Maria Ausiliatrice del monte Misma
Un deserto  sul Misma
  In   questi   ultimi   anni   c'è   stato   il   recupero   della   preghiera.   A   partire   dagli   anni   '80   si   è   mossa   una   moltitudine   di   gente verso   i   luoghi   santi,   mentre      in   precedenza   i   pellegrinaggi   erano   cosa   rara   e   venivano   effettuati   con   un   altro   spirito. Siamo   andati   per   attingere   o   per   svuotarci?   È   clamoroso   constatare   che   orde   di   pellegrini   si   sono   mosse   da   tutto   il mondo,   pregando   e   onorando   la   memoria   dei   santi,   ma   da   trent'anni   ad   oggi   abbiamo   distrutto   tutto.   Che   cosa   è   rimasto se   diciamo   che   era   molto   meglio   il   mondo   di   prima?   Nel   boom   del   ritorno   alla   Chiesa,   alla   parola   di   Dio,   ai   digiuni   e   ai pellegrinaggi,   c'è   stato   il   boom   della   disgregazione   delle   basi   principali   della   nostra   vita.   Se   oggi   ci   fosse   la   vera   fede   e   il santo   timor   di   Dio,   i   fatti   di   cronaca   che   sentiamo   non   ci   sarebbero   più.   Dov’è   quella   fede   che   ci   permette   di   superare ogni   prova   difficile   della   vita?   Persino   la   nostra   abitudine   di   vivere   nella   tensione,   nella   nevrosi   e   nella   polemica, l'abbiamo   stampata   sul   viso.   Bisogna   stare   bene   quando   sono   ingiusti   nei   nostri   confronti   e   quando   ci   offendono dobbiamo   usare   la   dolcezza   invece   della   rabbia.   È   lì   che   dimostriamo   veramente   che   la   preghiera   ha   avuto   un'efficacia. Non   dobbiamo   usarla   solo   quando   abbiamo   "il   mal   di   testa",   altrimenti   diventa   una   dipendenza   legata   a   un   discorso terapeutico   limitato.   La   fede   è   illimitata,   ci   fa   star   bene   dove   uno   che   non   ce   l’ha   sta   male.   Questa   è   la   differenza   che dovrebbe   esserci   tra   chi   riceve   l'Eucarestia   e   chi   non   la   riceve.   Si   prega   molto,   ma   si   risponde   molto   poco   alle   verità principali   della   nostra   fede,   rimaniamo   fermi   sulle   nostre   posizioni   di   criticarci   e   giudicarci.   Una   volta   venivano   rispettati   i tempi   della   Chiesa   (Quaresima,   Avvento,   mese   di   maggio,   i   primi   venerdì   del   mese...),   ma   quando   siamo   fuorusciti   dal nostro   recinto   parlando   di   preghiere,   di   devozioni,   di   ritorno   a   Cristo,   abbiamo   distrutto   tutto.   Non   trascuriamo   queste confidenze   perché   la   nostra   fede   è   diminuita   rispetto   a   coloro   che   una   volta   non   si   muovevano   di   casa.   Per   quale sortilegio    è    accaduto    questo?    Abbiamo    onorato    o    profanato    i    luoghi    benedetti?    Per    diventare    veri    cristiani dobbiamo   formarci   sulla   parola   di   Dio   e   sulle   verità   principali   della   fede,   che   un   domani   potrebbero   diventare   un   lontano ricordo   se   lasciamo   andare   avanti   le   cose   così.   O   vogliamo   diventare   dei   “devozionisti”?   Maria   Santissima   dal   monte Misma desidera il recupero della fede perché, nonostante l'impegno e i sacrifici, l'abbiamo distrutta. IN CHE MISURA SIAMO CRISTIANI? Alcuni   si   sentono   tali   solo   perché   appartengono   a   Comunione   e   Liberazione,   ai   Neocatecumeni,   al   Rinnovamento   nello Spirito   o   perché   frequentano   luoghi   Mariani.   Dov’è   il   risultato?   Stiamo   attenti   che   è   reale   il   pericolo   di   perdere   l'eternità. Se   ci   fosse   ancora   il   santo   timor   di   Dio,   faremmo   molta   più   attenzione   a   non   procurar   del   male   agli   altri.   Perché   quando torniamo   a   casa   dai   pellegrinaggi   siamo   più   polemici   di   prima,   come   se   avessimo   l'autorità   di   giudicare   il   mondo   intero? Tutte   le   grazie   che   abbiamo   a   disposizione   per   migliorare   la   condizione   della   nostra   anima,   le   stiamo   facendo   diventare delle   disgrazie   perché   non   sappiamo   cogliere   i   segni   dei   tempi.      I   nostri   avi   (non   i   nostri   padri)   avevano   fortemente difeso   la   parola   del   Signore,   guardiamo   alle   chiese   che   hanno   costruito   con   tanto   amore   e   bellezza.   Sopra   di   tutto amavano   Dio,   ed   era   giusto   secondo   loro   che   il   Re   dei   Re   avesse   la   parte   migliore.   Oggi   che   siamo   più   benestanti rispetto   a   loro,   cosa   diamo   come   carità   alla   Chiesa?   È   facile   adattarsi   alle   abitudini   del   mondo,   poi   tutto   diventa   normale, naturale,   anche   gli   errori.   Abbiamo   gioia   nel   cuore   quando   facciamo   le   cose   buone,   invece   quando   non   vogliamo contrastare   le   brutte   abitudini   del   mondo   ci   rattristiamo.   Ecco   perché   San   Paolo   ci   esorta   a   non   conformarci   ad   esse   ( Rm 12,2 ).   Crediamo   veramente   in   Dio?   Neanche   gli   evangelisti   e   i   profeti   hanno   rivelato   nella   giusta   verità   ciò   è   che   è accaduto   davanti   ai   loro   occhi   quando   il   figlio   di   Dio   è   sceso   sulla   terra.   Non   è   possibile   descriverne   la   bellezza   come   un fatto   di   storia,   è   la   meraviglia   delle   meraviglie.   Abbiamo   capito   chi   è   Gesù,   chi   è   Dio   e   chi   è   Maria   Santissima?   Non fuoriesce   la   luce   giusta   dalla   nostra   vita   perché   la   nostra   anima   è   annacquata   da   troppo   sporco.   Piena   di   sentimenti controversi   potrà   riflettere   una   luce   fioca,   non   quella   meravigliosa   che   ha   portato   Gesù;   così   una   pietra   preziosa   non potrà   rifulgere   una   luce   stupenda   se   illuminata   da   una   candela.   Il   Signore   non   ci   ha   creati   per   oscurare   le   sue   meraviglie, ma   per   stupirci   davanti   ad   esse,   che   ci   stimolano   a   rispettare   la   sua   legge.   Siamo   parte   di   un   progetto   immenso,   non   ci siamo   creati   da   soli,   eppure   tutto   il   nostro   agire   è   di   un   opportunismo   totale.   Chi   pensa   in   funzione   degli   altri?      Come saremmo   più   belli,   radiosi   e   rassicuranti   con   una   piccola   parte   di   amore   nel   cuore   verso   i   nostri   fratelli!   Assomiglieremmo a   Maria   Santissima.   La   prima   venuta   di   Gesù   Cristo   era   stata   annunciata   come   quella   del   Salvatore,   del   Messia, dell'Angelo   dell'amore,   ma   nella   seconda   verrà   come   Re   per   giudicare   i   popoli   della   terra.   Qui   c'è   da   rabbrividire,   questi popoli   tremeranno   se   non   si   saranno   comportati   bene.   Siamo   stati   custodi   fedeli   della   parola   di   Dio?   Non   potevamo   fare di meglio?   Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul monte Misma  
Aumentano i pellegringgi diminuisce la fede
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
Monte Misma - Oasi della Pace - via Spersiglio 25 Pradalunga (Bergamo)
stampa la pagina
Un deserto   sul Misma
Maria Ausiliatrice del monte Misma
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
In   questi   ultimi   anni   c'è   stato   il   recupero   della preghiera.   A   partire   dagli   anni   '80   si   è   mossa   una moltitudine   di   gente   verso   i   luoghi   santi,   mentre     in   precedenza   i   pellegrinaggi   erano   cosa   rara   e venivano   effettuati   con   un   altro   spirito.   Siamo andati   per   attingere   o   per   svuotarci?   È   clamoroso constatare   che   orde   di   pellegrini   si   sono   mosse da    tutto    il    mondo,    pregando    e    onorando    la memoria    dei    santi,    ma    da    trent'anni    ad    oggi abbiamo   distrutto   tutto.   Che   cosa   è   rimasto   se diciamo   che   era   molto   meglio   il   mondo   di   prima? Nel   boom   del   ritorno   alla   Chiesa,   alla   parola   di Dio,   ai   digiuni   e   ai   pellegrinaggi,   c'è   stato   il   boom della    disgregazione    delle    basi    principali    della nostra   vita.   Se   oggi   ci   fosse   la   vera   fede   e   il santo   timor   di   Dio,   i   fatti   di   cronaca   che   sentiamo non   ci   sarebbero   più.   Dov’è   quella   fede   che   ci permette    di    superare    ogni    prova    difficile    della vita?   Persino   la   nostra   abitudine   di   vivere   nella tensione,     nella     nevrosi     e     nella     polemica, l'abbiamo   stampata   sul   viso.   Bisogna   stare   bene quando    sono    ingiusti    nei    nostri    confronti    e quando   ci   offendono   dobbiamo   usare   la   dolcezza invece     della     rabbia.     È     lì     che     dimostriamo veramente   che   la   preghiera   ha   avuto   un'efficacia. Non   dobbiamo   usarla   solo   quando   abbiamo   "il mal   di   testa",   altrimenti   diventa   una   dipendenza legata   a   un   discorso   terapeutico   limitato.   La   fede è   illimitata,   ci   fa   star   bene   dove   uno   che   non   ce l’ha    sta    male.    Questa    è    la    differenza    che dovrebbe   esserci   tra   chi   riceve   l'Eucarestia   e   chi non   la   riceve.   Si   prega   molto,   ma   si   risponde molto   poco   alle   verità   principali   della   nostra   fede, rimaniamo     fermi     sulle     nostre     posizioni     di criticarci     e     giudicarci.     Una     volta     venivano rispettati     i     tempi     della     Chiesa     (Quaresima, Avvento,   mese   di   maggio,   i   primi   venerdì   del mese...),   ma   quando   siamo   fuorusciti   dal   nostro recinto   parlando   di   preghiere,   di   devozioni,   di ritorno    a    Cristo,    abbiamo    distrutto    tutto.    Non trascuriamo   queste   confidenze   perché   la   nostra fede   è   diminuita   rispetto   a   coloro   che   una   volta non   si   muovevano   di   casa.   Per   quale   sortilegio   è accaduto      questo?      Abbiamo      onorato      o profanato   i   luoghi   benedetti?   Per   diventare veri   cristiani   dobbiamo   formarci   sulla   parola   di Dio   e   sulle   verità   principali   della   fede,   che   un domani   potrebbero   diventare   un   lontano   ricordo se    lasciamo    andare    avanti    le    cose    così.    O vogliamo    diventare    dei    “devozionisti”?    Maria Santissima   dal   monte   Misma   desidera   il   recupero della    fede    perché,    nonostante    l'impegno    e    i sacrifici, l'abbiamo distrutta. IN CHE MISURA SIAMO CRISTIANI? Alcuni   si   sentono   tali   solo   perché   appartengono   a Comunione   e   Liberazione,   ai   Neocatecumeni,   al Rinnovamento   nello   Spirito   o   perché   frequentano luoghi   Mariani.   Dov’è   il   risultato?   Stiamo   attenti che   è   reale   il   pericolo   di   perdere   l'eternità.   Se   ci fosse    ancora    il    santo    timor    di    Dio,    faremmo molta   più   attenzione   a   non   procurar   del   male   agli altri.     Perché     quando     torniamo     a     casa     dai pellegrinaggi   siamo   più   polemici   di   prima,   come se    avessimo    l'autorità    di    giudicare    il    mondo intero?     Tutte     le     grazie     che     abbiamo     a disposizione    per    migliorare    la    condizione    della nostra   anima,   le   stiamo   facendo   diventare   delle disgrazie   perché   non   sappiamo   cogliere   i   segni dei    tempi.        I    nostri    avi    (non    i    nostri    padri) avevano   fortemente   difeso   la   parola   del   Signore, guardiamo   alle   chiese   che   hanno   costruito   con tanto   amore   e   bellezza.   Sopra   di   tutto   amavano Dio,   ed   era   giusto   secondo   loro   che   il   Re   dei   Re avesse    la    parte    migliore.    Oggi    che    siamo    più benestanti    rispetto    a    loro,    cosa    diamo    come carità   alla   Chiesa?   È   facile   adattarsi   alle   abitudini del   mondo,   poi   tutto   diventa   normale,   naturale, anche   gli   errori.   Abbiamo   gioia   nel   cuore   quando facciamo    le    cose    buone,    invece    quando    non vogliamo    contrastare    le    brutte    abitudini    del mondo   ci   rattristiamo.   Ecco   perché   San   Paolo   ci esorta   a   non   conformarci   ad   esse   ( Rm   12,2 ). Crediamo     veramente     in     Dio?     Neanche     gli evangelisti   e   i   profeti   hanno   rivelato   nella   giusta verità   ciò   è   che   è   accaduto   davanti   ai   loro   occhi quando   il   figlio   di   Dio   è   sceso   sulla   terra.   Non   è possibile   descriverne   la   bellezza   come   un   fatto   di storia,   è   la   meraviglia   delle   meraviglie.   Abbiamo capito    chi    è    Gesù,    chi    è    Dio    e    chi    è    Maria Santissima?   Non   fuoriesce   la   luce   giusta   dalla nostra   vita   perché   la   nostra   anima   è   annacquata da   troppo   sporco.   Piena   di   sentimenti   controversi potrà     riflettere     una     luce     fioca,     non     quella meravigliosa    che    ha    portato    Gesù;    così    una pietra    preziosa    non    potrà    rifulgere    una    luce stupenda   se   illuminata   da   una   candela.   Il   Signore non   ci   ha   creati   per   oscurare   le   sue   meraviglie, ma   per   stupirci   davanti   ad   esse,   che   ci   stimolano a    rispettare    la    sua    legge.    Siamo    parte    di    un progetto   immenso,   non   ci   siamo   creati   da   soli, eppure   tutto   il   nostro   agire   è   di   un   opportunismo totale.   Chi   pensa   in   funzione   degli   altri?      Come saremmo   più   belli,   radiosi   e   rassicuranti   con   una piccola   parte   di   amore   nel   cuore   verso   i   nostri fratelli!   Assomiglieremmo   a   Maria   Santissima.   La prima   venuta   di   Gesù   Cristo   era   stata   annunciata come      quella      del      Salvatore,      del      Messia, dell'Angelo   dell'amore,   ma   nella   seconda   verrà come   Re   per   giudicare   i   popoli   della   terra.   Qui   c'è da   rabbrividire,   questi   popoli   tremeranno   se   non si   saranno   comportati   bene.   Siamo   stati   custodi fedeli   della   parola   di   Dio?   Non   potevamo   fare   di meglio?

Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul

monte Misma

 
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
versione mobile