Maria Ausiliatrice del monte Misma
Un deserto  sul Misma
  Noi   non   sappiamo   come   si   dovrebbe   servire   il   Signore,   perché   continuiamo   a   fare   ciò   che   non   dobbiamo   fare   e   non facciamo   quello   che   dovremmo   fare.   Ma   sappiamo   cosa   è   bene   e   cosa   è   male?   Secondo   la   nostra   logica   è   sufficiente resistere   al   peccato   per   essere   autentici,   per   sentirci    “a   posto” .   In   realtà   il   peccato   e   gli   scandali   (che   ci   coinvolgono personalmente   perché   ne   dovremo   pagare   le   conseguenze),   rappresentano   il   male   solo   parzialmente,   in   quanto   non creano   disordine,   sofferenza   e   disperazione   in   altre   persone.   Che   cosa   ha   creato   più   danno   e   più   sofferenza   agli   occhi   di Dio,   facendo   perdere   la   fede   nell’uomo,   il   peccato   (che   deve   essere   tolto)   o   la   parola?   Il   peccato   non   crea   danno all’immagine   della   fede,   dal   momento   che   è   personale,   mentre   alla   fede,   alla   parola   di   Dio,   alla   Chiesa      ha   creato   più danno   la   nostra   parola,   che   ha   commentato,   giudicato,   creato   categorie   o   livelli.   Dall’unica   legge   che   Dio   ha   dato all’uomo,   la   parola   ha   dato   origine   a   tutte   le      religioni   e   le   sette,   alle   grandi   divisioni   e   agli   scismi   contro   la   Chiesa.   Ciò che   doveva   esaltare   e   lodare   il   Signore,   lo   ha   umiliato   nel   modo   più   atroce,   trasformandosi   in   un   male   infinito.   Ecco perché   nel   Vangelo   Gesù   ha   detto   Non   quello   che   entra   nella   bocca   rende   impuro   l’uomo,   ma   quello   che   esce   dalla bocca   rende   impuro   l’uomo!   ”.    Facciamo   un   esame   di   coscienza   totale.      Che   cosa   crea   più   danno   all’immagine   della Chiesa   agli   occhi   di   chi   è   ateo,   ciò   che   entra   dentro   di   noi   o   ciò   che   esce   da   noi?   Prima   di   fare   il   digiuno   del   cibo   facciamo quello   della   parola.   Mangiamo   pure   a   sazietà,   ma   dalla   nostra   bocca   non   esca   più   una   parola   cattiva.   Cosa   si   potrebbe evitare   tacendo… La   parola   e   il   nostro   modo   di   pensare   hanno   creato   tante   divisioni   e   sofferenze:   se   il   male   fosse   solo dentro   di   noi   e   non   lo   realizzassimo   con   la   parola   si   fermerebbe   tutto   lì.   Tutte   le   guerre,   i   delitti,   i   massacri   che   si   sono consumati   in   ogni   epoca   sono   avvenuti   a   causa   della   parola   collegata   al   pensiero   di   persone   che   avevano   dentro   di   tanto   male.   Prendiamo   ad   esempio   la   “strage   degli   innocenti”:       se   re   Erode   che   aveva   in   animo   quell’orribile   delitto,   non l’avrebbe   realizzato   con   la   parola,   sarebbe   rimasto   dentro   di   lui.      E’   triste   pensare   al   male   che   si   è   realizzato   con   la nostra   parola   anche   se   non   abbiamo   versato   sangue ”.   Misuriamo   e   facciamo   attenzione   ad   ogni   parola   che   esce   dalla nostra   bocca,   chiediamoci   se   è   diseducativa…   se   crea   danno   agli   altri…      o      se   crea   armonia...Quante   volte   sappiamo   di aver   ferito   con   la   parola   per   ripicca   o   vendetta   un   familiare,   un   collega   di   lavoro,   un   vicino,   un   nostro   amico?   Le sentenze,   le   calunnie   e   i   pettegolezzi      che   escono   dalla   nostra   bocca,   non   ci   procurano   alcun   merito   davanti   a   Dio;   sono come   una   piuma   che   non   si   posa   mai   a   terra:   con   un   piccolo   alito   la   piuma   prende   il   volo   ancora   e   non   si   ferma   mai… Non   a   caso   nel   Vangelo   S.Paolo   scrive   che   dopo   il   SI   e   il   NO   tutto   il   resto   viene   da   Satana” . Diamo   valore   con   il   nostro comportamento   alle   nostre   preghiere,    ai   nostri   sacrifici,   ai   nostri   digiuni.      Amiamo   veramente   con   cuore   sincero   e puro      e   guardiamo   con   occhi   diversi   i   nostri   cari,   anche   se   fino   a   ieri   abbiamo   avuto   contraddizioni   e   screzi.   Sentiamoci compartecipi      e   offriamo   il   nostro   dispiacere   al   Signore   e   alla   Madonna   per   le   umiliazioni   che   hanno   ricevuto   da   sempre con   la   parola   e   dissentiamo   silenziosamente   al   male   che   essa   ha   provocato.   Che   tristezza   per   Maria   Santissima   sentire uno   che   dice   “vai   a   fare   del   male   a   quella   persona”..      Potremmo   consolarla   ed   amarla   veramente   nel   nostro   nulla   e   con   i nostri   limiti,   per   tutte   le   sofferenze   che   accetta   per   amore   nostro,   se   il   nostro   cuore   parlasse   in   questo   modo   silenzioso davanti   a   Lei:   “O   Madre   cara,   che   dispiacere,   che   tristezza   che   ho   nel   cuore   sapere   che   ti   dimostrano   tanto   male   quei figli   che   tu   ami   incondizionatamente,   quei   figli   che   tu   vuoi   salvare”.      Se   uscissero   parole   di   grazie,   di   amicizia,   non   di dissenso,di   contestazione…..   Che   bello   vivere   davanti   ad   una   persona   che   ti   sostiene   e   ti   ringrazia   in   continuazione,   che ti   fa   capire   che   quello   che   fai   gli   da   gioia!   Che   sofferenza   stare   vicino   ad   uno   che   contesta   tutto!   Che   differenza   di   vita: dalla   massima   gioia   alla   massima   disperazione   e   tutto   viene   dalla   stessa   persona.   Il   male   nasce   dalla   parola,   quella parola   che   potrebbe   capovolgere   tutto   e   trasformarsi   in   bene.   Dovremmo   impegnarci   di   più   là   dove   c’è   divisione,   dove   ci sono   situazioni   impressionanti,   dando   un   giusto   peso   alle   cose   negative,      diventando   prudenti   nel   parlare   e   vivendo l’esperienza   del   silenzio.         Imitiamo   Maria   SS.   che   aveva   una   intelligenza   così   fine   da   capire   dove   c’era   l’inghippo   del male   e   da   mettere   in   pratica   ciò   che   poteva   eliminarlo   senza   creare   contrasti   e   divisioni:   il   silenzio.       Meditiamo   sul perché la Madonna desidera sul monte Misma un movimento denominato “i figli del Silenzio”.   Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul monte Misma  
L’origine di tutto il male: la parola
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
Monte Misma - Oasi della Pace - via Spersiglio 25 Pradalunga (Bergamo)
stampa la pagina
Un deserto   sul Misma
Maria Ausiliatrice del monte Misma
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
Noi   non   sappiamo   come   si   dovrebbe   servire   il Signore,   perché   continuiamo   a   fare   ciò   che   non dobbiamo     fare     e     non     facciamo     quello     che dovremmo   fare.   Ma   sappiamo   cosa   è   bene   e   cosa è   male?   Secondo   la   nostra   logica   è   sufficiente resistere    al    peccato    per    essere    autentici,    per sentirci     “a    posto” .    In    realtà    il    peccato    e    gli scandali     (che     ci     coinvolgono     personalmente perché    ne    dovremo    pagare    le    conseguenze), rappresentano    il    male    solo    parzialmente,    in quanto     non     creano     disordine,     sofferenza     e disperazione   in   altre   persone.   Che   cosa   ha   creato più    danno    e    più    sofferenza    agli    occhi    di    Dio, facendo    perdere    la    fede    nell’uomo,    il    peccato (che   deve   essere   tolto)   o   la   parola?   Il   peccato non    crea    danno    all’immagine    della    fede,    dal momento   che   è   personale,   mentre   alla   fede,   alla parola   di   Dio,   alla   Chiesa      ha   creato   più   danno   la nostra    parola,    che    ha    commentato,    giudicato, creato   categorie   o   livelli.   Dall’unica   legge   che   Dio ha   dato   all’uomo,   la   parola   ha   dato   origine   a tutte   le      religioni   e   le   sette,   alle   grandi   divisioni   e agli    scismi    contro    la    Chiesa.    Ciò    che    doveva esaltare   e   lodare   il   Signore,   lo   ha   umiliato   nel modo    più    atroce,    trasformandosi    in    un    male infinito.   Ecco   perché   nel   Vangelo   Gesù   ha   detto Non   quello   che   entra   nella   bocca   rende   impuro l’uomo,   ma   quello   che   esce   dalla   bocca   rende impuro     l’uomo!     ”.      Facciamo     un     esame     di coscienza    totale.        Che    cosa    crea    più    danno all’immagine   della   Chiesa   agli   occhi   di   chi   è   ateo, ciò   che   entra   dentro   di   noi   o   ciò   che   esce   da   noi? Prima   di   fare   il   digiuno   del   cibo   facciamo   quello della   parola.   Mangiamo   pure   a   sazietà,   ma   dalla nostra   bocca   non   esca   più   una   parola   cattiva. Cosa   si   potrebbe   evitare   tacendo… La   parola e   il   nostro   modo   di   pensare   hanno   creato   tante divisioni    e    sofferenze:    se    il    male    fosse    solo dentro   di   noi   e   non   lo   realizzassimo   con   la   parola si   fermerebbe   tutto   lì.   Tutte   le   guerre,   i   delitti,   i massacri   che   si   sono   consumati   in   ogni   epoca sono   avvenuti   a   causa   della   parola   collegata   al pensiero   di   persone   che   avevano   dentro   di   tanto    male.    Prendiamo    ad    esempio    la    “strage degli   innocenti”:       se   re   Erode   che   aveva   in   animo quell’orribile   delitto,   non   l’avrebbe   realizzato   con la   parola,   sarebbe   rimasto   dentro   di   lui.      E’   triste pensare   al   male   che   si   è   realizzato   con   la   nostra parola   anche   se   non   abbiamo   versato   sangue ”. Misuriamo   e   facciamo   attenzione   ad   ogni   parola che   esce   dalla   nostra   bocca,   chiediamoci   se   è diseducativa…   se   crea   danno   agli   altri…      o      se crea    armonia...Quante    volte    sappiamo    di    aver ferito   con   la   parola   per   ripicca   o   vendetta   un familiare,    un    collega    di    lavoro,    un    vicino,    un nostro    amico?    Le    sentenze,    le    calunnie    e    i pettegolezzi      che   escono   dalla   nostra   bocca,   non ci   procurano   alcun   merito   davanti   a   Dio;   sono come   una   piuma   che   non   si   posa   mai   a   terra: con    un    piccolo    alito    la    piuma    prende    il    volo ancora    e    non    si    ferma    mai…    Non    a    caso    nel Vangelo   S.Paolo   scrive   che   dopo   il   SI   e   il   NO tutto   il   resto   viene   da   Satana” . Diamo   valore con    il    nostro    comportamento    alle    nostre preghiere,    ai   nostri   sacrifici,   ai   nostri   digiuni.     Amiamo   veramente   con   cuore   sincero   e   puro      e guardiamo   con   occhi   diversi   i   nostri   cari,   anche se    fino    a    ieri    abbiamo    avuto    contraddizioni    e screzi.    Sentiamoci    compartecipi        e    offriamo    il nostro   dispiacere   al   Signore   e   alla   Madonna   per le   umiliazioni   che   hanno   ricevuto   da   sempre   con la   parola   e   dissentiamo   silenziosamente   al   male che   essa   ha   provocato.   Che   tristezza   per   Maria Santissima   sentire   uno   che   dice   “vai   a   fare   del male   a   quella   persona”..      Potremmo   consolarla ed   amarla   veramente   nel   nostro   nulla   e   con   i nostri   limiti,   per   tutte   le   sofferenze   che   accetta per   amore   nostro,   se   il   nostro   cuore   parlasse   in questo   modo   silenzioso   davanti   a   Lei:   “O   Madre cara,   che   dispiacere,   che   tristezza   che   ho   nel cuore   sapere   che   ti   dimostrano   tanto   male   quei figli   che   tu   ami   incondizionatamente,   quei   figli che    tu    vuoi    salvare”.        Se    uscissero    parole    di grazie,      di      amicizia,      non      di      dissenso,di contestazione…..   Che   bello   vivere   davanti   ad   una persona     che     ti     sostiene     e     ti     ringrazia     in continuazione,   che   ti   fa   capire   che   quello   che   fai gli   da   gioia!   Che   sofferenza   stare   vicino   ad   uno che   contesta   tutto!   Che   differenza   di   vita:   dalla massima   gioia   alla   massima   disperazione   e   tutto viene   dalla   stessa   persona.   Il   male   nasce   dalla parola,   quella   parola   che   potrebbe   capovolgere tutto     e     trasformarsi     in     bene.     Dovremmo impegnarci   di   più   là   dove   c’è   divisione,   dove   ci sono   situazioni   impressionanti,   dando   un   giusto peso   alle   cose   negative,      diventando   prudenti   nel parlare     e     vivendo     l’esperienza     del     silenzio.            Imitiamo   Maria   SS.   che   aveva   una   intelligenza così   fine   da   capire   dove   c’era   l’inghippo   del   male e   da   mettere   in   pratica   ciò   che   poteva   eliminarlo senza   creare   contrasti   e   divisioni:   il   silenzio.      Meditiamo   sul   perché   la   Madonna   desidera   sul monte   Misma   un   movimento   denominato   “i   figli del Silenzio”.  

Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul

monte Misma

 
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
versione mobile