Maria Ausiliatrice del monte Misma
Un deserto  sul Misma
     Noi   non   siamo   chiamati   a   dimostrare   che   diventeremo   più   bravi,   ma   più   umili,   perché   solo   con   l'umiltà   si   ottengono grazie   dal   Signore.   Purtroppo   il   materialismo   ha   distrutto   e   annullato   quasi   del   tutto   ogni   valore   spirituale.   Lo   Spirito Santo,   che   si   basa   sull’umiltà   e   sulla   carità,   ci   dà   le   illuminazioni   per   aumentare   il   nostro   carisma,   anche   materiale;   ma la   materia   non   fa   altrettanto   con   lo   spirito,   non   è   così   misericordiosa,   perché   è   sostenuta   sulla   superbia   e   sull'avidità,   e può   impedirci   di   esprimere   quel   potenziale   sconosciuto   che   abbiamo   dentro   di   noi.   Se   vogliamo   stare   bene   dobbiamo pensare   agli   altri,      mentre   se   pensiamo   solo   a   noi   stessi,   il   Signore   tirerà   delle   conclusioni   che   non   ci   faranno   piacere. Vogliamo   identificarci   in   coloro   che   chiedono   o   in   coloro   che   offrono,   espiano   e   rispondono   alle   richieste   di   Maria Santissima?   Chi   di   noi   vuol   fare   un   patto   con   il   Signore   e   dire:   "Lasciami   la   mia   croce,   però   solleva   la   croce   di qualcun   altro"?   A   parole   tutti,   ma   quando   siamo   davanti   alla   prova,   siamo   delle   "donnicciole   piagiucolanti",   manchiamo di   coraggio.   Perché   non   possiamo   fare   questo   patto   con   Maria   Santissima,   col   cuore,   dimostrando   di   saperci   immolare   e santificare?   Potremmo   guadagnare   il   Paradiso   all'istante,   con   grande   scaltrezza,   come   ha   fatto   il   buon ladrone.    Certo,   bisogna   avere   un   sentimento   puro,   giusto,   come   hanno   avuto   Anania,   Azaria   e   Misaele   che   cantavano nella   fornace   ardente   (poi   sono   bruciati   gli   altri   che   guardavano),   perché   nessuno   conosce   Dio   e   come   può   intervenire con   la   sua   potenza.   Delle   nostre   preghiere   devono   beneficiarne   coloro   che   vivono   situazioni   peggiori   della   nostra,   poi   il Signore   ci   ricompenserà   a   modo   suo.   Diamoci   da   fare   per   raggiungere   traguardi   spirituali   e   non   materiali,   noi   che   non siamo   oppressi   da   nessun   popolo.   L'unica   nostra   sottomissione   è   verso   noi   stessi,   la   nostra   ragione,   il   nostro orgoglio   e   la   nostra   superbia.   Questa   è   la   nostra   disobbedienza.   Cerchiamo   di   capire   che   non   siamo   liberi   di comportarci   come   vogliamo,   nemmeno   in   casa   nostra   perché   è   un   luogo   benedetto.   Invece,   proprio   tra   le   mura domestiche,    si    consumano    spesso    prostituzioni    familiari    terribili,    con    rapporti    sessuali    che    avvengono    in    modo “animalesco”…   (oppure   che   non   avvengono   del   tutto).   Sembriamo   gli   inventori   e   gli   ideatori   di   nuove   leggi   libertine, quando   invece   dobbiamo   vivere   nel   mondo   contemporaneo   ubbidendo   a   Dio.   Cerchiamo   la   purezza   in   ogni   singolo aspetto   della   nostra   vita,   senza   paura   di   diventare   impopolari,   innanzitutto   partendo   dal   pensiero,   dal   quale   vengono   le parole   e   poi   le   azioni.   Se   il   Signore   non   è   intervenuto   a   castigarci,   come   ha   fatto   con   tantissimi   popoli   nel   vecchio testamento,   è   solo   per   l'intervento   della   meravigliosa   Immacolata   Concezione   che   ha   tenuto   fermo   per   tanto   tempo   il braccio   di   Dio.   Perché   il   Padre   non   disdegna   di   accettare   e   di   rispettare   quello   che   la   Madre   di   suo   Figlio   gli   chiede.   Che lavoro   stupendo   sta   facendo   la   Madonna   per   noi!    La   cosa   che   può   essere   più   gradita   a   Maria   Santissima   è   un   atto di   sottomissione   verso   di   Lei   per   il   bene   che   ha   fatto   a   tutta   l'umanità,   accettando   tutte   le   ingiustizie,    senza   covare vendette; potremmo ricevere dal Signore benedizioni per noi e per mille generazioni dopo la nostra.  IL PROGRAMMA PIU’ DIFFICILE DA REALIZZARE La   professione   più   difficile   e   complessa   è   la   professione   del   cristiano,   non   è   quella   di   un   architetto,   di   un   notaio,   di   un avvocato   o   di   una   scienziato.   Ma   su   quale   supporto   basiamo   la   nostra   formazione   cristiana   se   in   realtà   non   conosciamo la    Legge?    Siamo    degli    improvvisatori,    perché    pensiamo    che    il    Signore    si    attenda    da    noi    solo    la    preghiera    e    la frequentazione   della   Chiesa.   Certo   queste   cose   sono   necessarie,   ma   bisogna   andare   oltre   per   fare   per   intero   il   nostro dovere,   perché   la      preghiera   più   la   coerenza   è   come   mettere   il   lievito   nella   pasta.    Potrebbe   essere   abbastanza facile   capire   quello   che   il   Signore   ci   chiede   e   sviluppare   il   nostro   potenziale,   ma   senza   istruzione   ed   educazione   non saremmo   mai   cristiani   autentici.   Per   diventarlo   ci   vuole   tempo   e   bisogna   superare   le   prove   si   presentano   davanti   noi   in questo   cammino.   Perché   facciamo   così   fatica   a   lasciarci   educare   dalla   Madonna?   Siamo   molto   bloccati   dalla   materia pensando   che   deve   avere   la   priorità   assoluta,   mentre   mettiamo   in   seconda   o   terza   linea   quella   spirituale,   diseducandoci alla   verità   che   dobbiamo   trasmettere.   Cosa   ne   sarà   di   noi   quando,   nel   giudizio   finale,   ci   renderemo   conto   che   non abbiamo   fatto   quello   che   avremmo   potuto   e   dovuto   fare?   Per   essere   cristiani   e   sostenere   la   verità   di   Dio,   bisogna istruirsi   sulla   Bibbia   e   riprendere   quelle   verità   che   di   generazione   in   generazione   si   sono   disperse.   E’   il   programma   più difficile   da   realizzare,   non   solo   per   la   presenza   di   un   nemico   agguerritissimo   che   vuole   confonderci   le   idee   con   trappole   e insidie mortali, ma perché siamo noi stessi a chiudere la porta allo Spirito Santo.   Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul monte Misma  
Il tacito patto con Maria santissima
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
Monte Misma - Oasi della Pace - via Spersiglio 25 Pradalunga (Bergamo)
stampa la pagina
Un deserto   sul Misma
Maria Ausiliatrice del monte Misma
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
  Noi     non     siamo     chiamati     a     dimostrare     che diventeremo   più   bravi,   ma   più   umili,   perché   solo con    l'umiltà    si    ottengono    grazie    dal    Signore. Purtroppo   il   materialismo   ha   distrutto   e   annullato quasi   del   tutto   ogni   valore   spirituale.   Lo   Spirito Santo,   che   si   basa   sull’umiltà   e   sulla   carità,   ci   le   illuminazioni   per   aumentare   il   nostro   carisma, anche     materiale;     ma     la     materia     non     fa altrettanto      con      lo      spirito,      non      è      così misericordiosa,   perché   è   sostenuta   sulla   superbia e   sull'avidità,   e   può   impedirci   di   esprimere   quel potenziale    sconosciuto    che    abbiamo    dentro    di noi.     Se     vogliamo     stare     bene     dobbiamo pensare   agli   altri,      mentre   se   pensiamo   solo   a noi   stessi,   il   Signore   tirerà   delle   conclusioni   che non   ci   faranno   piacere.   Vogliamo   identificarci   in coloro    che    chiedono    o    in    coloro    che    offrono, espiano    e    rispondono    alle    richieste    di    Maria Santissima?   Chi   di   noi   vuol   fare   un   patto   con   il Signore   e   dire:   "Lasciami   la   mia   croce,   però solleva   la   croce   di   qualcun   altro"?   A   parole tutti,   ma   quando   siamo   davanti   alla   prova,   siamo delle   "donnicciole   piagiucolanti",   manchiamo   di coraggio.   Perché   non   possiamo   fare   questo   patto con   Maria   Santissima,   col   cuore,   dimostrando   di saperci     immolare     e     santificare?     Potremmo guadagnare     il     Paradiso     all'istante,     con grande    scaltrezza,    come    ha    fatto    il    buon ladrone.     Certo,    bisogna    avere    un    sentimento puro,   giusto,   come   hanno   avuto   Anania,   Azaria   e Misaele   che   cantavano   nella   fornace   ardente   (poi sono   bruciati   gli   altri   che   guardavano),   perché nessuno   conosce   Dio   e   come   può   intervenire   con la   sua   potenza.   Delle   nostre   preghiere   devono beneficiarne   coloro   che   vivono   situazioni   peggiori della    nostra,    poi    il    Signore    ci    ricompenserà    a modo    suo.    Diamoci    da    fare    per    raggiungere traguardi   spirituali   e   non   materiali,   noi   che   non siamo     oppressi     da     nessun     popolo.     L'unica nostra   sottomissione   è   verso   noi   stessi,   la nostra   ragione,   il   nostro   orgoglio   e   la   nostra superbia.    Questa    è    la    nostra    disobbedienza. Cerchiamo    di    capire    che    non    siamo    liberi    di comportarci   come   vogliamo,   nemmeno   in   casa nostra    perché    è    un    luogo    benedetto.    Invece, proprio   tra   le   mura   domestiche,   si   consumano spesso      prostituzioni      familiari      terribili,      con rapporti     sessuali     che     avvengono     in     modo “animalesco”…   (oppure   che   non   avvengono   del tutto).   Sembriamo   gli   inventori   e   gli   ideatori   di nuove   leggi   libertine,   quando   invece   dobbiamo vivere   nel   mondo   contemporaneo   ubbidendo   a Dio.   Cerchiamo   la   purezza   in   ogni   singolo   aspetto della    nostra    vita,    senza    paura    di    diventare impopolari,   innanzitutto   partendo   dal   pensiero, dal   quale   vengono   le   parole   e   poi   le   azioni.   Se   il Signore   non   è   intervenuto   a   castigarci,   come   ha fatto      con      tantissimi      popoli      nel      vecchio testamento,     è     solo     per     l'intervento     della meravigliosa    Immacolata    Concezione    che    ha tenuto   fermo   per   tanto   tempo   il   braccio   di   Dio. Perché   il   Padre   non   disdegna   di   accettare   e   di rispettare   quello   che   la   Madre   di   suo   Figlio   gli chiede.   Che   lavoro   stupendo   sta   facendo   la Madonna   per   noi!    La   cosa   che   può   essere   più gradita     a     Maria     Santissima     è     un     atto     di sottomissione   verso   di   Lei   per   il   bene   che   ha fatto    a    tutta    l'umanità,    accettando    tutte    le ingiustizie,    senza   covare   vendette;   potremmo ricevere   dal   Signore   benedizioni   per   noi   e   per mille generazioni dopo la nostra.  IL PROGRAMMA PIU’ DIFFICILE DA REALIZZARE La    professione    più    difficile    e    complessa    è    la professione    del    cristiano,    non    è    quella    di    un architetto,   di   un   notaio,   di   un   avvocato   o   di   una scienziato.    Ma    su    quale    supporto    basiamo    la nostra    formazione    cristiana    se    in    realtà    non conosciamo        la        Legge?        Siamo        degli improvvisatori,   perché   pensiamo   che   il   Signore   si attenda     da     noi     solo     la     preghiera     e     la frequentazione   della   Chiesa.   Certo   queste   cose sono   necessarie,   ma   bisogna   andare   oltre   per fare    per    intero    il    nostro    dovere,    perché    la      preghiera   più   la   coerenza   è   come   mettere   il lievito   nella   pasta.    Potrebbe   essere   abbastanza facile   capire   quello   che   il   Signore   ci   chiede   e sviluppare     il     nostro     potenziale,     ma     senza istruzione    ed    educazione    non    saremmo    mai cristiani   autentici.   Per   diventarlo   ci   vuole   tempo   e bisogna   superare   le   prove   si   presentano   davanti noi    in    questo    cammino.    Perché    facciamo    così fatica   a   lasciarci   educare   dalla   Madonna?   Siamo molto   bloccati   dalla   materia   pensando   che   deve avere   la   priorità   assoluta,   mentre   mettiamo   in seconda      o      terza      linea      quella      spirituale, diseducandoci      alla      verità      che      dobbiamo trasmettere.    Cosa    ne    sarà    di    noi    quando,    nel giudizio    finale,    ci    renderemo    conto    che    non abbiamo    fatto    quello    che    avremmo    potuto    e dovuto   fare?   Per   essere   cristiani   e   sostenere   la verità    di    Dio,    bisogna    istruirsi    sulla    Bibbia    e riprendere    quelle    verità    che    di    generazione    in generazione   si   sono   disperse.   E’   il   programma più    difficile    da    realizzare,    non    solo    per    la presenza   di   un   nemico   agguerritissimo   che   vuole confonderci   le   idee   con   trappole   e   insidie   mortali, ma   perché   siamo   noi   stessi   a   chiudere   la   porta allo Spirito Santo.

Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul

monte Misma

 
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
versione mobile