Maria Ausiliatrice del monte Misma
Un deserto  sul Misma
  In   realtà   noi   vogliamo   sentire   la   parola   dell'uomo   in   nome   di   Dio   o   vogliamo   sentire   Dio?   Il   concetto   è   molto   diverso. L'uomo   che   parla   in   nome   di   Dio   ha   una   sua   valenza,   perché   ci   fa   conoscere   i   decreti,   i   comandamenti,   le   vie   e   le   regole da   seguire,   ma   poi   quando   si   tratta   di   affinare   tutto   questo   e   dare   valore   a   quello   che   già   si   conosce,   non   abbiamo   più bisogno   di   sentirci   ripetere   le   stesse   cose.   Fin   tanto   che   l'uomo   ha   bisogno   sempre   di   avere   delle   risposte   per sapere   quello   che   deve   fare,   dimostra   di   non   avere   fede,   perché   la   fede   è   illuminante,   risponde   a   tutte   le   sue esigenze.       Qualsiasi   uomo,   biblista   o   oratore,   parla      con   la   sua   conoscenza   e   il   suo   limite,   ma   sappiamo   che   rispetto   a Dio   è   un   microbo,   un   nulla.   Dunque   per   noi   è   più   importante   che   ci   lasciamo   formare   da   un   nulla,   anche   se   parla   in nome   di   Dio,   o   è   più   importante   che   ci   mettiamo   all'ascolto   del   Signore,   per   lasciarci   formare   in   una   misura   più   profonda e   perfetta?   Vogliamo   conquistare   un   nuovo   traguardo   o   continuare   a   fare   gli   errori   che   facevano   anche   i   nostri   avi?   Nelle lettere   di   san   Paolo   ci   viene   chiarito   in   un   modo   ben   preciso   quanto   valgono   i   nostri   discorsi,   perché   " dopo   il   sì   e   il   no, tutto   il   resto   viene   da   Satana" ,   dalla   materia.   Dall'avvento   di   Gesù   ad   oggi   l'uomo   è   peggiorato   in   una   misura   immensa, mentre   i   primi   cristiani,   quelli   che   pregavano   nelle   catacombe,   erano   i   depositari   della   vera   fede,   della   verità,   erano cristiani   autentici,   ben   diversi   da   quelli   di   oggi.   Essi   non   erano   istruiti   dai   dottori   della   legge   ebraica,   ma   erano   formati totalmente   dal   silenzio,   dall'applicazione,   dalla   meditazione   e   dall'abbandono   totale   a   Dio .   Avevano   il   sostegno dello   Spirito   Santo   e   sapevano   accettare   il   massacro   nelle   arene   in   un   modo   molto   sereno   e   coraggioso;   se   fossero   stati formati   dalla   parola   di   qualche   oratore,   non   ci   sarebbero   riusciti.   L'uomo,   in   generale,   ha   un   po'   il   prurito   delle   cose soprannaturali,   di   sentire   grandi   discorsi   ma,   tirando   le   conclusioni,   che   cosa   dimostra   di   portare   a   sé   stesso?   Solamente parole,   parole,   parole.   Se   portasse   la   verità   e   la   profondità   spirituale,   il   mondo   oggi   sarebbe   molto   diverso;   non dobbiamo   andare   in   cerca   di   sensazioni   ed   emozioni,   perché   tutti   i   discorsi   che   vengono   dall'uomo   sono   terreni,   non possono   nemmeno   essere   paragonati   a   quello   che   Gesù   vuole   suggerirci.   Dal   monte   Misma   il   Signore   ci   invita   a   non seguire   le   abitudini   del   mondo,   ma   la   sua   Parola.   Dopo   duemila   anni   la   parola   del   Signore   è   stata   spezzettata   e   presa   a spicchi   da   troppe   persone,   perché   ognuno   la   interpreta   a   modo   suo.   Così   invece   di   migliorare,   peggioriamo.   E’   stata modificata   nella   sua   sostanza   (dall’uomo,   non   da   Dio)   e   lo   vediamo   guardando   alle   generazioni   passate:   quello   che   ci hanno   trasmesso,   oggi   non   esiste   più.   Perché   è   stata   così   letteralmente   artefatta?   Chi   ha   permesso   all'uomo   di   dire che   oggi   non   è   più   peccato   quello   che   ieri   era   peccato?   I   nostri   genitori   e   i   nostri   nonni   trasmettevano   cose   ben diverse   rispetto   a   quelle   che   trasmettiamo   ai   nostri   figli;   ci   dicevano   cosa   era   giusto   e   cosa   non   era   giusto   fare,   mentre oggi   non   sappiamo   più   come   ci   si   deve   comportare.   Il   Signore   ci   vuole   parlare   ed   è   talmente   vicino   a   noi   che   se   glielo permettiamo,   ci   renderemmo   conto   di   non   avere   più   bisogno   di   impegnarci   in   “certi   spostamenti”.   Cerchiamo   di   dare valore   alle   parole   di   Gesù   e   non   a   quelle   dell'uomo,   perché   ci   sono   persone   che   parlano   bene,   che   coinvolgono,   che emozionano,   ma   una   volta   finito   il   discorso,   dopo   poco   tempo   non   rimane   più   niente.   Il   modo   migliore   di   interiorizzare   la parola   di   Dio   è   quello   di   comportarsi   come   si   è   comportata   la   Madonna,    nell'abbandono   e   nel   silenzio,   nella meditazione,   nell'esaltare   nell’anima   la   parola   del   Signore,   non   di   farsi   coinvolgere   dalle   persone   esterne   che,   pur brave   che   siano,   sono   sempre   molto   limitate.   Con   un   po'   di   incoscienza   possiamo   abbandonarci   alla   maestria   e   ai suggerimenti   del   Signore,   perché   la   sua   Parola   è   illuminante,   rischiara   tutto   il   buio   della   Terra;   quando   avremo   la   sua luce,   non   avremo   più   bisogno   di   spiegazioni   e   di   chiarimenti,   perché   la   verità   sarà   in   noi.   Lasciamoci   inondare   dalla parola   del   silenzio,   non   progettiamo   o   ragioniamo   quello   che   invece   il   Signore   intende   suggerirci.   L'uomo   è   in   buona fede,   ma   se   Giovanni   Paolo   II   ci   ha   detto   di   diffidare   dei   nuovi   teologi,   ci   sarà   un   motivo.   Proviamo   a   non   seguire   le promozioni   moderne   e   ritiriamoci   ad   ascoltare   la   parola   del   Signore   come   facevano   i   primi   cristiani,   non      pensiamo   che   il silenzio   sia   una   cosa   vana.   Per   fare   un   cammino   di   abbandono   totale   a   Dio,   come   ci   ha   espressamente   chiesto   la Madonna   sul   monte   Misma,   iniziamo   a   non   parlare   del   Signore   in   modo   improprio,   perché   l'uomo   commette   anche questo   grave   errore   senza   rendersene   conto.   Quando   avremo   capito   quello   che   Gesù   ci   ha   rivelato   e   che   il   mondo   ha voluto   vanificare,   potremo   essere   degni   di   parlare   in   nome   di   Dio,   ma   prima   stiamo   attenti,   perché   di   ogni   parola infondata   ne   dovremo   rendere   conto.   Il   male   trova   uno   spazio   immenso   nei   nostri   discorsi:    ci   lascia   pregare   e andare   a   messa,    ma   ci   fa   parlare   e   ragionare,   la   cosa   più   dannosa   per   la   nostra   fede,    perché   non   è   fatta   di   parole ma   di   opere.   Quando   ci   mettiamo   a   ragionare,   tiriamo   le   conclusioni   a   nostro   favore,   perché   secondo   noi   sono   gli   altri che   sbagliano.   Se   manca   l'amore   nella   nostra   fede,   manca   tutto.   Non   abbiamo   capito   Gesù   a   causa   del   nostro   malcelato egoismo,   che   continua   a   suggerirci   fatti   che   non   esistono   (come   giustificare   gli   errori   delle   persone)   e   ci   impedisce l’abbandono   a   Dio.   Cerchiamo   di   essere   fermi   strumenti   della   parola   del   Signore,   così   lo   Spirito   Santo   scenderà   su   di   noi e improvvisamente la nostra vita si illuminerà di immenso.   Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul monte Misma  
La parola del silenzio
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
Monte Misma - Oasi della Pace - via Spersiglio 25 Pradalunga (Bergamo)
stampa la pagina
Un deserto   sul Misma
Maria Ausiliatrice del monte Misma
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
In   realtà   noi   vogliamo   sentire   la   parola   dell'uomo in    nome    di    Dio    o    vogliamo    sentire    Dio?    Il concetto   è   molto   diverso.   L'uomo   che   parla   in nome   di   Dio   ha   una   sua   valenza,   perché   ci   fa conoscere   i   decreti,   i   comandamenti,   le   vie   e   le regole   da   seguire,   ma   poi   quando   si   tratta   di affinare   tutto   questo   e   dare   valore   a   quello   che già    si    conosce,    non    abbiamo    più    bisogno    di sentirci   ripetere   le   stesse   cose.   Fin   tanto   che l'uomo    ha    bisogno    sempre    di    avere    delle risposte    per    sapere    quello    che    deve    fare, dimostra   di   non   avere   fede,   perché   la   fede   è illuminante,      risponde      a      tutte      le      sue esigenze.       Qualsiasi   uomo,   biblista   o   oratore, parla      con   la   sua   conoscenza   e   il   suo   limite,   ma sappiamo   che   rispetto   a   Dio   è   un   microbo,   un nulla.   Dunque   per   noi   è   più   importante   che   ci lasciamo   formare   da   un   nulla,   anche   se   parla   in nome   di   Dio,   o   è   più   importante   che   ci   mettiamo all'ascolto   del   Signore,   per   lasciarci   formare   in una   misura   più   profonda   e   perfetta?   Vogliamo conquistare   un   nuovo   traguardo   o   continuare   a fare   gli   errori   che   facevano   anche   i   nostri   avi? Nelle   lettere   di   san   Paolo   ci   viene   chiarito   in   un modo    ben    preciso    quanto    valgono    i    nostri discorsi,   perché   " dopo   il   sì   e   il   no,   tutto   il   resto viene   da   Satana" ,   dalla   materia.   Dall'avvento   di Gesù   ad   oggi   l'uomo   è   peggiorato   in   una   misura immensa,    mentre    i    primi    cristiani,    quelli    che pregavano   nelle   catacombe,   erano   i   depositari della    vera    fede,    della    verità,    erano    cristiani autentici,   ben   diversi   da   quelli   di   oggi.   Essi   non erano   istruiti   dai   dottori   della   legge   ebraica,   ma erano     formati     totalmente     dal     silenzio, dall'applicazione,      dalla      meditazione      e dall'abbandono     totale     a     Dio .     Avevano     il sostegno     dello     Spirito     Santo     e     sapevano accettare   il   massacro   nelle   arene   in   un   modo molto    sereno    e    coraggioso;    se    fossero    stati formati   dalla   parola   di   qualche   oratore,   non   ci sarebbero   riusciti.   L'uomo,   in   generale,   ha   un   po' il    prurito    delle    cose    soprannaturali,    di    sentire grandi   discorsi   ma,   tirando   le   conclusioni,   che cosa   dimostra   di   portare   a   sé   stesso?   Solamente parole,   parole,   parole.   Se   portasse   la   verità   e   la profondità    spirituale,    il    mondo    oggi    sarebbe molto   diverso;   non   dobbiamo   andare   in   cerca   di sensazioni   ed   emozioni,   perché   tutti   i   discorsi che     vengono     dall'uomo     sono     terreni,     non possono    nemmeno    essere    paragonati    a    quello che   Gesù   vuole   suggerirci.   Dal   monte   Misma   il Signore   ci   invita   a   non   seguire   le   abitudini   del mondo,   ma   la   sua   Parola.   Dopo   duemila   anni   la parola   del   Signore   è   stata   spezzettata   e   presa   a spicchi    da    troppe    persone,    perché    ognuno    la interpreta   a   modo   suo.   Così   invece   di   migliorare, peggioriamo.     E’     stata     modificata     nella     sua sostanza   (dall’uomo,   non   da   Dio)   e   lo   vediamo guardando   alle   generazioni   passate:   quello   che   ci hanno   trasmesso,   oggi   non   esiste   più.   Perché   è stata     così     letteralmente     artefatta?     Chi     ha permesso   all'uomo   di   dire   che   oggi   non   è più   peccato   quello   che   ieri   era   peccato?   I nostri    genitori    e    i    nostri    nonni    trasmettevano cose     ben     diverse     rispetto     a     quelle     che trasmettiamo   ai   nostri   figli;   ci   dicevano   cosa   era giusto   e   cosa   non   era   giusto   fare,   mentre   oggi non   sappiamo   più   come   ci   si   deve   comportare.   Il Signore   ci   vuole   parlare   ed   è   talmente   vicino   a noi   che   se   glielo   permettiamo,   ci   renderemmo conto   di   non   avere   più   bisogno   di   impegnarci   in “certi   spostamenti”.   Cerchiamo   di   dare   valore   alle parole   di   Gesù   e   non   a   quelle   dell'uomo,   perché ci     sono     persone     che     parlano     bene,     che coinvolgono,    che    emozionano,    ma    una    volta finito   il   discorso,   dopo   poco   tempo   non   rimane più   niente.   Il   modo   migliore   di   interiorizzare   la parola   di   Dio   è   quello   di   comportarsi   come   si   è comportata   la   Madonna,    nell'abbandono   e   nel silenzio,     nella     meditazione,     nell'esaltare nell’anima   la   parola   del   Signore,   non   di   farsi coinvolgere   dalle   persone   esterne   che,   pur   brave che   siano,   sono   sempre   molto   limitate.   Con   un po'    di    incoscienza    possiamo    abbandonarci    alla maestria   e   ai   suggerimenti   del   Signore,   perché   la sua   Parola   è   illuminante,   rischiara   tutto   il   buio della    Terra;    quando    avremo    la    sua    luce,    non avremo     più     bisogno     di     spiegazioni     e     di chiarimenti,     perché     la     verità     sarà     in     noi. Lasciamoci   inondare   dalla   parola   del   silenzio,   non progettiamo   o   ragioniamo   quello   che   invece   il Signore   intende   suggerirci.   L'uomo   è   in   buona fede,    ma    se    Giovanni    Paolo    II    ci    ha    detto    di diffidare   dei   nuovi   teologi,   ci   sarà   un   motivo. Proviamo   a   non   seguire   le   promozioni   moderne   e ritiriamoci    ad    ascoltare    la    parola    del    Signore come   facevano   i   primi   cristiani,   non      pensiamo che   il   silenzio   sia   una   cosa   vana.   Per   fare   un cammino   di   abbandono   totale   a   Dio,   come   ci   ha espressamente    chiesto    la    Madonna    sul    monte Misma,    iniziamo    a    non    parlare    del    Signore    in modo   improprio,   perché   l'uomo   commette   anche questo    grave    errore    senza    rendersene    conto. Quando    avremo    capito    quello    che    Gesù    ci    ha rivelato    e    che    il    mondo    ha    voluto    vanificare, potremo   essere   degni   di   parlare   in   nome   di   Dio, ma   prima   stiamo   attenti,   perché   di   ogni   parola infondata   ne   dovremo   rendere   conto.   Il   male trova     uno     spazio     immenso     nei     nostri discorsi:    ci   lascia   pregare   e   andare   a   messa,   ma   ci   fa   parlare   e   ragionare,   la   cosa   più dannosa    per    la    nostra    fede,     perché    non    è fatta   di   parole   ma   di   opere.   Quando   ci   mettiamo a    ragionare,    tiriamo    le    conclusioni    a    nostro favore,    perché    secondo    noi    sono    gli    altri    che sbagliano.   Se   manca   l'amore   nella   nostra   fede, manca   tutto.   Non   abbiamo   capito   Gesù   a   causa del    nostro    malcelato    egoismo,    che    continua    a suggerirci      fatti      che      non      esistono      (come giustificare     gli     errori     delle     persone)     e     ci impedisce    l’abbandono    a    Dio.    Cerchiamo    di essere   fermi   strumenti   della   parola   del   Signore, così    lo    Spirito    Santo    scenderà    su    di    noi    e improvvisamente   la   nostra   vita   si   illuminerà   di immenso.

Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul

monte Misma

 

I suggerimenti di Maria santissima sul monte Misma

                                            La parola del silenzio
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
versione mobile