Maria Ausiliatrice del monte Misma
Un deserto  sul Misma
  Siamo   pronti   a   spendere   fior   di   soldi   per   campare   qualche   anno   in   più,   ma   barattiamo   l'eternità   per   poco.   Con   la   nostra compiacenza   ci   lasciamo   rubare   la   fede,   siamo   diventati   terreno   di   conquista   per   tutte   le   sette   e   le   teorie.   Quale scaltrezza   dimostriamo   davanti   ai   figli   delle   tenebre?   Solo   noi   possiamo   annunciare   la   risurrezione,   la   gioia   eterna, eppure   essi   sghignazzano   alle   nostre   spalle   come   delle   iene.   Di   tutto   quello   che   diciamo,   del   nostro   modo   di   comportarci e   di   essere   cristiani,   troviamo   forse   riscontro   sulla   Bibbia?   E’   scritto   che   rimarrà   solo   un   piccolo   resto,   ma   noi   ci diseduchiamo   frequentando   la   casa   del   Signore,   pensando   di   essere   i   migliori.   La   fede   è   un   fatto   personale,   non   è matematico   o   scientifico,   l'abbiamo   se   amiamo,   se   ci   mettiamo   in   discussione   e   ci   sentiamo   i   più   piccoli.   Aver   fede   vuol dire   star   bene   quando   abbiamo   tutti   i   motivi   per   stare   male,   aver   la   forza   di   accettare   ogni   tempo   difficile.   Parlare   di   Dio ci   fa   perdere   l'equilibrio,   è   meglio   desiderare   di   servirlo   nel   migliore   dei   modi,   perché   il   carisma   del   Signore   diventa   forte quando   non   sappiamo   di   averlo.   Dedicare   tempo   alle   opere   del   Signore   non   significa   andare   in   chiesa   o   recitare   una corona   dietro   l’altra.   Chi   si   rispecchia   nelle   beatitudini   evangeliche,   nelle   opere   di   misericordia   corporale   e   spirituale, nelle   verità   di   fede?   Abbiamo   facilitato   l'armonia   in   famiglia   e   nell'ambiente   di   lavoro,   difendendo   l'amore,   oppure abbiamo    lasciato    che    la    polemica    e    la    critica    prendessero    piede?    Umiltà    non    vuol    dire    essere    deboli    con    i prepotenti,   ma   accettare   ogni   offesa   e   ogni   vigliaccheria,   polverizzandole.    Quante   volte   per   gelosia   e   invidia abbiamo   reagito   a   una   frase   o   ci   siamo   dimostrati   permalosi?   La   trama   satanica   è   presente   nelle   provocazioni quando   abbiamo   ragione :    che   bello   svicolare   da   esse   senza   reagire!   Fantastichiamo   di   più   su   un'opera   d'arte   ma   non su   chi   ha   dato   la   possibilità   di   realizzarla.   Come   si   può   non   onorare   il   nostro   Creatore   e   stupirci   delle   sue   meraviglie? Perché   diamo   più   rilevanza   alla   cattiveria   umana?   La   lingua   può   essere   velenosa   come   una   vipera   o   più   dolce   di   un   favo stillante,   dipende   da   noi.   Quando   riceviamo   un'ingiustizia   non   dimostriamoci   vittime,   cerchiamo   di   non   risolvere   i problemi   a   modo   nostro.   Se   tagliassimo   le   radici   del   peccato   dentro   di   noi,   avremmo   la   nausea   a   peccare.   È   una   legge naturale.   Stiamo   attenti,   Dio   può   fermare   la   natura   e   in   un   breve   futuro   può   avverarsi   la   profezia   di   Abacuc   (3,17):   Il fico   infatti   non   germoglierà,   nessun   prodotto   daranno   le   viti,   cesserà   il   raccolto   dell’olivo,   i   campi   non   daranno   più   cibo, le   greggi   spariranno   dagli   ovili   e   le   stalle   rimarranno   senza   buoi ”.   E’   il   Signore   l'artefice   di   ogni   prodigio   se   noi   viviamo per   le   sue   opere.   Però   se   ci   rubano   in   casa   nostra   siamo   già   disperati,   mentre   non   lo   siamo   se   ci   rubano   il   bene   più prezioso,   la   fede,   attraverso   iniziative   a   sostegno   della   legge   dell'uomo.   Quanti   di   noi   vivono   per   confermare   la   fede   (non la   devozione   o   il   rituale)?   La   gioia   nel   cuore   è   il   generatore   di   energia   di   ogni   nostra   azione   e   un   beneficio   per   la   nostra salute. Con l'entusiasmo vinciamo tutte le battaglie, ma se abbiamo la rabbia verso qualcuno, apriamo la porta a Satana. Come   possiamo   vincere   il   male   se   siamo   tristi?   Conserviamo   il   ricordo   della   parola   di   Dio,   non   quello   delle   offese ricevute.   C'era   tanta   violenza   e   ignoranza   anche   all'epoca   di   Gesù,   eppure   ha   accettato   di   scendere   in   quell'ambiente. Abbiamo   i   sentimenti   che   aveva   sul   Calvario   quando   veniamo   umiliati?   Dispiacciamoci   di   non   avere   vissuto   per   le   opere del   Signore   come   avremmo   dovuto.   Il   bene   non   si   difende   con   la   polemica,   lasciamo   perdere   qualsiasi   errore   che coinvolge   la   nostra   persona,   guardiamo   al   Cielo.   Quante   volte   nella   giornata   pensiamo   a   meritarci   l'eternità?   C'è   una devastazione   spirituale   che   fa   paura   perché   siamo   abitudinari,   parliamo   da   arrabbiati   anche   in   famiglia   invece   di compiacerci.   Forse   non   ci   rendiamo   conto   che   ritagliando   la   fede   su   misura,   in   base   alla   nostre   sensazioni,   ci   siamo svuotati   di   essa.   Consideriamo   buona   la   persona   che   fa   le   nostre   stesse   azioni:   questa   è   l'esteriorità,   non   l'interiorità. Sono   così   puri   e   genuini   i   nostri   sentimenti?   Sappiamo   la   falsità   o   la   verità   che   c'è   nel   cuore   di   ogni   uomo?   La   gelosia   e l'invidia   non   ci   fanno   vivere   bene,   quella   che   c'è   tra   un   cristiano   e   l'altro   o   tra   un   gruppo   e   l'altro,   è   paragonabile   a   quella che   c'era   tra   le   tribù   del   Vecchio   Testamento.   Pregare   non   vuol   dire   ripetere   le   stesse   frasi,   ma   essere   consapevoli   che siamo   figli   di   un   Dio   che   ha   creato   l'universo   intero.   La   battaglia   più   difficile   è   quella   di   mantenersi   integri   a   livello spirituale,   meno   tempo   daremo   al   Signore   e   più   il   risultato   sarà   mediocre.   Curiamo   pure   i   nostri   interessi   ma   non diventiamone   schiavi.   Chi   vive   per   le   opere   del   Signore   si   comporta   di   conseguenza,   è   invincibile,   avrà   la   meglio   sulle persone   negative   che   lo   circondano   anche   se   subirà   ogni   sorta   di   prova.   Troverà   ancora   Gesù   la   fede   nell’uomo   quando scenderà come giudice delle nazioni?   Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul monte Misma  
Le opere del Signore
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
Monte Misma - Oasi della Pace - via Spersiglio 25 Pradalunga (Bergamo)
stampa la pagina
Un deserto   sul Misma
Maria Ausiliatrice del monte Misma
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
Siamo   pronti   a   spendere   fior   di   soldi   per   campare qualche   anno   in   più,   ma   barattiamo   l'eternità   per poco.    Con    la    nostra    compiacenza    ci    lasciamo rubare     la     fede,     siamo     diventati     terreno     di conquista   per   tutte   le   sette   e   le   teorie.   Quale scaltrezza    dimostriamo    davanti    ai    figli    delle tenebre?     Solo     noi     possiamo     annunciare     la risurrezione,     la     gioia     eterna,     eppure     essi sghignazzano   alle   nostre   spalle   come   delle   iene. Di   tutto   quello   che   diciamo,   del   nostro   modo   di comportarci   e   di   essere   cristiani,   troviamo   forse riscontro   sulla   Bibbia?   E’   scritto   che   rimarrà   solo un     piccolo     resto,     ma     noi     ci     diseduchiamo frequentando   la   casa   del   Signore,   pensando   di essere   i   migliori.   La   fede   è   un   fatto   personale, non    è    matematico    o    scientifico,    l'abbiamo    se amiamo,    se    ci    mettiamo    in    discussione    e    ci sentiamo   i   più   piccoli.   Aver   fede   vuol   dire   star bene   quando   abbiamo   tutti   i   motivi   per   stare male,    aver    la    forza    di    accettare    ogni    tempo difficile.   Parlare   di   Dio   ci   fa   perdere   l'equilibrio,   è meglio    desiderare    di    servirlo    nel    migliore    dei modi,   perché   il   carisma   del   Signore   diventa   forte quando   non   sappiamo   di   averlo.   Dedicare   tempo alle   opere   del   Signore   non   significa   andare   in chiesa   o   recitare   una   corona   dietro   l’altra.   Chi   si rispecchia    nelle    beatitudini    evangeliche,    nelle opere   di   misericordia   corporale   e   spirituale,   nelle verità    di    fede?    Abbiamo    facilitato    l'armonia    in famiglia    e    nell'ambiente    di    lavoro,    difendendo l'amore,   oppure   abbiamo   lasciato   che   la   polemica e   la   critica   prendessero   piede?   Umiltà   non   vuol dire    essere    deboli    con    i    prepotenti,    ma accettare   ogni   offesa   e   ogni   vigliaccheria, polverizzandole.     Quante    volte    per    gelosia    e invidia   abbiamo   reagito   a   una   frase   o   ci   siamo dimostrati    permalosi?    La    trama    satanica    è presente       nelle       provocazioni       quando abbiamo   ragione :    che   bello   svicolare   da   esse senza   reagire!   Fantastichiamo   di   più   su   un'opera d'arte   ma   non   su   chi   ha   dato   la   possibilità   di realizzarla.   Come   si   può   non   onorare   il   nostro Creatore   e   stupirci   delle   sue   meraviglie?   Perché diamo    più    rilevanza    alla    cattiveria    umana?    La lingua   può   essere   velenosa   come   una   vipera   o più   dolce   di   un   favo   stillante,   dipende   da   noi. Quando         riceviamo         un'ingiustizia         non dimostriamoci   vittime,   cerchiamo   di   non   risolvere i   problemi   a   modo   nostro.   Se   tagliassimo   le   radici del   peccato   dentro   di   noi,   avremmo   la   nausea   a peccare.   È   una   legge   naturale.   Stiamo   attenti, Dio   può   fermare   la   natura   e   in   un   breve   futuro può   avverarsi   la   profezia   di   Abacuc   (3,17):   Il fico    infatti    non    germoglierà,    nessun    prodotto daranno   le   viti,   cesserà   il   raccolto   dell’olivo,   i campi   non   daranno   più   cibo,   le   greggi   spariranno dagli   ovili   e   le   stalle   rimarranno   senza   buoi ”.   E’   il Signore   l'artefice   di   ogni   prodigio   se   noi   viviamo per   le   sue   opere.   Però   se   ci   rubano   in   casa   nostra siamo   già   disperati,   mentre   non   lo   siamo   se   ci rubano   il   bene   più   prezioso,   la   fede,   attraverso iniziative    a    sostegno    della    legge    dell'uomo. Quanti   di   noi   vivono   per   confermare   la   fede   (non la   devozione   o   il   rituale)?   La   gioia   nel   cuore   è   il generatore   di   energia   di   ogni   nostra   azione   e   un beneficio   per   la   nostra   salute.   Con   l'entusiasmo vinciamo   tutte   le   battaglie,   ma   se   abbiamo   la rabbia    verso    qualcuno,    apriamo    la    porta    a Satana.   Come   possiamo   vincere   il   male   se   siamo tristi?   Conserviamo   il   ricordo   della   parola   di   Dio, non    quello    delle    offese    ricevute.    C'era    tanta violenza    e    ignoranza    anche    all'epoca    di    Gesù, eppure       ha       accettato       di       scendere       in quell'ambiente.   Abbiamo   i   sentimenti   che   aveva sul       Calvario       quando       veniamo       umiliati? Dispiacciamoci   di   non   avere   vissuto   per   le   opere del   Signore   come   avremmo   dovuto.   Il   bene   non si    difende    con    la    polemica,    lasciamo    perdere qualsiasi   errore   che   coinvolge   la   nostra   persona, guardiamo   al   Cielo.   Quante   volte   nella   giornata pensiamo     a     meritarci     l'eternità?     C'è     una devastazione    spirituale    che    fa    paura    perché siamo   abitudinari,   parliamo   da   arrabbiati   anche in   famiglia   invece   di   compiacerci.   Forse   non   ci rendiamo    conto    che    ritagliando    la    fede    su misura,   in   base   alla   nostre   sensazioni,   ci   siamo svuotati   di   essa.   Consideriamo   buona   la   persona che     fa     le     nostre     stesse     azioni:     questa     è l'esteriorità,    non    l'interiorità.    Sono    così    puri    e genuini   i   nostri   sentimenti?   Sappiamo   la   falsità   o la   verità   che   c'è   nel   cuore   di   ogni   uomo?   La gelosia    e    l'invidia    non    ci    fanno    vivere    bene, quella   che   c'è   tra   un   cristiano   e   l'altro   o   tra   un gruppo   e   l'altro,   è   paragonabile   a   quella   che   c'era tra   le   tribù   del   Vecchio   Testamento.   Pregare   non vuol    dire    ripetere    le    stesse    frasi,    ma    essere consapevoli    che    siamo    figli    di    un    Dio    che    ha creato   l'universo   intero.   La   battaglia   più   difficile   è quella   di   mantenersi   integri   a   livello   spirituale, meno   tempo   daremo   al   Signore   e   più   il   risultato sarà   mediocre.   Curiamo   pure   i   nostri   interessi ma   non   diventiamone   schiavi.   Chi   vive   per   le opere   del   Signore   si   comporta   di   conseguenza,   è invincibile,   avrà   la   meglio   sulle   persone   negative che   lo   circondano   anche   se   subirà   ogni   sorta   di prova.    Troverà    ancora    Gesù    la    fede    nell’uomo quando scenderà come giudice delle nazioni?

Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul

monte Misma

 
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
versione mobile