Maria Ausiliatrice del monte Misma
Un deserto  sul Misma
  A   modo   suo,   ogni   uomo,   dal   più   ateo,   al   musulmano,   al   talebano,   al   kamikaze,   crede   di   servire   il   Signore…Noi   pensiamo che   il   Signore   sia   quello   che   deve   intervenire   sulle   nostre   richieste,   a   comando,   quando      lo   decidiamo   noi…   Eppure   nella nostra   realtà   fisica   dimostriamo   di   non   essere   completi   nel   nostro   cammino,   perché   quando   stiamo   godendo   dei   piaceri della   vita,   non   ci   ricordiamo   del   Signore…   Ciò   che   ci   impedisce      di   capire   il   nostro   pellegrinare   in   questa   vita,   è   il   fatto che   perseguiamo   più   obiettivi:   il   sensazionale,   il   soprannaturale,   il   sensuale,   l'emozionale,   il   miracolismo…,   mentre dovremmo   avere   come   unico   scopo   quello   di   comprendere   che   cosa   rappresenta   il   Signore   per   noi!   Come   cristiani cerchiamo   sempre      più   di   farci   un   esame   di   coscienza   per   capire   se   stiamo   testimoniando   la   parola   e   la   legge   del Signore,   noi   che   siamo   la   continuazione      di   quel         popolo   (gli   ebrei)   che   Dio   si   è   scelto   come   suo   testimone.   Per   ottenere i   doni   del   Signore,   ci   vuole   una   caratteristica   comune   e   ben   precisa:   essere   obbedienti   alla   Santa   Chiesa!   Se   noi   non siamo   obbedienti   alla   Santa   Chiesa,   non   riceveremo   mai   i   doni   dello   Spirito   Santo   e   le   grazie   del   Signore,   anzi   ci illudiamo   che   questo   possa   avvenire,   ma   i   realtà   non   avviene.   Maria   Santissima   ci   ha   dimostrato,   che   è   stata   obbediente ai   sacerdoti   del   Tempio,      alla   Chiesa   di   allora,   tanto   è   vero   che   dopo   la   nascita   di   Gesù,   che   è   nato   in   un   modo   puro,   si   è ritenuta   impura   per   andare   a   farsi   purificare   come   facevano   tutte   le   donne   di   un   tempo.   Questa   è   obbedienza!   Noi invece,   se   avessimo   ricevuto   un   dono   così   grande,   avremmo   cominciato   subito   a   ragionare,   a   ritenere   inutile   la purificazione,   e   ad   essere   disobbedienti   alla   Chiesa…   Il   mondo   è   diventato   così   presuntuoso   e   arrogante   (grazie   al benessere),   che   pensa   di   decidere      in   che   misura   devono   intervenire   il   Signore   o   la   Madonna,   e   con   questa   disposizione d’animo,    contraria    all’abbandono,    l’uomo    rinuncia    alla    Grazia    di    Colui    che    con    la    sua    potenza    ci    tiene        sospesi nell'Universo e  perfettamente radicati sulla Terra… ANCHE IL PEGGIORE DEI CONSACRATI È OPERA GRADITA A DIO Dunque   chi   intende   entrare   a   servire   la   Chiesa   deve   istantaneamente   tacere,   perché   oltre   al   salmo   39,   ci   sono   altre   parti della   Bibbia   che   spiegano   che   il   troppo   parlare   non   va   bene,   nelle   cose   in   cui   noi   non   conosciamo   la   grandezza, l'estensione.   Perché   chi   di   noi   conosce   la   grandezza      e   la   potenza   di   Dio?   “Quanto   sono   imperscrutabili   i   suoi   giudizi   e inaccessibili   le   sue   vie!   Chi   mai   ha   potuto   conoscere   il   pensiero   del   Signore?   O   chi   mai   è   stato   suo   consigliere?”   (Rm. c.11   v.33-35).   Come   ci   permettiamo   noi   di   entrare   nella   Chiesa   criticandola,   giudicandola,   commentando   come   deve comportarsi   la   Chiesa   o   addirittura   i   sacerdoti.   Giusti   o   sbagliati,   bravi   o   meno   bravi,   non   tocca   a   noi   giudicare   quello   che i   sacerdoti   fanno   o   non   fanno.   Supponiamo   che   improvvisamente   uno   che   non   conosciamo   viene   in   casa   nostra   (che abbiamo   costruito   con   tanti   sacrifici)   a   dettare   legge:   come   ci   sentiremmo?   Quanto   meno   non   felici,   offesi.   Pensiamo   allo stato   d'animo   di   un   sacerdote   che   si   sente   criticato   in   casa   sua,   perché   la   Chiesa   é   casa   del   sacerdote   non   casa nostra...Con   che   diritto   osiamo   criticare   la   Santa   Chiesa,   quando   non   è   stata   costituita   come   un   associazione,      un   partito politico,      un   diversivo,   ma   è   la   dimora   di   Dio   ?   La   Chiesa   a   partire   dal   vecchio   testamento   quando   c'era   l'Arca dell'Alleanza,   fino   ai   tempi   nostri,   ha   resistito   a   tutti   gli   attacchi,   a   tutte   le   critiche   e   a   tutte   le   insinuazioni,   perché   è   non è   una   istituzione   umana,   è   la   presenza   meravigliosa   e   potente   di   Dio.   Il   Signore   più   di   tanto   non   lascia   fare,   “lascia   fare ma   non   strafare”..   Cerchiamo   di   capire   la   realtà   di   cui   facciamo   parte:   se   non   l’abbiamo   capita,   allora   entriamo   in   un contesto sindacalista, politico, andiamo in piazza a lamentarci di tutto, ma non nella casa del Signore.    SEGUIRE LA CHIESA E NON FARE DI TESTA NOSTRA PER VINCERE IL DEMONIO  Da   21   anni   Maria   Santissima   a   Roberto   Longhi   ha   indicato   la   via   del   silenzio,   del   timor   di   Dio,   dell'amore   fra   di   noi,   ed   ha confidato   una   riservatezza   e   un   rispetto   verso   la   Santa   Chiesa   e      i   sacerdoti…...,   che   ci   permettono   di   arrivare   al   Signore     con   il   sacramento   della   confessione   ed   il   perdono   dei   nostri   peccati.   Il   sacerdote   o   ha   una   importanza   che   noi   non dobbiamo   escludere,   oppure   facciamo   di   testa   nostra,   come   ha   lamentato   il   Santo   Padre.   Se   non   abbiamo   capito   questo, rischiamo   di   essere   come   dice   la   parabola   di   Gesù   “   non   chi   dice   Signore   Signore   entrerà   nel   regno   dei   cieli,   ma   chi   fa   la volontà   del   padre   mio   che   è   nei   cieli..".      E   allora   che   cosa   serve   pregare?   Bisogna   stare   attenti   a   quello   che   si   sta facendo,   perché   un   giorno   il   Signore   può   anche   dirci   "   io   non   ti   conosco!",   dopo   sacrifici,   digiuni   e   rinunce.   Lasciamoci educare   da   Maria   Santissima   che   ci   pone   un   altro   quesito:   “secondo   voi   Gesù   è   stato   tentato   nel   deserto   dal   demonio   o si   è   lasciato   tentare   per   dimostrare   che   la   natura   umana   può   essere   vinta   con   la   nostra   resistenza?”.      Non   lo   sappiamo, perché   per   noi   Gesù   è   stato   tentato   nel   deserto   per   40   giorni,   ma   lui   si   è   lasciato   tentare   per   dimostrare   che,   con   la   sua natura   umana   come   la   nostra,   potremmo   resistere   di   più   all'insinuazione   del   maligno   che   giornalmente   abbiamo.   Grazie a   quest'episodio      del   Vangelo,   abbiamo   la   certezza   di   avere   che   fare   con   un   nemico   che   ci   vuole   portare   al   peccato,   alla trasgressione,   e   che      noi   non   dobbiamo   fare   di   testa   nostra   per   vincerlo,   ma   restare   obbedienti   alla   parola   del   Signore, alla Chiesa.     CON LA LINGUA SI TRASGREDISCE PER ABITUDINE ED IN  BUONA FEDE     Uno   che   si   predispone   a   servire   la   Chiesa   dovrebbe   diventare   "   muto"...,   quanto   meno   dovrebbe   darsi   un   tempo   per     diventare   saggio;   poi   l'apostolo   saggio   con   due   parole   dice   quello   che   un   altro   direbbe   in   un   mese…Quando   avremo     raggiunto   quel   livello,   sicuramente   faremo   pochi   errori,   perché   diremo   poche   parole.   Se   il   Signore   ha   scelto   Maria     Santissima,   la   Regina   del   Silenzio,   vuol   dire   che   la   caratteristica   indispensabile   per   servirlo   è   quella   del   silenzio.   Significa     che   Dio   non   ha   bisogno   di   ripetitori,      di   persone   che   incantano   con   le   parole,   ma   di   servi   silenziosi   e   obbedienti,   idonei   a        ricevere   le   grazie   e   le   "perle"   celesti.   Consideriamo   con   letizia   il   suggerimento   di   Maria   SS.   di   misurare   bene   la   lingua,     perché   ha   un   potere   che   non   ce   ne   siamo   resi   conto:   ha   diviso   la   Chiesa,   le   famiglie,   ha   creato   tanti   scismi   e   tanti   crolli, ha      effuso   tante   condanne   a   morte!   La   lingua   è   legata   all'orgoglio   o   all'umiltà.   La   Madonna   era   grandissima,   ma   ha misurato      bene   le   sue   parole   e   il   Signore   ha   guardato   la   sua   umiltà,   non   quello   che   ha   detto.   Colui   che   invece   non   è saggio   e   non   è   da   seguire,   è   colui   che   parla   molto!   Stiamo   attenti…Per   comportarci   nel   modo   migliore,   incominciamo dalla   base,   a   capire   che      senza   l'obbedienza   alla   Chiesa   non   esiste   il   resto:   anche   a   re   Davide,   a   Salomone   e   a   Giobbe, Dio    ha    chiesto    l'obbedienza!        E    perché    allora    noi    siamo    disobbedienti    alla    Chiesa?    Certo    perché    coloro    che disobbediscono   alla   Chiesa   sono   quelli   che   la      frequentano,   che   conoscono   la   legge,   non   quelli   che   hanno   aderito   ad   altre teorie,   non   sono   loro   la   parte   marcia      dell'umanità.      Capiamo   i   nostri   errori,   perché   le   prostitute   ci   passeranno   avanti..... Amiamo   la   nostra   Chiesa   come   noi      amiamo   la   nostra   casa,   anzi   anche   la   nostra   casa   è   un   bene   che   il   Signore   ci   ha concesso   di   avere,   perché   noi   non      potevamo   concedercela   personalmente;   dunque   la   casa   del   Signore   la   dobbiamo amare   doppiamente:   primo   perché   il      Signore   ci   ha   concesso   la   nostra   casa,   secondo   perché   è   la   casa   del   Signore,   dove il   Signore   è   presente   in   continuazione      per   noi.   Non   entriamo   nella   casa   del   Signore   baldanzosi,   senza   alcuna   riverenza, perché   quasi   quasi   abbiamo   dei   meriti      perché   siamo   entrati   nella   sua   casa,   e   addirittura   avremmo   bisogno   di   una riconoscenza   speciale   perché   siamo   entrati   in      chiesa.....   invece   noi   dobbiamo   ringraziare   il   Signore   che   ci   concede   di varcare quella porta, e quando usciamo dobbiamo   sentire la  responsabilità  di esseri cristiani.      PARLARE A VANVERA DEL SIGNORE, SI INFRANGE IL 2° COMANDAMENTO    Diventiamo   quei   servi   obbedienti   e   silenziosi   verso   la   Chiesa,   facciamo   la   nostra   parte,   poi   il   resto   lo   farà   il   Signore; quando      Signore   ha   moltiplicati   pani   e   pesci,   li   ha   moltiplicati   non   sull'inesistente,   ma   c'era   un   ragazzino   che   ha   offerto due   pani   e      due   pesci,   quindi   la   parte   umana,   anche   se   limitata,   è   importante.   La   fiammella   dell'autenticità   cristiana deve   nascere   da      noi,   poi   il   Signore   la   moltiplicherà   a   dismisura,   in   un   modo   ed   in   luoghi   a   noi   sconosciuti,   ma   quella fiammella   di   quei   pani   e      di   quei   pesci   mettiamocela   noi.   Sentiamoci   già   da   oggi   indegni   di   nominare   il   nome   del   Signore, per   non   infrangere   uno   dei      10   comandamenti,   facendo   attenzione   che   non   pecchiamo   solo   con   la   bestemmia,   ma quando   parliamo      a   vanvera   e   con      superficialità   del   nome   di   Dio.      E’   scritto   nel   Vangelo   che   "   di   ogni   parola   infondata renderemo   conto   nel   giorno   del      giudizio";   ecco   perché   la   Madonna   vuole   consigliarci   di   tacere   quando   si   parla   del Signore.               Queste   le   ennesime   confidenze   di   Maria   Santissima   che   Roberto   Longhi   ci   trasmette   senza   enfasi,   in   un   modo normale,      perché   la   Madonna   è   semplicità,   è   rispettosa   e   contenuta.   Diventiamo   servi   nascosti   della   Chiesa,   non testimoni   del      sensazionale;   lasciamo   perdere   i   riconoscimenti,   i   primi   posti,   i   piedistalli   che   ognuno   di   noi   vorrebbe avere   per   mettersi   in      mostra….   Facciamo   un   passo   indietro   se   vogliamo   amare   veramente   Maria   Santissima   e   la   Chiesa di Gesù.   Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul monte Misma  
Essere obbedienti alla Chiesa
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
Monte Misma - Oasi della Pace - via Spersiglio 25 Pradalunga (Bergamo)
stampa la pagina
Un deserto   sul Misma
Maria Ausiliatrice del monte Misma
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
A    modo    suo,    ogni    uomo,    dal    più    ateo,    al musulmano,   al   talebano,   al   kamikaze,   crede   di servire   il   Signore…Noi   pensiamo   che   il   Signore sia    quello    che    deve    intervenire    sulle    nostre richieste,   a   comando,   quando      lo   decidiamo   noi… Eppure   nella   nostra   realtà   fisica   dimostriamo   di non   essere   completi   nel   nostro   cammino,   perché quando   stiamo   godendo   dei   piaceri   della   vita, non    ci    ricordiamo    del    Signore…    Ciò    che    ci impedisce        di    capire    il    nostro    pellegrinare    in questa    vita,    è    il    fatto    che    perseguiamo    più obiettivi:    il    sensazionale,    il    soprannaturale,    il sensuale,   l'emozionale,   il   miracolismo…,   mentre dovremmo    avere    come    unico    scopo    quello    di comprendere   che   cosa   rappresenta   il   Signore   per noi!    Come    cristiani    cerchiamo    sempre        più    di farci   un   esame   di   coscienza   per   capire   se   stiamo testimoniando   la   parola   e   la   legge   del   Signore, noi   che   siamo   la   continuazione      di   quel         popolo (gli    ebrei)    che    Dio    si    è    scelto    come    suo testimone.   Per   ottenere   i   doni   del   Signore,   ci vuole   una   caratteristica   comune   e   ben   precisa: essere   obbedienti   alla   Santa   Chiesa!   Se   noi   non siamo     obbedienti     alla     Santa     Chiesa,     non riceveremo   mai   i   doni   dello   Spirito   Santo   e   le grazie   del   Signore,   anzi   ci   illudiamo   che   questo possa   avvenire,   ma   i   realtà   non   avviene.   Maria Santissima     ci     ha     dimostrato,     che     è     stata obbediente   ai   sacerdoti   del   Tempio,      alla   Chiesa di   allora,   tanto   è   vero   che   dopo   la   nascita   di Gesù,   che   è   nato   in   un   modo   puro,   si   è   ritenuta impura    per    andare    a    farsi    purificare    come facevano   tutte   le   donne   di   un   tempo.   Questa   è obbedienza!   Noi   invece,   se   avessimo   ricevuto   un dono   così   grande,   avremmo   cominciato   subito   a ragionare,   a   ritenere   inutile   la   purificazione,   e   ad essere    disobbedienti    alla    Chiesa…    Il    mondo    è diventato   così   presuntuoso   e   arrogante   (grazie   al benessere),   che   pensa   di   decidere      in   che   misura devono   intervenire   il   Signore   o   la   Madonna,   e con     questa     disposizione     d’animo,     contraria all’abbandono,    l’uomo    rinuncia    alla    Grazia    di Colui   che   con   la   sua   potenza   ci   tiene      sospesi nell'Universo    e        perfettamente    radicati    sulla Terra… ANCHE IL PEGGIORE DEI CONSACRATI È OPERA GRADITA A DIO Dunque   chi   intende   entrare   a   servire   la   Chiesa deve    istantaneamente    tacere,    perché    oltre    al salmo   39,   ci   sono   altre   parti   della   Bibbia   che spiegano   che   il   troppo   parlare   non   va   bene,   nelle cose   in   cui   noi   non   conosciamo   la   grandezza, l'estensione.     Perché     chi     di     noi     conosce     la grandezza      e   la   potenza   di   Dio?   “Quanto   sono imperscrutabili   i   suoi   giudizi   e   inaccessibili   le   sue vie!   Chi   mai   ha   potuto   conoscere   il   pensiero   del Signore?   O   chi   mai   è   stato   suo   consigliere?”   (Rm. c.11    v.33-35).    Come    ci    permettiamo    noi    di entrare    nella    Chiesa    criticandola,    giudicandola, commentando   come   deve   comportarsi   la   Chiesa o   addirittura   i   sacerdoti.   Giusti   o   sbagliati,   bravi o   meno   bravi,   non   tocca   a   noi   giudicare   quello che   i   sacerdoti   fanno   o   non   fanno.   Supponiamo che   improvvisamente   uno   che   non   conosciamo viene   in   casa   nostra   (che   abbiamo   costruito   con tanti     sacrifici)     a     dettare     legge:     come     ci sentiremmo?    Quanto    meno    non    felici,    offesi. Pensiamo   allo   stato   d'animo   di   un   sacerdote   che si   sente   criticato   in   casa   sua,   perché   la   Chiesa   é casa    del    sacerdote    non    casa    nostra...Con    che diritto   osiamo   criticare   la   Santa   Chiesa,   quando non   è   stata   costituita   come   un   associazione,      un partito   politico,      un   diversivo,   ma   è   la   dimora   di Dio   ?   La   Chiesa   a   partire   dal   vecchio   testamento quando   c'era   l'Arca   dell'Alleanza,   fino   ai   tempi nostri,   ha   resistito   a   tutti   gli   attacchi,   a   tutte   le critiche   e   a   tutte   le   insinuazioni,   perché   è   non   è una      istituzione      umana,      è      la      presenza meravigliosa   e   potente   di   Dio.   Il   Signore   più   di tanto    non    lascia    fare,    “lascia    fare    ma    non strafare”..   Cerchiamo   di   capire   la   realtà   di   cui facciamo   parte:   se   non   l’abbiamo   capita,   allora entriamo    in    un    contesto    sindacalista,    politico, andiamo   in   piazza   a   lamentarci   di   tutto,   ma   non nella casa del Signore.    SEGUIRE LA CHIESA E NON FARE DI TESTA NOSTRA PER VINCERE IL DEMONIO  Da   21   anni   Maria   Santissima   a   Roberto   Longhi   ha indicato    la    via    del    silenzio,    del    timor    di    Dio, dell'amore    fra    di    noi,    ed    ha    confidato    una riservatezza   e   un   rispetto   verso   la   Santa   Chiesa e      i   sacerdoti…...,   che   ci   permettono   di   arrivare   al Signore      con   il   sacramento   della   confessione   ed   il perdono   dei   nostri   peccati.   Il   sacerdote   o   ha   una importanza    che    noi    non    dobbiamo    escludere, oppure    facciamo    di    testa    nostra,    come    ha lamentato   il   Santo   Padre.   Se   non   abbiamo   capito questo,     rischiamo     di     essere     come     dice     la parabola   di   Gesù   “   non   chi   dice   Signore   Signore entrerà   nel   regno   dei   cieli,   ma   chi   fa   la   volontà del   padre   mio   che   è   nei   cieli..".      E   allora   che   cosa serve   pregare?   Bisogna   stare   attenti   a   quello   che si   sta   facendo,   perché   un   giorno   il   Signore   può anche   dirci   "   io   non   ti   conosco!",   dopo   sacrifici, digiuni   e   rinunce.   Lasciamoci   educare   da   Maria Santissima     che     ci     pone     un     altro     quesito: “secondo   voi   Gesù   è   stato   tentato   nel   deserto   dal demonio   o   si   è   lasciato   tentare   per   dimostrare che   la   natura   umana   può   essere   vinta   con   la nostra   resistenza?”.      Non   lo   sappiamo,   perché per   noi   Gesù   è   stato   tentato   nel   deserto   per   40 giorni,   ma   lui   si   è   lasciato   tentare   per   dimostrare che,   con   la   sua   natura   umana   come   la   nostra, potremmo    resistere    di    più    all'insinuazione    del maligno    che    giornalmente    abbiamo.    Grazie    a quest'episodio      del   Vangelo,   abbiamo   la   certezza di   avere   che   fare   con   un   nemico   che   ci   vuole portare   al   peccato,   alla   trasgressione,   e   che      noi non   dobbiamo   fare   di   testa   nostra   per   vincerlo, ma   restare   obbedienti   alla   parola   del   Signore, alla Chiesa.     CON LA LINGUA SI TRASGREDISCE PER ABITUDINE ED IN  BUONA FEDE     Uno    che    si    predispone    a    servire    la    Chiesa dovrebbe    diventare    "    muto"...,    quanto    meno dovrebbe   darsi   un   tempo   per      diventare   saggio; poi   l'apostolo   saggio   con   due   parole   dice   quello che   un   altro   direbbe   in   un   mese…Quando   avremo     raggiunto   quel   livello,   sicuramente   faremo   pochi errori,   perché   diremo   poche   parole.   Se   il   Signore ha    scelto    Maria        Santissima,    la    Regina    del Silenzio,      vuol      dire      che      la      caratteristica indispensabile   per   servirlo   è   quella   del   silenzio. Significa      che   Dio   non   ha   bisogno   di   ripetitori,      di persone   che   incantano   con   le   parole,   ma   di   servi silenziosi    e    obbedienti,    idonei    a            ricevere    le grazie    e    le    "perle"    celesti.    Consideriamo    con letizia   il   suggerimento   di   Maria   SS.   di   misurare bene   la   lingua,      perché   ha   un   potere   che   non   ce ne    siamo    resi    conto:    ha    diviso    la    Chiesa,    le famiglie,   ha   creato   tanti   scismi   e   tanti   crolli,   ha     effuso    tante    condanne    a    morte!    La    lingua    è legata   all'orgoglio   o   all'umiltà.   La   Madonna   era grandissima,   ma   ha   misurato      bene   le   sue   parole e   il   Signore   ha   guardato   la   sua   umiltà,   non   quello che   ha   detto.   Colui   che   invece   non   è   saggio   e non   è   da   seguire,   è   colui   che   parla   molto!   Stiamo attenti…Per     comportarci     nel     modo     migliore, incominciamo   dalla   base,   a   capire   che      senza l'obbedienza    alla    Chiesa    non    esiste    il    resto: anche   a   re   Davide,   a   Salomone   e   a   Giobbe,   Dio ha    chiesto    l'obbedienza!        E    perché    allora    noi siamo    disobbedienti    alla    Chiesa?    Certo    perché coloro   che   disobbediscono   alla   Chiesa   sono   quelli che   la      frequentano,   che   conoscono   la   legge,   non quelli   che   hanno   aderito   ad   altre   teorie,   non   sono loro   la   parte   marcia      dell'umanità.      Capiamo   i nostri   errori,   perché   le   prostitute   ci   passeranno avanti.....    Amiamo    la    nostra    Chiesa    come    noi      amiamo   la   nostra   casa,   anzi   anche   la   nostra   casa è   un   bene   che   il   Signore   ci   ha   concesso   di   avere, perché     noi     non          potevamo     concedercela personalmente;   dunque   la   casa   del   Signore   la dobbiamo   amare   doppiamente:   primo   perché   il     Signore   ci   ha   concesso   la   nostra   casa,   secondo perché   è   la   casa   del   Signore,   dove   il   Signore   è presente   in   continuazione      per   noi.   Non   entriamo nella   casa   del   Signore   baldanzosi,   senza   alcuna riverenza,   perché   quasi   quasi   abbiamo   dei   meriti     perché   siamo   entrati   nella   sua   casa,   e   addirittura avremmo   bisogno   di   una   riconoscenza   speciale perché   siamo   entrati   in      chiesa.....   invece   noi dobbiamo   ringraziare   il   Signore   che   ci   concede   di varcare     quella     porta,     e     quando     usciamo dobbiamo         sentire   la      responsabilità      di   esseri cristiani.      PARLARE A VANVERA DEL SIGNORE, SI INFRANGE IL 2° COMANDAMENTO    Diventiamo    quei    servi    obbedienti    e    silenziosi verso   la   Chiesa,   facciamo   la   nostra   parte,   poi   il resto    lo    farà    il    Signore;    quando        Signore    ha moltiplicati   pani   e   pesci,   li   ha   moltiplicati   non sull'inesistente,   ma   c'era   un   ragazzino   che   ha offerto   due   pani   e      due   pesci,   quindi   la   parte umana,    anche    se    limitata,    è    importante.    La fiammella   dell'autenticità   cristiana   deve   nascere da        noi,    poi    il    Signore    la    moltiplicherà    a dismisura,    in    un    modo    ed    in    luoghi    a    noi sconosciuti,   ma   quella   fiammella   di   quei   pani   e     di   quei   pesci   mettiamocela   noi.   Sentiamoci   già   da oggi   indegni   di   nominare   il   nome   del   Signore,   per non    infrangere    uno    dei        10    comandamenti, facendo   attenzione   che   non   pecchiamo   solo   con la   bestemmia,   ma   quando   parliamo      a   vanvera   e con      superficialità   del   nome   di   Dio.      E’   scritto   nel Vangelo     che     "     di     ogni     parola     infondata renderemo   conto   nel   giorno   del      giudizio";   ecco perché   la   Madonna   vuole   consigliarci   di   tacere quando    si    parla    del    Signore.                    Queste    le ennesime    confidenze    di    Maria    Santissima    che Roberto   Longhi   ci   trasmette   senza   enfasi,   in   un modo   normale,      perché   la   Madonna   è   semplicità, è     rispettosa     e     contenuta.     Diventiamo     servi nascosti     della     Chiesa,     non     testimoni     del       sensazionale;   lasciamo   perdere   i   riconoscimenti, i    primi    posti,    i    piedistalli    che    ognuno    di    noi vorrebbe    avere    per    mettersi    in        mostra…. Facciamo   un   passo   indietro   se   vogliamo   amare veramente Maria Santissima e la Chiesa di Gesù.  

Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul

monte Misma

 
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
versione mobile