Maria Ausiliatrice del monte Misma
Un deserto  sul Misma
Quando   Ponzio   Pilato   condannò   a   morte   Gesù   innocente,   Maria   SS.   non   si   ribellò.         Contro   una   sentenza   così   disumana quale   mamma   non   si   sarebbe   ribellata?   Eppure   quella   mamma,   la   Madonna,   con   la   sua   vita   ci   ha   insegnato   a   vivere nell’amore   e   nell’umiltà:   Lei   che   sa   tutto   di   tutti   non   ha      mai   detto   niente   di   nessuno,   non   ha   mai   condannato   qualcuno. Quando   una   persona   prega,      ha   in   mano   la   corona   del   rosario   (“l’arma”)   ed   emette   sentenze   contro   suo fratello,   è   un   disonore   per   Maria   SS.         La   preghiera   è   un   momento   di   gioia,   perché   è   un   congiungimento   con   il Signore,   non   è   la   dimostrazione   che   siamo   cristiani;   pensiamo   a   chi   esce   di   chiesa   ed   emette   sentenze   dopo   aver ricevuto   l’Eucarestia:      disonora   Dio!      Non   bisogna   parlar   male   di   nessuno.   Approfondiamo   che   cosa   vuol   dire   essere cristiani,   facciamo   pure   la   nostra   vita,   ma   non   diciamo   di   rappresentare   il   Signore,   di   onorarlo,   solo   perché   “paghiamo   la 10a” ,   andiamo   in   chiesa,   facciamo   digiuno,   preghiamo:      NON   E’   SUFFICIENTE!      Il   Signore   ha   detto   :   “non   ti   conosco..” L’onore   o   il   disonore   che   riserviamo   a   Dio   dipendono   dal   nostro   comportamento.   Per   noi   il   disonore   è   una parola   grandissima,   al   di   sopra   di   tutto   (i   “mafiosi”   uccidono   per      questo);   invece   il   disonore   è   fare   la   cosa   più   comune: accusare   il   proprio   fratello.Non   dobbiamo   distruggere,   diffamare,   accusare   gli   altri   perché   diffamiamo   Dio.Dio   non   ha forse   promesso   di   condannare   70   volte   7   chi   avrebbe   ucciso   Caino   ?   Il   Signore   desidera   essere   amato   in   ognuno   di noi,   non   sul   crocifisso   e   poi   non   considerare   i   suoi   figli.   Guardiamo   pure   il   crocifisso,   ma   anche   chi   ci   sta intorno.   Siamo   sinceri,   diciamo   la   verità:   se   agiamo   contro   la   legge   la   disonoriamo.   O   la   onoriamo   o   la   disonoriamo.     Dio   non   dà   la   sua   Grazia   se   noi   lo   disonoriamo.Siamo   così   approssimativi   nelle   cose   spirituali   che   noi   finiamo   per   fare esattamente   il   contrario   di   quello   che   ci   prefiggiamo.   Immaginiamo   il   demonio   che   “sghignazza”      alle   nostre   spalle   e dice:   ”povero   ingenuotto,   tu   pensi   di   essere…………   ed   invece   sei   tu   che   stai   facendo   la   cosa   più   negativa   contro   colui   che rappresenti…,   dopo   i   digiuni,   i   sacrifici,   le   preghiere,   la   solidarietà   …”.Serviamo   il   Signore   o   facciamo   l’esatto   contrario   di quello   che   ci   ha   insegnato   con   la   sua   croce?   E’   così   difficile   perdonare,   amare?   O   siamo   impregnati   del   1°   dei   sette vizi   capitali   “la   superbia”?   Quante   liti   per   questioni   di   soldi.   Cambia   forse   la   vita   1   euro?   Questa   è   “avarizia”   non     umiltà.Quando   c’è   di   mezzo   un   nostro   interesse   personale,   non   c’è   cifra   che   tenga….Per   il   quieto   vivere   ci   si   può rimettere   anche   di   tasca   propria   (   e   fior   di   soldi..):   queste   persone   sono   le   migliori!      E’   facile   capovolgere   una situazione   da   negativo   in   positivo,   bisogna   cambiare      abitudini,       anche   salvaguardando   gli   interessi   personali frutto   del   proprio   lavoro.Dobbiamo   essere   TRISTI   quando   siamo   avari   di   amore   verso   il      prossimo,   consapevoli      della carità   e   della   disponibilità   di   amore   che   Maria   SS.,   umile   e   pura,   ha   verso   di   noi.   Siamo   stati   indegni   con   il   nostro comportamento   ed   ugualmente   abbiamo   ricevuto   l’amore   di   Dio.Che   tristezza   pensare   al   disonore   ed   ai   tradimenti   che   si perpetuano   davanti   al   Signore   e   a   Maria   SS.Se   vogliamo   migliorare   riconosciamo   che   i   nostri   errori   ci   hanno   causato sofferenza.Rappresentiamo   il   Signore   nel   modo   giusto,   senza   accusare,   senza   condannare,   ma   anche   senza   assolvere.     Diciamo a Dio: ”conta su di me!”   Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul monte Misma  
Onore e disonore
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
Monte Misma - Oasi della Pace - via Spersiglio 25 Pradalunga (Bergamo)
stampa la pagina
Un deserto   sul Misma
Maria Ausiliatrice del monte Misma
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
Quando    Ponzio    Pilato    condannò    a    morte Gesù   innocente,   Maria   SS.   non   si   ribellò.        Contro   una   sentenza   così   disumana   quale mamma   non   si   sarebbe   ribellata?   Eppure quella   mamma,   la   Madonna,   con   la   sua   vita ci    ha    insegnato    a    vivere    nell’amore    e nell’umiltà:   Lei   che   sa   tutto   di   tutti   non   ha     mai   detto   niente   di   nessuno,   non   ha   mai condannato      qualcuno.      Quando      una persona   prega,      ha   in   mano   la   corona del     rosario     (“l’arma”)     ed     emette sentenze    contro    suo    fratello,    è    un disonore   per   Maria   SS.         La   preghiera   è un     momento     di     gioia,     perché     è     un congiungimento    con    il    Signore,    non    è    la dimostrazione       che       siamo       cristiani; pensiamo   a   chi   esce   di   chiesa   ed   emette sentenze    dopo    aver    ricevuto    l’Eucarestia:      disonora   Dio!      Non   bisogna   parlar   male   di nessuno.   Approfondiamo   che   cosa   vuol   dire essere    cristiani,    facciamo    pure    la    nostra vita,   ma   non   diciamo   di   rappresentare   il Signore,   di   onorarlo,   solo   perché   “paghiamo la     10a” ,     andiamo     in     chiesa,     facciamo digiuno,   preghiamo:      NON   E’   SUFFICIENTE!     Il    Signore    ha    detto    :    “non    ti    conosco..” L’onore   o   il   disonore   che   riserviamo   a Dio          dipendono          dal          nostro comportamento.   Per   noi   il   disonore   è   una parola   grandissima,   al   di   sopra   di   tutto   (i “mafiosi”   uccidono   per      questo);   invece   il disonore    è    fare    la    cosa    più    comune: accusare    il    proprio    fratello.Non    dobbiamo distruggere,    diffamare,    accusare    gli    altri perché    diffamiamo    Dio.Dio    non    ha    forse promesso    di    condannare    70    volte    7    chi avrebbe     ucciso     Caino     ?     Il     Signore desidera    essere    amato    in    ognuno    di noi,     non     sul     crocifisso     e     poi     non considerare     i     suoi     figli.     Guardiamo pure   il   crocifisso,   ma   anche   chi   ci   sta intorno.   Siamo   sinceri,   diciamo   la   verità: se   agiamo   contro   la   legge   la   disonoriamo.   O la   onoriamo   o   la   disonoriamo.      Dio   non   la   sua   Grazia   se   noi   lo   disonoriamo.Siamo così   approssimativi   nelle   cose   spirituali   che noi     finiamo     per     fare     esattamente     il contrario    di    quello    che    ci    prefiggiamo. Immaginiamo   il   demonio   che   “sghignazza”     alle      nostre      spalle      e      dice:      ”povero ingenuotto,    tu    pensi    di    essere…………    ed invece   sei   tu   che   stai   facendo   la   cosa   più negativa    contro    colui    che    rappresenti…, dopo   i   digiuni,   i   sacrifici,   le   preghiere,   la solidarietà      …”.Serviamo      il      Signore      o facciamo   l’esatto   contrario   di   quello   che   ci ha    insegnato    con    la    sua    croce?    E’    così difficile    perdonare,    amare?    O    siamo impregnati   del   1°   dei   sette   vizi   capitali   “la superbia”?   Quante   liti   per   questioni   di   soldi. Cambia    forse    la    vita    1    euro?    Questa    è “avarizia”   non      umiltà.Quando   c’è   di   mezzo un   nostro   interesse   personale,   non   c’è   cifra che   tenga….Per   il   quieto   vivere   ci   si   può rimettere   anche   di   tasca   propria   (   e   fior   di soldi..):   queste   persone   sono   le   migliori!      E’ facile    capovolgere    una    situazione    da negativo   in   positivo,   bisogna   cambiare     abitudini,           anche     salvaguardando     gli interessi     personali     frutto     del     proprio lavoro.Dobbiamo     essere     TRISTI     quando siamo   avari   di   amore   verso   il      prossimo, consapevoli      della   carità   e   della   disponibilità di   amore   che   Maria   SS.,   umile   e   pura,   ha verso    di    noi.    Siamo    stati    indegni    con    il nostro     comportamento     ed     ugualmente abbiamo     ricevuto     l’amore     di     Dio.Che tristezza     pensare     al     disonore     ed     ai tradimenti    che    si    perpetuano    davanti    al Signore     e     a     Maria     SS.Se     vogliamo migliorare   riconosciamo   che   i   nostri   errori   ci hanno    causato    sofferenza.Rappresentiamo il   Signore   nel   modo   giusto,   senza   accusare, senza      condannare,      ma      anche      senza assolvere.        Diciamo    a    Dio: ”conta    su    di me!”

Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul

monte Misma

 

I suggerimenti di Maria santissima sul monte Misma

                                            Onore e disonore
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
versione mobile