Maria Ausiliatrice del monte Misma
Un deserto  sul Misma
  Così   tutte   le   colpe   se   le   porta   via   lui.   E’   vero   o   no   che   l'uomo   dà   la   colpa   al   diavolo   di   tutto   il   male   del   mondo?   Invece   ce l'ha   nel   cuore.   Perché   siamo   così   fatalisti   e   ambigui?   Ci   nascondiamo   e   non   abbiamo   neanche   il   coraggio   delle   nostre azioni.   Per   opportunismo   mettiamo   davanti   al   male   dell'uomo   un'entità   spirituale,   e   a   tutto   quello   che   è   bene   chi mettiamo   davanti?   Quando   l'angelo   del   bene   dà   un   impulso   all’uomo,   non   diventa   subito   santo,   deve   metterci   del   suo.   I santi   sono   stati   tentati   dal   male,   ma   hanno   resistito   superando   prove   disumane,   dimenticandosi   di   se   stessi.   Perché eliminiamo   la   loro   sofferenza?   Rendiamoci   conto   che   il   bene   e   il   male   vengono   determinati   dall'uomo,   non   siamo   delle marionette   in   balia   degli   spiriti.   Se   uno   uccide   una   persona   il   giudice   lo   chiamerà   in   giudizio,   non   andrà   certo   a   ricercare il   diavolo.   L'angelo   del   male   ha   la   facoltà   di   dialogare   anche   con   il   figlio   di   Dio,   l'ha   tentato   nel   deserto.   Ha   portato   il Signore   a   mettere   alla   prova   Giobbe.   Il   demonio   dunque   non   è   così   lontano   come   pensiamo,   cosa   facciamo   per impedirgli   di   avere   strada   libera?   Gli   angeli   del   bene   e   del   male   visitano   ogni   uomo:   chi   facciamo   entrare?   Chi   ha   nel cuore   la   malizia   sparla   e   non   risponde   più   delle   sue   azioni.   Dobbiamo   essere   più   responsabili   della   nostra   vita.   Chi si   siede   con   un   malfattore   subirà   la   stessa   sorte,   non   illudiamoci   che   la   nostra   presenza   lo   converta,   ce   lo   dice   il   Vangelo. Preghiamo   per   loro,   ma   principalmente   per   il   nostro   cuore   che   ha   una   dose   di   malizia.   Stiamo   attenti   alle   persone   che frequentiamo,   chi   ha   dentro   di   sé   la   perfidia   ci   può   fare   qualsiasi   cosa.   Dobbiamo   dire   la   verità   tra   di   noi,   non identifichiamo   il   male   solamente   nel   diavolo,   potrebbe   esserci   più   cattiveria   nel   cuore   di   certi   uomini.   È   terribile!   Tutto viene   mascherato   con   un   falso   bene:   il   demonio   ci   fa   sostenere   cose   sostenibilissime,   ma   mette   divisione.   E   come   nostra abitudine   le   opere   le   completiamo   noi,   con   la   nostra   linguaccia.   Decidiamo   noi   il   numero   “delle   pugnalate”…   Non illudiamoci   di   ottenere   il   paradiso   con   due   preghiere,   è   come   andare   a   dire   che   con   una   carriola   di   sabbia   costruiamo   una casa.   Il   Signore   non   ci   lascia   esposti   ai   pericoli   della   vita   con   false   speranze,   è   l'unico   a   volere   che   non   abbiamo   a   basare tutto   sul   miracolismo.   Quante   volte   ha   detto   ai   suoi   apostoli:   "non   dite   quello   che   avete   veduto"?   Lo   hanno   accusato perché   parlava   d'amore,   ma   noi   facciamo   fatica   ad   accettare   le   ingiustizie;   anche   se   atroci   non   sono   la   sofferenza   più grande,   più   terribile   è   la   cattiveria   nascosta   nell'uomo.   Nelle   prove   più   estreme   Dio   lascia   arrivare   il   male   fino   a   un   certo punto,   come   aveva   fatto   con   Giobbe   e   con   tutti   i   santi.   Lascia   fare   ma   non   strafare.   Lo   strafare   lo   facciamo   noi   in   base   a quello   che   abbiamo   dentro.   Da   una   persona   buona   se   ne   approfittano   in   tanti,   ma   una   perfida   si   approfitta   della   bontà degli   altri.   La   perfidia   dell'uomo   non   ha   limiti,   eppure   tanti   di   noi   la   covano   dentro,   la   mascherano   per   un   certo   periodo, ma   quando   ne   hanno   l'occasione   per   un   vantaggio   personale,   fuoriesce.   Calpestano   la   dignità   di   un   collega   per accaparrarsi   i   primi   posti   e   falsificano   la   verità.   Quanti   hanno   pianto   perché   sono   stati   sottomessi   alla   perfidia   umana   e molti   si   sono   tolte   la   vita   per   questo,   ma   nessuno   lo   dice.   Anche   noi   siamo   dittatori   del   nostro   pensiero,   di   quello   che abbiamo   nel   cuore,   vogliamo   che   l’ago   bilancia   si   diriga   verso   i   nostri   desideri.   Il   peccato   più   grave   può   essere   proprio questo,   la   malizia,   l'ambiguità,   la   falsità   e   l’egoismo   che   c'è   nel   cuore.   La   rabbia   che   abbiamo   con   qualcuno   ci   porta   ad azioni   inimmaginabili.   Tutti   noi   abbiamo   la   possibilità   di   chiudere   a   questi   sentimenti.   La   Madonna   non   aveva   nessuna malizia   nel   cuore,   parlava   solamente   d'amore.   Come   si   può   pensare   che   usando   il   nome   di   Maria   Vergine   fermiamo   il male   del   mondo?   Tanti   cristiani   dopo   la   recita   del   Rosario   non   sanno   fare   più   niente,   ma   hanno   una   grande   malizia   nel cuore.   Con   una   preghiera   si   possono   capovolgere   le   sorti   del   mondo,   ma   deve   avere   quella   luminosità,   quella   gioia   e quella   verità   che   il   Signore   si   aspetta   da   noi.   Il   compito   che   Dio   ci   ha   affidato   è   molto   più   profondo,   riveliamo   la   sua parola   come   si   conviene!   Con   amore,   perdono   e   verità.   Non   cerchiamo   di   essere   rassegnati,   possiamo   riuscire   a   fermare il   male   nell’ambiente   in   cui   viviamo.   Perché   pensiamo   di   essere   così   inermi   e   incapaci?   L'anima   non   si   salva   per opportunismo,   ma   quando   si   accettano   le   ingiustizie   del   mondo,   quando   si   sale   su   un   sentiero   irto   e   tortuoso,   quando   si ha   il   coraggio   di   portare   le   colpe   dei   fratelli,   la   croce.   Il   Signore   per   provarci   ci   tiene   sotto   il   giogo   per   un   periodo,   ci mette   davanti   la   persona   che   più   ci   disturba,   quella   che   ci   fa   perdere   le   staffe;   è   la   croce   che   ci   salva,   non   sono   i   miracoli (ne   esistono   molto   meno   di   quello   che   si   dice).   Come   può   definirsi   figlio   di   Dio   uno   che   esclude   una   persona   soltanto perché   ha   idee   diverse?   Il   figlio   di   Dio   ama   incondizionatamente,   non   per   un   vantaggio   personale.   Non   critica   e   non giudica,   ama   quel   fratello   che   più   detesta,   quello   che   non   vorrebbe   sostenere.   La   Madonna   appare   perché   conosce   la differenza   che   c'è   tra   l'inferno   e   il   paradiso:   come   cristiani   dovremmo   capire   a   cosa   andiamo   incontro   se   noi   non meriteremo la salvezza.   Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul monte Misma  
E’ persin conveniente che esiste il diavolo
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
Monte Misma - Oasi della Pace - via Spersiglio 25 Pradalunga (Bergamo)
stampa la pagina
Un deserto   sul Misma
Maria Ausiliatrice del monte Misma
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
  Così   tutte   le   colpe   se   le   porta   via   lui.   E’   vero   o   no che   l'uomo   dà   la   colpa   al   diavolo   di   tutto   il   male del    mondo?    Invece    ce    l'ha    nel    cuore.    Perché siamo   così   fatalisti   e   ambigui?   Ci   nascondiamo   e non    abbiamo    neanche    il    coraggio    delle    nostre azioni.    Per    opportunismo    mettiamo    davanti    al male    dell'uomo    un'entità    spirituale,    e    a    tutto quello   che   è   bene   chi   mettiamo   davanti?   Quando l'angelo   del   bene   dà   un   impulso   all’uomo,   non diventa   subito   santo,   deve   metterci   del   suo.   I santi    sono    stati    tentati    dal    male,    ma    hanno resistito         superando         prove         disumane, dimenticandosi   di   se   stessi.   Perché   eliminiamo   la loro   sofferenza?   Rendiamoci   conto   che   il   bene   e   il male   vengono   determinati   dall'uomo,   non   siamo delle    marionette    in    balia    degli    spiriti.    Se    uno uccide    una    persona    il    giudice    lo    chiamerà    in giudizio,   non   andrà   certo   a   ricercare   il   diavolo. L'angelo   del   male   ha   la   facoltà   di   dialogare   anche con   il   figlio   di   Dio,   l'ha   tentato   nel   deserto.   Ha portato   il   Signore   a   mettere   alla   prova   Giobbe.   Il demonio    dunque    non    è    così    lontano    come pensiamo,   cosa   facciamo   per   impedirgli   di   avere strada    libera?    Gli    angeli    del    bene    e    del    male visitano   ogni   uomo:   chi   facciamo   entrare?   Chi ha     nel     cuore     la     malizia     sparla     e     non risponde    più    delle    sue    azioni.    Dobbiamo essere   più   responsabili   della   nostra   vita.   Chi   si siede   con   un   malfattore   subirà   la   stessa   sorte, non     illudiamoci     che     la     nostra     presenza     lo converta,   ce   lo   dice   il   Vangelo.   Preghiamo   per loro,   ma   principalmente   per   il   nostro   cuore   che ha    una    dose    di    malizia.    Stiamo    attenti    alle persone   che   frequentiamo,   chi   ha   dentro   di   sé   la perfidia   ci   può   fare   qualsiasi   cosa.   Dobbiamo   dire la   verità   tra   di   noi,   non   identifichiamo   il   male solamente    nel    diavolo,    potrebbe    esserci    più cattiveria   nel   cuore   di   certi   uomini.   È   terribile! Tutto    viene    mascherato    con    un    falso    bene:    il demonio    ci    fa    sostenere    cose    sostenibilissime, ma   mette   divisione.   E   come   nostra   abitudine   le opere     le     completiamo     noi,     con     la     nostra linguaccia.     Decidiamo     noi     il     numero     “delle pugnalate”…     Non     illudiamoci     di     ottenere     il paradiso   con   due   preghiere,   è   come   andare   a dire   che   con   una   carriola   di   sabbia   costruiamo una    casa.    Il    Signore    non    ci    lascia    esposti    ai pericoli   della   vita   con   false   speranze,   è   l'unico   a volere    che    non    abbiamo    a    basare    tutto    sul miracolismo.    Quante    volte    ha    detto    ai    suoi apostoli:   "non   dite   quello   che   avete   veduto"?   Lo hanno   accusato   perché   parlava   d'amore,   ma   noi facciamo   fatica   ad   accettare   le   ingiustizie;   anche se   atroci   non   sono   la   sofferenza   più   grande,   più terribile   è   la   cattiveria   nascosta   nell'uomo.   Nelle prove   più   estreme   Dio   lascia   arrivare   il   male   fino a   un   certo   punto,   come   aveva   fatto   con   Giobbe   e con   tutti   i   santi.   Lascia   fare   ma   non   strafare.   Lo strafare    lo    facciamo    noi    in    base    a    quello    che abbiamo   dentro.   Da   una   persona   buona   se   ne approfittano   in   tanti,   ma   una   perfida   si   approfitta della   bontà   degli   altri.   La   perfidia   dell'uomo   non ha   limiti,   eppure   tanti   di   noi   la   covano   dentro,   la mascherano   per   un   certo   periodo,   ma   quando   ne hanno   l'occasione   per   un   vantaggio   personale, fuoriesce.   Calpestano   la   dignità   di   un   collega   per accaparrarsi   i   primi   posti   e   falsificano   la   verità. Quanti      hanno      pianto      perché      sono      stati sottomessi   alla   perfidia   umana   e   molti   si   sono tolte    la    vita    per    questo,    ma    nessuno    lo    dice. Anche   noi   siamo   dittatori   del   nostro   pensiero,   di quello   che   abbiamo   nel   cuore,   vogliamo   che   l’ago bilancia   si   diriga   verso   i   nostri   desideri.   Il   peccato più   grave   può   essere   proprio   questo,   la   malizia, l'ambiguità,    la    falsità    e    l’egoismo    che    c'è    nel cuore.   La   rabbia   che   abbiamo   con   qualcuno   ci porta   ad   azioni   inimmaginabili.   Tutti   noi   abbiamo la   possibilità   di   chiudere   a   questi   sentimenti.   La Madonna   non   aveva   nessuna   malizia   nel   cuore, parlava   solamente   d'amore.   Come   si   può   pensare che   usando   il   nome   di   Maria   Vergine   fermiamo   il male   del   mondo?   Tanti   cristiani   dopo   la   recita   del Rosario   non   sanno   fare   più   niente,   ma   hanno   una grande   malizia   nel   cuore.   Con   una   preghiera   si possono   capovolgere   le   sorti   del   mondo,   ma   deve avere    quella    luminosità,    quella    gioia    e    quella verità   che   il   Signore   si   aspetta   da   noi.   Il   compito che    Dio    ci    ha    affidato    è    molto    più    profondo, riveliamo   la   sua   parola   come   si   conviene!   Con amore,    perdono    e    verità.    Non    cerchiamo    di essere   rassegnati,   possiamo   riuscire   a   fermare   il male     nell’ambiente     in     cui     viviamo.     Perché pensiamo    di    essere    così    inermi    e    incapaci? L'anima    non    si    salva    per    opportunismo,    ma quando    si    accettano    le    ingiustizie    del    mondo, quando   si   sale   su   un   sentiero   irto   e   tortuoso, quando   si   ha   il   coraggio   di   portare   le   colpe   dei fratelli,   la   croce.   Il   Signore   per   provarci   ci   tiene sotto   il   giogo   per   un   periodo,   ci   mette   davanti   la persona    che    più    ci    disturba,    quella    che    ci    fa perdere   le   staffe;   è   la   croce   che   ci   salva,   non sono   i   miracoli   (ne   esistono   molto   meno   di   quello che   si   dice).   Come   può   definirsi   figlio   di   Dio   uno che   esclude   una   persona   soltanto   perché   ha   idee diverse?   Il   figlio   di   Dio   ama   incondizionatamente, non   per   un   vantaggio   personale.   Non   critica   e non   giudica,   ama   quel   fratello   che   più   detesta, quello   che   non   vorrebbe   sostenere.   La   Madonna appare   perché   conosce   la   differenza   che   c'è   tra l'inferno   e   il   paradiso:   come   cristiani   dovremmo capire    a    cosa    andiamo    incontro    se    noi    non meriteremo la salvezza.

Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul

monte Misma

 
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
versione mobile