Maria Ausiliatrice del monte Misma
Un deserto  sul Misma
  Cosa   sta   più   a   cuore   a   Maria   Santissima?   E’impossibile   dirlo,   perché   l'uomo   si   crea   il   suo   schema   e   lo   sostiene   dentro   il presidio   della   verità   cristiana,   nella   Chiesa.   E   questo   lo   penalizza   molto.   Cosa   hanno   voluto   trasmetterci   Gesù   e   la Madonna   alle   nozze   di   Cana?   Sappiamo   solamente   che   è   stata   trasformata   l’acqua   in   vino,   ma   se   fossimo   più   attenti potremmo   capire   come   la   Madonna   agisce   meravigliosamente   nel   silenzio,   nel   nascondimento   e   con   discrezione.   Lei   era invitata,   non   aveva   provveduto   alla   preparazione   e   alla   distribuzione   del   cibo   e   delle   bevande.    Come   faceva   a   sapere che   nelle   cantine   non   c'era   più   vino?   Chi   glielo   ha   detto?   Fermiamoci   qui,   non   commentiamo,   impariamo   ad   essere anche   molto   sensibili   e   umili,   per   non   commettere   l'errore   di   voler   dimostrare   ciò   che   non   sappiamo.   Accettiamo   questa confidenza   e   viviamola   con   amore.   In   quel   momento   la   Madonna   si   è   rivelata   come   la   meravigliosa   mamma   di   tutti   noi, perché   sa   quello   che   abbiamo   bisogno.   Non   è   meraviglioso   capire   che   la   Madonna   pensa   a   noi,   come   ha   pensato   a   tutti quegli   invitati?   In   quell'apparizione   ha   detto   le   sue   uniche   parole   riportate   nel   Vangelo:   "Fate   quello   che   Lui   vi   dirà   ".    Ma all'epoca   Gesù   era   per   tanti   un   uomo   qualunque,   una   persona   normale.   La   Madonna   non   ha   voluto   portare   disturbo   o enfasi,   non   è   andata   dal   padrone   di   casa,   l'ha   detto   a   suo   Figlio,   tant'è   vero   che   gli   ha   risposto:   " Che   cosa   vuoi   da   me   tu o   donna?   Non   è   ancora   venuta   la   mia   ora".    Maria   Santissima   sa   che   se   si   affida   al   Figlio   ottiene   la   risposta   di aiuto   per   noi.   Impariamo   ad   amarla   e   contemplarla   per   quello   che   fa   per   noi,   per   la   sua   delicatezza   e   la profondità   del   suo   ruolo.   Dobbiamo   solo   essere   disponibili   a   riempire   quelle   giare   di   acqua   senza   chiederci   il   perché, come   hanno   fatto   quei   servi   obbedienti.   Il   nostro   compito,   il   nostro   spazio   di   interagire   con   Dio,   inizia   e   finisce   lì.   Poi   il Signore   ci   riserverà   la   parte   migliore,   ci   pensa   lui   a   trasformare   l’acqua   nel   vino   più   buono.   Impariamo   a   fare   la   nostra parte, perché di generazione in generazione abbiamo voluto fare ciò che non ci compete. LA MADONNA E’ CONTENTA DI QUESTA CHIESA? Noi   che   preghiamo,   siamo   sicuri   di   sostenere   ciò   che   sta   a   cuore   a   Maria   Santissima   o   sosteniamo   di   più   ciò   che   la   fa soffrire?   A   lei   non   interessa   la   parvenza   esteriore,   perché,   come   perfetta   educatrice   della   nuova   Chiesa,   sa   quale caratteristica   dobbiamo   avere.   Ci   comportiamo   con   coerenza   verso   la   Chiesa   che   la   Madre   di   Gesù   ha   trasmesso   agli apostoli?   Chi   sosteniamo?   Siamo   sicuri   che   tutti   i   sacerdoti   e   i   vescovi   sono   obbedienti   al   Papa,   unico   maestro   infallibile? Non   si   è   obbedienti   alla   Chiesa   sostenendo   un   sacerdote   invece   di   un   altro.   Maria   Santissima   ci   ha   trasmesso   una   verità che   oggi   noi   non   confermiamo   più,   perché   troppo   è   stato   cambiato.      Facciamo   tutto   quello   che   facevano   i   farisei   e decidiamo   noi   la   sostanza,   la   verità,   la   qualità;   per   questo   la   Madonna   ha   detto   a   Roberto,   con   aria   sofferente:   “non commettere   anche   tu   errori   che   tanti   miei   strumenti   commettono”.    Non   è   mai   venuta   a   confermare   lo   schema,   a dirci:   prega,   paga   la   decima,   digiuna,   vai   al   Tempio,   che   va   bene   così” ,   come   può   diffondere   lo   stile   del   fariseo   che Gesù   non   ha   accettato?   Semmai   è   apparsa   quando   c'era   bisogno   di   portare   un   avvertimento,   una   novità   utile   per l'uomo.   Potremmo   veramente   consolarla   e   non   concederle   solamente   le   briciole,   diventando   un   gruppo   che,   con   umiltà, non   viene   formato   dalla   parola   d'uomo,   ma   dallo   Spirito   Santo.   Nessuno   sa   che   differenza   c'è   tra   noi   e   i   veri   cristiani, potrebbe   esserci   un   abisso,   come   potrebbero   non   esserci   differenze.   Se   vogliamo   sostenere   Maria   Santissima,   in   primis dobbiamo   conoscere   ciò   che   le   sta   a   cuore;   dobbiamo   deciderci   se   far   parte   di   un   corpo   celeste   con   Lei,   ma   senza   quella dimostrazione   di   obbedienza   non   lo   scopriremo   mai.   Anzi,   potremmo   sostenere   inconsapevolmente   la   parte   che   la   fa   più soffrire.   Non   dobbiamo   uscire   dagli   schemi   della   Chiesa,   però   non   formalizziamoci   alle   nostre   abitudini,   perché   non sappiamo   in   che   misura   noi   oggi   abbiamo   reso   arida   la   parola   di   Dio.   Non   c'è   amore   tra   di   noi,   c'è   compatimento, cortesia,   rispetto.   È   giusto   davanti   al   Signore   stabilire   ciò   che   è   sufficiente   o   è   più   giusto   abbandonarsi   totalmente   a   lui? Il   Signore   desidera   che   abbiamo   a   trasmettere   la   cultura   che   abbiamo   conosciuto   studiando   o   desidera   che abbiamo   un   cuore   pieno   d'amore?      Ricordiamoci   che   gli   ultimi   Dio   li   mette   al   primo   posto,   li   innalza   attraverso   i   doni dello   Spirito   Santo.   Tanti   accolgono   Maria   Santissima   nell'enfasi,   altri   invece   in   modo   insignificante   perché   per   loro   è   più importante   la   teologia.   Decidiamo   chi   vogliamo   sostenere,   puntiamo   l'obiettivo,   scegliamo   quel   luogo   dove   viene trasmesso il necessario, giorno dopo giorno, per aumentare la nostra conoscenza.   Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul monte Misma  
Maria si rivela alle nozze di Cana
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
Monte Misma - Oasi della Pace - via Spersiglio 25 Pradalunga (Bergamo)
stampa la pagina
Un deserto   sul Misma
Maria Ausiliatrice del monte Misma
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
  Cosa    sta    più    a    cuore    a    Maria    Santissima? E’impossibile   dirlo,   perché   l'uomo   si   crea   il   suo schema    e    lo    sostiene    dentro    il    presidio    della verità     cristiana,     nella     Chiesa.     E     questo     lo penalizza   molto.   Cosa   hanno   voluto   trasmetterci Gesù   e   la   Madonna   alle   nozze   di   Cana?   Sappiamo solamente    che    è    stata    trasformata    l’acqua    in vino,   ma   se   fossimo   più   attenti   potremmo   capire come   la   Madonna   agisce   meravigliosamente   nel silenzio,   nel   nascondimento   e   con   discrezione. Lei    era    invitata,    non    aveva    provveduto    alla preparazione   e   alla   distribuzione   del   cibo   e   delle bevande.     Come    faceva    a    sapere    che    nelle cantine    non    c'era    più    vino?    Chi    glielo    ha detto?     Fermiamoci     qui,     non     commentiamo, impariamo    ad    essere    anche    molto    sensibili    e umili,    per    non    commettere    l'errore    di    voler dimostrare    ciò    che    non    sappiamo.    Accettiamo questa    confidenza    e    viviamola    con    amore.    In quel   momento   la   Madonna   si   è   rivelata   come   la meravigliosa    mamma    di    tutti    noi,    perché    sa quello   che   abbiamo   bisogno.   Non   è   meraviglioso capire   che   la   Madonna   pensa   a   noi,   come   ha pensato       a       tutti       quegli       invitati?       In quell'apparizione   ha   detto   le   sue   uniche   parole riportate   nel   Vangelo:   "Fate   quello   che   Lui   vi   dirà ".     Ma    all'epoca    Gesù    era    per    tanti    un    uomo qualunque,   una   persona   normale.   La   Madonna non   ha   voluto   portare   disturbo   o   enfasi,   non   è andata    dal    padrone    di    casa,    l'ha    detto    a    suo Figlio,   tant'è   vero   che   gli   ha   risposto:   " Che   cosa vuoi   da   me   tu   o   donna?   Non   è   ancora   venuta   la mia   ora".    Maria   Santissima   sa   che   se   si   affida al   Figlio   ottiene   la   risposta   di   aiuto   per   noi. Impariamo    ad    amarla    e    contemplarla    per quello   che   fa   per   noi,   per   la   sua   delicatezza   e la   profondità   del   suo   ruolo.   Dobbiamo   solo   essere disponibili   a   riempire   quelle   giare   di   acqua   senza chiederci   il   perché,   come   hanno   fatto   quei   servi obbedienti.   Il   nostro   compito,   il   nostro   spazio   di interagire   con   Dio,   inizia   e   finisce   lì.   Poi   il   Signore ci    riserverà    la    parte    migliore,    ci    pensa    lui    a trasformare     l’acqua     nel     vino     più     buono. Impariamo    a    fare    la    nostra    parte,    perché    di generazione   in   generazione   abbiamo   voluto   fare ciò che non ci compete. LA MADONNA E’ CONTENTA DI QUESTA CHIESA? Noi   che   preghiamo,   siamo   sicuri   di   sostenere   ciò che   sta   a   cuore   a   Maria   Santissima   o   sosteniamo di   più   ciò   che   la   fa   soffrire?   A   lei   non   interessa   la parvenza     esteriore,     perché,     come     perfetta educatrice     della     nuova     Chiesa,     sa     quale caratteristica   dobbiamo   avere.   Ci   comportiamo con   coerenza   verso   la   Chiesa   che   la   Madre   di Gesù      ha      trasmesso      agli      apostoli?      Chi sosteniamo?   Siamo   sicuri   che   tutti   i   sacerdoti   e   i vescovi   sono   obbedienti   al   Papa,   unico   maestro infallibile?    Non    si    è    obbedienti    alla    Chiesa sostenendo    un    sacerdote    invece    di    un    altro. Maria   Santissima   ci   ha   trasmesso   una   verità   che oggi   noi   non   confermiamo   più,   perché   troppo   è stato    cambiato.        Facciamo    tutto    quello    che facevano   i   farisei   e   decidiamo   noi   la   sostanza,   la verità,    la    qualità;    per    questo    la    Madonna    ha detto    a    Roberto,    con    aria    sofferente:    “non commettere   anche   tu   errori   che   tanti   miei strumenti   commettono”.    Non   è   mai   venuta   a confermare   lo   schema,   a   dirci:   prega,   paga   la decima,    digiuna,    vai    al    Tempio,    che    va    bene così” ,   come   può   diffondere   lo   stile   del   fariseo   che Gesù    non    ha    accettato?    Semmai    è    apparsa quando   c'era   bisogno   di   portare   un   avvertimento, una      novità      utile      per      l'uomo.      Potremmo veramente      consolarla      e      non      concederle solamente   le   briciole,   diventando   un   gruppo   che, con    umiltà,    non    viene    formato    dalla    parola d'uomo,   ma   dallo   Spirito   Santo.   Nessuno   sa   che differenza   c'è   tra   noi   e   i   veri   cristiani,   potrebbe esserci   un   abisso,   come   potrebbero   non   esserci differenze.      Se      vogliamo      sostenere      Maria Santissima,    in    primis    dobbiamo    conoscere    ciò che   le   sta   a   cuore;   dobbiamo   deciderci   se   far parte    di    un    corpo    celeste    con    Lei,    ma    senza quella     dimostrazione     di     obbedienza     non     lo scopriremo     mai.     Anzi,     potremmo     sostenere inconsapevolmente   la   parte   che   la   fa   più   soffrire. Non   dobbiamo   uscire   dagli   schemi   della   Chiesa, però   non   formalizziamoci   alle   nostre   abitudini, perché    non    sappiamo    in    che    misura    noi    oggi abbiamo    reso    arida    la    parola    di    Dio.    Non    c'è amore    tra    di    noi,    c'è    compatimento,    cortesia, rispetto.   È   giusto   davanti   al   Signore   stabilire   ciò che    è    sufficiente    o    è    più    giusto    abbandonarsi totalmente    a    lui?    Il    Signore    desidera    che abbiamo     a     trasmettere     la     cultura     che abbiamo    conosciuto    studiando    o    desidera che     abbiamo     un     cuore     pieno     d'amore?       Ricordiamoci   che   gli   ultimi   Dio   li   mette   al   primo posto,   li   innalza   attraverso   i   doni   dello   Spirito Santo.      Tanti      accolgono      Maria      Santissima nell'enfasi,    altri    invece    in    modo    insignificante perché    per    loro    è    più    importante    la    teologia. Decidiamo    chi    vogliamo    sostenere,    puntiamo l'obiettivo,    scegliamo    quel    luogo    dove    viene trasmesso   il   necessario,   giorno   dopo   giorno,   per aumentare la nostra conoscenza.

Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul

monte Misma

 
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
versione mobile