Maria Ausiliatrice del monte Misma
Un deserto  sul Misma
  La   verità   di   Dio   è   un   pozzo   senza   fondo:   mai   potremo   dire   di   averla   conosciuta,   ma   solo   di      averla   iniziata   a conoscere.       La   verità   che   il   Signore   ci   vuol   far   conoscere   è   sempre   stata   sistematicamente   rifiutata   da   tutti   popoli, perché   non   hanno   capito   con   quale   nemico   ferocissimo   hanno   avuto   a   che   fare.   Gesù   e   la   Madonna   vogliono   che   diciamo sì   a   Dio,   mentre   il   male   vuole   farci   dire   no   a   Dio.   Sembra   elementare   ma   non   lo   è,   perché   il   male   è   riuscito   nel   suo intento,   pur   lasciandoci   pregare   e   andare   in   chiesa.   Dire   sì   a   Dio   significa   anzitutto   dare   il   proprio   assenso   alla   sua   legge e   non   a   quella   dell'uomo   che   è   esattamente   contraria.   Ma   in   che   misura   si   può   dire   no   a   Dio?   Quando   succedono   le grandi    tragedie    (Yara,    Sara,    piccolo    Tommi..)    la    gente    si    lascia    coinvolgere    in    un    sentimento    emozionale    e inconsapevolmente   si   chiede:   “Dov'era   Dio   quel   momento,   perché   ha   permesso   questo?”.   Allora   le   persone   prendono   le distanze   dal   Signore,   non   vogliono   più   neanche   che   Dio   sia   il   vero   Dio,   la   loro   identità.   Lo   rifiutano   perché   secondo   loro   è ingiusto!   Così   il   male,   da   gran   perfezionista,   diventa   protagonista   della   nostra   vita   senza   che   ce   ne   rendiamo   conto, perché   la   legge   dell'uomo   avvalora   questa   tesi.   È   una   mentalità   contagiosa   e   influisce   nelle   persone   soprattutto   nei discorsi   pubblici,   in   compagnia.   Non   lasciamoci   plagiare   dalle   falsità:   tutti   siamo   toccati   interiormente   dai   drammi   che   si consumano   quotidianamente,   compresi   quelli   delle   calamità   naturali   come   in   Giappone,   ma   non   possiamo   difendere queste   ingiustizie   dando   la   colpa   a   Dio   solo   “perché   non   è   intervenuto”!   Non   lasciamo   che   questo   stratagemma   venga usato   dal   regista   occulto,   il   demonio,   per   farci   credere   che   siamo   lasciati   al   nostro   destino.   Questi   drammi   li   procura colui   che   poi   ce   li   fa   criticare,    perché   sa   che   noi   pensiamo   di   sostenere   il   giusto   criticando   l’ingiusto,   così   come abbiamo   ingiustamente   messo   in   croce   il   giusto.   Senza   l'equilibrio   siamo   come   canne   battute   dal   vento.   Dio   non   ha causato   né   permesso   alcun   dramma,   è   l'uomo   che   deve   tutto   alla   sua   falsità,   quella   che   determina   le   sue   parole   e   i   suoi ragionamenti,   ma   che   non   può   celarsi   nelle   sue   terribili   azioni.   Al   punto   che   persino   la   natura   si   ribella   con   una violenza   come   mai   prima   si   era   ribellata.   Non   commettiamo   l’errore   di   essere      qualunquisti,   di   giustificare   tutto   e tutti; scopriamo un Dio giusto che non deve essere criticato per nessun motivo.   Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul monte Misma  
Non dire: Dov'era Dio in quel momento?
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
Monte Misma - Oasi della Pace - via Spersiglio 25 Pradalunga (Bergamo)
stampa la pagina
Un deserto   sul Misma
Maria Ausiliatrice del monte Misma
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
  La   verità   di   Dio   è   un   pozzo   senza   fondo:   mai potremo   dire   di   averla   conosciuta,   ma   solo   di     averla   iniziata   a   conoscere.       La   verità   che   il Signore    ci    vuol    far    conoscere    è    sempre    stata sistematicamente   rifiutata   da   tutti   popoli,   perché non   hanno   capito   con   quale   nemico   ferocissimo hanno    avuto    a    che    fare.    Gesù    e    la    Madonna vogliono   che   diciamo   sì   a   Dio,   mentre   il   male vuole   farci   dire   no   a   Dio.   Sembra   elementare   ma non    lo    è,    perché    il    male    è    riuscito    nel    suo intento,    pur    lasciandoci    pregare    e    andare    in chiesa.   Dire   sì   a   Dio   significa   anzitutto   dare   il proprio   assenso   alla   sua   legge   e   non   a   quella dell'uomo   che   è   esattamente   contraria.   Ma   in   che misura   si   può   dire   no   a   Dio?   Quando   succedono le   grandi   tragedie   (Yara,   Sara,   piccolo   Tommi..) la   gente   si   lascia   coinvolgere   in   un   sentimento emozionale     e     inconsapevolmente     si     chiede: “Dov'era   Dio   quel   momento,   perché   ha   permesso questo?”.   Allora   le   persone   prendono   le   distanze dal   Signore,   non   vogliono   più   neanche   che   Dio sia    il    vero    Dio,    la    loro    identità.    Lo    rifiutano perché   secondo   loro   è   ingiusto!   Così   il   male,   da gran    perfezionista,    diventa    protagonista    della nostra    vita    senza    che    ce    ne    rendiamo    conto, perché   la   legge   dell'uomo   avvalora   questa   tesi.   È una     mentalità     contagiosa     e     influisce     nelle persone    soprattutto    nei    discorsi    pubblici,    in compagnia.   Non   lasciamoci   plagiare   dalle   falsità: tutti   siamo   toccati   interiormente   dai   drammi   che si   consumano   quotidianamente,   compresi   quelli delle    calamità    naturali    come    in    Giappone,    ma non   possiamo   difendere   queste   ingiustizie   dando la   colpa   a   Dio   solo   “perché   non   è   intervenuto”! Non    lasciamo    che    questo    stratagemma    venga usato   dal   regista   occulto,   il   demonio,   per   farci credere    che    siamo    lasciati    al    nostro    destino. Questi   drammi   li   procura   colui   che   poi   ce   li fa    criticare,     perché    sa    che    noi    pensiamo    di sostenere   il   giusto   criticando   l’ingiusto,   così   come abbiamo   ingiustamente   messo   in   croce   il   giusto. Senza   l'equilibrio   siamo   come   canne   battute   dal vento.   Dio   non   ha   causato   né   permesso   alcun dramma,   è   l'uomo   che   deve   tutto   alla   sua   falsità, quella    che    determina    le    sue    parole    e    i    suoi ragionamenti,   ma   che   non   può   celarsi   nelle   sue terribili   azioni.   Al   punto   che   persino   la   natura si   ribella   con   una   violenza   come   mai   prima si   era   ribellata.   Non   commettiamo   l’errore   di essere      qualunquisti,   di   giustificare   tutto   e   tutti; scopriamo   un   Dio   giusto   che   non   deve   essere criticato per nessun motivo.

Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul

monte Misma

 
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
versione mobile