Maria Ausiliatrice del monte Misma
Un deserto  sul Misma
Noi   siamo   solamente   coloro   che   Dio   ci   concede   di   essere,   senza   la   sua   mano   saremmo   né   più   né   meno   come   gli   altri; non   dichiariamoci   esenti   da   pericoli,   perché   poi   la   presunzione   non   è   una   dimostrazione   molto   gradita   al   Signore.   Come pensiamo   di   non   essere   fuorusciti   dalla   nostra   autenticità?   Oggi   si   tende   sempre   di   più   a   formare   comunità,   a creare   il   dialogo   e   a   racchiudere   tutto   nella   recita   della   preghiera:   sono   cose   buone   che   fanno   molto   presa sull'opinione   pubblica,   ma   così   si   mette   in   seconda   linea   la   parola   di   Dio.    La   nostra   vita   cristiana   deve   essere formata   su   di   essa,   altrimenti   non   sapremo   testimoniare   niente   e   ci   baseremo   solo   sulle   emozioni,   sui   discorsi   di   massa. La   forza,   l'efficacia   e   la   luce   della   parola   di   Dio   sono   insostituibili,   se   non   conosciamo   la   verità   cosa   andiamo   a   dire?   Le verità   rivelate   sulla   Bibbia   non   devono   essere   un   complemento   della   nostra   vita,   semmai   lo   è   la   preghiera   quando abbiamo   capito   la   Parola.   E’   giusto   pregare   quando   i   buoi   sono   fuori   dalla   stalla   o   è   meglio   comportarci   in   modo   da evitare   un   disastro   e   affidarci   a   Dio?   Smettiamola   di   rompere   i   vasi   e   di   andare   a   raccogliere   i   cocci,   usiamo   bene   la nostra   ragione.   Se   avessimo   rispettato   di   più   la   parola   del   Signore   non   vedremmo   queste   desolazioni,   ma   la   sua   potente mano   proteggerci   da   ogni   avvenimento.   La   preghiera   è   diventata   la   roccaforte   cristiana,   costruiamo   tutto   su   di   essa come   se   fosse   la   lampada   di   Aladino   (anziché   un   elemento   di   lode   al   Signore),   mentre   la   parola   di   Dio   è   diventata   un discorso   di   salotto.   Chi   la   conosce,   conosce   tutto,   perché   facciamo   così   fatica   a   costruirci   su   di   essa?   La   cosa   peggiore è   dare   la   parola   a   chi   non   è   all'altezza   della   situazione.   Un   professionista,   un   architetto   o   un   avvocato,   sono formati   sulla   conoscenza   non   decidono   loro   di   diventare   tali.      In   generale   gli   incontri   di   preghiera   non   sono   formativi, senza   i   salmi   e   le   verità   rivelate,   saremo   sempre   incompleti.   Non   dobbiamo   portare   la   preghiera   a   un   livello   di diseducazione    della    parola    di    Dio,    altrimenti    i    nostri    figli    non    sapranno    nemmeno    cosa    sono    il    catechismo    e    i comandamenti.   Se   noi   improvvisiamo   che   ne   sarà   della   nostra   fede?   Nei   momenti   difficili   sono   i   salmi   la   preghiera   per eccellenza   della   vita   vissuta,   i   libri   sapienziali   sono   la   vita   quotidiana,   non   possiamo   dimenticarci   di   essi   per   dare   la precedenza   alla   preghiera.   Quando   uno   si   forma   sulla   Parola   ottiene   sempre   una   risposta   più   ampia   e   la   preghiera   viene spontanea.   Oggi   ci   lasciamo   convincere   di   più   dalle   ricerche   storiche   che   spopolano   su   Internet   e   così   mettiamo   in dubbio   le   tradizioni   a   vantaggio   di   nuove   scoperte.   È   una   confusione   generata   dal   male.   Non   sostituiamo   le   basi   che   Dio ci   ha   rivelato   attraverso   i   profeti,   altrimenti         servono   a   nulla   le   sue   esortazioni.   Leggendo   le   Sacre   Scritture,   dove troviamo   un   cristiano   conforme   al   tipo   di   vita   che   viviamo   oggi?   Quante   volte   usiamo   la   Bibbia   davanti   alle   prove?      È   il nostro   codice   della   vita,   se   non   lo   conosciamo   non   possiamo   sapere   se   ci   comportiamo   nel   modo   giusto.   O   preferiamo ignorarlo   perché   ci   fa   comodo?   Chi   ci   dice   di   aggiungere   preghiere   su   preghiere,    non   è   formato   da   un   codice comportamentale,   destabilizza   la   parola   di   Dio.    Senza   la   formazione   non   sentiamo   il   senso   della   colpa,   ma   facciamo quello   che   dicono   gli   altri   e   diventa   una   cosa   normalissima   non   rispettare   la   parola   di   Dio.   Tra   qualche   anno   i   cristiani rimasti   saranno   formati   solo   sulla   preghiera   perché   è   la   cosa   più   comoda,   non   ci   dice   quello   che   possiamo   fare   e   quello che   non   possiamo   fare,   non   interferisce   con   la   nostra   coscienza   e   con   il   sacro   timor   di   Dio.   Bisogna   educare   a   pregare con   la   coscienza   pulita,   altrimenti   la   preghiera   non   vale   niente.   Il   salmista   (s.79)   ce   lo   ricorda:   S ignore,   Dio   degli eserciti,   fino   a   quando   fremerai   di   sdegno   contro   le   preghiere   del   tuo   popolo?    Com'è   bello   pregare   formati   sulla parola   del   Signore   e   realizzarla!   Piuttosto   che   dimenticarla   diciamo   due   preghiere   in   meno   che   è   meglio.   A   livello   italiano il   mandato   e   la   benedizione   che   Dio   ha   messo   nelle   nostre   mani   è   maggiore   rispetto   alle   altre   nazioni,   ma   più   grande   è anche   la   nostra   colpa,   perché   Dio   tanto   dà   e   tanto   chiede.   Già   una   volta   ha   spostato   il   suo   centro   da   Israele   a   Roma, vogliamo   che   lo   sposti   ancora?   Per   coloro   che   frequentano   il   Misma,   la   responsabilità   è   ancora   maggiore,   non   lasciamoci prendere   da   abitudini   esterne.   L'unico   che   non   ci   farà   mai   diventare   poveri   è   il   Signore,   ci   dà   il   fabbisogno   più   di   quello che   pensiamo   (senza   ricordarglielo)   a   condizione   che   noi,   popolo   eletto,   ci   formiamo   sulla   sua   parola.   Per   alcuni   anni Roberto   è   stato   formato   sull'obbedienza   da   Maria   Santissima,   solo   in   seguito    ha   ricevuto   queste   tre   indicazioni   riguardo al bene insostituibile della preghiera:  •“E’ ora che anche tu sgrani la corona del rosario", perché lui contava con le dita. •“Prega   molto   figlio   mio   perché   la   gelosia   l'invidia   che   c'è   fra   un   gruppo   di   preghiera   e   l'altro,   mi   fa   molto   soffrire”. •“Prega   molto   perché   per   l'umanità   si   prospettano   rotture   inimmaginabili”.   Offriamo   le   nostre   preghiere   alla   Madonna, ma non dimentichiamoci della parola di Dio.   Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul monte Misma  
Preghiera o parola di Dio?
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
Monte Misma - Oasi della Pace - via Spersiglio 25 Pradalunga (Bergamo)
stampa la pagina
Un deserto   sul Misma
Maria Ausiliatrice del monte Misma
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
  Noi   siamo   solamente   coloro   che   Dio   ci   concede   di essere,   senza   la   sua   mano   saremmo   né   più   meno   come   gli   altri;   non   dichiariamoci   esenti   da pericoli,   perché   poi   la   presunzione   non   è   una dimostrazione    molto    gradita    al    Signore.    Come pensiamo   di   non   essere   fuorusciti   dalla   nostra autenticità?   Oggi   si   tende   sempre   di   più   a formare   comunità,   a   creare   il   dialogo   e   a racchiudere       tutto       nella       recita       della preghiera:   sono   cose   buone   che   fanno   molto presa   sull'opinione   pubblica,   ma   così   si   mette in   seconda   linea   la   parola   di   Dio.    La   nostra vita   cristiana   deve   essere   formata   su   di   essa, altrimenti   non   sapremo   testimoniare   niente   e   ci baseremo    solo    sulle    emozioni,    sui    discorsi    di massa.   La   forza,   l'efficacia   e   la   luce   della   parola di   Dio   sono   insostituibili,   se   non   conosciamo   la verità   cosa   andiamo   a   dire?   Le   verità   rivelate sulla   Bibbia   non   devono   essere   un   complemento della    nostra    vita,    semmai    lo    è    la    preghiera quando    abbiamo    capito    la    Parola.    E’    giusto pregare   quando   i   buoi   sono   fuori   dalla   stalla   o   è meglio    comportarci    in    modo    da    evitare    un disastro     e     affidarci     a     Dio?     Smettiamola     di rompere   i   vasi   e   di   andare   a   raccogliere   i   cocci, usiamo    bene    la    nostra    ragione.    Se    avessimo rispettato    di    più    la    parola    del    Signore    non vedremmo   queste   desolazioni,   ma   la   sua   potente mano    proteggerci    da    ogni    avvenimento.    La preghiera    è    diventata    la    roccaforte    cristiana, costruiamo   tutto   su   di   essa   come   se   fosse   la lampada   di   Aladino   (anziché   un   elemento   di   lode al   Signore),   mentre   la   parola   di   Dio   è   diventata un   discorso   di   salotto.   Chi   la   conosce,   conosce tutto,   perché   facciamo   così   fatica   a   costruirci   su di   essa?   La   cosa   peggiore   è   dare   la   parola   a chi    non    è    all'altezza    della    situazione.    Un professionista,   un   architetto   o   un   avvocato,   sono formati   sulla   conoscenza   non   decidono   loro   di diventare    tali.        In    generale    gli    incontri    di preghiera   non   sono   formativi,   senza   i   salmi   e   le verità   rivelate,   saremo   sempre   incompleti.   Non dobbiamo    portare    la    preghiera    a    un    livello    di diseducazione    della    parola    di    Dio,    altrimenti    i nostri   figli   non   sapranno   nemmeno   cosa   sono   il catechismo      e      i      comandamenti.      Se      noi improvvisiamo   che   ne   sarà   della   nostra   fede?   Nei momenti   difficili   sono   i   salmi   la   preghiera   per eccellenza    della    vita    vissuta,    i    libri    sapienziali sono      la      vita      quotidiana,      non      possiamo dimenticarci   di   essi   per   dare   la   precedenza   alla preghiera.    Quando    uno    si    forma    sulla    Parola ottiene    sempre    una    risposta    più    ampia    e    la preghiera    viene    spontanea.    Oggi    ci    lasciamo convincere    di    più    dalle    ricerche    storiche    che spopolano   su   Internet   e   così   mettiamo   in   dubbio le   tradizioni   a   vantaggio   di   nuove   scoperte.   È   una confusione   generata   dal   male.   Non   sostituiamo   le basi   che   Dio   ci   ha   rivelato   attraverso   i   profeti, altrimenti         servono   a   nulla   le   sue   esortazioni. Leggendo   le   Sacre   Scritture,   dove   troviamo   un cristiano   conforme   al   tipo   di   vita   che   viviamo oggi?   Quante   volte   usiamo   la   Bibbia   davanti   alle prove?      È   il   nostro   codice   della   vita,   se   non   lo conosciamo      non      possiamo      sapere      se      ci comportiamo    nel    modo    giusto.    O    preferiamo ignorarlo   perché   ci   fa   comodo?   Chi   ci   dice   di aggiungere    preghiere    su    preghiere,     non    è formato      da      un      codice      comportamentale, destabilizza     la     parola     di     Dio.      Senza     la formazione   non   sentiamo   il   senso   della   colpa,   ma facciamo   quello   che   dicono   gli   altri   e   diventa   una cosa    normalissima    non    rispettare    la    parola    di Dio.   Tra   qualche   anno   i   cristiani   rimasti   saranno formati   solo   sulla   preghiera   perché   è   la   cosa   più comoda,   non   ci   dice   quello   che   possiamo   fare   e quello   che   non   possiamo   fare,   non   interferisce con   la   nostra   coscienza   e   con   il   sacro   timor   di Dio.   Bisogna   educare   a   pregare   con   la   coscienza pulita,   altrimenti   la   preghiera   non   vale   niente.   Il salmista   (s.79)   ce   lo   ricorda:   S ignore,   Dio   degli eserciti,   fino   a   quando   fremerai   di   sdegno contro   le   preghiere   del   tuo   popolo?    Com'è bello   pregare   formati   sulla   parola   del   Signore   e realizzarla!    Piuttosto    che    dimenticarla    diciamo due   preghiere   in   meno   che   è   meglio.   A   livello italiano   il   mandato   e   la   benedizione   che   Dio   ha messo   nelle   nostre   mani   è   maggiore   rispetto   alle altre   nazioni,   ma   più   grande   è   anche   la   nostra colpa,   perché   Dio   tanto   dà   e   tanto   chiede.   Già una   volta   ha   spostato   il   suo   centro   da   Israele   a Roma,   vogliamo   che   lo   sposti   ancora?   Per   coloro che    frequentano    il    Misma,    la    responsabilità    è ancora    maggiore,    non    lasciamoci    prendere    da abitudini   esterne.   L'unico   che   non   ci   farà   mai diventare   poveri   è   il   Signore,   ci   dà   il   fabbisogno più   di   quello   che   pensiamo   (senza   ricordarglielo) a   condizione   che   noi,   popolo   eletto,   ci   formiamo sulla   sua   parola.   Per   alcuni   anni   Roberto   è   stato formato    sull'obbedienza    da    Maria    Santissima, solo     in     seguito      ha     ricevuto     queste     tre indicazioni    riguardo    al    bene    insostituibile    della preghiera:  •“E’    ora    che    anche    tu    sgrani    la    corona    del rosario", perché lui contava con le dita. •“Prega    molto    figlio    mio    perché    la    gelosia l'invidia   che   c'è   fra   un   gruppo   di   preghiera   e l'altro,    mi    fa    molto    soffrire”.    •“Prega    molto perché    per    l'umanità    si    prospettano    rotture inimmaginabili”.   Offriamo   le   nostre   preghiere   alla Madonna,   ma   non   dimentichiamoci   della   parola di Dio.

Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul

monte Misma

 
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
versione mobile