Maria Ausiliatrice del monte Misma
Un deserto  sul Misma
  Troppe   volte   la   Madonna   sale   in   cielo   avendo   ben   poco   da   offrire:   tante   buone   intenzioni   o   tante   nostre   considerazioni. Perciò   non   riesce   ad   ottenere   dal   Signore   quelle   grazie   che   tanto   desidera   per   noi.   La   cosa   che   si   aspetta   di   più   da   parte nostra   non   è   quella   di   andare   a   dire   agli   altri   cosa   devono   fare,   perché   anche   questa   potrebbe   essere   una   forma   di egoismo   e   la   Madonna   non   è   egoista.   Non   è   nemmeno   il   digiuno,   la   preghiera   o   l’andare   a   messa:   queste   cose   le   faceva anche    il    fariseo    e    il    Signore    gli    ha    risposto    "io    non    ti    conosco".    Certo    possiamo    dare    valore    anche    a    questi comportamenti,   ma   non   è   assolutamente   detto   che   ci   fanno   ottenere   quello   che   il   Signore   ci   ha   promesso,   perché   se manca   il   completamento   di   tutte   queste   azioni   non   valgono   niente.   La   cosa   che   Maria   Santissima   desidera   di   più presentare   al   Padre   è   la   testimonianza   che   ci   amiamo   veramente   gli   uni   gli   altri,    il   comandamento   che   suo   figlio Gesù   ci   ha   dato   prima   di   salire   al   cielo.   Se   non   riusciamo   a   realizzare   quello   che   la   Madonna   ci   chiede,   a   cosa   vale   il nostro   servizio?   Cerchiamo   di   capire   il   sentimento   di   Maria   Santissima   per   essere   uniti   a   lei,   per   renderla   felice,   per   non amareggiarla,   perché   sa   che   per   ottenere   una   grazia   deve   presentare   al   Padre   uno   stile   comportamentale   nostro   ben preciso.   Se   fossimo   veramente   convinti   di   avere   Dio   come   Padre,   dovremmo   temere   di   non   essere   in   grazia   di   Dio   e preoccuparci   solamente   di   meritare    quel   posto   in   Paradiso,   non   di   pretenderlo    solo   perché   non   abbiamo   rubato   o ucciso.   Non   tiriamo   le   solite   conclusioni   frettolose   quando   nel   nostro   cuore   non   sappiamo   amare.   Amare   non   significa fare   il   ruffiano,   ma   desiderare   totalmente   il   bene   dell'altro;    vuol   dire   accettare   anche   le   ingiustizie   affinché vadano   a   vantaggio   di   un'altra   persona.   Se   il   Signore   ci   chiede   fagioli   non   dobbiamo   portargli   patate!   Cerchiamo   di concepire   finalmente   la   creazione   dell'11º   comandamento   per   dare   quella   risposta   che   è   necessaria   a   consolare   i   cuori   di Gesù   e   di   sua   madre,   togliendo   in   primis   il   nostro   orgoglio,   perché   ostinatamente   continuiamo   a   comportarci   secondo l'etica,   secondo   il   codice   civile   e   non   secondo   quello   che   desidera   il   Signore   da   parte   nostra.   L e   cose   migliori   che dobbiamo   fare   non   sono   quelle   delle   rivelazioni   private,   ma   di   metterci   a   confronto   con   le   sacre   scritture   per vedere   se   con   la   nostra   vita   le   confermiamo   o   le   annulliamo.   Non   diciamo   che   Gesù   e   la   Madonna   vogliono   questo   o quello,   diciamo   solamente   che   desiderano   che   noi   abbiamo   ad   amarci   di   più   gli   uni   gli   altri.   Questa   è   la   cosa   più importante   che   dà   valore   a   tutto,   che   ci   coinvolge   a   livello   di   comunità   e   di   famiglia,   al   di   là   dei   nostri   difetti,      se vogliamo essere dei veri maestri e dei veri esempi per gli altri, strumenti di bene e di verità.  DIMOSTRIAMO DI SAPERE CHE LUI SA TUTTO DI NOI  Dobbiamo   essere   sicuri   che   il   Signore   ci   conosce   molto   bene,   per   affidarci   totalmente   a   lui      e   credere   che   noi   non   lo conosciamo   come   lui   ci   conosce.   Ci   conosce   talmente   bene   che   non   ha   fatto   le   cose   difficili   per   noi:   ci   ha   creato   e   fatto cristiani   per   testimoniare   e   diffondere   la   sua   legge,   la   sua   parola,   non   per   commentarla   o   trasgredirla.   Se   non   siamo convinti   di   questo   dimostriamo   al   Signore   la   non   fiducia   e   non   gli   permettiamo   di   offrirci   la   sua   grazia.   Non   sentiamoci mai   abbandonati,   perché   se   in   certi   momenti   ci   fa   passare   esperienze   poco   felici,   è   per   migliorarci,   per   rafforzarci. Dobbiamo   essere   delle   persone   coraggiose   che   accettano   le   prove   della   vita   senza   lamentarsi.   Ma   vediamo   quello   che   c'è nel   mondo?   Il   Signore   è   premuroso   e   amorevole   nei   nostri   confronti,   mentre   noi   non   siamo   così   attenti   verso   di   lui. Lodiamolo   e   ringraziamo   sempre!   Il   Signore   conosce   quello   di   cui   abbiamo   bisogno   e   non   ce   lo   farà   mancare   nel momento   in   cui   sappiamo   dimostrare   di   sapere   che   mai   ci   abbandonerà.   Anzi   è   più   facile   che   noi   ci   dimentichiamo   di   lui, soprattutto   quando   le   cose   vanno   bene.   Affrontiamo   con   amore   ogni   situazione   e   il   Signore   ci   concederà   1000   volte   di più   di   quello   che   vogliamo   ottenere   secondo   la   nostra   logica.   Non   complichiamoci   la   vita   suggerendo   al   Signore   come deve   risolvere   i   nostri   problemi,   ma   diciamogli:   " Io   credo   in   te,   ho   fiducia   di   te,   mi   affido   a   te.   Anche   se   in   quel   momento mi   sembra   che   tu   non   intervieni,   io   so   Signore   che   tu   non   mi   abbandonerai" .   La   nostra   preghiera   deve   essere   una   gioia, non   deve   essere   trascinata   da   una   nostra   intenzione,   perché   il   Signore   la   conosce   molto   bene   e   ha   a   cuore   la   nostra situazione.   Possiamo   pregare   anche   in   silenzio   e   in   modo   compunto   come   faceva   la   Madonna   nella   sua   solitudine,   senza tanti   rumori.   Il   segno   più   tangibile   della   nostra   fede   è   quando   ci   abbandoniamo   al   Signore   per   vedere   giorno   dopo   giorno quanto è grande la sua misericordia, quanto ci è vicina.    Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul monte Misma  
Il desiderio più grande di Maria Santissima
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
Monte Misma - Oasi della Pace - via Spersiglio 25 Pradalunga (Bergamo)
stampa la pagina
Un deserto   sul Misma
Maria Ausiliatrice del monte Misma
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
  Troppe   volte   la   Madonna   sale   in   cielo   avendo   ben poco   da   offrire:   tante   buone   intenzioni   o   tante nostre     considerazioni.     Perciò     non     riesce     ad ottenere    dal    Signore    quelle    grazie    che    tanto desidera   per   noi.   La   cosa   che   si   aspetta   di   più   da parte   nostra   non   è   quella   di   andare   a   dire   agli altri    cosa    devono    fare,    perché    anche    questa potrebbe    essere    una    forma    di    egoismo    e    la Madonna    non    è    egoista.    Non    è    nemmeno    il digiuno,   la   preghiera   o   l’andare   a   messa:   queste cose   le   faceva   anche   il   fariseo   e   il   Signore   gli   ha risposto   "io   non   ti   conosco".   Certo   possiamo   dare valore   anche   a   questi   comportamenti,   ma   non   è assolutamente   detto   che   ci   fanno   ottenere   quello che   il   Signore   ci   ha   promesso,   perché   se   manca   il completamento     di     tutte     queste     azioni     non valgono   niente.   La   cosa   che   Maria   Santissima desidera     di     più     presentare     al     Padre     è     la testimonianza   che   ci   amiamo   veramente   gli uni    gli    altri,     il    comandamento    che    suo    figlio Gesù   ci   ha   dato   prima   di   salire   al   cielo.   Se   non riusciamo   a   realizzare   quello   che   la   Madonna   ci chiede,   a   cosa   vale   il   nostro   servizio?   Cerchiamo di   capire   il   sentimento   di   Maria   Santissima   per essere   uniti   a   lei,   per   renderla   felice,   per   non amareggiarla,   perché   sa   che   per   ottenere   una grazia     deve     presentare     al     Padre     uno     stile comportamentale   nostro   ben   preciso.   Se   fossimo veramente    convinti    di    avere    Dio    come    Padre, dovremmo   temere   di   non   essere   in   grazia   di   Dio e   preoccuparci   solamente   di   meritare    quel   posto in   Paradiso,   non   di   pretenderlo    solo   perché   non abbiamo   rubato   o   ucciso.   Non   tiriamo   le   solite conclusioni    frettolose    quando    nel    nostro    cuore non    sappiamo    amare.    Amare    non    significa fare   il   ruffiano,   ma   desiderare   totalmente   il bene   dell'altro;    vuol   dire   accettare   anche   le ingiustizie   affinché   vadano   a   vantaggio   di un'altra   persona.   Se   il   Signore   ci   chiede   fagioli non    dobbiamo    portargli    patate!    Cerchiamo    di concepire     finalmente     la     creazione     dell'11º comandamento   per   dare   quella   risposta   che   è necessaria   a   consolare   i   cuori   di   Gesù   e   di   sua madre,    togliendo    in    primis    il    nostro    orgoglio, perché   ostinatamente   continuiamo   a   comportarci secondo   l'etica,   secondo   il   codice   civile   e   non secondo   quello   che   desidera   il   Signore   da   parte nostra.   L e   cose   migliori   che   dobbiamo   fare non   sono   quelle   delle   rivelazioni   private,   ma di   metterci   a   confronto   con   le   sacre   scritture   per vedere   se   con   la   nostra   vita   le   confermiamo   o   le annulliamo.   Non   diciamo   che   Gesù   e   la   Madonna vogliono   questo   o   quello,   diciamo   solamente   che desiderano   che   noi   abbiamo   ad   amarci   di   più   gli uni   gli   altri.   Questa   è   la   cosa   più   importante   che dà   valore   a   tutto,   che   ci   coinvolge   a   livello   di comunità   e   di   famiglia,   al   di   là   dei   nostri   difetti,     se   vogliamo   essere   dei   veri   maestri   e   dei   veri esempi per gli altri, strumenti di bene e di verità.  DIMOSTRIAMO DI SAPERE CHE LUI SA TUTTO DI NOI  Dobbiamo   essere   sicuri   che   il   Signore   ci   conosce molto    bene,    per    affidarci    totalmente    a    lui        e credere   che   noi   non   lo   conosciamo   come   lui   ci conosce.   Ci   conosce   talmente   bene   che   non   ha fatto   le   cose   difficili   per   noi:   ci   ha   creato   e   fatto cristiani    per    testimoniare    e    diffondere    la    sua legge,    la    sua    parola,    non    per    commentarla    o trasgredirla.    Se    non    siamo    convinti    di    questo dimostriamo   al   Signore   la   non   fiducia   e   non   gli permettiamo     di     offrirci     la     sua     grazia.     Non sentiamoci   mai   abbandonati,   perché   se   in   certi momenti   ci   fa   passare   esperienze   poco   felici,   è per   migliorarci,   per   rafforzarci.   Dobbiamo   essere delle   persone   coraggiose   che   accettano   le   prove della   vita   senza   lamentarsi.   Ma   vediamo   quello che   c'è   nel   mondo?   Il   Signore   è   premuroso   e amorevole   nei   nostri   confronti,   mentre   noi   non siamo    così    attenti    verso    di    lui.    Lodiamolo    e ringraziamo   sempre!   Il   Signore   conosce   quello   di cui   abbiamo   bisogno   e   non   ce   lo   farà   mancare nel    momento    in    cui    sappiamo    dimostrare    di sapere   che   mai   ci   abbandonerà.   Anzi   è   più   facile che    noi    ci    dimentichiamo    di    lui,    soprattutto quando    le    cose    vanno    bene.    Affrontiamo    con amore   ogni   situazione   e   il   Signore   ci   concederà 1000   volte   di   più   di   quello   che   vogliamo   ottenere secondo   la   nostra   logica.   Non   complichiamoci   la vita   suggerendo   al   Signore   come   deve   risolvere   i nostri   problemi,   ma   diciamogli:   " Io   credo   in   te, ho   fiducia   di   te,   mi   affido   a   te.   Anche   se   in   quel momento   mi   sembra   che   tu   non   intervieni,   io   so Signore   che   tu   non   mi   abbandonerai" .   La   nostra preghiera    deve    essere    una    gioia,    non    deve essere    trascinata    da    una    nostra    intenzione, perché   il   Signore   la   conosce   molto   bene   e   ha   a cuore    la    nostra    situazione.    Possiamo    pregare anche    in    silenzio    e    in    modo    compunto    come faceva   la   Madonna   nella   sua   solitudine,   senza tanti   rumori.   Il   segno   più   tangibile   della   nostra fede   è   quando   ci   abbandoniamo   al   Signore   per vedere   giorno   dopo   giorno   quanto   è   grande   la sua misericordia, quanto ci è vicina. 

Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul

monte Misma

 
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
versione mobile