Maria Ausiliatrice del monte Misma
Un deserto  sul Misma
  Una   delle   sofferenze   di   Maria   Santissima   potrebbe   essere   che   è   tanto   evidente   e   visibile   che   ha   fatto   l’inimmaginabile perché   noi   avessimo   ad   amare   suo   figlio   Gesù.   Lo   amiamo   veramente?   Pur   senza   conoscerlo   possiamo   amarlo   nel prossimo.   Se   diventassimo   muti   le   nostre   opere   dimostrerebbero   amore?   Non   lamentiamoci   perché   la   Divina   Provvidenza ci   ha   dato   tutto   in   abbondanza,   semmai   paghiamo   i   nostri   errori.   Per   quello   che   ha   fatto   il   Signore   per   noi   il   mondo dovrebbe   già   essere   tutto   convertito.   L'ispettore   del   lavoro   verifica   che   i   lavoratori   siano   in   regola   e   in   sicurezza,   non   gli interessa   sapere   se   sono   i   migliori   o   i   peggiori.   Ma   il   caporeparto   o   il   datore   di   lavoro   lo   sanno.   Il   migliore   operaio   non crea   problemi   o   negatività   all'azienda,   invece   i   peggiori   la   danneggiano,   non   producono   nulla,   si   lamentano   e   pretendono solo   i   propri   diritti.   I   falsi   creano   sempre   problemi   nel   lavoro   e   in   famiglia,   chi   si   è   sacrificato   non   si   lamenta.   Così avviene   per   i   cristiani,   possono   essere   a   norma   andando   a   messa   e   avendo   la   corona   del   Rosario   in   mano,   ma   criticano   e giudicano   la   Chiesa.   Chi   la   critica   di   avidità   non   ha   mai   fatto   un   gesto   di   carità   verso   di   essa.   Dio   sa   se   siamo   buoni   o cattivi,   il   nostro   compito   inizia   fuori   dalla   chiesa.   Il   vero   cristiano   non   critica,   ama.   Se   ci   fossero   stati   dei   buoni   esempi cristiani   non   saremmo   in   questa   situazione,   perciò   dobbiamo   dare   il   meglio   e   farci   carico   dei   problemi   degli   altri accettando   le   ingiustizie.   Il   nostro   comportamento   è   conforme   al   Vangelo   o   alla   nostra   fantasia   evangelica?   Il   male   si aggancia   agli   eccessi   e   ai   deliri   spirituali.   I   martiri   parlavano   d'amore,   si   rammaricavano   delle   azioni   poco   chiare   delle altre   persone.   Chi   ha   dato   molto   si   scosta   dal   fumo   contestatore.    Il   Signore   e   la   Madonna   si   dispiacciono   quando noi   diciamo   di   sì   alla   tentazione.   Non   si   è   forse   buttato   in   un   roseto   san   Francesco   quando   ha   avuto   certe   prove?   Se avessimo   una   fede   più   concreta   potremmo   resistere,   eviteremmo   anche   di   creare   polemiche   sapendo   che   non   dobbiamo farlo.   Con   molta   dolcezza   correggiamo   chi   sparla   degli   altri,   soprattutto   coloro   che   frequentano   la   Chiesa.   La   mancanza d'amore   c'è   principalmente   nelle   nostre   famiglie,   essa   ha   una   base   così   fragile   perché   si   basa   troppo   sulla   legge dell'uomo.   Cosa   vogliamo   ancora   per   capire   che   il   Signore   merita   molto   di   più   da   noi?   Se   vogliamo   migliorarci   dobbiamo essere   severi   con   noi   stessi   e   misericordiosi   con   gli   altri,   a   partire   dai   nostri   cari.   Le   generazioni   precedenti   che   vivevano in    condizioni    più    precarie    sono    state    provate    duramente    e    oggi    cosa    possiamo    dire?    Dovremmo    essere    puniti doppiamente.   Non   parliamo   di   “misericordia   fatalista”   perché   renderemmo   conto   anche   della   mala-educazione.   Ci mettiamo   in   discussione   oppure   pensiamo   che   la   verità   sia   solo   il   nostro   pensiero?   I   veri   valori   cristiani   oggi   non   ci   sono più,   mai   come   in   questi   tempi   diciamo   che   il   male   è   feroce   e   diamo   la   colpa   al   diavolo.   In   realtà   è   l'uomo   che   non   è   mai stato   così   perfido,   infingardo,   cattivo,   non   sopporta   più   i   difetti   degli   altri,   basta   un   niente   per   fare   fuoruscire   la   realtà peggiore,   una   parola   sbagliata   e   vediamo   reazioni   spropositate.   Noi   siamo   furiosi   non   Satana,   poi   se   lo   invitiamo   è   ovvio che   le   cose   peggiorano.   Il   bene   possiamo   farlo   silenziosamente,   possiamo   pregare   sottovoce   o   nella   mente   perché   il Signore   vede   nel   buio   e   sente   nel   silenzio.   Chi   pensa   qualcosa   di   male   e   non   lo   concretizza   non   fa   danno   ad   altri   perché il   male   non   lo   può   realizzare,   ha   bisogno   delle   nostre   parole   e   delle   nostre   sentenze   negative.   Ciò   che   teniamo   nascosto nel   cuore   non   lo   può   vedere,   infatti   non   era   sicuro   che   Gesù   era   figlio   di   Dio   quando   lo   tentò   nel   deserto,   altrimenti   non gli   avrebbe   permesso   il   risultato   finale.   Però   il   Signore   vede   se   abbiamo   un   cuore   fallace   e   perfido   anche   nel   silenzio.   I sacerdoti   del   Tempio,   i   costruttori   di   allora,   hanno   rifiutato   la   testata   d'angolo:   coloro   che   si   sono   proposti   come carismatici   e   conoscitori   della   legge,   hanno   scartato   il   Figlio   di   Dio   pur   avendo   visto   i   suoi   miracoli.   I   carismatici   di   oggi sono   quelli   che   criticano   e   giudicano,   che   rifiutano   quelli   che   hanno   dei   numeri,   cioè   le   persone   che   stanno   portando   la croce.   Non   è   cambiato   niente,   anzi   è   peggiorato   tutto.   Basiamo   troppo   sulla   nostra   lingua   e   poco   sui   fatti   concreti   quando   si   parla   di   amore   verso   le   persone   bisognose.   Piuttosto   che   aiutarle   lasciamo   che   perisca   quello   che   può   servire loro.   E’   questa   la   carità?   Hanno   rifiutato   Gesù   perché   non   era   norma,   mangiava   con   i   peccatori,   perdonava   le   adultere, chiedeva   di   lapidare   a   chi   si   sentiva   senza   peccato...   Ma   hanno   promosso   Barabba!   E   poi   molti   carismatici   dicono   di avere   il   dono   del   discernimento…   Il   bene   è   la   pianta   che   cresce   nel   silenzio,   che   desidera   con   tanto   amore   che   noi prendiamo   i   suoi   frutti   ben   maturi.   Il   male   è   quella   che   cade,   fa   rumore,   travolge   tutto   quello   che   trova   e   si   trattiene   i frutti   fino   a   quando   marciscono.   Quando   vediamo   un   albero   di   frutti   marci   ci   fa   schifo,   così   sono   disgustose   agli   occhi   di Dio le persone avide, invidiose e cattive.   Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul monte Misma  
Norme, precetti o pratica della fede?
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
Monte Misma - Oasi della Pace - via Spersiglio 25 Pradalunga (Bergamo)
stampa la pagina
Un deserto   sul Misma
Maria Ausiliatrice del monte Misma
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
Una     delle     sofferenze     di     Maria     Santissima potrebbe   essere   che   è   tanto   evidente   e   visibile che     ha     fatto     l’inimmaginabile     perché     noi avessimo   ad   amare   suo   figlio   Gesù.   Lo   amiamo veramente?     Pur     senza     conoscerlo     possiamo amarlo   nel   prossimo.   Se   diventassimo   muti   le nostre     opere     dimostrerebbero     amore?     Non lamentiamoci   perché   la   Divina   Provvidenza   ci   ha dato   tutto   in   abbondanza,   semmai   paghiamo   i nostri   errori.   Per   quello   che   ha   fatto   il   Signore per    noi    il    mondo    dovrebbe    già    essere    tutto convertito.   L'ispettore   del   lavoro   verifica   che   i lavoratori   siano   in   regola   e   in   sicurezza,   non   gli interessa   sapere   se   sono   i   migliori   o   i   peggiori. Ma   il   caporeparto   o   il   datore   di   lavoro   lo   sanno.   Il migliore   operaio   non   crea   problemi   o   negatività all'azienda,   invece   i   peggiori   la   danneggiano,   non producono   nulla,   si   lamentano   e   pretendono   solo i   propri   diritti.   I   falsi   creano   sempre   problemi   nel lavoro   e   in   famiglia,   chi   si   è   sacrificato   non   si lamenta.    Così    avviene    per    i    cristiani,    possono essere   a   norma   andando   a   messa   e   avendo   la corona    del    Rosario    in    mano,    ma    criticano    e giudicano   la   Chiesa.   Chi   la   critica   di   avidità   non ha   mai   fatto   un   gesto   di   carità   verso   di   essa.   Dio sa   se   siamo   buoni   o   cattivi,   il   nostro   compito inizia    fuori    dalla    chiesa.    Il    vero    cristiano    non critica,   ama.   Se   ci   fossero   stati   dei   buoni   esempi cristiani    non    saremmo    in    questa    situazione, perciò   dobbiamo   dare   il   meglio   e   farci   carico   dei problemi   degli   altri   accettando   le   ingiustizie.   Il nostro   comportamento   è   conforme   al   Vangelo   o alla     nostra     fantasia     evangelica?     Il     male     si aggancia    agli    eccessi    e    ai    deliri    spirituali.    I martiri    parlavano    d'amore,    si    rammaricavano delle   azioni   poco   chiare   delle   altre   persone.   Chi ha      dato      molto      si      scosta      dal      fumo contestatore.     Il    Signore    e    la    Madonna    si dispiacciono     quando     noi     diciamo     di     sì     alla tentazione.   Non   si   è   forse   buttato   in   un   roseto san   Francesco   quando   ha   avuto   certe   prove?   Se avessimo    una    fede    più    concreta    potremmo resistere,   eviteremmo   anche   di   creare   polemiche sapendo    che    non    dobbiamo    farlo.    Con    molta dolcezza    correggiamo    chi    sparla    degli    altri, soprattutto   coloro   che   frequentano   la   Chiesa.   La mancanza     d'amore     c'è     principalmente     nelle nostre   famiglie,   essa   ha   una   base   così   fragile perché   si   basa   troppo   sulla   legge   dell'uomo.   Cosa vogliamo   ancora   per   capire   che   il   Signore   merita molto    di    più    da    noi?    Se    vogliamo    migliorarci dobbiamo     essere     severi     con     noi     stessi     e misericordiosi   con   gli   altri,   a   partire   dai   nostri cari.   Le   generazioni   precedenti   che   vivevano   in condizioni     più     precarie     sono     state     provate duramente      e      oggi      cosa      possiamo      dire? Dovremmo     essere     puniti     doppiamente.     Non parliamo     di     “misericordia     fatalista”     perché renderemmo   conto   anche   della   mala-educazione. Ci   mettiamo   in   discussione   oppure   pensiamo   che la   verità   sia   solo   il   nostro   pensiero?   I   veri   valori cristiani   oggi   non   ci   sono   più,   mai   come   in   questi tempi   diciamo   che   il   male   è   feroce   e   diamo   la colpa   al   diavolo.   In   realtà   è   l'uomo   che   non   è   mai stato     così     perfido,     infingardo,     cattivo,     non sopporta   più   i   difetti   degli   altri,   basta   un   niente per   fare   fuoruscire   la   realtà   peggiore,   una   parola sbagliata   e   vediamo   reazioni   spropositate.   Noi siamo   furiosi   non   Satana,   poi   se   lo   invitiamo   è ovvio   che   le   cose   peggiorano.   Il   bene   possiamo farlo       silenziosamente,       possiamo       pregare sottovoce   o   nella   mente   perché   il   Signore   vede nel   buio   e   sente   nel   silenzio.   Chi   pensa   qualcosa di   male   e   non   lo   concretizza   non   fa   danno   ad   altri perché   il   male   non   lo   può   realizzare,   ha   bisogno delle    nostre    parole    e    delle    nostre    sentenze negative.    Ciò    che    teniamo    nascosto    nel    cuore non   lo   può   vedere,   infatti   non   era   sicuro   che Gesù    era    figlio    di    Dio    quando    lo    tentò    nel deserto,   altrimenti   non   gli   avrebbe   permesso   il risultato   finale.   Però   il   Signore   vede   se   abbiamo un   cuore   fallace   e   perfido   anche   nel   silenzio.   I sacerdoti    del    Tempio,    i    costruttori    di    allora, hanno   rifiutato   la   testata   d'angolo:   coloro   che   si sono   proposti   come   carismatici   e   conoscitori   della legge,   hanno   scartato   il   Figlio   di   Dio   pur   avendo visto   i   suoi   miracoli.   I   carismatici   di   oggi   sono quelli    che    criticano    e    giudicano,    che    rifiutano quelli   che   hanno   dei   numeri,   cioè   le   persone   che stanno   portando   la   croce.   Non   è   cambiato   niente, anzi   è   peggiorato   tutto.   Basiamo   troppo   sulla nostra    lingua    e    poco    sui    fatti    concreti   quando    si    parla    di    amore    verso    le    persone bisognose.    Piuttosto    che    aiutarle    lasciamo    che perisca   quello   che   può   servire   loro.   E’   questa   la carità?    Hanno    rifiutato    Gesù    perché    non    era norma,   mangiava   con   i   peccatori,   perdonava   le adultere,   chiedeva   di   lapidare   a   chi   si   sentiva senza   peccato...   Ma   hanno   promosso   Barabba!   E poi   molti   carismatici   dicono   di   avere   il   dono   del discernimento…   Il   bene   è   la   pianta   che   cresce   nel silenzio,   che   desidera   con   tanto   amore   che   noi prendiamo   i   suoi   frutti   ben   maturi.   Il   male   è quella   che   cade,   fa   rumore,   travolge   tutto   quello che   trova   e   si   trattiene   i   frutti   fino   a   quando marciscono.   Quando   vediamo   un   albero   di   frutti marci   ci   fa   schifo,   così   sono   disgustose   agli   occhi di Dio le persone avide, invidiose e cattive.  

Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul

monte Misma

Indice suggerimenti Indice suggerimenti
versione mobile