Maria Ausiliatrice del monte Misma
Un deserto  sul Misma
  In   base   al   nostro   comportamento   sappiamo   se   dentro   di   noi   la   parola   di   Dio   lievita   o   ristagna   e   marcisce.   Abbiamo   lo stato   d'animo   che   elimina   l'egoismo,   la   falsa   modestia   e   tutte   quelle   brutture   che   impediscono   al   Signore   di   donarci   la sua   grazia?   Nessuno   di   noi   riesce   a   capire   se   è   sostenuto   da   suggerimenti   positivi   o   negativi,   ma   lo   possono   confermare le   nostre   opere   e   il   nostro   stato   d'animo.   Possiamo   gioire   ed   essere   predisposti   ad   amare   oppure   avere   nel   cuore sentimenti   che   nulla   hanno   a   che   fare   con   il   cammino   cristiano.   Se   vogliamo   essere   autentici   e   veder   trionfare   la   verità, cerchiamo   di   capire   di   quale   "pasta"   siamo   fatti      soprattutto   durante   la   prova,   perché   davanti   a   Dio   la   nostra   ragione (che   è   il   nostro   egoismo)   deve   disintegrarsi.   Se   fossimo   veramente   sostenuti   da   suggerimenti   positivi,   agiremmo   in modo   cristiano   e   corretto,   invece   ci   lasciamo   andare   ai   pettegolezzi   e   ai   pregiudizi.   Quando   sentiamo   un   pettegolezzo siamo   più   predisposti   al   disagio   e   alla   tristezza   o   a   prestargli   il   fianco   mettendoci   i   nostri   commenti?   Anche   se   la maldicenza   ha   ragione   di   esistere,   il   Signore   ci   dice   di   non   giudicare   e   non   criticare;   se   fossimo   veramente   umili,   quando sentiamo   parlare   male   di   un   nostro   fratello   dovremmo   sentire   fastidio,   non   compiacimento.   Così   potremmo   comprendere in   profondità   la   parola   di   Dio,   perché   il   Signore   si   fa   conoscere   ai   miti   e   agli   umili.   Non   verremo   considerati   sulla   base   di quanto   abbiamo   letto,   ai   rosari   o   a   quante   volte   siamo   andati   a   messa,   perché   nessuno   di   noi   sa   quanto   hanno   pregato Gesù   e   Maria,   né   quante   volte   sono   andati   al   Tempio.   Il   Signore   non   ci   ha   trasmesso   la   quantità,   ma   la   qualità.   La quantità   è   una   logica   conseguenza   della   qualità,   invece   noi   siamo   troppo   sostenuti   dalla   quantità,   di   andare   a destra   e   a   sinistra,   di   dimostrare,   come   se   fossimo   obbligati   a   fare   qualcosa   che   non   sentiamo.   Ma   questo   lo   sanno   fare tutti,   anche   quelli   che   uccidono   e   commettono   adulterio;   possiamo   commettere   tanti   peccati   senza   rendercene   conto.   Ma ci   conviene   sprecare   così   tanto   tempo   in   cose   inutili?   Vogliamo   essere   complici   di   chi,   pur   pregando,   commette   abomini davanti   agli   occhi   del   Signore   o   di   chi   vuole   solamente   servirlo   ed   esaltare   la   sua   legge   con   la   propria   vita?   La   legge   del Signore   va   applicata   come   Dio   ce   l'ha   data,   altrimenti   siamo   i   peggiori   atei.   Quando   abbiamo   raggiunto   la   qualità,   la quantità   viene   da   sé,   è   una   linea   continua   che   non   ci   abbandona   più   perché   la   nostra   anima   esulta   in   Dio:   è   come   se pregassimo   e   partecipassimo   alla   Santa   messa   ventiquattro   ore   al   giorno,   pur   vivendo   i   nostri   impegni   quotidiani,   poiché ogni   nostra   azione   sarà   di   bontà,   di   amore,   di   perdono,   di   aiuto,   di   disponibilità,   di   altruismo,   come   Gesù   e   la   sua meravigliosa Madre ci hanno insegnato.                           E SE IL CAMBIAMENTO DIPENDESSE DA NOI ? Fino   ad   oggi   abbiamo   recitato   la   parte   dei   cristiani,   quella   che   ci   hanno   insegnato,   ma   non   la   viviamo.   Noi   vogliamo   che il   mondo   cambi   e   così   diventiamo   polemici,   ma   tutto   quello   che   oggi   avviene   lo   ha   creato   l'uomo   e   quindi   se   lo   merita. L'attesa   che   Maria   Santissima   ha   su   di   noi   è   quella   che   intende   portare   davanti   al   Signore   una   risposta   concreta   di   un gruppo,   non   del   mondo   intero;   infatti,   come   all'epoca   Dio   ha   scelto   dodici   apostoli   per   convertire   il   mondo,   così   oggi dodici   persone   autentiche   potrebbero   bastare   per   cambiarlo      e   noi   siamo   fatti   della   stessa   “pasta”   degli   apostoli,   creati cristiani   dalla   volontà   di   Dio.   Ma   non   sviluppiamo   quel   potenziale   spirituale,   che   dovrebbe   fuoriuscire   dal   cuore   e dall’anima.   Rendiamoci   conto   che   il   cambiamento   del   mondo   potrebbe   dipendere   anche   e   solamente   da   noi.   Quanto   meno   non   possiamo   escluderlo,   quindi   non   ci   conviene   restare   nel   dubbio.   Desideriamo   raggiungere   questo obiettivo   oppure   vogliamo   perdere   tanto   tempo   in   inutili   ragionamenti?   Non   dobbiamo   sostenere   un'idea,   perché   quella davanti   a   Dio   non   esiste.   Ci   vuole   ben   poco   per   fare   il   salto   di   qualità,   bisogna   abbandonarsi   con   incoscienza   a   un mistero,   perché   nessuno   conosce   la   potenza   di   Dio.   Anzi   quando   abbiamo   usato   troppo   la   mente   e   abbiamo   travalicato   il limite   che   Dio   ci   ha   dato   per   conoscere   la   verità,   ci   siamo   solamente   confusi   in   riflessioni   dispersive   per   la   fede.   Le   sorti del   mondo   potrebbero   dipendere   proprio   da   noi,   da   un   piccolo   gruppo:   non   hanno   attraversato   il   mar   Rosso   anche persone   che   non   ne   erano   degne?   Se   avessero   meditato   il   progetto   di   cui   facevano   parte,   mai   e   poi   mai   avrebbero tradito   il   Signore.   Purtroppo   la   storia   si   ripete   perché   siamo   troppo   fragili,   insicuri,   dubbiosi,   non   abbiamo   la   forza   di accettare   anche   le   ingiustizie.   La   Madonna   vuole   insegnarci   a   vedere   le   cose   con   obiettività,   come   il   fatto   che   un cambiamento   repentino,   radicale   e   positivo,   può   dipendere   da   noi,   da   una   nostra   decisione,   dall'apertura   del   nostro cuore.   Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul monte Misma  
Di che pasta siamo fatti?
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
Monte Misma - Oasi della Pace - via Spersiglio 25 Pradalunga (Bergamo)
stampa la pagina
Un deserto   sul Misma
Maria Ausiliatrice del monte Misma
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
  In   base   al   nostro   comportamento   sappiamo   se dentro   di   noi   la   parola   di   Dio   lievita   o   ristagna   e marcisce.   Abbiamo   lo   stato   d'animo   che   elimina l'egoismo,    la    falsa    modestia    e    tutte    quelle brutture   che   impediscono   al   Signore   di   donarci   la sua   grazia?   Nessuno   di   noi   riesce   a   capire   se   è sostenuto   da   suggerimenti   positivi   o   negativi,   ma lo   possono   confermare   le   nostre   opere   e   il   nostro stato     d'animo.     Possiamo     gioire     ed     essere predisposti    ad    amare    oppure    avere    nel    cuore sentimenti    che    nulla    hanno    a    che    fare    con    il cammino   cristiano.   Se   vogliamo   essere   autentici e   veder   trionfare   la   verità,   cerchiamo   di   capire   di quale   "pasta"   siamo   fatti      soprattutto   durante   la prova,   perché   davanti   a   Dio   la   nostra   ragione (che   è   il   nostro   egoismo)   deve   disintegrarsi.   Se fossimo    veramente    sostenuti    da    suggerimenti positivi,   agiremmo   in   modo   cristiano   e   corretto, invece   ci   lasciamo   andare   ai   pettegolezzi   e   ai pregiudizi.    Quando    sentiamo    un    pettegolezzo siamo   più   predisposti   al   disagio   e   alla   tristezza   o a     prestargli     il     fianco     mettendoci     i     nostri commenti?   Anche   se   la   maldicenza   ha   ragione   di esistere,   il   Signore   ci   dice   di   non   giudicare   e   non criticare;    se    fossimo    veramente    umili,    quando sentiamo    parlare    male    di    un    nostro    fratello dovremmo   sentire   fastidio,   non   compiacimento. Così    potremmo    comprendere    in    profondità    la parola   di   Dio,   perché   il   Signore   si   fa   conoscere   ai miti   e   agli   umili.   Non   verremo   considerati   sulla base    di    quanto    abbiamo    letto,    ai    rosari    o    a quante    volte    siamo    andati    a    messa,    perché nessuno   di   noi   sa   quanto   hanno   pregato   Gesù   e Maria,   né   quante   volte   sono   andati   al   Tempio.   Il Signore   non   ci   ha   trasmesso   la   quantità,   ma   la qualità.       La       quantità       è       una       logica conseguenza   della   qualità,   invece   noi   siamo troppo    sostenuti    dalla    quantità,    di    andare    a destra    e    a    sinistra,    di    dimostrare,    come    se fossimo    obbligati    a    fare    qualcosa    che    non sentiamo.   Ma   questo   lo   sanno   fare   tutti,   anche quelli    che    uccidono    e    commettono    adulterio; possiamo     commettere     tanti     peccati     senza rendercene   conto.   Ma   ci   conviene   sprecare   così tanto    tempo    in    cose    inutili?    Vogliamo    essere complici   di   chi,   pur   pregando,   commette   abomini davanti    agli    occhi    del    Signore    o    di    chi    vuole solamente   servirlo   ed   esaltare   la   sua   legge   con   la propria   vita?   La   legge   del   Signore   va   applicata come   Dio   ce   l'ha   data,   altrimenti   siamo   i   peggiori atei.    Quando    abbiamo    raggiunto    la    qualità,    la quantità   viene   da   sé,   è   una   linea   continua   che non   ci   abbandona   più   perché   la   nostra   anima esulta     in     Dio:     è     come     se     pregassimo     e partecipassimo   alla   Santa   messa   ventiquattro   ore al   giorno,   pur   vivendo   i   nostri   impegni   quotidiani, poiché    ogni    nostra    azione    sarà    di    bontà,    di amore,   di   perdono,   di   aiuto,   di   disponibilità,   di altruismo,    come    Gesù    e    la    sua    meravigliosa Madre ci hanno insegnato.                           E SE IL CAMBIAMENTO DIPENDESSE DA NOI ? Fino    ad    oggi    abbiamo    recitato    la    parte    dei cristiani,   quella   che   ci   hanno   insegnato,   ma   non la   viviamo.   Noi   vogliamo   che   il   mondo   cambi   e così    diventiamo    polemici,    ma    tutto    quello    che oggi   avviene   lo   ha   creato   l'uomo   e   quindi   se   lo merita.   L'attesa   che   Maria   Santissima   ha   su   di noi    è    quella    che    intende    portare    davanti    al Signore   una   risposta   concreta   di   un   gruppo,   non del   mondo   intero;   infatti,   come   all'epoca   Dio   ha scelto   dodici   apostoli   per   convertire   il   mondo, così   oggi   dodici   persone   autentiche   potrebbero bastare   per   cambiarlo      e   noi   siamo   fatti   della stessa   “pasta”   degli   apostoli,   creati   cristiani   dalla volontà     di     Dio.     Ma     non     sviluppiamo     quel potenziale    spirituale,    che    dovrebbe    fuoriuscire dal   cuore   e   dall’anima.   Rendiamoci   conto   che il      cambiamento      del      mondo      potrebbe dipendere   anche   e   solamente   da   noi.    Quanto meno    non    possiamo    escluderlo,    quindi    non    ci conviene     restare     nel     dubbio.     Desideriamo raggiungere    questo    obiettivo    oppure    vogliamo perdere   tanto   tempo   in   inutili   ragionamenti?   Non dobbiamo     sostenere     un'idea,     perché     quella davanti   a   Dio   non   esiste.   Ci   vuole   ben   poco   per fare   il   salto   di   qualità,   bisogna   abbandonarsi   con incoscienza     a     un     mistero,     perché     nessuno conosce   la   potenza   di   Dio.   Anzi   quando   abbiamo usato   troppo   la   mente   e   abbiamo   travalicato   il limite   che   Dio   ci   ha   dato   per   conoscere   la   verità, ci     siamo     solamente     confusi     in     riflessioni dispersive    per    la    fede.    Le    sorti    del    mondo potrebbero    dipendere    proprio    da    noi,    da    un piccolo   gruppo:   non   hanno   attraversato   il   mar Rosso   anche   persone   che   non   ne   erano   degne? Se   avessero   meditato   il   progetto   di   cui   facevano parte,   mai   e   poi   mai   avrebbero   tradito   il   Signore. Purtroppo   la   storia   si   ripete   perché   siamo   troppo fragili,   insicuri,   dubbiosi,   non   abbiamo   la   forza   di accettare   anche   le   ingiustizie.   La   Madonna   vuole insegnarci   a   vedere   le   cose   con   obiettività,   come il   fatto   che   un   cambiamento   repentino,   radicale   e positivo,   può   dipendere   da   noi,   da   una   nostra decisione, dall'apertura del nostro cuore.

Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul

monte Misma

 
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
versione mobile