Maria Ausiliatrice del monte Misma
Un deserto  sul Misma
Nella   nostra   vita   ci   accompagnano   tante   paure,   tante   insicurezze,   tanti   dubbi,   perché   non   conosciamo   Dio.   Se   noi conoscessimo   veramente   Dio   non   avremmo   paura   di   niente,   non   dovremmo   disperare   più   di   tanto   nemmeno   davanti   al problema    della    nostra    vita,    perché    sapremmo    che    comunque    abbiamo    un    aiuto    eccelso    e    meraviglioso    che    può intervenire   e   può   fare   di   tutto.   Nonostante   le   grazie   ed   i   miracoli   che   la   Madonna   ha   dimostrato   in   ogni   epoca,   noi dimostriamo   di   non   conoscere   veramente   Dio   e   di   non   confidare   in   quello   che   Lui   può   fare   e   può   donare   a   ciascuno   di noi.   La   Madonna   ci   insegna   un   modo   ben   preciso   di   comportarci   davanti   al   Signore:   amarci   ed   eliminare   ogni   contrasto. Noi   però   non   vogliamo   sentire   ragione,   vogliamo   comportarci   come   riteniamo   giusto,   facendo   l'esatto   contrario   di   quello che   la   Madonna   ci   vuole   dimostrare   ed   insegnare:   è   questo      l'impedimento   che   non   ci   permette   di   conoscere   la   potenza di   Dio   e   di   ottenere   tutte   le   grazie   che   Maria   SS.   può   concedere.   Noi   ci   scandalizziamo   di   quello   che   non   dobbiamo scandalizzarci   e   non   ci   scandalizziamo   di   quello   che   dobbiamo   scandalizzarci.   Se   noi   ci   scandalizziamo   degli altri    facciamo    la    cosa    sbagliata:    in    quel    momento    critichiamo,    giudichiamo,    MALEDICIAMO.     Se    invece imparassimo   a   criticare   noi   stessi,   allora   potremmo   avere   un   sostegno   e   un   coraggio   diverso   di   quello   che   abbiamo. Avremmo   molti   problemi   in   meno,   perché   diventeremmo   tutti   cristiani   autentici,   responsabili   e   strumenti   dell'unico   vero Dio,   colui   che   ha   dimostrato   di   avere   potere   sul   firmamento,   sulla   vita   e   sulla   morte.   Poi   non   dobbiamo   pensare   che   il nostro   creatore   non   ci   conosca   bene   o   non   sappia   ciò   di   cui   abbiamo   bisogno:   è   un'offesa   grande,    è   un'ipocrisia   che purtroppo    dimostriamo    in    continuazione.    Di    cosa    abbiamo    paura,    cosa    temiamo?    Perché    facciamo    così    fatica    a dimostrare   l'unica   cosa   su   questa   terra   che   dipende   da   noi,   ad   amarci?   Noi   non   abbiamo   potere   sull'universo   creato,   sul bene,   sul   male,   sulle   altre   persone;   abbiamo   potere   di   dimostrare   di   volerci   bene   gli   uni   gli   altri,    di   stare   bene insieme.    Su    questa    terra    noi    che    siamo    vivi,    siamo    perfetti,    siamo    materia    e    spirito.    Non    ci    sarà    più    per    noi un'esperienza   simile   a   questa,   nella   perfezione   totale:   materia   e   spirito.   Abbiamo   il   potere   di   conoscere   lo   spirito   di Dio,    che   dialoga   tra   di   noi,   ci   fa   vedere,   sentire,   emozionare,   amare,   ragionare,   desiderare.   Non   è   la   carne   umana   che   fa tutto   questo,   è   lo   spirito   di   Dio,   di   cui   noi   siamo   portatori.      Quante   volte   questo   bene   così   grande   non   lo   riconosciamo come   tale,   e   ci   comportiamo   in   una   misura   non   coerente!   Quante   volte   difendiamo   i   nostri   interessi   a   scapito   dell'unione con   gli   altri,   diventiamo   egoisti...   L'unica   cosa   che   il   Signore   desidera   totalmente   da   noi   è   che   noi   ci   amiamo   gli   uni   agli altri   come   lui   ci   ama;   poi   ci   lascia   tutti   i   nostri   difetti,   i   nostri   vizi,   le   nostre   abitudini   che   fanno   parte   della   nostra   natura umana.   Non   ci   obbliga   a   un   certo   comportamento,   ci   lascia   liberi   di   vivere:   addirittura   ci   chiede   di   comunicarci   una   volta sola   all'anno,   a   Pasqua…,   di   santificare   le   feste,   e   poi   se   uno   vuole   può   ricevere   la   comunione   tutti   i   giorni,   che   è   una cosa   meravigliosa.   Quell’unica   piccola   cosa   che   il   Signore   tanto   ci   chiede,   di   amarci,   è   ciò   che   ci   fa   stare   bene.   Mentre quando   viviamo   nella   gelosia,   nell'odio,   nell'invidia,   stiamo   male,   viviamo   male.   Perché   allora   noi   facciamo   quasi   tutto   ciò che   va   contro   il   nostro   benessere,   e   non   facciamo   ciò   che   va   a   favore   del   nostro   benessere?   A   cosa   serve   frequentare   la casa   del   Signore   se   quando   ne   usciamo   siamo   né   più   né   meno   come   quelli   che   non   la   frequentano?   Non   dimostriamo   di osservare   quello   che   il   Vangelo   ci   dice.   Questa   è   un'offesa   verso   Dio.   E   se   fosse   questo   peccato   che   il   Signore   non perdona?    Non   è   il   peccato   tradizionale   che   pensiamo   noi.   Che   bello   andare   a   letto   la   sera   ed   avere   un   desiderio   nel cuore   di   volere   il   bene   di   tutte   le   persone   che   conosciamo,   di   far   sparire   ogni   arrabbiatura   verso   gli   altri.   Non   di   avere   un sentimento   controverso   di   gelosia,   di   invidia   e   di   cattiveria,   che   ci   fa   star   male,   non   ci   fa   dormire.   È   inutile   recarsi   in continuazione   in   farmacia:   non   c'è   una   medicina   che   toglie   il   rimorso   di   coscienza,   non   c'è.   La   “farmacia   migliore”    è   ciò che   il   Signore   ci   chiede   per   il   nostro   bene:   di   amarci   gli   uni   gli   altri.   Preghiamo   amando,    come   la   Madonna   ci   ha testimoniato,   per   dare   valore   alle   nostre   preghiere,   per   non   farci   dire   dal   Signore   "io   non   ti   conosco",    per   non   farci precedere   dalle   prostitute...,   perché   le   nostre   preghiere   potrebbero   essere   vane.   Com'è   diversa   dalla   nostra   la   legge   del Signore!   Non   cadiamo   nella   trappola   di   odiare   le   persone   che   ci   fanno   arrabbiare:   magari   ce   le   ha   messe   davanti   il Signore   per   provarci...   Non   lasciamoci   provocare,   non   lasciamoci   condizionare,   altrimenti   ne   risente   anche   la   nostra salute,   la   nostra   pressione:   il   nostro   equilibrio   psicofisico   rimane   condizionato   da   questi   sentimenti.   Andiamo   oltre   le provocazioni,   che   tanto   non   cambia   nulla;   seguiamo   il   consiglio   della   Madonna   che   ci   dice:   "guarda   e   passa   e   non   ti curar   di   loro"    per   diventare      non   quelli   che   continuano   ad   accusare,   a   criticare   e   a   commentare.   Impariamo   a   vivere   per avere    uno    stato    psicofisico    meraviglioso,    perché    la    nostra    salute    dipende    da    come    noi    viviamo.    Cerchiamo    di approfondire   sempre   di   più   i   punti   più   importanti   della   nostra   vita,   non   quelli   che   ci   soddisfano   di   più,   ma   quelli   che   si portano   ad   avere   un   risultato   giusto   davanti   agli   occhi   del   Signore.   Perché   il   Signore   ha   promesso   la   sua   grazia   e   il   suo aiuto a chi dimostra di avere certe caratteristiche, diversamente no.   Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul monte Misma  
Conoscere Dio per amare e diventare maestri di vita
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
Monte Misma - Oasi della Pace - via Spersiglio 25 Pradalunga (Bergamo)
stampa la pagina
Un deserto   sul Misma
Maria Ausiliatrice del monte Misma
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
  Nella   nostra   vita   ci   accompagnano   tante   paure, tante     insicurezze,     tanti     dubbi,     perché     non conosciamo   Dio.   Se   noi   conoscessimo   veramente Dio     non     avremmo     paura     di     niente,     non dovremmo    disperare    più    di    tanto    nemmeno davanti    al    problema    della    nostra    vita,    perché sapremmo    che    comunque    abbiamo    un    aiuto eccelso   e   meraviglioso   che   può   intervenire   e   può fare   di   tutto.   Nonostante   le   grazie   ed   i   miracoli che   la   Madonna   ha   dimostrato   in   ogni   epoca,   noi dimostriamo   di   non   conoscere   veramente   Dio   e di   non   confidare   in   quello   che   Lui   può   fare   e   può donare   a   ciascuno   di   noi.   La   Madonna   ci   insegna un   modo   ben   preciso   di   comportarci   davanti   al Signore:   amarci   ed   eliminare   ogni   contrasto.   Noi però    non    vogliamo    sentire    ragione,    vogliamo comportarci    come    riteniamo    giusto,    facendo l'esatto    contrario    di    quello    che    la    Madonna    ci vuole     dimostrare     ed     insegnare:     è     questo       l'impedimento   che   non   ci   permette   di   conoscere la   potenza   di   Dio   e   di   ottenere   tutte   le   grazie   che Maria        SS.        può        concedere.        Noi        ci scandalizziamo   di   quello   che   non   dobbiamo scandalizzarci    e    non    ci    scandalizziamo    di quello   che   dobbiamo   scandalizzarci.   Se   noi ci    scandalizziamo    degli    altri    facciamo    la cosa       sbagliata:       in       quel       momento critichiamo,   giudichiamo,   MALEDICIAMO.    Se invece   imparassimo   a   criticare   noi   stessi,   allora potremmo    avere    un    sostegno    e    un    coraggio diverso   di   quello   che   abbiamo.   Avremmo   molti problemi    in    meno,    perché    diventeremmo    tutti cristiani     autentici,     responsabili     e     strumenti dell'unico   vero   Dio,   colui   che   ha   dimostrato   di avere   potere   sul   firmamento,   sulla   vita   e   sulla morte.   Poi   non   dobbiamo   pensare   che   il   nostro creatore   non   ci   conosca   bene   o   non   sappia   ciò   di cui   abbiamo   bisogno:   è    un'offesa    grande,    è un'ipocrisia     che     purtroppo     dimostriamo     in continuazione.    Di    cosa    abbiamo    paura,    cosa temiamo?     Perché     facciamo     così     fatica     a dimostrare    l'unica    cosa    su    questa    terra    che dipende    da    noi,    ad    amarci?    Noi    non    abbiamo potere   sull'universo   creato,   sul   bene,   sul   male, sulle     altre     persone;     abbiamo     potere     di dimostrare   di   volerci   bene   gli   uni   gli   altri,    di stare    bene    insieme.    Su    questa    terra    noi    che siamo    vivi,    siamo    perfetti,    siamo    materia    e spirito.    Non    ci    sarà    più    per    noi    un'esperienza simile   a   questa,   nella   perfezione   totale:   materia e   spirito.   Abbiamo   il   potere   di   conoscere   lo spirito    di    Dio,     che    dialoga    tra    di    noi,    ci    fa vedere,   sentire,   emozionare,   amare,   ragionare, desiderare.   Non   è   la   carne   umana   che   fa   tutto questo,    è    lo    spirito    di    Dio,    di    cui    noi    siamo portatori.      Quante   volte   questo   bene   così   grande non   lo   riconosciamo   come   tale,   e   ci   comportiamo in    una    misura    non    coerente!    Quante    volte difendiamo   i   nostri   interessi   a   scapito   dell'unione con   gli   altri,   diventiamo   egoisti...   L'unica   cosa che   il   Signore   desidera   totalmente   da   noi   è   che noi   ci   amiamo   gli   uni   agli   altri   come   lui   ci   ama; poi   ci   lascia   tutti   i   nostri   difetti,   i   nostri   vizi,   le nostre    abitudini    che    fanno    parte    della    nostra natura    umana.    Non    ci    obbliga    a    un    certo comportamento,     ci     lascia     liberi     di     vivere: addirittura   ci   chiede   di   comunicarci   una   volta   sola all'anno,   a   Pasqua…,   di   santificare   le   feste,   e   poi se   uno   vuole   può   ricevere   la   comunione   tutti   i giorni,   che   è   una   cosa   meravigliosa.   Quell’unica piccola   cosa   che   il   Signore   tanto   ci   chiede,   di amarci,   è   ciò   che   ci   fa   stare   bene.   Mentre   quando viviamo     nella     gelosia,     nell'odio,     nell'invidia, stiamo    male,    viviamo    male.    Perché    allora    noi facciamo   quasi   tutto   ciò   che   va   contro   il   nostro benessere,   e   non   facciamo   ciò   che   va   a   favore del   nostro   benessere?   A   cosa   serve   frequentare la   casa   del   Signore   se   quando   ne   usciamo   siamo né    più    né    meno    come    quelli    che    non    la frequentano?     Non     dimostriamo     di     osservare quello   che   il   Vangelo   ci   dice.   Questa   è   un'offesa verso   Dio.   E   se   fosse   questo   peccato   che   il Signore     non     perdona?      Non     è     il     peccato tradizionale   che   pensiamo   noi.   Che   bello   andare a   letto   la   sera   ed   avere   un   desiderio   nel   cuore   di volere     il     bene     di     tutte     le     persone     che conosciamo,    di    far    sparire    ogni    arrabbiatura verso    gli    altri.    Non    di    avere    un    sentimento controverso   di   gelosia,   di   invidia   e   di   cattiveria, che   ci   fa   star   male,   non   ci   fa   dormire.   È   inutile recarsi   in   continuazione   in   farmacia:   non   c'è   una medicina   che   toglie   il   rimorso   di   coscienza,   non c'è.   La   “farmacia   migliore”    è   ciò   che   il   Signore   ci chiede   per   il   nostro   bene:   di   amarci   gli   uni   gli altri.   Preghiamo   amando,    come   la   Madonna   ci ha    testimoniato,    per    dare    valore    alle    nostre preghiere,   per   non   farci   dire   dal   Signore   "io   non ti     conosco",      per     non     farci     precedere     dalle prostitute...,      perché      le      nostre      preghiere potrebbero    essere    vane.    Com'è    diversa    dalla nostra   la   legge   del   Signore!   Non   cadiamo   nella trappola    di    odiare    le    persone    che    ci    fanno arrabbiare:    magari    ce    le    ha    messe    davanti    il Signore   per   provarci...   Non   lasciamoci   provocare, non     lasciamoci     condizionare,     altrimenti     ne risente     anche     la     nostra     salute,     la     nostra pressione:   il   nostro   equilibrio   psicofisico   rimane condizionato   da   questi   sentimenti.   Andiamo   oltre le    provocazioni,    che    tanto    non    cambia    nulla; seguiamo   il   consiglio   della   Madonna   che   ci   dice: "guarda    e    passa    e    non    ti    curar    di    loro"     per diventare          non     quelli     che     continuano     ad accusare,   a   criticare   e   a   commentare.   Impariamo a     vivere     per     avere     uno     stato     psicofisico meraviglioso,   perché   la   nostra   salute   dipende   da come    noi    viviamo.    Cerchiamo    di    approfondire sempre   di   più   i   punti   più   importanti   della   nostra vita,   non   quelli   che   ci   soddisfano   di   più,   ma   quelli che    si    portano    ad    avere    un    risultato    giusto davanti   agli   occhi   del   Signore.   Perché   il   Signore ha   promesso   la   sua   grazia   e   il   suo   aiuto   a   chi dimostra      di      avere      certe      caratteristiche, diversamente no.

Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul

monte Misma

 
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
versione mobile