Maria Ausiliatrice del monte Misma
Un deserto  sul Misma
Come   cristiani   non   dobbiamo   accontentarci   e   riempirci   di   gloria   solo   perché   non   facciamo   più   quello   che   è   scontato   che non   dobbiamo   fare:   non   bestemmiare,   non   commettere   adulterio,   non   rubare,   non   uccidere,…   Non   dobbiamo   pensare   di avere   dei   riconoscimenti,   perché   queste   cose   sono   contrarie   all'etica   umana   e   sono   perseguibili   anche   civilmente   dalle nostre   leggi   terrene.   Pertanto   non   c'è   niente   di   eclatante   a   non   farle,   anzi   non   dobbiamo   neanche   prenderle   in considerazione.   Invece   noi   pensiamo   che   sia   il   traguardo   massimo   che   dobbiamo   raggiungere!    E   poi   diciamo:   "io non   pecco   più”,    perché   andiamo   a   messa   e   riceviamo   la   comunione…   Che   insulto,   che   offesa!   Questo   traguardo,   come cristiani,   non   ci   garantisce   niente,   mentre   il   fine   della   nostra   vita   è   realizzare   quello   che   Gesù   ha   ordinato:   evangelizzare. Perchè   ciò   che   Gesù   ha   detto   agli   apostoli,   di   evangelizzare   tutte   le   genti   e   battezzarle   nel   nome   della   Santissima   Trinità, riguarda   tutta   la   Chiesa,   riguarda   tutti   noi.   Dobbiamo   porre   un   rispetto   ed   una   considerazione   immensa   a   evangelizzare in   nome   della   Chiesa   e   della   Santissima   Trinità,   perché   di   questo   dovremo   rendere   conto   al   Signore,   visto   che   siamo   stati creati   e   fatti   cristiani   con   questo   principio.   Non   pensiamo   di   evangelizzare    l'Africa   e   di   non   essere   di   buon   esempio   con quello   della   porta   accanto;   cominciamo   ad   evangelizzare   in   casa   nostra,   con   chi   confina   con   il   noi,   con   i   nostri   parenti, con chi abbiamo molti screzi e molti interessi personali.  LA SOFFERENZA PIU’ GRANDE DI MARIA SANTISSIMA Se   non   sappiamo   fare   il   nostro   dovere   di   evangelizzare,   rendiamo   vano   il   sacrificio   di   tanti   martiri   che   hanno   versato   il sangue   per   la   Chiesa.   Ma   prima   di   tutto   annulliamo   quello   che   è   stato   il   sacrificio,   la   sofferenza,   e   la   croce   del   nostro Signore   Gesù,   che   è   morto   per   un   motivo   ben   preciso:   salvarci.   Per   quanti   è   servito   un   progetto   così   grande,   voluto   dal Padre   per   l'umanità?   Per   quanti   è   stato   inutile?   La   sofferenza   più   grande   di   Maria   Santissima   è   quella   di   vedere che   il   sacrificio   che   lei   ha   visto   sotto   i   suoi   occhi,   suo   Figlio   sfigurato   dalla   cattiveria   e   dalla   violenza   umana, non   è   servito   a   come   doveva   servire.   Vanificare   la   grande   dimostrazione   d'amore   di   Gesù,   non   dovrebbe   più farci   aprire   bocca.    I   santi   più   si   avvicinavano   Dio   e   più   si   sentivano   indegni,   non   solo   per   sé   stessi,   ma   anche   per   i peccati   degli   altri,   per   le   ingiustizie   che   il   Signore   vede   rivolgersi   verso   di   lui   in   continuazione,   di   generazione   in generazione.   Siamo   così   ingrati   da   non   capire   che   non   siamo   solidali   con   il   Signore,   che   non   capiamo   la   sua   sofferenza   e quella   che   da   tantissimo   tempo   ha   sua   Madre   nel   profondo   del   cuore.   Soffrono   perché   vedono   che   un   sacrificio   così grande   viene   messo   in   secondo,   terzo   piano   dall'uomo:   " prima   ci   sono   io,   poi   ci   sono   ancora   io,   poi   c'è   Dio" .      Cosa diranno   quei   martiri   che   hanno   dato   la   propria   vita   per   difendere   la   verità   di   Dio?   Quando   alteriamo   il   contenuto   della verità   e   stravolgiamo   le   beatitudini   di   Dio,   manchiamo   di   rispetto   anche   a   loro,   a   quella   moltitudine   di   martiri   che, versando   il   loro   sangue,   hanno   purificato   il   mondo,   salvandolo.   Ma   anche   agli   eremiti,   alle   suore   di   clausura,   ai   sacerdoti, ai   religiosi,   che   fanno   vita   di   ritiro   per   espiare   tutto   il   male   che   si   può   fare   nel   mondo.   Perché   allora   facciamo   così   fatica ad interiorizzare quello che deve essere il nostro dovere? QUEI PECCATI DI OMISSIONE CHE MAI ABBIAMO CONFESSATO Quanti   di   noi   si   sono   accontentati   di   quello   che   riuscivano   a   fare ”   e   hanno   commesso   il   peccato   di   omissione   perché   non hanno   saputo   fare   quello   che   ci   è   stato   indicato   dal   Signore?   Oltre   a   questa   missione,   il   Signore   ci   ha   affidato   i carismi   necessari   ed   in   abbondanza   per   ottenere   un   risultato   meraviglioso:   ci   ha   dato   l'intelligenza,   la   sua   legge (da   cui   niente   si   può   togliere   o   aggiungere),   ci   ha   insegnato   a   pregare,   ci   ha   lasciato   Maria   SS.   come   guida   e   maestra. Cerchiamo   di   capire   gli   errori   umani   e   la   sofferenza   della   Madonna   nel   vedere   che   il   sacrificio   di   suo   figlio   Gesù   non   ha dato   il   risultato   che   doveva   dare,   per   raggiungere   i   nostri   traguardi   principali,   senza   perdere   di   vista   i   doveri   e   gli interessi   che   abbiamo   nel   nostro   mondo   sociale.   Iniziamo   a   promuovere   la   verità   e   ad   evangelizzare   nel   modo   giusto partendo   dai   nostri   familiari,   facendo   capire   che   la   vera   motivazione   della   preghiera   è   lodare   e   ringraziare   il   Signore   per tutti   i   motivi   che   noi   non   conosciamo.   Fidiamoci   del   Signore   che   conosce   meglio   di   noi   ciò   di   cui   abbiamo   bisogno:   è scritto   che   chi   si   affiderà   a   Lui   e   dimostrerà   di   vivere   come   bisogna   vivere,   riceverà   già   qui   sulla   terra   100   volte   di   più. Dimostriamo   affetto   alla   Madonna,   dimostriamoci   dispiaciuti   perché   l'uomo,   in   generale,   non   ha   saputo   fare   la   sua   parte, ma   ha   addirittura   promosso   l'opposto   di   ciò   che   doveva   promuovere,   capovolgendo   la   sostanza   della   Parola   di   Dio. Confessiamo   i   peccati   di   omissione   che   ciascuno   di   noi   ha   fatto,   perché   non   evangelizzare   nella   misura   in   cui   ci   è      è possibile, è un peccato di omissione.   Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul monte Misma  
Non dire:"Io non pecco più..."
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
Monte Misma - Oasi della Pace - via Spersiglio 25 Pradalunga (Bergamo)
stampa la pagina
Un deserto   sul Misma
Maria Ausiliatrice del monte Misma
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
Come    cristiani    non    dobbiamo    accontentarci    e riempirci   di   gloria   solo   perché   non   facciamo   più quello   che   è   scontato   che   non   dobbiamo   fare: non    bestemmiare,    non    commettere    adulterio, non     rubare,     non     uccidere,…     Non     dobbiamo pensare    di    avere    dei    riconoscimenti,    perché queste    cose    sono    contrarie    all'etica    umana    e sono   perseguibili   anche   civilmente   dalle   nostre leggi     terrene.     Pertanto     non     c'è     niente     di eclatante     a     non     farle,     anzi     non     dobbiamo neanche   prenderle   in   considerazione.   Invece   noi pensiamo   che   sia   il   traguardo   massimo   che dobbiamo   raggiungere!    E   poi   diciamo:   "io   non pecco   più”,    perché   andiamo   a   messa   e   riceviamo la   comunione…   Che   insulto,   che   offesa!   Questo traguardo,    come    cristiani,    non    ci    garantisce niente,     mentre     il     fine     della     nostra     vita     è realizzare     quello     che     Gesù     ha     ordinato: evangelizzare.   Perchè   ciò   che   Gesù   ha   detto   agli apostoli,     di     evangelizzare     tutte     le     genti     e battezzarle    nel    nome    della    Santissima    Trinità, riguarda    tutta    la    Chiesa,    riguarda    tutti    noi. Dobbiamo       porre       un       rispetto       ed       una considerazione   immensa   a   evangelizzare   in   nome della   Chiesa   e   della   Santissima   Trinità,   perché   di questo   dovremo   rendere   conto   al   Signore,   visto che   siamo   stati   creati   e   fatti   cristiani   con   questo principio.     Non     pensiamo     di     evangelizzare   l'Africa    e    di    non    essere    di    buon    esempio    con quello     della     porta     accanto;     cominciamo     ad evangelizzare   in   casa   nostra,   con   chi   confina   con il   noi,   con   i   nostri   parenti,   con   chi   abbiamo   molti screzi e molti interessi personali.  LA SOFFERENZA PIU’ GRANDE DI MARIA SANTISSIMA Se    non    sappiamo    fare    il    nostro    dovere    di evangelizzare,   rendiamo   vano   il   sacrificio   di   tanti martiri    che    hanno    versato    il    sangue    per    la Chiesa.   Ma   prima   di   tutto   annulliamo   quello   che è   stato   il   sacrificio,   la   sofferenza,   e   la   croce   del nostro   Signore   Gesù,   che   è   morto   per   un   motivo ben    preciso:    salvarci.    Per    quanti    è    servito    un progetto    così    grande,    voluto    dal    Padre    per l'umanità?     Per     quanti     è     stato     inutile?     La sofferenza   più   grande   di   Maria   Santissima   è quella   di   vedere   che   il   sacrificio   che   lei   ha visto   sotto   i   suoi   occhi,   suo   Figlio   sfigurato dalla   cattiveria   e   dalla   violenza   umana,   non è   servito   a   come   doveva   servire.   Vanificare la   grande   dimostrazione   d'amore   di   Gesù, non   dovrebbe   più   farci   aprire   bocca.    I   santi più    si    avvicinavano    Dio    e    più    si    sentivano indegni,   non   solo   per   sé   stessi,   ma   anche   per   i peccati   degli   altri,   per   le   ingiustizie   che   il   Signore vede   rivolgersi   verso   di   lui   in   continuazione,   di generazione   in   generazione.   Siamo   così   ingrati da    non    capire    che    non    siamo    solidali    con    il Signore,   che   non   capiamo   la   sua   sofferenza   e quella   che   da   tantissimo   tempo   ha   sua   Madre   nel profondo   del   cuore.   Soffrono   perché   vedono   che un   sacrificio   così   grande   viene   messo   in   secondo, terzo   piano   dall'uomo:   " prima   ci   sono   io,   poi   ci sono   ancora   io,   poi   c'è   Dio" .      Cosa   diranno   quei martiri    che    hanno    dato    la    propria    vita    per difendere   la   verità   di   Dio?   Quando   alteriamo   il contenuto     della     verità     e     stravolgiamo     le beatitudini   di   Dio,   manchiamo   di   rispetto   anche   a loro,   a   quella   moltitudine   di   martiri   che,   versando il     loro     sangue,     hanno     purificato     il     mondo, salvandolo.   Ma   anche   agli   eremiti,   alle   suore   di clausura,   ai   sacerdoti,   ai   religiosi,   che   fanno   vita di   ritiro   per   espiare   tutto   il   male   che   si   può   fare nel   mondo.   Perché   allora   facciamo   così   fatica   ad interiorizzare    quello    che    deve    essere    il    nostro dovere? QUEI PECCATI DI OMISSIONE CHE MAI ABBIAMO CONFESSATO Quanti   di   noi   si   sono   accontentati   di   quello   che riuscivano   a   fare ”   e   hanno   commesso   il   peccato di    omissione    perché    non    hanno    saputo    fare quello   che   ci   è   stato   indicato   dal   Signore?   Oltre   a questa   missione,   il    Signore    ci    ha    affidato    i carismi    necessari    ed    in    abbondanza    per ottenere   un   risultato   meraviglioso:   ci   ha   dato l'intelligenza,   la   sua   legge   (da   cui   niente   si   può togliere     o     aggiungere),     ci     ha     insegnato     a pregare,   ci   ha   lasciato   Maria   SS.   come   guida   e maestra.   Cerchiamo   di   capire   gli   errori   umani   e la   sofferenza   della   Madonna   nel   vedere   che   il sacrificio    di    suo    figlio    Gesù    non    ha    dato    il risultato    che    doveva    dare,    per    raggiungere    i nostri   traguardi   principali,   senza   perdere   di   vista i   doveri   e   gli   interessi   che   abbiamo   nel   nostro mondo   sociale.   Iniziamo   a   promuovere   la   verità   e ad   evangelizzare   nel   modo   giusto   partendo   dai nostri    familiari,    facendo    capire    che    la    vera motivazione      della      preghiera      è      lodare      e ringraziare   il   Signore   per   tutti   i   motivi   che   noi non    conosciamo.    Fidiamoci    del    Signore    che conosce   meglio   di   noi   ciò   di   cui   abbiamo   bisogno: è   scritto   che   chi   si   affiderà   a   Lui   e   dimostrerà   di vivere   come   bisogna   vivere,   riceverà   già   qui   sulla terra   100   volte   di   più.   Dimostriamo   affetto   alla Madonna,      dimostriamoci      dispiaciuti      perché l'uomo,   in   generale,   non   ha   saputo   fare   la   sua parte,   ma   ha   addirittura   promosso   l'opposto   di ciò    che    doveva    promuovere,    capovolgendo    la sostanza    della    Parola    di    Dio.    Confessiamo    i peccati   di   omissione   che   ciascuno   di   noi   ha   fatto, perché   non   evangelizzare   nella   misura   in   cui   ci   è     è possibile, è un peccato di omissione.

Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul

monte Misma

 

I suggerimenti di Maria santissima sul monte Misma

               Non dire:"Io non pecco più..."
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
versione mobile