Maria Ausiliatrice del monte Misma
Un deserto  sul Misma
  Noi   siamo   chiamati   a   testimoniare   la   ricchezza   più   grande   che   esiste   su   questa   terra,   la   parola   di   Dio.   Ma   fintanto   che non   la   sappiamo   rivelare   come   si   conviene,   vediamo   una   dispersione   di   valori   che   di   generazione   in   generazione penalizza   l'uomo.   È   conveniente   per   noi   vivere   la   parola   di   Dio,   essa   non   serve   al   Signore,   ma   include   tutte   le   nostre necessità.   E’   la   parola   dell'uomo.   Il   Dio   Creatore   desidera   che   noi   abbiamo   a   conoscerla   per   il   nostro   bene,   non   per   un suo   vantaggio.   Non   vuole   il   frutto   della   nostra   fatica,   nè   ci   chiede   una   parte   del   nostro   lavoro   come   il   politico,   ci   lascia tutto.   Semmai   è   felice   che   la   sua   creatura   più   bella   ritorna   a   Lui   per   l'eternità.   Se   avessimo   progettato   la   nostra   vita   sui suggerimenti       di       Dio,       l’avremmo       vissuta infinitamente     meglio,     sarebbe     stata     magica, meravigliosa.   Non   avremmo   rimpianti   e   delusioni per   i   tanti   errori   commessi,   perché   Dio   non   è   un carceriere   che   ci   impedisce   di   realizzare   ciò   che pensiamo    noi.    Nei    libri    sapienziali    ci    dice    in    un modo   molto   chiaro   quali   sono   le   problematiche   di ciascuno   di   noi:   prima   di   tutto   ci   invita   ad   essere molto   più   prudenti,   a   non   fidarci   di   tutti   (anche   se simpatici),    a    non    fare    il    passo    più    lungo    della gamba,   a   non   farci   maledire,   a   misurare   bene   le parole.    Il    Signore    sa    di    cosa    abbiamo    bisogno, perché   andiamo   alla   ricerca   di   cose   effimere   che paghiamo   a   caro   prezzo?   Qualsiasi   nostro   progetto implica     un     coinvolgimento,     avere     l'amante     o costruirci   sul   danaro,   non   costa   forse   fatica?   C'è una   grande   differenza   tra   una   vita   gioiosa   e   una piena   di   problemi.   Quante   volte   abbiamo   detto:    "facevo   meglio   a…”,   se   avessi   conosciuto   il   Signore   vent'anni   prima…" . È   intelligente   vivere   di   rammarichi   e   nostalgie?   Perché   l'uomo,   la   creatura   perfetta   fatta   di   materia   e   spirito,   ha   così paura   a   conoscere   la   parola   di   Dio   fino   in   fondo,   con   un   cuore   contrito?   Non   è   la   stessa   cosa   camminare   in   montagna leggeri   o   con   un   carico   pesante   sulle   spalle:   come   possiamo   godere   le   meraviglie   della   natura   se   siamo   affaticati, affannati,   oppressi,   arrabbiati?   Quel   peso   ce   lo   siamo   messi   noi,   con   i   nostri   pensieri   e   le   nostre   azioni   dissolute.   Il   falso non   prega   come   il   giusto?   La   stessa   orazione   può   dirla   sia   il   buono   che   il   cattivo.   Con   quale   stato   d'animo   chiediamo   una grazia?   Smettiamola   di   illuderci   che   con   la   preghiera   si   ottiene   tutto   in   un   mondo   dove   c'è   solo   ipocrisia,   maldicenza, gelosia,   invidia   e   permalosità.   Noi   preghiamo   con   la   malizia   che   abbiamo   nel   cuore,   non   con   l'atteggiamento   esteriore che   in   molti   casi   nasconde   tante   colpe.   Se   dalla   nostra   bocca   uscissero   i   sentimenti   che   abbiamo   nel   cuore,   come   in   una sorta   di   prova,   le   nostre   preghiere   sarebbero   diverse.   Ecco   perché   è   scritto   non   chi   dice   Signore,   Signore”   e   “con   la bocca   si   benedice   ma   col   cuore   si   maledice”.    Come   può   la   preghiera   farci   conoscere   la   parola   di   Dio?   La   preghiera comunitaria   è   più   comoda,   ci   fa   sentire   giusti   anche   se   non   lo   siamo   e   magari   qualcuno   ci   illude   che   ha   sortito   dei risultati.   Basare   tutto   sulla   preghiera   ci   sposta   dall'autenticità   cristiana,   ci   fa   continuare   nella   stessa   vita,   mentre conoscere   la   parola   di   Dio   è   un   cammino   privato   e   personale,   ci   disillude,   ci   fa   pregare   come   si   conviene.   La   parola   di   Dio è   la   miglior   via   per   l’uomo,   siamo   invitati   a   seguirla   per   evitare   tante   trappole   e   vivere   bene   la   nostra   esperienza terrena,   mentre   uno   che   si   affida   all'improvvisazione,   al   fatalismo   e   alle   seduzioni   del   mondo,   vive   male.   Chi   ruba   non rischia?   I   mafiosi   che   hanno   potere   sul   mondo   devono   vivere   in   un   bunker.   Noi   creiamo   i   nostri   bunker   con   la   superbia   e non   ne   usciamo   più.   La   parola   di   Dio   è   parola   di   vita.   Ci   crediamo?   Prendiamo   il   salmo   23:   Il   Signore   è   il   mio   pastore: non   manco   di   nulla;   su   pascoli   erbosi   mi   fa   riposare   ad   acque   tranquille   mi   conduce.   Mi   rinfranca,   mi   guida   per   il   giusto cammino,   per   amore   del   suo   nome.   Se   dovessi   camminare   in   una   valle   oscura,   non   temerei   alcun   male,   perché   tu   sei con   me.   Il   tuo   bastone   e   il   tuo   vincastro   mi   danno   sicurezza.   Davanti   a   me   tu   prepari   una   mensa   sotto   gli   occhi   dei   miei nemici;   cospargi   di   olio   il   mio   capo.   Il   mio   calice   trabocca.   Felicità   e   grazia   mi   saranno   compagne   tutti   i   giorni   della   mia vita,   e   abiterò   nella   casa   del   Signore   per   lunghissimi   anni.    Se   Dio   è   con   noi   in   ogni   momento   della   vita,   perché   siamo presi   da   paure   e   deliri?   Oppure   ci   dà   sicurezza   solo   un   bel   conto   in   banca?   L'unica   cosa   che   non   si   è   mai   sentita,   è   una persona   pentita   per   aver   scelto   la   parola   di   Dio   e   accettato   la   sua   guida   fin   dall'inizio.   Non   ha   rimpianti   di   aver   fatto   cose buone,   è   felice   anche   se   ha   fatto   delle   rinunce.   Quando   non   si   ha   questa      gioia   nel   cuore,   per   chiudere   i   propri   errori   si arriva   anche   ad   uccidere,   soprattutto   con   la   lingua.   Sarebbe   bello   se   fin   da   bambini      vivessimo   con   più   saggezza   e armonia le verità della nostra fede, non vedremmo questa desolazione, saremmo più protetti.  QUANTA FATICA ABBIAMO SPRECATO INUTILMENTE  Alla   fine   di   una   vita   in   molti   casi,   aprendo   le   mani   non   ci   rimane   niente;   sarebbe   stato   meglio   stare   di   più   con   la   famiglia,     avremmo   avuto   un   risultato   migliore.   Dopo   tanti   sacrifici   di   due   genitori,   il   momento   di   lasciare   l'eredità   diventa   motivo di   odio   tra      familiari.   È   terribile!   Siamo   vittime   della   nostra   ignoranza.   Non   si   è   genitori   comprando   ai   figli   un   regalino   per ogni   occasione,      perché   i   più   insoddisfatti   sono   proprio   loro.   Abbiamo   trasmesso   l'amore?   Li   abbiamo   abbracciati,   baciati e   accarezzati   oppure      avevamo   cose   più   importanti   da   fare?   Senza   amore   questi   vengono   buttati   nelle   braccia   del   mondo e   poi   risucchiati   da   un      meccanismo   che   li   distrugge.   Diciamo   loro   che   quando   fanno   famiglia   devono   stare   vicini   al proprio   coniuge   e   amare   i   figli.   Se      marito   e   moglie   avessero   vissuto   meglio   il   loro   amore,   quanti   problemi   in   meno   ci sarebbero,   quante   opportunità   in   meno   di      peccare!   A   loro   è   concesso   di   concepire   l'amore,   quello   puro,   che   completa   i due   corpi   con   un   sentimento   sublime,   senza   alcun      rischio.   Non   va   usato   per   altri   scopi.   Siamo   stati   all'altezza      come   figli di   Dio   e   come   genitori?   Cosa   porteremo   quel   giorno   davanti      al   Signore,   le   nostre   preghiere?   Non   andiamo   a   diffondere la   preghiera   come   fossimo   martelli   pneumatici,   con   il   cuore   pieno   di      rabbia.   Se   un   familiare   non   segue   la   nostra   strada, accogliamolo   con   amore   e   dolcezza,   senza   imposizioni.   Non      decristianizziamo   il   mondo   con   la   preghiera!    E’   una profanazione   che   un   giorno   potrebbe   determinare   la   nostra   condanna;      semmai   diamo   valore   alle   preghiere.   Pensiamo che   il   Signore   sia   contento   quando   lo   siamo   noi,   magari   dopo   una   bella   funzione      religiosa   o   un   bel   pellegrinaggio?   Se   poi sparliamo   e   giudichiamo,   come   fa   a   gioire?   Anche   noi   ci   rattristiamo.   Sarebbe   contento   se      la   nostra   felicità   durasse   tutta la   vita,   anche   nelle   prove   più   dure.   Chi   si   offende   ed   è   permaloso,   a   sua   volta   offende,      ricordiamocelo.   Cosa   c’è   di cristiano   in   chi   non   è   disponibile   ad   accettare   un'ingiustizia   e   rimanda   l'offesa   perché   è   stato   toccato      nell'orgoglio?   Il motivo   dei   nostri   problemi   è   che   non   abbiamo   saputo   vivere   la   parola   del   Signore   fin   dall'inizio.    La   cosa   più     bella,   che   fa   traboccare   di   gioia   il   cuore   di   Maria   Santissima   e   di   Gesù,   è   quando   non   ci   facciamo   provocare   dal   prossimo e      accettiamo   l'ingiustizia   senza   difenderci   dall'offesa.   Siamo   forti   quando   siamo   deboli,   siamo   grandi   quando   siamo piccoli,   siamo      ricchi   quando   siamo   poveri.   Perché   abbiamo   paura?   Le      ingiustizie   non   sono   ferite   mortali,   è   solo   l'orgoglio che   si   ribella   e   ci      impedisce   di   amare.   Dio   è   in   noi   quando   facciamo   felice   un'altra   persona,   accettando   il   suo   modo   di vivere.   Chi   ama   verrà   riamato      ed   è   riamato   del   suo   amore.   Chi   basa   la   propria   vita   sulla   parola   di   Dio   non   pensa egoisticamente   a   sé   stesso,   ma   vive   in   funzione      degli   altri   (cercando   di   non   essere   ingenuo)   e   non   è   motivo   di   contese   e divisioni.   Non   si   andrebbe   in   tribunale,   non   verrebbero      usate   le   nostre   parole   contro   di   noi.      Ritorniamo   a   Dio   che   è   la nostra paternità e la nostra origine, ammettiamo di avere tanto  sbagliato.   Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul monte Misma  
Ah...se tornassi indietro!
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
Monte Misma - Oasi della Pace - via Spersiglio 25 Pradalunga (Bergamo)
stampa la pagina
Un deserto   sul Misma
Maria Ausiliatrice del monte Misma
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
  Noi   siamo   chiamati   a   testimoniare   la   ricchezza più   grande   che   esiste   su   questa   terra,   la   parola di   Dio.   Ma   fintanto   che   non   la   sappiamo   rivelare come   si   conviene,   vediamo   una   dispersione   di valori     che     di     generazione     in     generazione penalizza   l'uomo.   È   conveniente   per   noi   vivere   la parola   di   Dio,   essa   non   serve   al   Signore,   ma include    tutte    le    nostre    necessità.    E’    la    parola dell'uomo.    Il    Dio    Creatore    desidera    che    noi abbiamo   a   conoscerla   per   il   nostro   bene,   non   per un   suo   vantaggio.   Non   vuole   il   frutto   della   nostra fatica,   nè   ci   chiede   una   parte   del   nostro   lavoro come   il   politico,   ci   lascia   tutto.   Semmai   è   felice che   la   sua   creatura   più   bella   ritorna   a   Lui   per l'eternità.   Se   avessimo   progettato   la   nostra   vita sui    suggerimenti    di    Dio,    l’avremmo    vissuta infinitamente    meglio,    sarebbe    stata    magica, meravigliosa.   Non   avremmo   rimpianti   e   delusioni per   i   tanti   errori   commessi,   perché   Dio   non   è   un carceriere   che   ci   impedisce   di   realizzare   ciò   che pensiamo   noi.   Nei   libri   sapienziali   ci   dice   in   un modo   molto   chiaro   quali   sono   le   problematiche   di ciascuno   di   noi:   prima   di   tutto   ci   invita   ad   essere molto   più   prudenti,   a   non   fidarci   di   tutti   (anche se   simpatici),   a   non   fare   il   passo   più   lungo   della gamba,   a   non   farci   maledire,   a   misurare   bene   le parole.   Il   Signore   sa   di   cosa   abbiamo   bisogno, perché   andiamo   alla   ricerca   di   cose   effimere   che paghiamo     a     caro     prezzo?     Qualsiasi     nostro progetto     implica     un     coinvolgimento,     avere l'amante   o   costruirci   sul   danaro,   non   costa   forse fatica?   C'è   una   grande   differenza   tra   una   vita gioiosa   e   una   piena   di   problemi.   Quante   volte abbiamo   detto:    "facevo   meglio   a…”,   se   avessi conosciuto il Signore vent'anni prima…" . È   intelligente   vivere   di   rammarichi   e   nostalgie? Perché    l'uomo,    la    creatura    perfetta    fatta    di materia   e   spirito,   ha   così   paura   a   conoscere   la parola    di    Dio    fino    in    fondo,    con    un    cuore contrito?    Non    è    la    stessa    cosa    camminare    in montagna   leggeri   o   con   un   carico   pesante   sulle spalle:   come   possiamo   godere   le   meraviglie   della natura    se    siamo    affaticati,    affannati,    oppressi, arrabbiati?   Quel   peso   ce   lo   siamo   messi   noi,   con   i nostri    pensieri    e    le    nostre    azioni    dissolute.    Il falso    non    prega    come    il    giusto?    La    stessa orazione   può   dirla   sia   il   buono   che   il   cattivo.   Con quale    stato    d'animo    chiediamo    una    grazia? Smettiamola   di   illuderci   che   con   la   preghiera   si ottiene   tutto   in   un   mondo   dove   c'è   solo   ipocrisia, maldicenza,   gelosia,   invidia   e   permalosità.   Noi preghiamo   con   la   malizia   che   abbiamo   nel   cuore, non   con   l'atteggiamento   esteriore   che   in   molti casi   nasconde   tante   colpe.   Se   dalla   nostra   bocca uscissero   i   sentimenti   che   abbiamo   nel   cuore, come   in   una   sorta   di   prova,   le   nostre   preghiere sarebbero   diverse.   Ecco   perché   è   scritto   non   chi dice    Signore,    Signore”    e    “con    la    bocca    si benedice   ma   col   cuore   si   maledice”.    Come   può la    preghiera    farci    conoscere    la    parola    di Dio?   La   preghiera   comunitaria   è   più   comoda,   ci fa   sentire   giusti   anche   se   non   lo   siamo   e   magari qualcuno    ci    illude    che    ha    sortito    dei    risultati. Basare      tutto      sulla      preghiera      ci      sposta dall'autenticità    cristiana,    ci    fa    continuare    nella stessa   vita,   mentre   conoscere   la   parola   di   Dio   è un   cammino   privato   e   personale,   ci   disillude,   ci fa   pregare   come   si   conviene.   La   parola   di   Dio   è   la miglior   via   per   l’uomo,   siamo   invitati   a   seguirla per   evitare   tante   trappole   e   vivere   bene   la   nostra esperienza    terrena,    mentre    uno    che    si    affida all'improvvisazione,   al   fatalismo   e   alle   seduzioni del   mondo,   vive   male.   Chi   ruba   non   rischia?   I mafiosi    che    hanno    potere    sul    mondo    devono vivere   in   un   bunker.   Noi   creiamo   i   nostri   bunker con   la   superbia   e   non   ne   usciamo   più.   La   parola di   Dio   è   parola   di   vita.   Ci   crediamo?   Prendiamo   il salmo   23:   Il   Signore   è   il   mio   pastore:   non   manco di    nulla;    su    pascoli    erbosi    mi    fa    riposare    ad acque    tranquille    mi    conduce.    Mi    rinfranca,    mi guida   per   il   giusto   cammino,   per   amore   del   suo nome.    Se    dovessi    camminare    in    una    valle oscura,   non   temerei   alcun   male,   perché   tu   sei con    me.    Il    tuo    bastone    e    il    tuo    vincastro    mi danno   sicurezza.   Davanti   a   me   tu   prepari   una mensa   sotto   gli   occhi   dei   miei   nemici;   cospargi   di olio   il   mio   capo.   Il   mio   calice   trabocca.   Felicità   e grazia   mi   saranno   compagne   tutti   i   giorni   della mia   vita,   e   abiterò   nella   casa   del   Signore   per lunghissimi    anni.     Se    Dio    è    con    noi    in    ogni momento   della   vita,   perché   siamo   presi   da   paure e   deliri?   Oppure   ci   dà   sicurezza   solo   un   bel   conto in   banca?   L'unica   cosa   che   non   si   è   mai   sentita,   è una   persona   pentita   per   aver   scelto   la   parola   di Dio   e   accettato   la   sua   guida   fin   dall'inizio.   Non   ha rimpianti   di   aver   fatto   cose   buone,   è   felice   anche se    ha    fatto    delle    rinunce.    Quando    non    si    ha questa      gioia   nel   cuore,   per   chiudere   i   propri errori   si   arriva   anche   ad   uccidere,   soprattutto con   la   lingua.   Sarebbe   bello   se   fin   da   bambini     vivessimo   con   più   saggezza   e   armonia   le   verità della     nostra     fede,     non     vedremmo     questa desolazione, saremmo più protetti.  QUANTA FATICA ABBIAMO SPRECATO INUTILMENTE  Alla   fine   di   una   vita   in   molti   casi,   aprendo   le mani   non   ci   rimane   niente;   sarebbe   stato   meglio stare   di   più   con   la   famiglia,      avremmo   avuto   un risultato    migliore.    Dopo    tanti    sacrifici    di    due genitori,   il   momento   di   lasciare   l'eredità   diventa motivo   di   odio   tra      familiari.   È   terribile!   Siamo vittime   della   nostra   ignoranza.   Non   si   è   genitori comprando     ai     figli     un     regalino     per     ogni occasione,      perché   i   più   insoddisfatti   sono   proprio loro.    Abbiamo    trasmesso    l'amore?    Li    abbiamo abbracciati,      baciati      e      accarezzati      oppure        avevamo    cose    più    importanti    da    fare?    Senza amore   questi   vengono   buttati   nelle   braccia   del mondo   e   poi   risucchiati   da   un      meccanismo   che   li distrugge.     Diciamo     loro     che     quando     fanno famiglia   devono   stare   vicini   al   proprio   coniuge   e amare    i    figli.    Se        marito    e    moglie    avessero vissuto   meglio   il   loro   amore,   quanti   problemi   in meno   ci   sarebbero,   quante   opportunità   in   meno di        peccare!    A    loro    è    concesso    di    concepire l'amore,   quello   puro,   che   completa   i   due   corpi con   un   sentimento   sublime,   senza   alcun      rischio. Non    va    usato    per    altri    scopi.    Siamo    stati all'altezza      come   figli   di   Dio   e   come   genitori? Cosa   porteremo   quel   giorno   davanti      al   Signore, le   nostre   preghiere?   Non   andiamo   a   diffondere   la preghiera   come   fossimo   martelli   pneumatici,   con il   cuore   pieno   di      rabbia.   Se   un   familiare   non segue   la   nostra   strada,   accogliamolo   con   amore e        dolcezza,        senza        imposizioni.        Non          decristianizziamo   il   mondo   con   la   preghiera!   E’    una    profanazione    che    un    giorno    potrebbe determinare   la   nostra   condanna;      semmai   diamo valore   alle   preghiere.   Pensiamo   che   il   Signore   sia contento   quando   lo   siamo   noi,   magari   dopo   una bella   funzione      religiosa   o   un   bel   pellegrinaggio? Se    poi    sparliamo    e    giudichiamo,    come    fa    a gioire?     Anche     noi     ci     rattristiamo.     Sarebbe contento   se      la   nostra   felicità   durasse   tutta   la vita,   anche   nelle   prove   più   dure.   Chi   si   offende ed      è      permaloso,      a      sua      volta      offende,        ricordiamocelo.   Cosa   c’è   di   cristiano   in   chi   non   è disponibile   ad   accettare   un'ingiustizia   e   rimanda l'offesa   perché   è   stato   toccato      nell'orgoglio?   Il motivo     dei     nostri     problemi     è     che     non abbiamo   saputo   vivere   la   parola   del   Signore fin    dall'inizio.     La    cosa    più        bella,    che    fa traboccare   di   gioia   il   cuore   di   Maria   Santissima   e di   Gesù,   è   quando   non   ci   facciamo   provocare   dal prossimo     e          accettiamo     l'ingiustizia     senza difenderci   dall'offesa.   Siamo   forti   quando   siamo deboli,   siamo   grandi   quando   siamo   piccoli,   siamo     ricchi    quando    siamo    poveri.    Perché    abbiamo paura?   Le      ingiustizie   non   sono   ferite   mortali,   è solo   l'orgoglio   che   si   ribella   e   ci      impedisce   di amare.    Dio    è    in    noi    quando    facciamo    felice un'altra    persona,    accettando    il    suo    modo    di vivere.   Chi   ama   verrà   riamato      ed   è   riamato   del suo   amore.   Chi   basa   la   propria   vita   sulla   parola di   Dio   non   pensa   egoisticamente   a   sé   stesso,   ma vive    in    funzione        degli    altri    (cercando    di    non essere   ingenuo)   e   non   è   motivo   di   contese   e divisioni.    Non    si    andrebbe    in    tribunale,    non verrebbero      usate   le   nostre   parole   contro   di   noi.     Ritorniamo   a   Dio   che   è   la   nostra   paternità   e   la nostra     origine,     ammettiamo     di     avere     tanto       sbagliato.

Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul

monte Misma

 
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
versione mobile