   regole del   gioco   poi   si   vedono   le   conseguenze.   In   giro c'è     una     grande     disperazione     e     un     grande malessere,   ma   se   fossimo   scaltri   capiremmo   che questo   è   un   tempo   di   grazia.   Tutto   quello   che adesso   bisogna   sopportare   non   è   una   condanna di   Dio,   sono   errori   ancora   nostri   che   il   Signore usa    per    espiare    i    peccati    del    mondo.    Non pensiamo    solo    a    piangere,    guardiamo    l'altra faccia    della    medaglia:    è    tempo    di    crisi    o    di meraviglia?    Davanti    alle    prove    della    vita    ci lamentiamo   perché   abbiamo   la   mente   piccola   e la    lingua    lunga.    Con    il    cuore    duro    e    fallace, possiamo   dire   tutte   le   novene   di   questo   mondo che    il    Signore    non    si    impietosisce.    Dobbiamo essere   contenti   quando   uno   ci   perseguita,   perché va   tutto   a   nostro   vantaggio   e   ci   fortifica   nella fede.   Tutte   quelle   cose   che   sono   motivo   di disgregazione   sono   “quisquiglie”.    Invece   con il       nostro       orgoglio       alteriamo       l'armonia dell’ambiente   in   cui   viviamo,   alimentiamo   scontri e   muri   di   separazione.   Se   Dio   è   con   noi   non dobbiamo   temere   niente,   se   invece   ci   sono   dei crolli   e   delle   sofferenze,   Dio   non   è   con   noi.   Il Signore   mantiene   le   sue   promesse,   risolverà   i nostri problemi se saremo giusti. IL SENSO DELLA MISURA Di    solito    dopo    la    confessione    il    prete    per penitenza   ci   fa   dire   un   Padre   Nostro.   Ma   questo   è un       regalo,       un       ringraziamento.       Perché mercanteggiamo    il    Signore    in    un    modo    così superficiale?      Facciamo      il      contrario:      come penitenza   potremmo   non   pregare   per   un   giorno intero,     così     capiremmo     l'importanza     della preghiera,    oppure    non    ricevere    per    una    volta l'Eucarestia,   come   se   prendessimo   una   giornata di   squalifica.   E   in   base   alla   gravità   del   peccato, potremmo   aumentare   i   giorni   senza   preghiera   o senza   Eucarestia.   Facciamo   pure   quello   che   dice il     prete,     ma     quando     non     siamo     degni, proviamo     a     sentire     la     mancanza     del nutrimento   di   Dio.   Questa   è   penitenza.   Magari ha    più    valore    di    quando    recitiamo    il    Rosario. S entiamoci   come    quell’invitato   a   nozze   che   non aveva   l'abito   giusto,   perché   abbiamo   cambiato l'asse   con   un   due.   Il   premio   promesso   è   così grande   e   meraviglioso   che   dobbiamo   convincerci di fare anche la nostra parte su questa terra.  

Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul

monte Misma

 
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
versione mobile