Maria Ausiliatrice del monte Misma
Un deserto  sul Misma
Sembra   che   la   cosa   più   importante   sia   la   libertà   di   dire   quello   che   si   pensa.   Ma   la   parola   di   Dio   non   è   democrazia,   è legge.   E   la   legge   non   va   discussa   e   svuotata   del   suo   significato.   In   ogni   ambiente   sociale   c'è   una   sobillazione,   una tribolazione,   una   confusione   e   un   invidia   incredibile.   Anche   nelle   famiglie   ci   sono      ribellioni,   contrarietà,   scontri   verbale.   È terribile!   Cosa   sta   succedendo?   Accade   questo   perché   pensiamo   di   avere   la   libertà   e   il   diritto   di   dire   tutto,   ma   davanti al   Signore   non   c'è   il   diritto,   c'è   il   dovere.    A   noi   sembra   di   volerci   bene,   ma   non   è   così.   Addirittura   nei   luoghi   che dovrebbero   essere   la   fonte   della   fede   come   le   parrocchie,   i   seminari,   i   conventi   e   in   Vaticano,   è   entrata   quella   brutta abitudine    di    commentare    e    di    giudicare.    Uno    degli    elementi    che    ha    caratterizzato    gli    strumenti    del    Signore    è l'obbedienza.   Con   essa   non   si   crea   la   base   nella   contrarietà   o   del   referendum,   tutto   accade   per   volontà   di   Dio.   Dove   c'è una   discussione   non   si   forma   niente   in   nome   di   Dio,   non   dobbiamo   avere   il   desiderio   di   dire   anche   noi   la   nostra   per sentirci   qualcuno.   Siamo   graditi   al   Signore   quando   lasciamo   parlare   gli   altri   e   siamo   concordi   nel   cammino,   unanimi   e conformi   nelle   nostre   parole.    È   Dio   che   ci   dà   la   forza   di   resistere   ad   ogni   ingiustizia,   non   il   commento   o   il discorso   da   salotto .   Siamo   determinanti   per   realizzare   le   opere   del   Signore,   ma   non   avverrà   contro   la   nostra   volontà. Ci   rendiamo   conto   che   tutto   quello   che   facciamo   va   contro   di   noi?   Non   si   sconfigge   il   diavolo   con   la   libertà   di   dire   quello che   si   vuole.   È   di   ben   altra   fattura   la   sua   intelligenza   e   la   sua   furbizia.   Non   ci   fa   specie   che   in   ogni   posto   frequentato dall'uomo   c'è   un   problema?   Persino   chi   abita   da   solo   si   arrabbia   con   se   stesso!   La   parola   di   Dio   è   pace,   amore,   gioia piena.   La   riveliamo?   C'è   una   cosa   che   unisce   tutte   le   immagini   della   Madonna:   ha   la   bocca   chiusa   in   adorazione   del Signore.   Se   ci   facessero   una   foto,   quante   volte   siamo   con   la   bocca   chiusa?   Il   Signore   non   ha   bisogno   delle   nostre   favole, ma   delle   nostre   azioni.   Vivere   il   Vangelo   è   una   cosa   paradisiaca,   ci   fa   rendere   conto   che   non   abbiamo   bisogno   di   parlare, fa   tutto   lo   Spirito   buono   che   trasmette   una   luce   e   una   verità   a   nostra   insaputa.   Siamo   all'altezza   di   rivelare   la   vera parola   del   Signore   oppure   ci   sentiamo   messaggeri   o   veggenti?   Erano   più   intelligenti   le   persone   di   una   volta   pur   avendo studiato   meno.   In   un'epoca   in   cui   non   c'era   niente,   inventavano   anche   quello   che   non   era   scritto   sui   libri,   ora   che abbiamo    tutto,    portiamo    solo    confusione.    Il    Signore    non    vuole    la    nostra    ragione,    vuole    l'obbedienza.     Chi obbedisce   riceverà   copiosamente   lo   Spirito   Santo   perché   dimostra   di   essere   terreno   fertile.   Esprime   l'umiltà.   Quello   che sta   zitto   subisce   l'arroganza   e   la   prepotenza   di   chi   usa   tante   parole,   magari   sdolcinate   e   mielose   così   sembrano   più credibili.   Quando   uno   si   ostina   sulle   sue   linee   è   per   dominare   l'altro,   è   come   un   animale   che   attacca   se   vede   la   paura nell'altro.   Nulla   sostituisce   la   gioia   che   ci   mette   dentro   il   Signore,   chi   ha   la   sua   grazia   sta   bene   anche   sui   carboni   ardenti. Colui   che   ha   Dio   nel   cuore   misura   le   proprie   parole:   siamo   disposti   a   tacere   anche   quando   abbiamo   ragione?   Gusta meglio   la   vittoria   chi   sa   accettare   la   sconfitta,    cioè   la   vigliaccheria   altrui.   Non   a   caso   Maria   Santissima   e   gli   apostoli principalmente   ci   insegnano   l'obbedienza   e   il   silenzio.   Molti   cristiani   dicono   che   non   riescono   a   osservare   i   comandamenti perché   non   li   hanno   conosciuti,   non   sanno   che   cosa   è   la   fede   e   vivono   del   proprio   secondo   me ”.   Essi   non   sono   una fustigazione   o   una   prigione,   ma   ci   fanno   vivere   felici   e   nella   libertà,   senza   dipendere   più   dalle   situazioni   che   ci circondano.   Chi   li   rispetta   si   rende   conto   che   è   più   difficile   trasgredirli,   anche   tra   le   tentazioni   di   tutti   i   giorni.   Tante problematiche   della   nostra   vita   sono   dovute   alle   nostre   scelte,   proviamo   a   vivere   i   comandamenti,   mettiamoci   in   gioco. Dio   non   è   quello   che   pensiamo   noi,   non   servono   a   niente   le   nostre   illustrazioni,   chi   ce   l'ha   nel   cuore   sarà   invincibile,   non è   sottomesso   alle   persone   che   incontra   e   non   sembra   vittima   di   tutti   i   sortilegi.   Come   l'avvocato   non   diventa   tale   in   due giorni,   così   non   è   sufficiente   entrare   in   chiesa   per   dire   che   siamo   cristiani.   La   battaglia   più   dura   della   vita   è   quella   di conservare   l'equilibrio   della   fede.    Non   possiamo   dire   ”oggi   mi   sono   convertito”,       perché   dobbiamo   fare   i   conti   con   un nemico   invisibile   che   in   tutti   modi   vuole   impedirci   di   far   entrare   Dio   nel   cuore.   Però   ci   lascia   pregare,   fare   digiuni   e andare   a   messa.   Chi   l'ha   nel   cuore   non   giudica   nessuno   perché   si   sente   il   peggiore.   Altro   che   criticare   i   sacerdoti   quando non   fanno   quello   che   diciamo   noi.   Essi   hanno   una   battaglia   più   dura   della   nostra   perché   il   male   fa   di   tutto   per   confondere i   pastori,   mentre   le   pecorelle   si   confondono   tra   di   loro,   fanno   la   gara   a   chi   è   più   bravo   e   a   chi   prega   di   più.   E   si   escludono a   vicenda...   Mai   un   cristiano   deve   permettersi   di   dire   una   parola   stonata.   La   parola   di   Dio   è   equilibrio   perfetto,   ci   rende leggeri,   è   il   miglior   viatico   della   nostra   vita.   Perché   vogliamo   anteporre   la   nostra   opinione?   Chi   non   osserva   la   legge   è contro la legge.   Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul monte Misma  
La parola di Dio non è democrazia
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
Monte Misma - Oasi della Pace - via Spersiglio 25 Pradalunga (Bergamo)
stampa la pagina
Un deserto   sul Misma
Maria Ausiliatrice del monte Misma
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
  Sembra   che   la   cosa   più   importante   sia   la   libertà di   dire   quello   che   si   pensa.   Ma   la   parola   di   Dio non   è   democrazia,   è   legge.   E   la   legge   non   va discussa   e   svuotata   del   suo   significato.   In   ogni ambiente     sociale     c'è     una     sobillazione,     una tribolazione,     una     confusione     e     un     invidia incredibile.     Anche     nelle     famiglie     ci     sono       ribellioni,   contrarietà,   scontri   verbale.   È   terribile! Cosa    sta    succedendo?    Accade    questo    perché pensiamo   di   avere   la   libertà   e   il   diritto   di   dire tutto,   ma   davanti   al   Signore   non   c'è   il   diritto, c'è   il   dovere.    A   noi   sembra   di   volerci   bene,   ma non   è   così.   Addirittura   nei   luoghi   che   dovrebbero essere   la   fonte   della   fede   come   le   parrocchie,   i seminari,    i    conventi    e    in    Vaticano,    è    entrata quella    brutta    abitudine    di    commentare    e    di giudicare.      Uno      degli      elementi      che      ha caratterizzato     gli     strumenti     del     Signore     è l'obbedienza.   Con   essa   non   si   crea   la   base   nella contrarietà   o   del   referendum,   tutto   accade   per volontà   di   Dio.   Dove   c'è   una   discussione   non   si forma    niente    in    nome    di    Dio,    non    dobbiamo avere   il   desiderio   di   dire   anche   noi   la   nostra   per sentirci     qualcuno.     Siamo     graditi     al     Signore quando     lasciamo     parlare     gli     altri     e     siamo concordi   nel   cammino,   unanimi   e   conformi   nelle nostre    parole.     È    Dio    che    ci    dà    la    forza    di resistere      ad      ogni      ingiustizia,      non      il commento    o    il    discorso    da    salotto .    Siamo determinanti   per   realizzare   le   opere   del   Signore, ma    non    avverrà    contro    la    nostra    volontà.    Ci rendiamo   conto   che   tutto   quello   che   facciamo   va contro   di   noi?   Non   si   sconfigge   il   diavolo   con   la libertà   di   dire   quello   che   si   vuole.   È   di   ben   altra fattura   la   sua   intelligenza   e   la   sua   furbizia.   Non   ci fa   specie   che   in   ogni   posto   frequentato   dall'uomo c'è   un   problema?   Persino   chi   abita   da   solo   si arrabbia   con   se   stesso!   La   parola   di   Dio   è   pace, amore,   gioia   piena.   La   riveliamo?   C'è   una   cosa che   unisce   tutte   le   immagini   della   Madonna:   ha la   bocca   chiusa   in   adorazione   del   Signore.   Se   ci facessero   una   foto,   quante   volte   siamo   con   la bocca   chiusa?   Il   Signore   non   ha   bisogno   delle nostre   favole,   ma   delle   nostre   azioni.   Vivere   il Vangelo   è   una   cosa   paradisiaca,   ci   fa   rendere conto   che   non   abbiamo   bisogno   di   parlare,   fa tutto   lo   Spirito   buono   che   trasmette   una   luce   e una   verità   a   nostra   insaputa.   Siamo   all'altezza   di rivelare    la    vera    parola    del    Signore    oppure    ci sentiamo    messaggeri    o    veggenti?    Erano    più intelligenti   le   persone   di   una   volta   pur   avendo studiato    meno.    In    un'epoca    in    cui    non    c'era niente,   inventavano   anche   quello   che   non   era scritto   sui   libri,   ora   che   abbiamo   tutto,   portiamo solo    confusione.    Il    Signore    non    vuole    la nostra     ragione,     vuole     l'obbedienza.      Chi obbedisce   riceverà   copiosamente   lo   Spirito   Santo perché     dimostra     di     essere     terreno     fertile. Esprime    l'umiltà.    Quello    che    sta    zitto    subisce l'arroganza    e    la    prepotenza    di    chi    usa    tante parole,     magari     sdolcinate     e     mielose     così sembrano    più    credibili.    Quando    uno    si    ostina sulle   sue   linee   è   per   dominare   l'altro,   è   come   un animale   che   attacca   se   vede   la   paura   nell'altro. Nulla   sostituisce   la   gioia   che   ci   mette   dentro   il Signore,   chi   ha   la   sua   grazia   sta   bene   anche   sui carboni    ardenti.    Colui    che    ha    Dio    nel    cuore misura   le   proprie   parole:   siamo   disposti   a   tacere anche   quando   abbiamo   ragione?   Gusta   meglio la   vittoria   chi   sa   accettare   la   sconfitta,    cioè la     vigliaccheria     altrui.     Non     a     caso     Maria Santissima     e     gli     apostoli     principalmente     ci insegnano     l'obbedienza     e     il     silenzio.     Molti cristiani   dicono   che   non   riescono   a   osservare   i comandamenti   perché   non   li   hanno   conosciuti, non    sanno    che    cosa    è    la    fede    e    vivono    del proprio     secondo     me ”.     Essi     non     sono     una fustigazione   o   una   prigione,   ma   ci   fanno   vivere felici   e   nella   libertà,   senza   dipendere   più   dalle situazioni    che    ci    circondano.    Chi    li    rispetta    si rende   conto   che   è   più   difficile   trasgredirli,   anche tra     le     tentazioni     di     tutti     i     giorni.     Tante problematiche   della   nostra   vita   sono   dovute   alle nostre   scelte,   proviamo   a   vivere   i   comandamenti, mettiamoci    in    gioco.    Dio    non    è    quello    che pensiamo   noi,   non   servono   a   niente   le   nostre illustrazioni,   chi   ce   l'ha   nel   cuore   sarà   invincibile, non   è   sottomesso   alle   persone   che   incontra   e non    sembra    vittima    di    tutti    i    sortilegi.    Come l'avvocato   non   diventa   tale   in   due   giorni,   così non   è   sufficiente   entrare   in   chiesa   per   dire   che siamo    cristiani.    La    battaglia    più    dura    della vita   è   quella   di   conservare   l'equilibrio   della fede.      Non     possiamo     dire     ”oggi     mi     sono convertito”,       perché   dobbiamo   fare   i   conti   con   un nemico   invisibile   che   in   tutti   modi   vuole   impedirci di    far    entrare    Dio    nel    cuore.    Però    ci    lascia pregare,   fare   digiuni   e   andare   a   messa.   Chi   l'ha nel   cuore   non   giudica   nessuno   perché   si   sente   il peggiore.   Altro   che   criticare   i   sacerdoti   quando non   fanno   quello   che   diciamo   noi.   Essi   hanno   una battaglia   più   dura   della   nostra   perché   il   male   fa di    tutto    per    confondere    i    pastori,    mentre    le pecorelle   si   confondono   tra   di   loro,   fanno   la   gara a   chi   è   più   bravo   e   a   chi   prega   di   più.   E   si escludono    a    vicenda...    Mai    un    cristiano    deve permettersi   di   dire   una   parola   stonata.   La   parola di   Dio   è   equilibrio   perfetto,   ci   rende   leggeri,   è   il miglior   viatico   della   nostra   vita.   Perché   vogliamo anteporre   la   nostra   opinione?   Chi   non   osserva   la legge è contro la legge. Confidenze   di   Maria   santissima   a   Roberto   Longhi   sul monte Misma  
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
versione mobile