Maria Ausiliatrice del monte Misma
Un deserto  sul Misma
  Ciò   che   rende   più   umile   l'uomo   purtroppo   è   il   peccato,   non   i   suoi   meriti.   Tanti   di   noi   che   pensano   di   non   peccare, diventano   dei   saccenti,   si   compiacciono   di   sé   stessi,   si   riempiono   del   dolce   sapere;   non   si   rendono   conto   che   invece entrano   nella   categoria   che   è   poco   gradita   a   Dio.   Il   Signore   è   pronto   a   perdonare   i   nostri   errori   solo   se   da   veri   cristiani abbiamo   il   pentimento   e   il   senso   del   rincrescimento.   Chi   sa   di   non   essersi   comportato   bene   e   si   rende   conto   che   senza l'aiuto   di   Dio   è   un   “nulla   che   sbaglia   in   continuazione”,   si   rende   umile.   Chi   invece   pecca   con   abitudine   non   si   rende   conto che   sta   sbagliando,   non   fa   neanche   l'esame   di   coscienza,   non   se   ne   dispiace.   I   santi   dicevano   di   peccare   sette   volte   al giorno   perché   sapevano   che   c'è   una   lunga   fila   di   peccati,   che   non   sono   quelli   che   normalmente   pensiamo,   che   si commettono   costantemente.   Peccare   vuol   dire   innanzitutto   disobbedire   alla   legge   di   Dio   e   rende   umili   coloro che   si   dispiacciono   di   aver   peccato,   non   coloro   che   pensano   di   aver   ragione   nell'errore.    Per   questo   motivo   il Signore   ha   premiato   il   pubblicano   e   non   il   fariseo.   Quando   una   persona   buona   fa   del   male,   se   ne   dispiace,   chissà   cosa farebbe   per   rimediare.   Dobbiamo   avere   questo   sentimento   quando   ci   avviciniamo   al   Signore   e   dire:   "Non   meritavi   che   io sbagliassi,   però   dammi   la   grazia   e   la   forza   di   commettere   sempre   meno   errori   ed   essere   sempre   più   solidale   con   i   tuoi insegnamenti".    Il   rincrescimento   di   aver   fatto   una   mancanza,   il   Signore   lo   accoglie   come   il   dono   più   bello.   Anche   la povertà   mantiene   umili;   infatti   quando   uno   ha   bisogno   di   tutto,   si   abbassa   e   si   umilia   davanti   agli   altri   per   chiedere aiuto.   Diversamente   una   persona   che   non   ha   bisogno   di   nessuno   è   alterca,   irosa,   boriosa,   arrogante   e   noi   con   questo stile   ci   comportiamo   anche   davanti   al   Signore.   Non   dobbiamo   arrivare   al   punto   di   essere   umili   solo   davanti   al peccato   o   alla   povertà,   ma   dobbiamo   essere   umili   e   avere   un   cuore   contrito   già   da   subito,   non   costretti   da azioni   della   vita.   Possiamo   averlo   prima   questo   sentimento   come   l'ha   avuto   Maria   Santissima   senza   nessuna   colpa, magari durante le nostre preghiere o i nostri digiuni.  CON QUALE SENTIMENTO ANDIAMO A CONFESSARCI?  Se   andiamo   in   confessionale   con   la   gioia   nel   cuore   vuol   dire   che   non   abbiamo   capito   la   gravità   del   nostro   errore;   se invece   ci   andiamo   dispiaciuti,   il   nostro   cuore   dopo   la   riconciliazione   con   Gesù   scoppierà   di   gioia.   È   in   quell'occasione   che il   Signore   misura   con   il   termometro   la   nostra   temperatura.   Quando   eravamo   piccoli   e   commettevamo   delle   marachelle,   ci dispiacevamo,   e   la   mamma   che   capiva   il   nostro   dispiacere,   ci   faceva   comprendere   con   due   parole   di   averci   perdonato. Se   invece   volevamo   capovolgere   la   situazione,   i   genitori   si   inasprivano.   Davanti   alle   nostre   mancanze   come   ci   siamo comportati?   Abbiamo   voluto   che   il   debito   diventasse   un   credito   o   siamo   stati   sinceri   dicendo:   “Si,   ho   sbagliato,   non   lo farò    mai    più?"     Ammettiamo    le    nostre    colpe    senza    alcun    commento,    per    diventare    il    pubblicano    della situazione   e   non   il   fariseo.   Dobbiamo   conoscere   la   nostra   predisposizione   alla   santa   confessione   perché   li   c'è   la riconciliazione   con   Dio   e   con   Gesù,   alla   presenza   della   Madonna.   Il   Signore   non   guarda   all'apparenza,   all'esteriorità,   alla quantità   di   preghiere   che   noi   diciamo,   ma   alla   bontà   d'animo,   quella   che   il   mondo   ha   smarrito.   Se   fossimo   equilibrati, con   una   bontà   d'animo   giusta   e   genuina,   la   nostra   reazione   sarebbe   uguale   sia   che   parliamo   degli   altri   o   di   noi   stessi. Invece,   davanti   al   peccato,   siamo   sempre   pronti   ad   assolvere   l'amico   e   a   condannare   il   nemico,   come   se   fossimo depositari   del   giudizio   verso   gli   altri,   mentre   quando   siamo   “toccati”    personalmente   non   accettiamo   alcuna   ingiustizia!   La fede   è   in   diminuzione   perché   non   la   alimentiamo   con   ciò   che   piace   tanto   al   Signore:   l'umiltà   e   la   bontà   d'animo.   Abbandoniamoci   con   incoscienza   allo   Spirito   Santo   il   quale   ci   può   portare   ad   altezze   impossibili.   Tanti   vogliono   copiare   la vita   dei   santi   pensando   di   avere   già   raggiunto   un   livello   eccelso   di   santità:   poveretti,   come   sono   conciati,   dimostrano solo   di   non   avere   più   equilibrio   e   il   senso   della   logica!   Rimaniamo   quello   che   siamo,   non   cerchiamo   di   vivere   la   vita   di   un altro dimenticando la nostra.    Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul monte Misma  
Il peccato ci rende umili
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
Monte Misma - Oasi della Pace - via Spersiglio 25 Pradalunga (Bergamo)
stampa la pagina
Un deserto   sul Misma
Maria Ausiliatrice del monte Misma
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
  Ciò   che   rende   più   umile   l'uomo   purtroppo   è   il peccato,    non    i    suoi    meriti.    Tanti    di    noi    che pensano   di   non   peccare,   diventano   dei   saccenti, si    compiacciono    di    sé    stessi,    si    riempiono    del dolce   sapere;   non   si   rendono   conto   che   invece entrano   nella   categoria   che   è   poco   gradita   a   Dio. Il   Signore   è   pronto   a   perdonare   i   nostri   errori solo   se   da   veri   cristiani   abbiamo   il   pentimento   e il   senso   del   rincrescimento.   Chi   sa   di   non   essersi comportato    bene    e    si    rende    conto    che    senza l'aiuto     di     Dio     è     un     “nulla     che     sbaglia     in continuazione”,   si   rende   umile.   Chi   invece   pecca con    abitudine    non    si    rende    conto    che    sta sbagliando,   non   fa   neanche   l'esame   di   coscienza, non   se   ne   dispiace.   I   santi   dicevano   di   peccare sette   volte   al   giorno   perché   sapevano   che   c'è   una lunga   fila   di   peccati,   che   non   sono   quelli   che normalmente     pensiamo,     che     si     commettono costantemente.         Peccare         vuol         dire innanzitutto   disobbedire   alla   legge   di   Dio   e rende    umili    coloro    che    si    dispiacciono    di aver    peccato,    non    coloro    che    pensano    di aver   ragione   nell'errore.    Per   questo   motivo   il Signore    ha    premiato    il    pubblicano    e    non    il fariseo.   Quando   una   persona   buona   fa   del   male, se     ne     dispiace,     chissà     cosa     farebbe     per rimediare.    Dobbiamo    avere    questo    sentimento quando   ci   avviciniamo   al   Signore   e   dire:   "Non meritavi   che   io   sbagliassi,   però   dammi   la   grazia   e la   forza   di   commettere   sempre   meno   errori   ed essere      sempre      più      solidale      con      i      tuoi insegnamenti".     Il    rincrescimento    di    aver    fatto una    mancanza,    il    Signore    lo    accoglie    come    il dono   più   bello.   Anche   la   povertà   mantiene   umili; infatti    quando    uno    ha    bisogno    di    tutto,    si abbassa   e   si   umilia   davanti   agli   altri   per   chiedere aiuto.    Diversamente    una    persona    che    non    ha bisogno    di    nessuno    è    alterca,    irosa,    boriosa, arrogante   e   noi   con   questo   stile   ci   comportiamo anche     davanti     al     Signore.     Non     dobbiamo arrivare     al     punto     di     essere     umili     solo davanti     al     peccato     o     alla     povertà,     ma dobbiamo    essere    umili    e    avere    un    cuore contrito    già    da    subito,    non    costretti    da azioni   della   vita.   Possiamo   averlo   prima   questo sentimento    come    l'ha    avuto    Maria    Santissima senza   nessuna   colpa,   magari   durante   le   nostre preghiere o i nostri digiuni.  CON QUALE SENTIMENTO ANDIAMO A CONFESSARCI?  Se    andiamo    in    confessionale    con    la    gioia    nel cuore   vuol   dire   che   non   abbiamo   capito   la   gravità del     nostro     errore;     se     invece     ci     andiamo dispiaciuti,   il   nostro   cuore   dopo   la   riconciliazione con   Gesù   scoppierà   di   gioia.   È   in   quell'occasione che   il   Signore   misura   con   il   termometro   la   nostra temperatura.      Quando      eravamo      piccoli      e commettevamo         delle         marachelle,         ci dispiacevamo,   e   la   mamma   che   capiva   il   nostro dispiacere,   ci   faceva   comprendere   con   due   parole di     averci     perdonato.     Se     invece     volevamo capovolgere      la      situazione,      i      genitori      si inasprivano.   Davanti   alle   nostre   mancanze   come ci    siamo    comportati?    Abbiamo    voluto    che    il debito   diventasse   un   credito   o   siamo   stati   sinceri dicendo:   “Si,   ho   sbagliato,   non   lo   farò   mai   più?"   Ammettiamo    le    nostre    colpe    senza    alcun commento,   per   diventare   il   pubblicano   della situazione     e     non     il     fariseo.     Dobbiamo conoscere    la    nostra    predisposizione    alla    santa confessione   perché   li   c'è   la   riconciliazione   con   Dio e    con    Gesù,    alla    presenza    della    Madonna.    Il Signore   non   guarda   all'apparenza,   all'esteriorità, alla   quantità   di   preghiere   che   noi   diciamo,   ma alla    bontà    d'animo,    quella    che    il    mondo    ha smarrito.   Se   fossimo   equilibrati,   con   una   bontà d'animo    giusta    e    genuina,    la    nostra    reazione sarebbe   uguale   sia   che   parliamo   degli   altri   o   di noi    stessi.    Invece,    davanti    al    peccato,    siamo sempre     pronti     ad     assolvere     l'amico     e     a condannare     il     nemico,     come     se     fossimo depositari    del    giudizio    verso    gli    altri,    mentre quando     siamo     “toccati”      personalmente     non accettiamo    alcuna    ingiustizia!    La    fede    è    in diminuzione   perché   non   la   alimentiamo   con   ciò che   piace   tanto   al   Signore:   l'umiltà   e   la   bontà d'animo.    Abbandoniamoci   con   incoscienza   allo Spirito   Santo   il   quale   ci   può   portare   ad   altezze impossibili.   Tanti   vogliono   copiare   la   vita   dei   santi pensando    di    avere    già    raggiunto    un    livello eccelso   di   santità:   poveretti,   come   sono   conciati, dimostrano   solo   di   non   avere   più   equilibrio   e   il senso   della   logica!   Rimaniamo   quello   che   siamo, non    cerchiamo    di    vivere    la    vita    di    un    altro dimenticando la nostra. 

Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul

monte Misma

 
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
versione mobile