Maria Ausiliatrice del monte Misma
Un deserto  sul Misma
Non   dobbiamo   essere   annunciatori   di   grandi   disgrazie   perché   nessuno   conosce   i   disegni   di   Dio   e   quello   che   avverrà.   È opportuno   quindi   non   dare   peso   a   tutte   le   profezie   che   sentiamo,   altrimenti   rischiamo   di   creare   danni   alla   fede   autentica. Il   Signore   e   la   Madonna   sanno   i   tempi   che   stiamo   vivendo,   ma   noi   prima   di   tutto   siamo   stati   chiamati   a   sostenere   la Lieta   Novella,   a   mantenere   la   fede,   i   comandamenti   e   la   gioia,   mentre   le   rotture   inimmaginabili   dell'umanità   sono insanabili   e   al   di   fuori   della   nostra   portata.   Infondere   la   paura   crea   un   danno   incalcolabile,   perché   la   paura   ci   fa fare   quello   che   non   faremmo   mai,   ci   offusca   la   mente   e   la   ragione,    non   ci   rende   obiettivi,   ci   fa   diventare   drogati- dipendenti   da   certe   manifestazioni.   E   il   male   lo   sa.   Non   commettiamo   l'errore   di   annunciare   facilmente   cose   che   un domani   Dio   può   anche   cambiare.   Ogni   epoca   ha   avuto   il   suo   “personaggio   forte”   ed   è   sempre   stato   contrastato   dal   male, che   ha   mandato   altre   persone   specificatamente   preparate   (a   loro   insaputa)   per   complicargli   la   vita   attraverso   consigli sbagliati,   comportamenti   e   manovre ”   che   andavano   contro   la   profezia   stessa.   Ne   abbiamo   esempi   espliciti   nella   Bibbia. San   Francesco   aveva   una   linea   suggerita   dal   Signore,   se   non   che,   quando   il   suo   movimento   è   cresciuto,   si   sono   unite   a lui   persone   che   lo   hanno   fatto   soffrire   a   dismisura,   impedendogli   di   attuare   " la   Regola "   come   desiderava;   si   era annientato   fino   all'inverosimile,   ma   è   stato   abbandonato   da   quelli   che   dovevano   sostenerlo.   San   Giovanni   Bosco   è   stato lasciato   solo   in   mezzo   ai   debiti   dai   suoi   più   stretti   collaboratori,   perché   “non   faceva   le   cose   in   un   certo   modo ”.   Per   non pensare   a   padre   Pio.   Anche   nella   Chiesa   abbiamo   visto   che   il   Papa   ha   la   sua   battaglia   interna.   Il   Signore   ha   lasciato   fare anche   a   quelle   persone   che   pensavano   di   sostenere   la   verità   e   invece   la   offuscavano   con   il   loro   comportamento.   Se   i collaboratori    dei    Papi    avessero    recepito    il    messaggio    principale,    oggi    sicuramente    potremmo    vivere    un    momento migliore.   Le   rivelazioni   profetiche   non   sono   soggette   a   privata   spiegazione,   perché   neanche   lo   strumento   che   le   vive   può spiegarle,   tanto   sono   fuori   dalla   portata   mentale   di   ogni   persona.   Il   Signore   sorprende   e   supera   tutti.   Guardiamo   a Benedetto   XVI:   ma   cosa   pensano   di   fare   quelle   persone   che   vogliono   decidere   e   intervenire?   Che   stiano   a   casa!   Chi   le vuole?   Si   sta   parlando   del   beneficio   della   Chiesa,   di   Dio.   Chi   di   noi   può   dire   di   conoscerlo?   Sappiamo   solo   in   una   misura molto   limitata   ciò   che   è   accaduto   nei   luoghi   inaccessibili   per   l'uomo,   dove   ha   sempre   vissuto   il   vicario   di   Cristo   in   terra. Qualcuno   lo   sa,   quelli   che   hanno   ordito   tutto   questo.   Quanti   santi   hanno   dovuto   subire   l'onta   del   sacrificio   da   quelle persone   che   invece   dovevano   solo   collaborare   e   obbedire!   È   la   croce   che   ci   fa   passare   nel   crogiolo,   che   ci   raffina   come l'oro   puro,   che   ci   modella   come   desidera   il   Signore.   Dobbiamo   essere   solidali   con   i   personaggi   dell'Antico   Testamento, perché   anche   loro   erano   soli.   Come   mai   uno   strumento   che   il   Signore   sceglie,   incredibilmente   è   solo?   I   Papi,   pur avendo   il   comando   del   mondo   intero,   quando   si   ritiravano   nella   loro   stanzetta   erano   soli   e   tristi   come   nessun   altro, perché   sapevano   quello   che   interveniva   intorno   a   loro.   Dovremmo   dire:   "Signore   per   rimediare   a   questa   esperienza durissima   riservata   ai   tuoi   figli,   cercherò   di   essere   più   solidale   e   amorevole   con   il   mio   fratello   più   vicino".    Non   ci   farebbe specie   vedere   un   uomo   di   ottant'anni,   scelto   dallo   Spirito   Santo,   piangere   quando   va   a   letto,   dileggiato,   attaccato   e abbandonato?   Davanti   all'esperienza   di   questo   genere,   a   cosa   valgono   tutte   le   nostre   ragioni?   A   differenza   dei   potenti della   terra,   i   Papi   non   hanno   neanche   un   beneficio   ed   un   interesse   personale,   ma   sono   i   responsabili   più   importanti   della nostra   fede.   Noi   siamo   chiamati   a   condolerci   con   chi   è   nella   prova,   ad   annichilirci,   a   nasconderci,   non   siamo   chiamati   a far   la   gara   a   chi   è   più   bravo   o   ha   più   iniziative.    Invece,   in   tanti   cristiani   c'è   la   soddisfazione   nel   vedere   andare   in malora   un   altro,   per   poi   andare   a   piangere   davanti   a   lui.   La   verità   non   è   accomodante,   non   è   gratuita,   ma   va contro   le   nostre   abitudini,   il   nostro   orgoglio,   quello   che   pensiamo   sia   giusto   per   noi.   Dal   Vecchio   al   Nuovo   Testamento   è accaduto   che   prima   si   moriva   per   disobbedienza   a   Dio,   mentre   dopo   sono   morti   per   obbedienza   a   Gesù   Cristo.   Non meritano    un    po'    di    considerazione    milioni    di    martiri    morti    in    un    modo    atroce    per    trasmetterci    la    fede?    Stiamo salvaguardando   il   sangue   da   loro   versato?   Parlare   in   modo   pessimistico   è   facile,   ma   non   si   dimostra   niente.   Quando sentiamo   certi   discorsi   dobbiamo   dissentire   tacitamente,   facendo   recepire   il   disagio,   come   quando   un   fratello critica   il   fratello.   I   nostri   discorsi   non   servono   a   niente   e   davanti   alla   cosa   peggiore   che   può   accadere,   il   piccolo   resto dovrà rimanere fedele alla parola di Dio e non alle profezie e ai messaggi che puntualmente non si realizzano.    Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul monte Misma  
L'esperienza cruenta dei servi di Dio
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
Monte Misma - Oasi della Pace - via Spersiglio 25 Pradalunga (Bergamo)
stampa la pagina
Un deserto   sul Misma
Maria Ausiliatrice del monte Misma
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
Non    dobbiamo    essere    annunciatori    di    grandi disgrazie   perché   nessuno   conosce   i   disegni   di   Dio e   quello   che   avverrà.   È   opportuno   quindi   non dare    peso    a    tutte    le    profezie    che    sentiamo, altrimenti    rischiamo    di    creare    danni    alla    fede autentica.   Il   Signore   e   la   Madonna   sanno   i   tempi che   stiamo   vivendo,   ma   noi   prima   di   tutto   siamo stati    chiamati    a    sostenere    la    Lieta    Novella,    a mantenere   la   fede,   i   comandamenti   e   la   gioia, mentre    le    rotture    inimmaginabili    dell'umanità sono   insanabili   e   al   di   fuori   della   nostra   portata. Infondere      la      paura      crea      un      danno incalcolabile,   perché   la   paura   ci   fa   fare   quello che   non   faremmo   mai,   ci   offusca   la   mente   e   la ragione,    non   ci   rende   obiettivi,   ci   fa   diventare drogati-dipendenti   da   certe   manifestazioni.   E   il male     lo     sa.     Non     commettiamo     l'errore     di annunciare   facilmente   cose   che   un   domani   Dio può   anche   cambiare.   Ogni   epoca   ha   avuto   il   suo “personaggio      forte”      ed      è      sempre      stato contrastato    dal    male,    che    ha    mandato    altre persone     specificatamente     preparate     (a     loro insaputa)    per    complicargli    la    vita    attraverso consigli    sbagliati,    comportamenti    e    manovre che    andavano    contro    la    profezia    stessa.    Ne abbiamo     esempi     espliciti     nella     Bibbia.     San Francesco   aveva   una   linea   suggerita   dal   Signore, se     non     che,     quando     il     suo     movimento     è cresciuto,    si    sono    unite    a    lui    persone    che    lo hanno   fatto   soffrire   a   dismisura,   impedendogli   di attuare    " la    Regola "    come    desiderava;    si    era annientato    fino    all'inverosimile,    ma    è    stato abbandonato   da   quelli   che   dovevano   sostenerlo. San    Giovanni    Bosco    è    stato    lasciato    solo    in mezzo   ai   debiti   dai   suoi   più   stretti   collaboratori, perché   “non   faceva   le   cose   in   un   certo   modo ”. Per   non   pensare   a   padre   Pio.   Anche   nella   Chiesa abbiamo   visto   che   il   Papa   ha   la   sua   battaglia interna.   Il   Signore   ha   lasciato   fare   anche   a   quelle persone   che   pensavano   di   sostenere   la   verità   e invece   la   offuscavano   con   il   loro   comportamento. Se   i   collaboratori   dei   Papi   avessero   recepito   il messaggio       principale,       oggi       sicuramente potremmo    vivere    un    momento    migliore.    Le rivelazioni   profetiche   non   sono   soggette   a   privata spiegazione,   perché   neanche   lo   strumento   che   le vive   può   spiegarle,   tanto   sono   fuori   dalla   portata mentale   di   ogni   persona.   Il   Signore   sorprende   e supera   tutti.   Guardiamo   a   Benedetto   XVI:   ma cosa   pensano   di   fare   quelle   persone   che   vogliono decidere   e   intervenire?   Che   stiano   a   casa!   Chi   le vuole?   Si   sta   parlando   del   beneficio   della   Chiesa, di    Dio.    Chi    di    noi    può    dire    di    conoscerlo? Sappiamo   solo   in   una   misura   molto   limitata   ciò che    è    accaduto    nei    luoghi    inaccessibili    per l'uomo,    dove    ha    sempre    vissuto    il    vicario    di Cristo   in   terra.   Qualcuno   lo   sa,   quelli   che   hanno ordito   tutto   questo.   Quanti   santi   hanno   dovuto subire   l'onta   del   sacrificio   da   quelle   persone   che invece   dovevano   solo   collaborare   e   obbedire!   È   la croce   che   ci   fa   passare   nel   crogiolo,   che   ci   raffina come   l'oro   puro,   che   ci   modella   come   desidera   il Signore.     Dobbiamo     essere     solidali     con     i personaggi   dell'Antico   Testamento,   perché   anche loro   erano   soli.   Come   mai   uno   strumento   che il   Signore   sceglie,   incredibilmente   è   solo?   I Papi,   pur   avendo   il   comando   del   mondo   intero, quando   si   ritiravano   nella   loro   stanzetta   erano soli   e   tristi   come   nessun   altro,   perché   sapevano quello   che   interveniva   intorno   a   loro.   Dovremmo dire:   "Signore   per   rimediare   a   questa   esperienza durissima    riservata    ai    tuoi    figli,    cercherò    di essere   più   solidale   e   amorevole   con   il   mio   fratello più    vicino".     Non    ci    farebbe    specie    vedere    un uomo   di   ottant'anni,   scelto   dallo   Spirito   Santo, piangere   quando   va   a   letto,   dileggiato,   attaccato e   abbandonato?   Davanti   all'esperienza   di   questo genere,   a   cosa   valgono   tutte   le   nostre   ragioni?   A differenza    dei    potenti    della    terra,    i    Papi    non hanno    neanche    un    beneficio    ed    un    interesse personale,   ma   sono   i   responsabili   più   importanti della     nostra     fede.     Noi     siamo     chiamati     a condolerci   con   chi   è   nella   prova,   ad   annichilirci,   a nasconderci,   non   siamo   chiamati   a   far   la   gara   a chi   è   più   bravo   o   ha   più   iniziative.    Invece,   in tanti     cristiani     c'è     la     soddisfazione     nel vedere   andare   in   malora   un   altro,   per   poi andare   a   piangere   davanti   a   lui.   La   verità   non è   accomodante,   non   è   gratuita,   ma   va   contro   le nostre    abitudini,    il    nostro    orgoglio,    quello    che pensiamo    sia    giusto    per    noi.    Dal    Vecchio    al Nuovo    Testamento    è    accaduto    che    prima    si moriva   per   disobbedienza   a   Dio,   mentre   dopo sono   morti   per   obbedienza   a   Gesù   Cristo.   Non meritano    un    po'    di    considerazione    milioni    di martiri   morti   in   un   modo   atroce   per   trasmetterci la   fede?   Stiamo   salvaguardando   il   sangue   da   loro versato?   Parlare   in   modo   pessimistico   è   facile, ma   non   si   dimostra   niente.   Quando   sentiamo certi        discorsi        dobbiamo        dissentire tacitamente,    facendo    recepire    il    disagio, come   quando   un   fratello   critica   il   fratello.   I   nostri discorsi   non   servono   a   niente   e   davanti   alla   cosa peggiore   che   può   accadere,   il   piccolo   resto   dovrà rimanere    fedele    alla    parola    di    Dio    e    non    alle profezie   e   ai   messaggi   che   puntualmente   non   si realizzano. 

Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul

monte Misma

 
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
versione mobile