Maria Ausiliatrice del monte Misma
Un deserto  sul Misma
  Possiamo   ottenere   il   massimo   dei   risultati   con   il   minimo   sforzo   se   siamo   uniformi   nel   parlare   e   diamo   le   giuste   indicazioni nelle    nostre    famiglie.    Vogliamo    conoscere    le    insondabili    profondità    della    parola    del    Signore?    Allora    andiamo controcorrente   e   contro   la   nostra   ragione.   Se   ci   abbandonassimo   veramente   alla   volontà   di   Dio    nel   silenzio,    potremmo conoscere   incredibilmente   quante   contraddizioni   e   imperfezioni   ci   sono   dentro   di   noi.   Ma   fintanto   che   non   ci   poniamo all'ascolto   del   Signore,   finiamo   per   farci   la   nostra   logica   e   la   nostra   regola,   ci   auto-garantiamo   di   essere   nel   giusto   e   che tutti   gli   altri   sono   nel   dubbio.   È   meraviglioso   ascoltare   la   voce   dello   Spirito   nel   silenzio,   esso   è   Spirito   di   verità,    va   al   di là   dei   buoni   intenti,   ci   rende   consapevoli   che   possiamo   fare   di   più   e   che   gli   altri   non   sono   da   condannare   ma   da   amare. Allora   aiutiamoci   a   vicenda,   minimizziamo   i   contrasti.   Tutta   la   confusione   del   mondo   nasce   dall'uomo,   sembriamo appartenere   all'epoca   di   Babilonia   perché   nemmeno   le   persone   della   stessa   famiglia   si   capiscono.   Mettiamo   in   pratica   la legge   di   Dio   o   ostacoliamo   la   diffusione   dell'amore?   La   nostra   fede   senza   le   opere   è   vana:   amare   vuol   dire   dare, desiderare   il   bene   degli   altri.   I   fatti   di   cronaca,   di   cui   tanto   sentiamo   parlare,   sono   figli   dell'ateismo,   di   persone   che principalmente   non   vivono   correttamente   davanti   al   Signore,   mentre   chi   ha   conosciuto   questa   strada   ha   una   protezione che   nessun   altro   può   garantire.   Oggi   vediamo   che   nei   reparti   di   pediatria   ci   sono   situazioni   inimmaginabili , problemi   infantili   dalla   nascita,   patologie   che   una   volta   non   c'erano.   Eppure   abbiamo   degli   antidoti   e   delle   cure   nuove.   I bambini   già   nel   grembo   della   propria   madre   cominciano   ad   essere   contagiati   da   un   certo   sistema   di   vita   che   poi   diventa una   sofferenza   per   molti.   In   che   ambiente   vivono?   Quei   grembi   materni   sono   benedetti?   Hanno   ottenuto   i   sacramenti? Vivono   correttamente?   Non   è   mala-sanità,   manca   la   protezione   di   Dio.   Certo   non   riguarda   tutte   le   patologie,   ma   iniziamo ad   eliminare   il   male   che   causiamo   noi.   Non   si   toccano   le   basi   principali   della   natura,   chi   ci   ha   autorizzato   ad   alterare la   genetica?   Se   facessero   un'indagine   statistica   seria,   vedremmo   che   questi   problemi   nascono   principalmente   da persone   che   non   sono   posto   con   il   Signore.   Potremmo   vedere   che   un'altissima   percentuale   di   sofferenza   infantile   deriva dalla   mancanza   di   questa   benedizione.   Il   risultato   sarebbe   drammatico,   ma   non   la   faranno   mai.   Invece   di   farci   vedere   la mala-sanità,   ci   facciano   vedere   la   mala-cristianità.   È   scritto   o   no   che   le   colpe   dei   padri   sarebbero   ricadute   sui   figli? Educhiamoli   sotto   questo   profilo,   è   il   nostro   compito   cristiano.   Diciamo   loro:   "Ricordatevi   che   se   non   vivete   in   modo corretto,   piangerete   sul   latte   versato".    I   comandamenti   e   i   sacramenti   sono   stati   dati   all'uomo   non   per   dei   vantaggi   che può   avere   il   Signore,   ma   perché   ci   garantiscono   protezione   e   salute.   Egli   non   castiga,   ma   noi   non   gli   apriamo   la   porta, rifiutiamo   le   sue   difese,   commettiamo   azioni   indegne   e   in   taluni   casi   veniamo   a   contatto   con   lo   spiritismo...   Queste   cose che   abbiamo   dimenticato   non   vanno   prese   alla   leggera,   perché   quella   generazione   che   si   allontanerà   da   Dio   vedrà   cose abominevoli…   C'è   una   percentuale   minima   di   noi,   giusta,   che   merita   l'attenzione   e   il   perdono   di   Dio   per   i   nostri   fratelli? Preghiamo   per   un   benessere   e   una   realtà   personale,   ma   mai   perché   quella   benedizione   vada   a   una   famiglia   diversa   dalla nostra.   Favoriamo   un   bene   comune   o   ciò   che   non   ci   riguarda   è   pula   da   scartare?   Abbiamo   i   sentimenti   uguali   verso   tutti? Non   si   vive   solo   per   avere   un   tornaconto   personale.   Il   motivo   principale   per   cui   la   Madonna   è   sempre   apparsa   è   perché noi   ne   beneficiamo   nell'anima,   la   parte   più   in   pericolo.   Eppure   siamo   più   interessati   ai   beni   materiali.   E’   giusto   difendere il   sudore   delle   nostre   fatiche,   ma   non   deve   essere   la   ragione   principale   della   nostra   vita.   L'amore   vero   accetta   anche   i sacrifici   più   grandi   e   il   male   è   sconfitto   in   partenza.   Quando   sappiamo   accettare   le   ingiustizie,   anche   le   più   estreme,   va tutto   a   nostro   vantaggio,   mettiamo   nella   banca   del   cielo   centinaia   di   migliaia   di   euro.   E’   l'azione   che   può   garantire   che siamo   giusti   davanti   al   Signore.   Altrimenti   non   c’è   né   carità   né   amore,   ma   furbizia.   Fermiamo   il   dolore   che   sta   salendo da   questa   terra   non   con   i   cortei   di   disapprovazione   (il   male   vuole   che   noi   ci   esponiamo),   né   con   due   preghiere   pur   giuste che   siano,   ma   diffondiamo   l'importanza   dei   comandamenti   di   Dio   e   le   verità   principali   della   nostra   fede.   Il   Signore   non   è secondario   al   diritto   dell'uomo.   Non   pensiamo   che   tutto   sia   dovuto,   se   facciamo   il   nostro   dovere,   i   nostri   diritti   ci vengono   riconosciuti   da   Dio   automaticamente   cento   volte   di   più.    È   scritto   sul   Vangelo.   Allora   lo   Spirito   Santo   ci invaderà   e   la   grazia   di   Dio   sarà   così   abbondante   che   ci   sentiremo   sorretti   nell'andare   controcorrente   e   a   non   conformarci alla   mentalità   di   questo   mondo.   Più   che   parlare   di   questi   passaggi   e   creare   inutili   contrasti,   inginocchiamoci   davanti   al Signore   e   abbandoniamoci   a   lui,   offriamo   il   nostro   dispiacere   per   gli   altri   e   per   quei   bambini   che   non   hanno   colpa.   Il Signore interverrà certamente e sarà più efficace delle nostre parole.     Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul monte Misma  
Protezione e salute
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
Monte Misma - Oasi della Pace - via Spersiglio 25 Pradalunga (Bergamo)
stampa la pagina
Un deserto   sul Misma
Maria Ausiliatrice del monte Misma
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
Possiamo   ottenere   il   massimo   dei   risultati   con   il minimo   sforzo   se   siamo   uniformi   nel   parlare   e diamo   le   giuste   indicazioni   nelle   nostre   famiglie. Vogliamo    conoscere    le    insondabili    profondità della     parola     del     Signore?     Allora     andiamo controcorrente   e   contro   la   nostra   ragione.   Se   ci abbandonassimo   veramente   alla   volontà   di   Dio   nel          silenzio,          potremmo         conoscere incredibilmente       quante       contraddizioni       e imperfezioni   ci   sono   dentro   di   noi.   Ma   fintanto che    non    ci    poniamo    all'ascolto    del    Signore, finiamo    per    farci    la    nostra    logica    e    la    nostra regola,   ci   auto-garantiamo   di   essere   nel   giusto   e che   tutti   gli   altri   sono   nel   dubbio.   È   meraviglioso ascoltare   la   voce   dello   Spirito   nel   silenzio,   esso   è Spirito   di   verità,    va   al   di   là   dei   buoni   intenti,   ci rende   consapevoli   che   possiamo   fare   di   più   e   che gli   altri   non   sono   da   condannare   ma   da   amare. Allora    aiutiamoci    a    vicenda,    minimizziamo    i contrasti.   Tutta   la   confusione   del   mondo   nasce dall'uomo,   sembriamo   appartenere   all'epoca   di Babilonia    perché    nemmeno    le    persone    della stessa   famiglia   si   capiscono.   Mettiamo   in   pratica la    legge    di    Dio    o    ostacoliamo    la    diffusione dell'amore?    La    nostra    fede    senza    le    opere    è vana:   amare   vuol   dire   dare,   desiderare   il   bene degli    altri.    I    fatti    di    cronaca,    di    cui    tanto sentiamo    parlare,    sono    figli    dell'ateismo,    di persone      che      principalmente      non      vivono correttamente   davanti   al   Signore,   mentre   chi   ha conosciuto   questa   strada   ha   una   protezione   che nessun   altro   può   garantire.   Oggi   vediamo   che nei    reparti    di    pediatria    ci    sono    situazioni inimmaginabili ,   problemi   infantili   dalla   nascita, patologie    che    una    volta    non    c'erano.    Eppure abbiamo    degli    antidoti    e    delle    cure    nuove.    I bambini    già    nel    grembo    della    propria    madre cominciano    ad    essere    contagiati    da    un    certo sistema   di   vita   che   poi   diventa   una   sofferenza per   molti.   In   che   ambiente   vivono?   Quei   grembi materni     sono     benedetti?     Hanno     ottenuto     i sacramenti?   Vivono   correttamente?   Non   è   mala- sanità,   manca   la   protezione   di   Dio.   Certo   non riguarda    tutte    le    patologie,    ma    iniziamo    ad eliminare    il    male    che    causiamo    noi.    Non    si toccano   le   basi   principali   della   natura,   chi   ci   ha autorizzato    ad    alterare    la    genetica?    Se facessero   un'indagine   statistica   seria,   vedremmo che   questi   problemi   nascono   principalmente   da persone    che    non    sono    posto    con    il    Signore. Potremmo   vedere   che   un'altissima   percentuale   di sofferenza    infantile    deriva    dalla    mancanza    di questa      benedizione.      Il      risultato      sarebbe drammatico,   ma   non   la   faranno   mai.   Invece   di farci   vedere   la   mala-sanità,   ci   facciano   vedere   la mala-cristianità.   È   scritto   o   no   che   le   colpe   dei padri    sarebbero    ricadute    sui    figli?    Educhiamoli sotto   questo   profilo,   è   il   nostro   compito   cristiano. Diciamo   loro:   "Ricordatevi   che   se   non   vivete   in modo   corretto,   piangerete   sul   latte   versato".    I comandamenti    e    i    sacramenti    sono    stati    dati all'uomo   non   per   dei   vantaggi   che   può   avere   il Signore,   ma   perché   ci   garantiscono   protezione   e salute.   Egli   non   castiga,   ma   noi   non   gli   apriamo la   porta,   rifiutiamo   le   sue   difese,   commettiamo azioni   indegne   e   in   taluni   casi   veniamo   a   contatto con    lo    spiritismo...    Queste    cose    che    abbiamo dimenticato   non   vanno   prese   alla   leggera,   perché quella    generazione    che    si    allontanerà    da    Dio vedrà    cose    abominevoli…    C'è    una    percentuale minima   di   noi,   giusta,   che   merita   l'attenzione   e   il perdono   di   Dio   per   i   nostri   fratelli?   Preghiamo   per un   benessere   e   una   realtà   personale,   ma   mai perché   quella   benedizione   vada   a   una   famiglia diversa   dalla   nostra.   Favoriamo   un   bene   comune o   ciò   che   non   ci   riguarda   è   pula   da   scartare? Abbiamo   i   sentimenti   uguali   verso   tutti?   Non   si vive   solo   per   avere   un   tornaconto   personale.   Il motivo   principale   per   cui   la   Madonna   è   sempre apparsa   è   perché   noi   ne   beneficiamo   nell'anima, la    parte    più    in    pericolo.    Eppure    siamo    più interessati   ai   beni   materiali.   E’   giusto   difendere   il sudore   delle   nostre   fatiche,   ma   non   deve   essere la   ragione   principale   della   nostra   vita.   L'amore vero   accetta   anche   i   sacrifici   più   grandi   e   il   male è     sconfitto     in     partenza.     Quando     sappiamo accettare   le   ingiustizie,   anche   le   più   estreme,   va tutto   a   nostro   vantaggio,   mettiamo   nella   banca del   cielo   centinaia   di   migliaia   di   euro.   E’   l'azione che   può   garantire   che   siamo   giusti   davanti   al Signore.   Altrimenti   non   c’è   né   carità   né   amore, ma   furbizia.   Fermiamo   il   dolore   che   sta   salendo da      questa      terra      non      con      i      cortei      di disapprovazione     (il     male     vuole     che     noi     ci esponiamo),   né   con   due   preghiere   pur   giuste   che siano,      ma      diffondiamo      l'importanza      dei comandamenti   di   Dio   e   le   verità   principali   della nostra   fede.   Il   Signore   non   è   secondario   al   diritto dell'uomo.   Non   pensiamo   che   tutto   sia   dovuto, se   facciamo   il   nostro   dovere,   i   nostri   diritti ci        vengono        riconosciuti        da        Dio automaticamente   cento   volte   di   più.    È   scritto sul   Vangelo.   Allora   lo   Spirito   Santo   ci   invaderà   e la    grazia    di    Dio    sarà    così    abbondante    che    ci sentiremo   sorretti   nell'andare   controcorrente   e   a non   conformarci   alla   mentalità   di   questo   mondo. Più   che   parlare   di   questi   passaggi   e   creare   inutili contrasti,   inginocchiamoci   davanti   al   Signore   e abbandoniamoci     a     lui,     offriamo     il     nostro dispiacere   per   gli   altri   e   per   quei   bambini   che non      hanno      colpa.      Il      Signore      interverrà certamente    e    sarà    più    efficace    delle    nostre parole.    

Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul

monte Misma

 

I suggerimenti di Maria santissima sul monte Misma

                     Protezione e salute
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
versione mobile